Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

progetti, cantieri futuri e lavori in corso a Mxp
gaflav
Messaggi: 5
Iscritto il: mar 06 lug 2010, 23:39:46

Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda gaflav » ven 09 lug 2010, 13:49:26

ciao a tutti del forum,
non sono un appassionato di aerei ma piuttosto una persona che preferisce conoscere e informarsi prima di accettare o criticare una novità come quella della terza pista.
Per precisare abito a Castano Primo e ho disegnato su una cartina la 3 pista per capirne l'impatto, inoltre ho aggiunto le traiettorie di atterraggio per valutare le zone di passaggio degli aerei. (allegato)

dato per certo che ormai la terza pista si farà e che ogni opposizione sarà vana, vorrei chiarirmi alcuni aspetti in merito.
dividerò le domande in sezioni per facilitare la discussione:
1) domande generiche sul volo
a. qual'è l'angolo della traiettoria di atterraggio di un aereo? in giro ho letto che dovrebbe essere di 3°.
b. da che distanza la traiettoria è in linea con la pista
queste domande non sono solo pura curiosità, mi servirebbero per rispondere ad alcune affermazioni che ho sentito.
c'è chi sostiene che con la terza pista gli aerei passeranno si più lontani dal nostro centro abitato ma anche più bassi.
ora con la matematica ho una certa dimestichezza e ho calcolato che, se venisse confermato un angolo di discesa di circa 3 gradi, l'aereo perde circa 50 m di quota ogni km percorso. quindi ipotizzando che la nuova pista anticipi il punto di atterraggio di 2,5 chilometri ciò comporterebbe una altitudine di 125 metri in meno. la mia considerazione percò è che se al momento tale traiettoria passa a circa 3 chilometri dal centro di castano con la nuova pista passerà a circa 4,5 chilometri.
quindi anche se più basso l'aereo si troverà più distante di 1,5 chilometri e credo che questo influisca enormemente sul rumore percepito. Sbaglio? inoltre non conosco studi al riguardo ma potrebbe anche essere che un aereo più basso abbia una diffusione del rumore più limitata a causa della vicinanza col suolo ma di questo non ho riscontri.

2) domande sull'aeroporto
a. al momento gli atterraggi avvengono tutti da sud e i decolli tutti verso nord?
b. con la terza pista sono previste modifiche
qualcuno sostiene che a Malpensa non si possono fare decolli paralleli, mentre leggendo sul forum mi pare di capire che sia solo una restrizione normativa dovuta a una legge emanata da Dalema.
in queste discussioni c'è chi dice che la terza pista permetterà nuovamente atterraggi paralleli sulle piste esterne e che quindi sposteranno i decolli sulla pista centrale ma verso sud. Inoltre si sostiene che i decolli sono molto più rumorosi degli atterraggi e che questo creerà un enorme disagio a chi abita a sud di malpensa come Lonate, Turbigo o Malvaglio.
cosa mi dite in merito?[thumb][/thumb]

3) inquinamento prodotto dagli aerei.
a. quanto inquina un volo in decollo? e in atterraggio? su che area si ripercuote?
b. quanti voli in più sono previsti?
se devo dire su questo argomento si fa fatica a reperire informazioni perciò chiedo il vostro aiuto in merito.
Avete informazioni anche sul possibile aumento di traffico su gomma previsto con il nuovo centro logistico?

per ora mi fermo qui ma se avete considerazioni documentate (pro o contro) e se qualcuno ha documenti in merito alle opere previste vi prego di sottopormele,

grazie
Flavio
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8104
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda hal » ven 09 lug 2010, 15:13:09

Grazie per il tuo intervento.
Era già in programma l apreparazione d'un report specifico sulla terza pista. In merito abbiamo a disposizione lo studio del Mitre in versione originale. Pertanto sarà nostra possibilità e volonta esporre nel modo più esauriente e obiattivo possibile tutte le tematiche inerenti la terza pista.
Da ora ti posso dire una cosa. Con la terza pista parallela gli atterraggi a MXP continueranno ad avvenire da Sud, ed i decolli verso nord. Da tutte e tre le piste.

Non esiste, come mi pare di capire, che in futuro, con 3 piste , dalle laterali si atterri da Sud verso Nord e dalla Centrale si decolli da Nord verso Sud. Cioè in contromano. Assolutamente da escludere.
Gli atterragi ed i decolli avvengone sempre, ed in ogni aeroporto controvento. Dove per controvento s'intende la direzione predominante sia per direzione che per intensità. A malpensa tali caratteristiche impongono al 99% atterraggi e decolli da sud verso nord. Solo rarissimamente, in caso di vento predominante ed intenso da Sud ( solitamente qualche giorno in primavera) si procede a decolli da Nord verso Sud. Per cui con la terza pista si avrebbe un notevole allegerimento delle emissioni di rumore sopra Somma, Casorate ecc. Con la terza pista spostata a Sud come da progetto , gli eromobili potranno virare a sinix molto prima d'impattare zone densamente popolate come Somma.
Anche in fase di atterraggio il sentiero avrà un posizionamento su zone abitate molto meno critico.

Per quanto riguarda la "scelta ta della pista di atterraggio, essa viene decisa dal centro di controllo radar di Milano. Rimane il fatto che all'ultimo momento ( in vericale del marker esterno tra Turbigo e Castano) succede spesso che per esigenze e/o richiesta dell'aereo o della torre di controllo stessa, la pista di arrivo vebga variata.
Ma una maggiore spiegazione di tale procedura la lascio a chi ne sà di più... :ciao:

PS
Decolli paralleli ( condizioni meteo permettendo)* sono possibili già ora con una distanza tra le piste di 804 m.
In questo caso a decollo avvenuto un aereo vira a dex ed uno a sinix. La cosa non è possibile nel caso che le condizioni meteo* prevedano l'impossibilità di fare una delle due virate divergenti. Ad esempio presenza di temporale con forti turbolenze a dex o a sinix del campo.

Gli arrivi paralleli a oggi NON sono possibili causa ristrettezza delle normative in vigore. Saranno possibili in futuro sulle due piste esterne.
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

VAM
Messaggi: 722
Iscritto il: ven 28 dic 2007, 11:11:17
Località: Vicino mxp

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda VAM » ven 09 lug 2010, 15:14:53

Io credo che i decolli continueranno ad essere verso Nord, anzi lo spero, ma è una mia ipotesi, aspettiamo risposte dagli esperti.
Pace e bene!

gaflav
Messaggi: 5
Iscritto il: mar 06 lug 2010, 23:39:46

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda gaflav » ven 09 lug 2010, 15:19:28

grazie per la risposta,
volevo chiederti, dove trovo questo studio del mitre? è pubblico o devo aspettare che lo esponiate?

inoltre ci sono documenti o ricerche in merito all'inquinamento prodotto?

grazie
Flavio

gaflav
Messaggi: 5
Iscritto il: mar 06 lug 2010, 23:39:46

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda gaflav » ven 09 lug 2010, 15:33:32

aggiungo qualche argomento di discussione rimangono senza risposta queste domande

4) cargo e centro logistico
a. è vero che si ipotizza di utilizzare la terza pista soprattutto per i cargo perchè essendo su un fondo ghiaioso (letto del ticino) risulterebbe più ammortizzata?
b. a tutt'oggi da casa mia l'unico aereo che da un leggero fastidio (nel senso che è l'unico che si fa sentire nitidamente) è un aereo delle 22 e 15 circa che mi dicono essere un cargo. tale sensazione è dovuta a qualche caratteristica peculiare di quell'aereo o dal fatto che a quell'ora c'è molto più silenzio e quindi in assenza di rumore i suoni si percepiscono meglio?
c. è previsto un aumento del solo traffico passeggeri o di entrambi? in che percentuale?
d. ho visto che è previsto un centro logistico, questo comporterà un aumento di traffico su gomma? di che grado?

5) ricadute positive per il territorio
a. si ha una stima del maggior numero di posti di lavoro che si verrebbero a creare?
b. quali altre ricadute positive potremo avere sul nostro territorio?

scusate se le domande sono molte ma l'argomento è complesso.
Flavio

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8104
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda hal » ven 09 lug 2010, 15:39:17

VAM ha scritto:Io credo che i decolli continueranno ad essere verso Nord, anzi lo spero, ma è una mia ipotesi, aspettiamo risposte dagli esperti.


Assolutamente continueranno come ora
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8104
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda hal » ven 09 lug 2010, 16:08:09

gaflav ha scritto:aggiungo qualche argomento di discussione rimangono senza risposta queste domande

4) cargo e centro logistico
a. è vero che si ipotizza di utilizzare la terza pista soprattutto per i cargo perchè essendo su un fondo ghiaioso (letto del ticino) risulterebbe più ammortizzata?

Palla mostruosa. La futura terza pista avrà una lunghezza di 2450 metri, per cui solo traffico medio piccolo e gran parte pax.

gaflav ha scritto:b. a tutt'oggi da casa mia l'unico aereo che da un leggero fastidio (nel senso che è l'unico che si fa sentire nitidamente) è un aereo delle 22 e 15 circa che mi dicono essere un cargo. tale sensazione è dovuta a qualche caratteristica peculiare di quell'aereo o dal fatto che a quell'ora c'è molto più silenzio e quindi in assenza di rumore i suoni si percepiscono meglio?
c. è previsto un aumento del solo traffico passeggeri o di entrambi? in che percentuale?

Tutti gli studi attuali a livello macro, indicano un raddoppio del traffico sia pax che merci entro il 2020-2025. Probabilmente vista la sua vocazione il traffico merci e MXP avrà una crescita più accentuata. A oggi gli apt italiani assorbono solo il 50% della domanda del traffico merci aviotrasportato. Il rimanente 50% viene inoltrato verso gli altri apt EU ( maggiormente va Francoforte/ Parigi/Ams, e haimè praticamente tutto via gomma).
Delle merci aviotrasportate da Italia, MXP assorbe il 50%, per cui il 25% del totale domanda. In conclusione le possibilità di crescita sono ampie. Mentre per i pax bisogna tener presente la densità degli aeroporti del nord Italia. Densità che già da ora allegeriscono la pressione su MXP, sopratutto per il medio e corto raggio.

gaflav ha scritto:d. ho visto che è previsto un centro logistico, questo comporterà un aumento di traffico su gomma? di che grado?

Il centro logistico prevede l'arrivo e l'uscita delle merci da MXP principalmente via ferrovia ( vedi presenza centro logistico a ridosso ferrovia Nord a Sacconago già completato) vedi qui
Ma il focus del centro logistico sarà quello di "smistare" merci in arrivo e ripartenza senza fare uscire le stesse dalla zona doganale. Faccio un esempio: dalla Cina arriva un cargo di televisori per tutte l'europa. Ora sicome in EU c'è una molteplicità di prese elettriche, all'interno di MXP ( Area logistica) si potrà smembrare la spedizione, montare le vari tipi di presa a seconda delle destinazioni, e rispedire sempre via erea poi la merce nei vari paese EU. Questa è, e sarà la vera arma vincente a MXP anche dal punto di vista occupazionale. Mi scuso per la banalità dell'esempio

gaflav ha scritto:5) ricadute positive per il territorio
a. si ha una stima del maggior numero di posti di lavoro che si verrebbero a creare?
b. quali altre ricadute positive potremo avere sul nostro territorio?

Vado a memoria ma credo d'essere attendibile.
Prima del '98 MXP dava lavoro a 5/6000 unità
Nei prossimi anni si calcola che con l'indotto MXP possa dare lavoro a ben oltre 100.000 ( centomila unità)

gaflav ha scritto:scusate se le domande sono molte ma l'argomento è complesso.
Flavio


Poni domande pertinenti ed interessanti. Se ritieni opportuno c'è una apposita sezione per le presentazioni.
:ciao:
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8104
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda hal » ven 09 lug 2010, 16:18:17

Dimenticavo...
Sempre condizioni meteo permettendo, succede talvolta che certi cargo e anche voli charter nottetempo siano fatti decollare verso sud.
Anche perche le piste di MXP hanno un dislivello ( piegano) da nord verso sud di oltre 20 metri.
Un decollo verso nord è sempre in leggera salita. Mentre verso Sud è in leggera discesa.
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

gaflav
Messaggi: 5
Iscritto il: mar 06 lug 2010, 23:39:46

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda gaflav » ven 09 lug 2010, 16:35:32

Grazie ancora per le molte e pronte risposte.
mi sapete dire dove posso trovare lo studio del mitre?

a questo punto leggendo le vostre risposte si può dire che la 3 pista se non ha un impatto su castano primo quasi sicuramente avrà un impatto su alcuni comuni che si trovano sulla sua direttrice? Mi riferisco in particolare a Nosate e Turbigo.
i voli passeranno più bassi e spostati verso il centro dei paesi e questo credo che provocherà inevitabilmente un aumento del disagio.

come mai la pista non viene spostata verso nord (sempre parallelamente alla superstrada? questo non risolverebbe o almeno attenuerebbe alcuni problemi?
è per via del terreno?

Flavio

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8104
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda hal » ven 09 lug 2010, 18:09:32

gaflav ha scritto:Grazie ancora per le molte e pronte risposte.
mi sapete dire dove posso trovare lo studio del mitre?

a questo punto leggendo le vostre risposte si può dire che la 3 pista se non ha un impatto su castano primo quasi sicuramente avrà un impatto su alcuni comuni che si trovano sulla sua direttrice? Mi riferisco in particolare a Nosate e Turbigo.
i voli passeranno più bassi e spostati verso il centro dei paesi e questo credo che provocherà inevitabilmente un aumento del disagio.

come mai la pista non viene spostata verso nord (sempre parallelamente alla superstrada? questo non risolverebbe o almeno attenuerebbe alcuni problemi?
è per via del terreno?

Flavio


Lo studio Mitre è stato consegnato a tutti i comuni limitrofi a MXP già da fine 2008
vedi qui
viewtopic.php?f=17&t=2860&st=0&sk=t&sd=a&hilit=mitre

poi vai nella home page http://www.mxpairport.it/index.php e fai la ricerca come " terza pista" nella casella di ricerca.

Poi ti consiglio di vedere sempre dalla home page http://www.mxpairport.it/index.php in basso storia di Malpensa
http://www.mxpairport.it/index.php?id=100
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 25422
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda I-Alex » ven 09 lug 2010, 18:21:25

Ciao e benvenuto...
Ti hanno già risposto un po' alle domande ma ci provo pure io a quelle che posso...

1b) Direi che un aereo è in linea con la pista e stabilizzato almeno 20 miglia prima della testata salvo avvicinamenti in visual

2) atterraggi sempre da Sud e decolli verso Nord salvo di notte (23.30 6.30) dove i decolli avvengono da pista 17R salvo lavori su piste o condimeteo avverse e poco altre eccezzioni...
Decolli paralleli indipendenti già possibili oggi così come avvicinamenti paralleli dipendenti
Con la terza pista non cambierà la direzione di partenze e decolli ma sicuramente verranno riviste le operatività.

3b) voli in più previsti? sicuramente aumenterà la capacità oraria di movimenti, quasi scontato che a livello mondiale i voli raddoppieranno molto prima del 2030

4) assolutamento no, la terza pista non consente decolli di aerei heavy (dal B767 in su) al massimo qualche arrivo ma perchè non sfruttare quelle più lunghe per i traffici pesanti? :yeah:

5) l'indotto di Malpensa é già notevole, l'abbiamo soprattutto visto con la crisi e il de-hub di Alitalia quanti posti a rischio ci son stati. Direi a spanne che se Mxp tornerà a essere un hub o comunque ricco di voli a lungo raggio possiamo almeno sperare nel raddoppio occupazionale entro 10 anni




gaflav ha scritto:
a questo punto leggendo le vostre risposte si può dire che la 3 pista se non ha un impatto su castano primo quasi sicuramente avrà un impatto su alcuni comuni che si trovano sulla sua direttrice? Mi riferisco in particolare a Nosate e Turbigo.
i voli passeranno più bassi e spostati verso il centro dei paesi e questo credo che provocherà inevitabilmente un aumento del disagio.

come mai la pista non viene spostata verso nord (sempre parallelamente alla superstrada? questo non risolverebbe o almeno attenuerebbe alcuni problemi?
è per via del terreno?

Flavio


verso nord non c'è spazio ma soprattutto aumenti il rumore sui paesi che oggi risentono maggiormente dell'inquinamento. Fai conto che tra un aereo in decollo con motori al massimo e un aereo in atterraggio con motori al minimo c'è parecchia differenza a livello di rumore, direi un abisso.
Ricordiamoci poi che con 3 piste se ben gestite si diluisce il rumore e comunque i disagi su un territorio ben più ampio e nel caso le procedure anti rumore venissero riviste sicuramente ne beneficeremo tutti.
Malpensa airport user

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8104
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda hal » ven 09 lug 2010, 22:48:05

Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 6922
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03
Località: between indav and farak

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda mxp98 » ven 09 lug 2010, 23:26:20

Innanzitutto un saluto a gaflav.
Hai citato un probabile volo cargo che sembra piu' rumoroso del solito.Sicuramente il fatto che atterri a quell'ora da l'impressione che lo sia ma come hai detto nel silenzio della notte i suoni si percepiscono meglio.
Di notte non atterrano aerei "strani",anzi vorrei ancora una volta sfatare il mito degli aerei cargo che a torto vengono considerati vecchi e quindi piu' inquinanti sia dal punto di vista acustico che atmosferico.Gli attuali voli cargo su malpensa,sono operati da velivoli di ultima generazione e che a volte sono piu' giovani dei loro fratelli che trasportano passeggeri.Ricordiamoci poi che questi aeromobili volano anche in tutti gli altri stati della UE e quindi devono rispettare delle norme ben precise.
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.

kco
Messaggi: 4353
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda kco » sab 10 lug 2010, 10:55:36

-> Inquinamento acustico: la distanza influisce sicuramente, la potenza acustica decade almeno con il quadrato della distanza a questo si somma una attenuazione ulteriore che è funzione della frequenza. Non è semplicissimo predire il rumore ma si fa. Tuttavia come esperienza bastano pochi chilometri per avere una robusta attenuazione, specie con un aereo in atterraggio. Quello che poi viene percepito è diverso, in generale l'orecchio percepisce un rumore "doppio" una potenza acustica 10 volte superiore. A questo ci devi sommare il rumore di fondo. Una strada trafficata è in genere più rumorosa di un velivolo al decollo a 3km. Sulla riflessione del suono a terra non credo che ci sia un contributo fondamentale in quanto la riflessione è verso l'alto e molto attenuata. Più che altro se il velivolo non è in vista c'è una attenuazione ulteriore dovuta agli edifici che si frappongono fra te e il velivolo.

-> Inquinamento dell'aria: gli aerei consumano parecchio però sono pochi e passano rapidamente su una zona. In confronto le macchine consumano di meno ma stazionano più a lungo e sono nettamente di più. Studi di qualche hanno fa hanno chiarito che la maggiore fonte di inquinamento è sicuramente il traffico.
Ultima modifica di kco il sab 10 lug 2010, 11:58:19, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 6922
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03
Località: between indav and farak

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda mxp98 » sab 10 lug 2010, 11:08:45

Grazie della spiegazione tecnica kco.
Tra l'altro in atterraggio forse quello che da' piu' fastidio non sono i motori a bassi regimi ma le parti aerodinamiche visto che il velivolo e' in configurazione "sporca",carrelli,ipersostentatori,speedbrakes,etc.etc.e se non sbaglio i modelli di ultima generazione si cerca di renderli meno rumorosi anche da quel punto di vista.
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.

kco
Messaggi: 4353
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Domande e chiarimenti 3 pista malpensa

Messaggio da leggereda kco » sab 10 lug 2010, 11:34:01

mxp98 ha scritto:Grazie della spiegazione tecnica kco.
Tra l'altro in atterraggio forse quello che da' piu' fastidio non sono i motori a bassi regimi ma le parti aerodinamiche visto che il velivolo e' in configurazione "sporca",carrelli,ipersostentatori,speedbrakes,etc.etc.e se non sbaglio i modelli di ultima generazione si cerca di renderli meno rumorosi anche da quel punto di vista.


Le fonti di rumore sono, se mi ricordo bene, essenzialmente 3: fan, getto, appendici.
In atterraggio come dici tu il fan non si sente: il fan fa un rumore tipico in decollo che è una specie di Bzzzz. Il getto si sente in parte ma su quello c'è stata molta ricerca, se guardate il 787 ha un ugello seghettato che forza le strutture turbolente a una scala piccola. Questo si riflette in una frequenza del rumore più elevata che però viene attenuata velocemente. C'è poi da dire che più il motore è a alto rapporto di diluizione (spannometricamente più ha un diametro grande come il A320 e non una sigaretta come l' MD80) più è silenzioso.
Quindi come dici tu ora si stanno concentrando anche su dettagli come flap e soprattuto il carrello. Per esempio il vano carrello aperto genera dei vortici che producono rumore e sono tutti rivolti verso il basso e chi sta sotto li sente.

e623
Messaggi: 64
Iscritto il: ven 09 mag 2008, 20:06:14

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda e623 » sab 10 lug 2010, 17:04:47

Una domanda da 100 miliardi di euro:
perché Malpensa con 15-20 milioni di passeggeri/annui ha bisogno di 3 piste
mentre Londra Heathrow con 65 milioni ha appena deciso che bastano due?

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 25422
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda I-Alex » sab 10 lug 2010, 17:50:04

e623 ha scritto:Una domanda da 100 miliardi di euro:
perché Malpensa con 15-20 milioni di passeggeri/annui ha bisogno di 3 piste
mentre Londra Heathrow con 65 milioni ha appena deciso che bastano due?


le piste in base alla loro configurazione, distanza, procedure, etc etc hanno una determinata capacità oraria di movimenti. Quella di Malpensa ad esempio è circa il 35/40% in meni di quella Londinese di Heathrow... oltre a questo a Malpensa le compagnie usano aerei di stazza ben più piccola rispetto alla media di Londra, del resto LHR è saturo e si cerca di ottimizzare gli slot.

E' assurdo dire 1 pista = 30 mln di passeggeri e 2 piste = 60 mln di passeggeri

E' saggio dire una pista = 30 movimenti orari; 2 Piste di LHR = 105 movimenti orari mentre 2 Piste di MXP = 70 movimenti orari

NB: numeri indicativi
Malpensa airport user

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 6922
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03
Località: between indav and farak

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda mxp98 » sab 10 lug 2010, 18:03:58

Esatto e aggiungo anche che la terza pista non serve tanto adesso ma in un futuro non molto lontano,e visto che non ci vuole poco tempo a costruirne una sarebbe meglio non farsi trovare impreparati come purtroppo spesso avviene in Italia.
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 25422
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda I-Alex » sab 10 lug 2010, 18:11:20

mxp98 ha scritto:Esatto e aggiungo anche che la terza pista non serve tanto adesso ma in un futuro non molto lontano,e visto che non ci vuole poco tempo a costruirne una sarebbe meglio non farsi trovare impreparati come purtroppo spesso avviene in Italia.


Sono le stesse cose che ho cercato di spiegare a VareseNEWS ma purtroppo l'intestazione della lettera e alcuni tagli (?) la hanno resa poco leggibile
Malpensa airport user

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 6922
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03
Località: between indav and farak

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda mxp98 » sab 10 lug 2010, 18:21:10

I-Alex ha scritto:
mxp98 ha scritto:Esatto e aggiungo anche che la terza pista non serve tanto adesso ma in un futuro non molto lontano,e visto che non ci vuole poco tempo a costruirne una sarebbe meglio non farsi trovare impreparati come purtroppo spesso avviene in Italia.


Sono le stesse cose che ho cercato di spiegare a VareseNEWS ma purtroppo l'intestazione della lettera e alcuni tagli (?) la hanno resa poco leggibile

L'articolo rende comunque bene l'idea ed hai anche spiegato chiaramente che le valutazioni non vanno fatte sul numero di pax ma sui movimenti orari.
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.

e623
Messaggi: 64
Iscritto il: ven 09 mag 2008, 20:06:14

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda e623 » sab 10 lug 2010, 19:24:47

Non ci siamo ancora
Ho capito che per limitazioni tecniche le due piste di MXP riuscirebbero a gestire (a spanne)
45 milioni di pax contro i 65 di Heathrow, se a MXP gli aerei fossero grandi come a Heathrow

Ma a questo punto, visto che non mi sembra il numero di destinazioni sia destinato
a raddoppiare in breve, non basterebbe aumentare man mano la capacità degli aerei
a parità di movimenti, sulle rotte dove aumenta la domanda? (come del resto mi sembra stia facendo Emirates?)

Cioè, va bene fare i lavori indispensabili,
ma se si può evitare l'ennesima colata di cemento e risolvere in altro modo...

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 25422
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda I-Alex » sab 10 lug 2010, 20:36:21

e623 ha scritto:
Ma a questo punto, visto che non mi sembra il numero di destinazioni sia destinato
a raddoppiare in breve, non basterebbe aumentare man mano la capacità degli aerei
a parità di movimenti, sulle rotte dove aumenta la domanda? (come del resto mi sembra stia facendo Emirates?)


e come si fa? si impone per legge che a Malpensa operano solo aerei > 300 posti?
su scala europea più di un A321 è difficile vedere, impossibile ragionare su piste = n. passeggeri
Un ragionamento serio lo si fa su n piste = N movimenti dove N movimenti è deciso da decine di fattori
Malpensa airport user

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8104
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda hal » sab 10 lug 2010, 20:51:19

Ora cerco di inquadrare la situazione di MXP.
Faccio una premessa, capisco bene da dove arrivi il paragone del tutto distorto di MXP con LHR ( Londra). Per fare un paragone grezzo stando a coloro che insistono su questa strada distorta, sarebbe come dire che non si capisce come mai una automobile con 5.000 cc di cilindrata non sia in grado di battere ogni F perché appunto ha una tale cilindrata. In poche parole prima di fare certe affermazioni bisognerebbe almeno darsi una cultura sia pur minimale sull'argomento che si sta dibattendo. E sia chiaro mi riferisco a chi ha la paternità di questo paragone. Paragone che ho il sospetto, anzi la certezza sia dettato solo da posizioni pregiudiziali a prescindere. Come l'affermazione che la terza pista distruggerebbe il parco del Ticino. ( Che tra parentesi è stato costituito DOPO che MXP già esisteva, per cui potremmo dire che è stato fatto un parco là dove esisteva un aeroporto.)

Per tornare a noi, ogni aeroporto ha una sua caratteristica. Seguendo il paragone di LHR allora, potrei chiedermi come mai Amsterdam che credo abbia 5/6 piste veda poco più della metà di LHR. Lo stesso vale per Madrid. E così di questo passo. Il numero delle piste, entro certi limiti, potremmo dire sia una variabile indipendente.

Inquadriamo ora la prossima situazione di MXP. A Malpensa esistono e maggiormente esisteranno varie tipologie di aeromobili. Facciamo una valutazione spanno metrica? Circa 70-80% piccoli medi, 20-30% di dimensioni "maxi". Cosa che non esiste a Londra, dove la stragrande maggioranza sono aeromobili "maxi" (wb). Per cui punto primo, già spiegato da altri interventi :
1° A MXP a parità di pax avrà sempre un numero ben maggiore di aeromobili. Ma questo anche in quasi tutti gli aeroporti del mondo).

Perché questo? Perché Londra è una delle pochissime realtà che si può permettere, per tutta una serie di ragioni, di essere in grado di alimentare rotte a lungo raggio in numero elevato di frequenze, direttamente dalla sua area metropolitana.

L'altro 90% degli aeroporti del mondo gestiscono ed alimenta il LR ( lungo raggio) raccogliendo da un territorio più o meno ampio pax da sommare ai pax che la loro specifica area metropolitana può offrire. Ipotesi : un volo per NY da MXP sarà formato da 100 pax , di cui 50 arrivano da Milano e zone limitrofe; gli altri 50 arriveranno via aerea da Catania, Palermo, Zagabria, Tirana ecc. ecc. E in una certa misura ciò vale anche per le merci.
Questa è l'organizzazione d'un aeroporto hub.
A questo punto chiarisco subito una cosa. La molteplicità di apt in Nord Italia NON farà MAI escludere la funzione di hub a MXP, per tutta una serie di motivi organizzativi e/o strutturali che potremmo discutere in altra sede.

Pertanto la struttura hub ( che NON ha LHR) prevede che nell'arco della giornata ci siano delle ondate di arrivi e partenze concentrate in orari MOLTO stretti VEDI QUI.

In definitiva oltre al numero di movimenti, va considerata anche la distribuzione nell'arco della giornata di tali movimenti.

Ci sarebbe ben altro, ma mi fermo qui per lasciare spazio a ulteriori ragionamenti. Voglio solo dire una cosa. La terza pista fantomatica sarà una striscia d'asfalto larga 45 metri e lunga 2400, moltiplica anche per 2 o 3 per comprendere i raccordi, sarà pur sempre Infinitesimale rispetto ad una qualsiasi strada o sedime rotabile costruendo nel territorio del cosiddetto Parco. Altro che colata di cemento. Allora sai quante colate ci sono nel territorio del parco con tutte le abitazioni che giornalmente vengono erette?
Vorrei che tutti coloro che tanto si preoccupano ed occupano della terza pista, avessero altrettanta verve ed aggressive proposizioni contro il degrado del VERO parco del Ticino. Su entrambe le sponde. Mi riferisco a rifiuti abbandonati, sporcizia, pesca e caccia di frodo e quant'altro.

Già nel lontano 98 all'apertura di MXP 2000 ho avuta l'occasione ( triste) di conoscere e riconoscere molti dei contestatori difensori del verde a prescindere nella loro duplice veste. La domenica a MXP a far casino , in settimana a bussare alle porte di SEA implorando per loro medesimi o loto famigliari un "posto" in aeroporto.
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

e623
Messaggi: 64
Iscritto il: ven 09 mag 2008, 20:06:14

Re: TERZA PISTA: presentazione in Bocconi e Politecnico

Messaggio da leggereda e623 » sab 10 lug 2010, 23:45:48

Io sono di Milano e, per carità, qui si progettano colate di cemento ben peggiori di una pista in più a MXP...

Però, Hal continuoa non capire: se come dici LHR non è un hub,
e Londra dunque che è circa 5 volte più grande di Milano sopravvive con 4 aeroporti di cui nessun hub,
come mai Milano "DEVE" per forza avere Malpensa come hub e non può accontentarsi dei suoi 3 aeroporti?

Cioè, cosa ha l'area di Londra che le permette di sopravvivere
(benissimo, dal punto di vista economico) anche senza hub?

A quel che ho capito io, Alitalia è fallita (anche) perché ha tentato di tenere in piedi un hub a MXP
Lufthansa non si sa se mai lo farà...

Cioè, dici che dobbiamo costruire una pista in più perché tutti gli aerei arrivano in tre ondate
e quindi ne servono tre mentre nel resto del giorno (come si vede spesso) sono sottoutilizzate?
Ma allora è come la Mi-Bergamo, che hanno appena finito la 4° corsia e già ci vuole la 5°...
In Paesi più evoluti si riesce a usare i pedaggi (o i costi degli slot, per restare in aeroporto...)
per spalmare meglio la domanda...
Credo che la sfida (di tutti i trasportti, non solo degli aeroporti) sarà anche questa


Torna a “PROGETTI e CANTIERI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti