Nuovi turboelica

le news relative a mezzi volanti, strutture a terra e aviazione
kco
Messaggi: 4683
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda kco » sab 25 gen 2020, 23:15:57

Da copia di flight international in mio possesso


If the stars align, the world could have the first all-new large turboprop passenger aircraft for four decades within five years.

The irony is that this is the proposition from Embraer – a stalwart of jet-powered regional aircraft that helped contribute to the near-extinction of the turboprop “race”.

Embraer’s case for a next-generation turboprop airliner is a strong one – pointing to the environmental and economic benefits, as well as the market disruption it could bring.

Today’s market leader, ATR, and its large-turboprop competitor, the De Havilland Canada Dash 8 – along with smaller turboprops such as the Saab 340 and Embraer Brasilia – owned the regional sector for much of the late 20th century.

That all changed in the mid-1990s, when a modified Canadian business jet design with 50 seats crashed their party. Embraer was quick to identify the threat from the Bombardier CRJ, and created its own 50-seater, the ERJ. The two OEMs shipped 2,000 small regional jets between them from 1993 to 2005.

Deliveries have averaged a healthy 100 aircraft per year during the 2010s, with ATR the market leader

Their value proposition to regional operators was compelling: big jet-like passenger experience, faster sector times and competitive economics.

Turboprop manufacturers were caught in a perfect storm, as the regional jet generation arrived in tandem with a high-profile US turboprop accident – the infamous Roselawn tragedy in which 68 people died – combining to effectively render obsolete the propeller-driven airliner in North America.

By the early 2000s, turboprop production was at a trickle. Only ATR and, ironically, Bombardier, kept the faith. In 2003, just 29 aircraft were delivered globally while over 300 Bombardier and Embraer jets were shipped.

But the props weren’t done. New technology like active noise control improved the passenger experience, while engine upgrades enhanced performance. Bombardier created an enlarged Dash 8 that could carry 70-80 passengers at jet-like speeds. And the rising fuel price from around 2005 hit small-jet ­economics hard.

So the large turboprop sector bounced back as the 50-seat jet era ended. Deliveries ­averaged a healthy 100 aircraft per year during the 2010s, with ATR the market leader.

Embraer – a major player in the market with its E-Jet series – believes the sector is ripe for disruption. It is confident it can create a headache for the current turboprop players without diluting the market for its jet portfolio. The question is: will Embraer’s prospective new partner Boeing have the appetite to support such a venture? We won’t have to wait too long to find out.



Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

kco
Messaggi: 4683
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda kco » sab 25 gen 2020, 23:21:03

Embraer is on course to decide on the launch of an all-new advanced turboprop airliner within the next 12 months – but warns that the decision hinges on the approval of its joint venture with Boeing.

The Brazilian manufacturer is two years into a three-year study covering the creation of a family of large turboprops similar in size to the ATR 72, Embraer Commercial Aviation chief executive John Slattery told Flight International during aviation finance week in Dublin on 20 January.

But he adds that it is crucial that the ongoing probe by the ­European Commission into the proposed tie-up with Boeing is cleared: “In essence – no JV, no TP [turboprop],” he says.

The joint venture, which will see Boeing take a majority stake in Embraer’s commercial aviation division, has been signed off by all anti-trust authorities other than in Brazil and the EU. The deal had been expected to be cleared to go ahead last year, but the Commission “stopped the clock” on its investigation as it had not received all the information it had requested from the two OEMs.

“In the case of Brazil, it was signalled before Christmas that the regulatory authority was predisposed to an approval early in the new year,” says Slattery. “We’re hopeful that will happen, and expect that to happen with no conditionality associated with it, which is exactly the form of approval from every jurisdiction we have received so far.”

Slattery says that the EU clock has “restarted” now that it has all the required information, and the revised target date for the ­go-ahead is 30 April. This would clear the path to a decision on the turboprop.

“I’m hopeful that by the end of this year we would be able to make a definitive position on the turboprop,” he says. “However, neither I nor my board will have appetite to move forward with the turboprop unless the joint venture has materialised.”

Slattery points out that following approval of the JV, if Embraer went ahead with the ­turboprop it would provide an all-new competitor to the ATR family. “There is today an effective monopoly with ATR, which of course is 50% owned by Airbus,” he says.

“The market wants a competitive counterpoint to the ATR, and if we did make the move I expect ATR would respond – whether it’s with either an improved ATR or a clean-sheet design. And the beneficiaries of that are the operators… and the environment.”

Slattery says that Embraer is studying a two-aircraft family and is in dialogue with “three” engine manufacturers about a powerplant. “We are now in that bridge phase moving from RFI [request for information] to RFP [request for proposals] with the manufacturers, with the intention of selecting one.”

Slattery adds that wind-tunnel testing will begin this year as the study enters the final phase. He adds that if the decision to launch the turboprop is made on its current planned schedule, the target in-service date would be “quarter four 2025, quarter one 2026”.

Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 6978
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03
Località: between indav and farak

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda mxp98 » sab 25 gen 2020, 23:28:47

Interessante.
Vediamo se i turboprop avranno davvero una nuova vita.
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26054
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda I-Alex » dom 26 gen 2020, 08:47:58

Speriamo
Malpensa airport user

KittyHawk
Messaggi: 4876
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda KittyHawk » dom 26 gen 2020, 11:57:51

Non meraviglia, dato che:
- Jet is cool, ma ha costi operativi ben più alti di un turboelica che la maggior parte dei passeggeri evidentemente non può o non è disposta a pagare. Anche il prezzo di listino di un jet è maggiore di quello di un turboelica.
- Se la distanza da percorrere è limitata la differenza in tempo di volo è trascurabile tra jet e turboelica e può essere facilmente ignorata dai passeggeri.
- Il risveglio, o la nascita, di una coscienza ecologista ha visto sorgere movimenti contrari ai viaggi in aereo. Poter affermare che volando con un turboelica l'impatto è (notevolmente) ridotto rispetto a un jet può aiutare a conservare parte dei passeggeri.

Inoltre:
- I nuovi turboelica, l'Embraer o l'ATR di cui si parlava qualche anno fa, sono rigorosamente sotto i 100 passeggeri, potendo così rimanere esclusi dai tanti accordi col personale di volo che interessano la mainline delle maggiori compagnie aeree.
- Particolare non trascurabile, dai turboelica è più facile sviluppare dei derivati militari rispetto ai jet. E le forze armate, in generale, offrono a chi li costruisce prospettive di introiti a lungo termine che le compagnie aeree civili non garantiscono.

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1653
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda mattaus313 » dom 26 gen 2020, 12:58:37

Per un mercato come quello Italiano, costellato da tantissimi piccoli aeroporti vicini tra loro, che servono anche città di un discreto interesse la cosa è ancora più interessante a livello feed. Ancor di più lo è per Malpensa che tolte Torino e Genova (anche se quest'ultima solo lato treno, che per ora è senza AV) per raggiungerla bisogna attraversare Milano.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

KittyHawk
Messaggi: 4876
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda KittyHawk » dom 26 gen 2020, 14:48:07

Per un mercato come quello Italiano, costellato da tantissimi piccoli aeroporti vicini tra loro, che servono anche città di un discreto interesse la cosa è ancora più interessante a livello feed. Ancor di più lo è per Malpensa che tolte Torino e Genova (anche se quest'ultima solo lato treno, che per ora è senza AV) per raggiungerla bisogna attraversare Milano.
In realtà la grande svolta sarebbe innalzare a 49, da 19, il limite oltre i quali debba esserci un A/V a bordo. La decisione purtroppo è in mano a FAA, EASA e company.
Per un velivolo come l'ATR 42, con una capacità inferiore a quella di un pullman, si aprirebbero scenari molto interessanti e anche per le compagnie aeree, potendo effettuare voli feeder a costi contenuti.
In una delle ultime audizioni su Alitalia il boss di FS ha affermato che bisogna effettuare via treno i feeder da Firenze a FCO, perché il costo per passeggero, in aereo, è attualmente 400 euro (immagino a tratta).

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1653
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda mattaus313 » dom 26 gen 2020, 15:38:51

Per un mercato come quello Italiano, costellato da tantissimi piccoli aeroporti vicini tra loro, che servono anche città di un discreto interesse la cosa è ancora più interessante a livello feed. Ancor di più lo è per Malpensa che tolte Torino e Genova (anche se quest'ultima solo lato treno, che per ora è senza AV) per raggiungerla bisogna attraversare Milano.
In realtà la grande svolta sarebbe innalzare a 49, da 19, il limite oltre i quali debba esserci un A/V a bordo. La decisione purtroppo è in mano a FAA, EASA e company.
Per un velivolo come l'ATR 42, con una capacità inferiore a quella di un pullman, si aprirebbero scenari molto interessanti e anche per le compagnie aeree, potendo effettuare voli feeder a costi contenuti.
In una delle ultime audizioni su Alitalia il boss di FS ha affermato che bisogna effettuare via treno i feeder da Firenze a FCO, perché il costo per passeggero, in aereo, è attualmente 400 euro (immagino a tratta).

Sono d'accordo ma è un aspetto di diversa natura. Già tagliare drasticamente i costi operativi è una gran cosa e penso possa aprire molti scenari oggi non considerabili. Feed ferroviari da città situate sulla direttrice di Bologna e Venezia oggi sono impensabili, se non forse VCE e FLR a patto poi di riempire bene sul lungo raggio. Dei turboelica credo rendano molto più facili VCE e FLR come spoke, e potrebbero aprire possibilità anche su destinazioni come GOA, BLQ, NCE, LYS e forse altro tra Francia, Svizzera ed Austria dal momento che molte tratte AV non sono complete, Malpensa non è servita direttamente da un'infrastruttura adeguata e Milano rappresenta un collo di bottiglia non indifferente.

Sulle audizioni Alitalia non mi esprimo neanche, ognuno va a parlare per portare un po' di acqua al proprio mulino dato che è un affare in cui nessuno vuole veramente entrare.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

kco
Messaggi: 4683
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda kco » dom 26 gen 2020, 15:43:18

La tecnologia dell' A400 ha spostato più in là il limite di velocità dei turboelica. Se si appkicasse quella tecnologia a un turboelica si avrebbe un aereo più lento di un jet ma non così più lento...

Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26054
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda I-Alex » dom 26 gen 2020, 16:22:23

No dai, assenza di aavv fino a 49 pax non mi sembra una bella cosa.

Gli assistenti di volo oltre che servire snack sono a bordo in primis per garantire la nostra sicurezza e aiutarci in caso (speriamo mai) di bisogno
Malpensa airport user

KittyHawk
Messaggi: 4876
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda KittyHawk » dom 26 gen 2020, 21:40:26

No dai, assenza di aavv fino a 49 pax non mi sembra una bella cosa.

Gli assistenti di volo oltre che servire snack sono a bordo in primis per garantire la nostra sicurezza e aiutarci in caso (speriamo mai) di bisogno
Nell'immediato dopoguerra nella cabine di pilotaggio trovavano posto due piloti, un motorista e un navigatore/marconista. Il Caravelle aveva ancora il motorista, come pure il 727. L'A380 deve "accontentarsi" di due piloti.
Quando accade un incidente si contano vittime anche tra gli A/V, feriti o morti non importa. Per una questione statistica dovresti averne a bordo almeno un paio, sperando che almeno uno si salvi. Ma se lo fai il volo diverrà ultrasicuro perché non verrà più effettuato causa i costi operativi. E poi fino a 19 passeggeri i velivoli sono per caso figli di un dio minore?

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 6978
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03
Località: between indav and farak

Re: Nuovi turboelica

Messaggio da leggereda mxp98 » dom 26 gen 2020, 22:02:52

@Mattaus313
Tutte le città che hai elencato erano già spokes con Dornier e Atr ai tempi dell'hub.
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.


Torna a “HANGAR - Aerei, strutture e altre news aeronautiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti