Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

le news su Alitalia
Regole del forum
Luogo dove analizzare la situazione ed il percorso di Alitalia visto dal sistema aeroportuale Lombardo.
Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13525
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda malpensante » sab 07 nov 2020, 00:06:28

Alitalia, cassa integrazione prolungata a settembre 2021 per 6.828 lavoratori


https://www.repubblica.it/economia/2020 ... 3-P2-S2-T1

milmxp
Messaggi: 1689
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda milmxp » sab 07 nov 2020, 10:38:31

Che schifo. Cadono sempre in piedi.
Soprattutto di questi tempi è uno schiaffo morale alle persone che sono in difficoltà o hanno perso il lavoro a causa del Covid e, se tutto va bene, vedranno solo le briciole.

RAV38
Messaggi: 869
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda RAV38 » sab 07 nov 2020, 13:10:20

E per il personale delle altre compagnie italiane in condizioni analoghe, anche se ovviamente con numeri minori, si fa qualcosa?

grandemilano
Messaggi: 1286
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda grandemilano » sab 07 nov 2020, 15:11:32

Che schifo. Cadono sempre in piedi.
Soprattutto di questi tempi è uno schiaffo morale alle persone che sono in difficoltà o hanno perso il lavoro a causa del Covid e, se tutto va bene, vedranno solo le briciole.
Sarebbe anche impensabile continuare ad avere una AZ con lo stesso numero di personale, e lo stesso perimetro aziendale degli ultimi 10 anni

romaneeconti
Messaggi: 2165
Iscritto il: sab 12 set 2015, 00:14:48

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda romaneeconti » sab 07 nov 2020, 16:17:48

Non servono piu' le parole ragazzi. Finche' i contribuenti non battono ciglio, questo Stato sovvenzionera' in eterno questi dipendenti "speciali".

grandemilano
Messaggi: 1286
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda grandemilano » dom 08 nov 2020, 09:16:59

I prossimi giorni, dal suo hub di Roma Fiumicino, AZ taglia più del 50% i già pochi voli nazionali.
Non ho ancora capito cosa ne sarà degli internazionali

KittyHawk
Messaggi: 5079
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda KittyHawk » mer 11 nov 2020, 08:55:28

E alla fine, come scrive il Corriere , si torna all'antico: sede all'EUR per AZ-ITA.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1300
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda D960 » mer 11 nov 2020, 09:48:03

Back where they belong. D'altronde è una statalizzazione a tutti gli effetti :mrgreen:.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13525
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda malpensante » mer 11 nov 2020, 11:50:57

Ma prima staveno aa Magliana.

grandemilano
Messaggi: 1286
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda grandemilano » mer 11 nov 2020, 12:10:55

Si stanno anche accorgendo che 70 aerei sono effettivamente ancora troppi?

RAV38
Messaggi: 869
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda RAV38 » mer 11 nov 2020, 12:48:41

Lo sanno benissimo ma non lo dicono. Sarebbe distruggere la favola.

KittyHawk
Messaggi: 5079
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda KittyHawk » mer 11 nov 2020, 13:37:58

Ma prima staveno aa Magliana.
Immagine
Dal 1965 a metà degli anni Ottanta AZ aveva sede nel grattacielo fatto costruire appositamente all'EUR. Ora nell'edificio, completamente ristrutturato, c'è la direzione generale dell'INAIL.
Anni Sessanta: quando le compagnie aeree costruivano edifici per piazzarci uffici e insegna o distinguersi negli aeroporti (es. grattacielo Pan Am e terminal TWA a New York).

spanna
Messaggi: 3241
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda spanna » ven 20 nov 2020, 12:16:36

come ampiamente previsto, le indagini sul fallimento di alitalia SAI si stanno sgonfiando, e cominciano a circolare i nomi dei primi assolti:
https://www.osservatoremeneghino.info/2 ... i-e-laghi/
Alitalia Sai: assolti Mustier, Cortesi e Laghi. Dalle ultime carte che girano in tribunale, emerge infatti che dai procedimenti in corso per il crac della compagnia aerea escono sia l’ad di Unicredit che i professori Alessandro Cortesi ed Enrico Laghi. Verranno invece con tutta probabilità rinviati a giudizio altri della lunga lista di indagati eccellenti tra cui spiccano nomi come quello di Luca Cordero di Montezemolo. Le accuse sono, semplifichiamo, di aver truccato i bilanci per ottenere profitti da una compagnia tecnicamente fallita. Spiccava tra gli esempi portati proprio a carico di Montezemolo e altri l’esborso di 600mila euro per spese di catering. E una plusvalenza ottenuta tra il 2015 e il 2016 da 39 milioni di euro che sarebbe stata ottenuta con trucchi contabili, ma che avrebbe permesso di far risultare in attivo i conti della società.

Su Alitalia Sai: assolti Mustier, Cortesi e Laghi, ma per altri il processo andrà avanti. Così come procederà l’infinito decadimento di Alitalia, una compagnia fallita da vent’anni, ma che viene tenuta in vita artificialmente da massicce iniezioni di soldi pubblici. Una volta perchè si vogliono evitare i licenziamenti, una volta per salvare la “compagnia di bandiera”. Un errore dal punto di vista economico e politico, ma con solidi sostenitori che si tramandano nei decenni. Solo gli ultimi governi hanno stanziato un altro miliardo di euro per tenere in piedi una compagnia che ha smesso di camminare molto tempo fa. Proprio pochi giorni fa è stata prorogata la cassa integrazione per i 7mila dipendenti della compagnia fino al 23 settembre 2021. La nuova cassa, che interesserà dipendenti di Alitalia e Cityliner, scatta per 6.828 lavoratori. Restano dunque invariati i numeri chiesti dell’azienda all’avvio della procedura per la nuova cigs. La nuova cassa riguarda complessivamente 6.622 dipendenti di Alitalia Sai e altri 206 di Cityliner. Nello specifico, per Alitalia l’ammortizzatore interessa 3.339 lavoratori del personale di volo (458 comandanti, 566 piloti, 2.315 dipendenti del personale navigante di cabina) e 3.283 dipendenti di terra. Per Cityliner, invece, la cigs riguarda 204 naviganti (41 comandanti, 58 piloti e 105 assistenti di volo) e 2 dipendenti del personale di terra. La decisione del commissario di chiedere una nuova proroga della cassa è stata presa perché, con il “protrarsi dell’emergenza Covid 19 – si spiegava nella comunicazione di avvio della procedura – la società si trova ancora oggi nella necessità di proseguire nel percorso di cigs connesso alla gestione commissariale, con le modalità estese da ultimo condivise con le parti sociali, persistendo, oltre alle problematiche fisiologiche che hanno portato alla gestione commissariale, condizioni di difficoltà eccezionali e non prevedibili connesse all’attività aziendale”.
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

spanna
Messaggi: 3241
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda spanna » sab 21 nov 2020, 11:27:29

beh? Dove sono quelli che protestavano quando dicevo che le indagini non avrebbero portato a niente? Tutti zitti?
Nel frattempo il numero degli archiviati aumenta:
Archiviare Roberto Colaninno, l’ad di Unicredit Jean Pierre Mustier e altri 6 indagati nell’ambito del crac di Alitalia nell’era Etihad. Stralciata, e quindi ancora a rischio processo, la posizione degli altri 15, tra cui compaiono l’ex presidente della società Luca Cordero di Montezemolo, gli ex amministratori delegati Silvano Cassano e Cramer Ball e l’allora numero due di Etihad James Hogan. È questa la prima mossa della procura di Civitavecchia dopo la conclusione dell’inchiesta sulla gestione del vettore tra il 2015 e il 2017. Il 2 maggio 2017 Alitalia Sai finì infatti in amministrazione straordinaria dopo che i lavoratori bocciarono il preaccordo sugli esuberi e il cda sancì l’impossibilità di una ricapitalizzazione che gli azionisti di maggioranza Unicredit e Intesa Sanpaolo, insieme a Etihad che deteneva il 49%, avevano subordinato proprio al sì dei dipendenti al piano di tagli. Il successivo 11 maggio il Tribunale di Civitavecchia dichiarò l’azienda insolvente.

Dalla vicenda è nata una maxi-indagine che ha coinvolto tutti i vertici dell’epoca, oltre a diversi filoni paralleli tra cui quello del noto Air Force Renzi. Una delle principali contestazioni dei magistrati è quella di aver messo a bilancio false plusvalenze e false fatture per “far apparire falsamente rispettate le previsioni del piano industriale 2015-2018″ e raggiungere così l’obiettivo di “far sopravvivere artificiosamente la società”, ritardando la dichiarazione di insolvenza. I pm hanno ipotizzato a vario titolo i reati di bancarotta fraudolenta aggravata, false comunicazioni sociali e ostacolo alle funzioni di vigilanza. Ma ora per 8 indagati è stata chiesta l’archiviazione. Oltre a Colaninno e Mustier, che all’epoca facevano parte del Cda, nell’elenco compaiono l’ex vice-presidente di Confindustria Antonella Mansi, Enrico Laghi (consulente incaricato e amministratore di Midco), Giovanni Bisignani, il manager di Etihad James Denis Rigney e tre componenti del collegio sindacale: Alessandro Cortesi, Paolo Andrea Colombo e Corrado Gatti.

Per quanto riguarda la posizione di Mustier, difeso dallo studio legale Iannaccone e associati, una delle accuse riguardava il trasferimento nel 2015 alla neonata Alitalia-Sai del ramo Alitalia Loyalty, cioè la società che gestiva il programma MilleMiglia. I pm ipotizzavano che l’averne stimato il valore in 13 milioni fosse dovuto a un “irragionevole ed arbitrario uso della discrezionalità valutativa“, visto che il valore di quella partecipazione era iscritto nel bilancio di Alitalia Cai (la precedente “anima” del vettore) al 31 dicembre 2013 al valore di 150 milioni. Gli stessi magistrati, però, dopo aver analizzato le carte e ascoltate le posizioni della difesa, ora ritengono che non si ravvisano “elementi soggettivi e oggettivi” per il reato contestato a Mustier, Laghi, Montezemolo, Cramer Ball e altri.

Il cuore dell’inchiesta è però l’accusa di bancarotta collegata al falso in bilancio: i pm sono ancora convinti che le indicazioni “non veritiere e valutativamente false riportate nei bilanci” avevano lo scopo di rappresentare “una realtà contabile non corrispondente a quella reale“. Come la “falsa plusvalenza” derivante “dalla falsa fattura per 25,5 milioni” relativa alle “rotte in perdita Milano – Abu Dhabi e Venezia – Abu Dhabi“. Ma i membri del Cda e del collegio sindacale, scrive ora la procura, non avevano conoscenza “di segnali d’allarme” relativi allo stato finanziario dell’azienda. Il motivo? “Il management di Alitalia ha sempre offerto granitiche rassicurazioni sull’esistenza di un patrimonio netto positivo per l’attualità e anche in chiave prospettica”. Mustier, Laghi, Colaninno e altri, quindi – sostengono i magistrati – devono essere ritenuti “estranei” al reato di bancarotta.

Nella richiesta di archiviazione i pm tornano poi su un altro tema caldo dell’inchiesta, quello delle 5 coppie di slot (Fiumicino-Londra Heathrow) da 60 milioni che Alitalia-Cai avrebbe dovuto cedere a Etihad per poi affittarla a sua volta alla neonata Alitalia-Sai. Nel bilancio dell’azienda, però, secondo i pm fu inserita una “falsa plusvalenza di valore pari a 39 milioni”. La stessa procura ora sostiene che “va esclusa la responsabilità” di Cassano, Rigney, Bisignani, Colaninno e dei due sindaci coinvolti (Gatti e Cortesi). Resta da capire se e a chi ora i magistrati intendono contestare l’accaduto.
https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/1 ... i/6011075/
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13525
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda malpensante » sab 21 nov 2020, 13:09:14

Di Mustier so per certo che era fermamente contrario alla ricapitalizzazione di AZ che ha portato all’ingresso di Etihad, se non altro perché i compatrioti di AF gli avevano spiegato che non ci volevano soldi, ma l’esorcista.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1300
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda D960 » mar 24 nov 2020, 11:03:52

Per la serie, ''nuovo percorso, stesse incertezze'' fa specie leggere quanto Cempella aveva affermato anni fa riguardo allo stato di salute di Alitalia all'indomani del progetto MXP 2000.

“Senza il decollo di Malpensa l’Alitalia sarà costretta a vivere in una nicchia. E se la compagnia sarà condannata a questo dovrei cominciare a pensare se è il caso di rimanere”.


L'articolo è fondamentalmente di parte ma lo riporto per questioni esclusivamente di fonte.
https://oggisivola.com/2020/11/24/capit ... -di-lotta/


Intanto Report manderà in onda un servizio di AZ con sfondo sabbioso :geek: .
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8264
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda hal » mar 24 nov 2020, 12:46:48

Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

grandemilano
Messaggi: 1286
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda grandemilano » mar 24 nov 2020, 13:37:55

In Alitalia hanno fatto di tutto per fallire, e finire come sono ora. E ci sono riusciti.
Si parla di appena di 70 macchine, alcuni dicono persino meno nella nuova AZ pubblica. Ai tempi di Malpensa hub erano 200, scese a 120 dopo il de-hubbing e ora ridotte ulteriormente dopo l'ultimo fallimento. Considerato che la strategia di AZ non cambierà (hub a FCO) è lecito attendersi che fra 3 anni, al prossimo giro di iniezione di soldi, ci sarà un altro ridimensionamento. Finirà seriamente che AZ rimarrà solo per coprire la tratta Roma-Milano Linate.
Comunque, evidentemente, a loro sta bene così.

I-GABE
Messaggi: 1629
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda I-GABE » mar 24 nov 2020, 16:09:54

Non esageriamo, probabilmente una compagnia dimensionata per servire l'outbound di Roma potrebbe sopravvivere.

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26379
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda I-Alex » mar 24 nov 2020, 20:04:01

Non esageriamo, probabilmente una compagnia dimensionata per servire l'outbound di Roma potrebbe sopravvivere.
se evita voli inutili e lascia perdere il conto presidio di Linate potrebbe provarci
Malpensa airport user

hkg
Messaggi: 741
Iscritto il: dom 22 ago 2010, 18:44:21

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda hkg » mar 24 nov 2020, 20:10:56

Perché solo una grande parte del popolo italiano deve sorreggere una piccola parte della popolazione italiana da 30 anni???
Con quali diritto si appropriano ingiustamente dei soldi che la stragrande maggioranza degli italiani gli versa??
E intorno alla Magliana non ci e solo alitalia, ma anche moooolti altri carrozzoni (rai docet)
MXP,CTA,LIN,CGD,VIE,AHO,CAG,OLB,KBP,TLL,LED,SVO,JFK,MBA,BKK,HKT,DPS,BLQ,SIN,TUN,BGY,LXR, PMV,DXB,TPE,HKG,KBV,AMM,UTH,LPQ,CNX,BWN,LBU,KCH,MYY,MNL,CRK,DOH,VLC,CGN,BCN,BUD,PRG,AUH,CGK,JOG,KUL,TXL,LIS,STR,KIX,NRT,IST,HAM,CPH,KIV,PEK,SVQ,MCT,CPT,MJT,AGP,JKH,OPO,LXS,SKG,MAD, KWI,JIK,ATH

milmxp
Messaggi: 1689
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: Nasce ITA, nuovo percorso, stesse incertezze

Messaggio da leggereda milmxp » mar 24 nov 2020, 23:09:58

Comunque da una lettura più o meno attenta dell'articolo si possono denotare i seguenti punti:
- Il progetto è sempre stato osteggiato dagli ambienti romani, dalla persona più importante a quella meno importante; si denota nei passaggi in cui dicono che Malpensa avrebbe sottratto occupazione al Lazio;
- Malpensa è nato come secondo hub di KLM, ma in Alitalia sembra che non l'abbiano mai considerato un loro hub; è chiaro che venuta meno KLM e senza alcuna volontà da parte italica, l'hub è andato a morire;
- Vedendo la situazione di allora e quella di adesso, i problemi di Alitalia sono sempre stati gli stessi, il primo fra tutti la volontà di tenere il piede in due scarpe (FCO-LIN per non doverli abbandonare a causa di MXP prima, LIN per tenerlo presidiato e non perderlo anche a costo di perdere feed preziosi da FCO poi); il secondo è la flotta intercontinentale che è sempre stata risicata e alla fine, in 20 anni, le destinazioni che sono girate sono sempre quelle trite e ritrite al netto delle intramontabili JFK, MIA, GRU, EZE e TYO. La flotta nel mentre non è mai cresciuta per davvero.
- Cempella era ben a conoscenza di cosa fosse Alitalia: letta 20 e passa anni dopo, la frase che condannava Alitalia all'oblio senza Malpensa appare come sibillina. Questa considerazione è sicuramente valida nell'internazionale. Basti pensare come per Barcellona o Madrid avevano 7/8 voli al giorno tra MXP-LIN-FCO e ora ne hanno a stento 3 da FCO con qualche comparsa ad intermittenza su Linate. Vuoi il low cost e tutto, ma si sono davvero auto-cancellati da mezza Europa.
Alla fine della fiera secondo me Alitalia ha ancora un peso perché dà da mangiare a migliaia di famiglie in un contesto in cui la disoccupazione sarebbe ancora più elevata (se consideriamo anche il relativo indotto) e può ancora contare sulla funzione sociale di collegamento del bacino del Sud Italia.
Il Nord, più dinamico e aperto agli scambi internazionali, può contare sui massicci feed delle big europee e sulle low cost; il Sud invece vede Alitalia come un vettore imprescindibile per collegare la capitale (e in secondo luogo Milano, anche se ormai sono le low cost che la fanno da padroni, tranne per i "fedelissimi"). I feed delle europee ci sono, ma in alcuni contesti sono stagionali e funzionali al solo traffico turistico, e poi il volo verso l'hub non può essere considerato così essenziale come un volo per Roma o Milano (data anche la difficoltà oggettiva di raggiungere le città italiane del Nord e del Centro in treno dal Sud).
Oltre a questi fattori è proprio per la struttura del traffico del Sud in sé, vedasi ad esempio in Sardegna dove in molti non si stracciano le vesti se perdono un collegamento internazionale, ma guai a toccargli i voli di Alitalia. Semplicemente perché i vettori esteri operano per il proprio traffico di casa e non offrono un prodotto che interessa agli italiani di quelle zone.
Finché Alitalia avrà questa struttura di "attore sociale" (sia dal punto di vista lavorativo che di continuità territoriale in senso molto più ampio) e finché dal Sud non ci sarà (semmai ci sarà) una conversione ad un traffico più internazionale che porti ad avere voli feed esteri sempre più stabili, per dare un'alternativa per raggiungere il mondo che non comporti una necessaria sosta a FCO in molti periodi dell'anno, sarà difficile che AZ muoia.


Torna a “ALITALIA VISTA DAL SISTEMA LOMBARDO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti