Alitalia-Etihad: cronache da un matrimonio

le notizie sulla compagnia Cai-Alitalia viste dalla Lombardia
Regole del forum
Luogo dove analizzare la situazione ed il percorso di Alitalia visto dal sistema aeroportuale Lombardo.
Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8118
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Alitalia-Etihad: cronache da un matrimonio

Messaggio da leggereda hal » mar 23 dic 2014, 18:53:37

Continua da QUI:
viewtopic.php?f=33&t=10058&p=141575#p141575


http://www.direttanews.it/2014/12/23/al ... a-fusione/

Alitalia-Etihad: completata la fusione


Dopo l’accordo concluso nello scorso agosto, si è perfezionata la fusione tra Alitalia ed Etihad, la compagnia aerea degli Emirati Arabi Uniti. Oggi, comunicano le due compagnie sono state completate tutte le formalità per il passaggio di Alitalia Cai alla nuova Alitalia Sai, compagnia creata dall’unione tra la vecchia Alitalia ed Etihad. L’operazione avrà effetto il 31 dicembre prossimo e dal 1° gennaio 2015 la nuova Alitalia sarà pienamente operativa.

Intanto nelle scorse settimane è stato rinnovato il consiglio di amministrazione, con a nomina di Luca Cordero di Montezemolo nuovo presidente. Vice presidente è James Hogan, già ad di Etihad, mentre Silvano Cassano è il nuovo amministratore delegato.

Nella nota congiunta delle due compagnie aeree si comunica che Etihad Airways ha contestualmente sottoscritto un aumento di capitale per un controvalore di 387,5 milioni di euro per l’acquisto di una quota del 49% di Alitalia Sai. Il restante 51% del capitale sarà posseduto da Alitalia Cai attraverso MidCo, che ha conferito le attività e le passività per la continuazione dell’operatività della compagnia aerea.

A metà novembre era giunto il via libera della Commissione europea all’accordo tra Alitalia ed Etihad. L’accordo, preceduto da una lunga trattativa, è stato necessario per evitare il fallimento di Alitalia, che nemmeno l’operazione lanciata nel 2008 dal governo Berlusconi era riuscita ad evitare. Sei anni fa l’allora presidente del Consiglio volle mantenere a tutti i costi la nazionalità italiana della compagnia, evitando di venderla ai francesi di Air France-Klm. Per salvare Alitalia fu creata una cordata di imprenditori italiani e allo stesso tempo una “bad company” pubblica che pr assorbirne le ingenti perdite, costata ai contribuenti italiani 4 miliardi di euro. L’operazione, però, non è riuscita a salvare la compagnia aerea, che nel frattempo ha accumulato altre perdite, rendendo così inevitabile l’accordo con un’altra compagnia aerea.

Da oggi, intanto, sarà possibile acquistare sui siti web di Alitalia ed Etihad e tramite i call center delle due compagnie i biglietti per l’Expo di Milano 2015, con sei mesi di anticipo dall’apertura. Alitalia ed Etihad sono infatti gli ‘official global carriers‘ dell’esposizione milanese. Chi acquisterà i biglietti entro aprire 2015 avrà fino al 20% di sconto sul prezzo del biglietto. Ulteriori promozioni seguiranno nei prossimi mesi, fanno sapere da Alitalia. “Alitalia è orgogliosa della partnership con Expo Milano 2015. Nell’ambito del nostro impegno a rafforzare il turismo in Italia, metteremo a disposizione le migliori connessioni di viaggio per incoraggiare i visitatori a partecipare a Expo Milano 2015 creando una forte domanda per la vendita dei biglietti”, ha dichiarato Ariodante Valeri, chief commercial officer di Alitalia.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/ ... d=ABGAulUC
Alitalia, «closing» completato: il 1° gennaio decollo con Etihad
La nuova Alitalia targata Etihad è pronta al decollo. È stato perfezionato il “closing” dell'accordo firmato l'8 agosto dall'allora ad di Alitalia Gabriele del Torchio e dal presidente e ceo del vettore emiratino James Hogan. «Oggi - spiega un comunicato congiunto - sono state completate tutte le formalità relative al conferimento della compagnia aerea da Alitalia Cai alla nuova Alitalia Sai. L'operazione avrà efficacia il 31 dicembre 2014 e la nuova Alitalia sarà operativa dal 1° gennaio 2015». Etihad Airways ha «contestualmente sottoscritto un aumento di capitale per un controvalore di 387,5 milioni di euro per l'acquisto di una quota del 49% di Alitalia Sai. Il restante 51% del capitale sarà posseduto da Alitalia Cai attraverso MidCo, che ha conferito le attività e le passività per la continuazione dell'operatività della compagnia aerea».

Incassati tutti i via libera necessari
In questi mesi non si è mai smesso di lavorare: sono arrivate tutte le autorizzazioni necessarie (dall'Antitrust Ue all'Enac). Ora la terza vita di Alitalia può iniziare, con l'obiettivo, dopo aver perso oltre 1,6 miliardi in sei anni di Cai, di arrivare al pareggio di bilancio nel 2017. A guidare la nuova avventura, a braccetto con i partner di Etihad, sarà la squadra del nuovo ad di Alitalia Silvano Cassano, che con Hogan (vice presidente della nuova Alitalia, con Luca Cordero di Montezemolo presidente) ha un legame professionale che risale agli anni '90 quando lavoravano insieme in Hertz.
Il ruolo strategico di Etihad
A sostenere il volo della nuova compagnia sarà l'ingente investimento (560 milioni) stanziato dal vettore di Abu Dhabi: oltre ai quasi quattrocento milioni versati con l'aumento di capitale, Etihad acquisterà il 75% il programma di fedeltà Alitalia Loyalty per 112,5 milioni e acquisterà cinque coppie di slot nell'aeroporto di Heathrow (che saranno riaffittate ad Alitalia) per un valore di 60 milioni. Il closing segna infine l'uscita di scena dall'Alitalia, dopo 21 mesi, dell'ex ad Gabriele Del Torchio: il manager varesino è arrivato a Fiumicino nell'aprile 2013 e ha traghettato la compagnia nella non sempre facile trattativa con gli arabi fino all'accordo di quest'estate.
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

KL63
Messaggi: 2513
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda KL63 » mar 23 dic 2014, 20:27:16

Chissà se anche questa volta i debiti di CAI finirano alla napoletana "chi ha avuto ha avuto, chi ha dato a dato, scurdammoce o' passato".
Mi spiego la necessità di SEA di salvare CAI a fronte di qualsiasi sacrificio solo con il pericolo di non incassare i crediti dal principale cliente per due volte in cinque anni.

KL63
Messaggi: 2513
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda KL63 » ven 26 dic 2014, 20:16:20


robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda robix » ven 26 dic 2014, 22:09:46

Fine della telenovela dunque: adesso vediamo le vere strategie di EY (penso principalmente sviluppo di AUH e qualche PTP da MXP e FCO). Speriamo almeno che al contribuente AZ non costi più nulla.

spanna
Messaggi: 3058
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda spanna » sab 27 dic 2014, 11:18:17

da milano finanza cartaceo di oggi:
L' ultimo atto, davvero poco più di una formalità" ormai, è previsto per il 30 dicembre. Alla vigilia di San Silvestro il cda e l'assemblea della vecchia Alitalia passeranno ufficialmente il testimone alla nuova, della quale Etihad ha già prenotato il 49% con un aumento di capitale riservato di 387,5 milioni di euro e un ulteriore versamento di 172,5 milioni di euro per il 75% di Alitalia Loyalty e sei coppie di slot a Londra-Heathrow. Soldi freschi che costituiranno la dotazione cash di Alitalia Sai, Società aerea italiana, come si chiamerà il terzo decollo, ma che non resteranno a tintinnare in cassa. Il contributo di Etihad, infatti, è destinato
all'implementazione del piano economico e, va detto, non arriverà tutto insieme. I 60 milioni per gli slot londinesi, per esempio, saranno versati nel 2016.

appero'!!!
Alle risorse degli emiri si aggiungeranno i 403,3 milioni in natura, ovvero il controvalore del ramo d'azienda conferito dalla vecchia Alitalia Cai e relativo alle attività di trasporto aereo (flotta, personale, licenze di volo, asset). Arrivare ad attribuirgli proprio quel valore, che assegna alla new.co italo-emiratina un enterprise value di circa 800 milioni di euro, non è stato un esercizio facile per i periti. A quella cifra, infatti, si è giunti non tanto sulla base di un valore economico tangibile, ma stimando
gli effetti dell'integrazione con Etihad e del nuovo piano industriale congiunto, approvato ad agosto scorso. Di quel piano molto si è detto: che farà di Alitalia una compagnia più sexy (è lo slogan del ceo di Etihad, James Hogan), che la rifocalizzerà sulle rotte di lungo raggio e avrà in Fiumicino l'hub di riferimento. Infine che la riporterà all'utile nel 2017 con 47 milioni di euro e a regime nel 2018 con 120 milioni di euro (le perdite del 2014 ammonteranno a circa 228 milioni di euro contro i 557 milioni di euro del rosso 2013).

sulle perdite del 2014 ho l'impressione che sia meglio aspettare l'ufficialita', io penso che ci saranno sorprese rispetto a questo dato di 228 milioni che circola :green:

Poco o nulla, invece, è trapelato sulla struttura e l'evoluzione del fatturato che potrà consentire questo graduale ritorno alla redditività. Dal piano congiunto risulta che i ricavi saranno tenuti distinti in tre aree: tratte nazionali, internazionali e intercontinentali. La prima è destinata a perdere di peso, tanto che dai 939 milioni del 2014 si scenderà a 752 milioni nel 2018, con una percentuale del 23,5% sul fatturato complessivo. La crescita più marcata è previstaper i voli intercontinentali, destinati
a pesare per il 48,3% sui ricavi totali rispetto all'attuale 38,9%. In termini assoluti significa che il piano Alitalia-Etihad stima di portare le entrate di quest'area dagli 1,178 miliardi di euro di adesso a 1,5 miliardi al 2018, attraverso lo sviluppo di nuove tratte (sette) e l'aumento delle frequenze settimanali per quelle già esistenti (183 in totale). Nel mezzo, stabili, si posizionano i ricavi dei voli internazionali che dai 908 milioni di euro di questo esercizio sono indicati a 900 milioni al termine dell'arco di piano. La
flotta passerà da 116 a 126 aeromobili già per fine 2015: dei nuovi, sette saranno al servizio del lungo raggio. In generale il piano prevede un incremento dei ricavi di 696 milioni (con un tasso annuo di crescita del 6,95%),

incremento ricavi di 696 milioni? Sommando gli incrementi dei voli nazionali, internazionali ed intercontinentali presentati alcune righe prima non si arriva neanche lontanamente a questa cifra. :cool2:
ma anche un aumento dei costi operativi per 342 milioni di euro (+4,6%) e di quelli di supporto a 19 milioni (+ 1,1%). Si arriva lo stesso a ipotizzare un ebitdar in crescita di 384 milioni e l'ebit di 350 milioni grazie a una forte leva operativa. In pratica il gross margin, la differenza tra costi e ricavi, dovrebbe migliorare da 801 milioni a 1,157 miliardi Il margine operativo sui ricavi, allo stesso modo, dovrebbe passare da -1,2% a 8,5% dal 2015 al 2018. L'assunto è un tasso di cambio tra euro e dollaro di 1,38 e un costo del carburante (il jet fuel) di circa 124 dollari al barile.

ipotesi ormai rese obsolete, evidentemente il piano e' vecchio
Con queste premesse si arriva anche a stimare i flussi di cassa garantiti dalle attività di volo. Se ancora nel 2015 i flussi attesi sono negativi per 317 milioni, già dal 2016 vireranno in positivo con 25 milioni, destinati via via a salire fino a 81 milioni nel 2018. Dal primo gennaio dunque, si decolla. Il piano traccia la rotta con i numeri ma si mette subito alla prova dei fatti. Già col nuovo orario estivo, quindi a partire dal 29 marzo 2015, partiranno i nuovi collegainenti Malpensa-Shanghai, Malpensa-Abu Dhabi, Venezia Abu-Dhabi e Roma-Pechino.

Ma siamo sicuri che i due voli cinesi verranno lanciati? :azz:
In particolare i voli da e per l'hub di Etihad saranno triplicati arrivando a un totale di 42. Entro maggio, quando a Milano aprirà i battenti l'Expo 2015, arriverà anche il primo dei sette nuovi aerei di lungo raggio attesi in flotta.
La traformazione di Roma Fiumicino in un hub intercontinentale prenderà il via con l'introduzione di cinque nuove rotte nell'arco dei prossimi quattro anni, mentre i voli a lungo raggio da Milano Malpensa saranno più che raddoppiati, fino a salire a 25 a settimana entro il 2018. Nel frattempo è stata completata la squadra di vertice, già insediata. L'ad uscente, Gabriele Del Torchio,
ha passato le consegne al successore Silvano Cassano. Del nuovo board, presieduto da Luca Cordero di Montezemolo, fanno parte nove consiglieri in rappresentanza della compagine azionaria successiva al closing, che vede Cai col 51% ed Etihad col restante 49%. Sei membri del board sono di nomina Alitalia, tra cui il presidente non esecutivo, un consigliere indipendente e l'amministratore delegato, quest'ultimo designato congiuntamente con Airways. Tre consiglieri sono invece espressione della sola Etihad: l'ad James Hogan che sarà vicepresidente, il cfo James Rigney, e Giovanni Bisignani, ex numero uno della Iata, entrambi
consiglieri non esecutivi. All'unanimità l'ex presidente di Alitalia, Roberto Colaninno, è stato nominato presidente onorario, oltre a sedere in cda. Completano il board gli altri tre consiglieri non esecutivi espressi da Alitalia: l'ex presidente di Enel, Paolo Colombo, Antonella Mansi, già alla guida della fondazione Mps, e Jean Pierre Mustier di Unicredit
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 12406
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano Linate

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda malpensante » sab 27 dic 2014, 14:52:00

Cinque nuove rotte intercontinentali da Roma nei prossimi quattro anni. Una rivoluzione.
And Malpensa is going to be our Hub

robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda robix » sab 27 dic 2014, 15:34:09

L'importante è che AZ abbia più voli IC da FCO che da MXP, in modo che a Roma possano dire che FCO è l'unico vero hub italiano: poi poco importa se i voli IC di AZ da FCO sono in numero ridicolo e/o stagionali e se nessuno li utilizza a parte quelli di Roma e dintorni, ma bisogna difendere il principio di FCO come il vero hub italiano. Contenti loro ...

MUSICA
Messaggi: 3968
Iscritto il: mar 24 nov 2009, 14:34:11

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda MUSICA » dom 28 dic 2014, 18:34:24

Antonella Mansi deve essere proprio ben spinta...

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 25535
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda I-Alex » dom 28 dic 2014, 20:20:52

MUSICA ha scritto:Antonella Mansi deve essere proprio ben spinta...


Eh già
http://www.dagospia.com/rubrica-4/busin ... -69199.htm
Malpensa airport user

grandemilano
Messaggi: 964
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda grandemilano » dom 28 dic 2014, 20:43:32

malpensante ha scritto:Cinque nuove rotte intercontinentali da Roma nei prossimi quattro anni. Una rivoluzione.


che poi, tolte le 3 che hanno chiuso (Osaka, Lagos, Akkra), il saldo è di appena 2 rotte in più.

Avatar utente
miguel
Messaggi: 1063
Iscritto il: mer 25 set 2013, 10:02:39
Località: Brianza

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda miguel » mar 30 dic 2014, 07:29:37

Cercando notizie sull'aumento dell'IVA sul pellet ho letto:
Diventa più facile infine fare scalo sul suolo italiano, per la compagnia aerea Etihad, partner di Alitalia. Il governo ha previsto un emendamento alla legge di stabilità, che introduce la 'quinta libertà' (cioè una norma che consenta, in particolare a Etihad, di atterrare negli scali senza richiedere i permessi).
http://www.adnkronos.com/soldi/economia ... q2xQI.html
Avete letto l'emendamento completo ???

Avatar utente
belumosi
Messaggi: 2733
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda belumosi » mar 30 dic 2014, 08:13:09

Lo avevo postato qualche tempo fa. Rispetto al quote, aggiungo che l'emendamento è stato approvato in via definitiva.
viewtopic.php?f=7&t=9988&start=75
belumosi ha scritto:
I-Alex ha scritto:Il Decreto Legge è passato anche al Senato senza correzzioni

Art. 28
8-bis. Al fine di assicurare il mantenimento dei livelli occupazionali e dei collegamenti internazionali occorrenti allo sviluppo del sistema produttivo e sociale delle aree interessate, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, promuove la definizione di nuovi accordi bilaterali del trasporto aereo o la modifica di quelli vigenti. Nelle more del perfezionamento dei nuovi accordi bilaterali o della modifica di quelli vigenti, l'Ente nazionale per l'aviazione civile, al fine di garantire la massima accessibilità internazionale e intercontinentale diretta, rilascia, nel rispetto delle norme europee e previo nulla osta del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ai vettori che ne fanno richiesta autorizzazioni temporanee, incluse le autorizzazioni per le quinte libertà relative a voli per trasporto di passeggeri e di merci, la cui validità non può essere inferiore a diciotto mesi, eventualmente rinnovabili nelle more del perfezionamento dei relativi accordi bilaterali.

http://www.ediliziaeterritorio.ilsole24 ... nitivo.pdf


Il seguente emendamento proposto dal governo nella legge di stabilità, accentua ulteriormente la discrezionalità del ministro dei trasporti nel rilascio delle 5e libertà e sembra ampliare la compatibilità in abito UE non solo alle norme, ma all'intero campo del diritto. Che credo comprenda anche eventuali sentenze.

All'articolo 2, dopo il comma 3, inserire il seguente:"

3-bis. All'articolo 28, comma 8-bis, secondo periodo del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, la parola "rilascia" è sostituita dalle seguenti: "può rilasciare" e le parole " nel rispetto delle norme europee e previo nulla osta del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti," sono sostituite dalle seguenti: "previo nulla osta del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, valutata specificamente la compatibilità con le norme e i principi del diritto europeo,"

http://www.senato.it/application/xmanag ... VOL._2.pdf

Pag.37

Avatar utente
miguel
Messaggi: 1063
Iscritto il: mer 25 set 2013, 10:02:39
Località: Brianza

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda miguel » mar 30 dic 2014, 08:30:58

ack
scritto così pensavo fosse qualcosa di diverso , grazie

grandemilano
Messaggi: 964
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda grandemilano » ven 02 gen 2015, 14:17:19

il corriere di oggi riporta che l'82% del corto-medio raggio di alitalia è in perdita !!

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 12406
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano Linate

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda malpensante » ven 02 gen 2015, 14:56:57

Pensavo peggio.
And Malpensa is going to be our Hub

KL63
Messaggi: 2513
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda KL63 » ven 02 gen 2015, 15:21:29

Scusate, magari me lo sono perso, ma la UE si è già espressa sul controllo effettivo? Prima doveva esprimersi il governo italiano, sul quale non ci sono dubbi, poi la UE. Non era così?

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 12406
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano Linate

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda malpensante » ven 02 gen 2015, 15:23:45

La UE non si è espressa.
And Malpensa is going to be our Hub

Avatar utente
belumosi
Messaggi: 2733
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda belumosi » ven 02 gen 2015, 16:44:08

Probabilmente questa dimenticanza, che si somma a quella dell'approvazione preventiva del decreto Lupi, è frutto dell'art. 1 della nuova costituzione non scritta della UE: se tu non vedi la merxa che c'è in casa mia, io non vedo la merxa che c'è in casa tua.

KL63
Messaggi: 2513
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda KL63 » ven 02 gen 2015, 19:12:04

malpensante ha scritto:La UE non si è espressa.

grazie.
Mi pareva che questo passo mancasse. E mi pare anche il più problematico.

grandemilano
Messaggi: 964
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda grandemilano » ven 02 gen 2015, 20:39:09

malpensante ha scritto:Pensavo peggio.


A me sembra un dato catastrofico, da fallimento totale. Impossibile da risanare se non tagliando almeno il 50% dei voli.
Vabbè che tanto fra 4 anni arrivano quei 5 nuovi LR che ci pensano loro a pareggiare l'82% di perdita del corto-medio raggio
:lol: :lol:

KittyHawk
Messaggi: 4614
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda KittyHawk » ven 02 gen 2015, 23:24:34

Sarebbe interessante sapere quali sono le rotte di corto e medio raggio che costituiscono il rimanente 18% del totale e che sono attive. E magari anche quanto perdono le altre, una per una. Perché un conto è perdere, poniamo, qualche centinaio di euro al giorno e un altro perderne parecchie migliaia.

Sul corto-medio raggio AZ è comunque in buona compagnia, perché non è che i campioni tedeschi, francesi e olandesi possano vantare chissà quali risultati.

grandemilano
Messaggi: 964
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda grandemilano » sab 03 gen 2015, 09:12:32

KittyHawk ha scritto:Sarebbe interessante sapere quali sono le rotte di corto e medio raggio che costituiscono il rimanente 18% del totale e che sono attive. E magari anche quanto perdono le altre, una per una. Perché un conto è perdere, poniamo, qualche centinaio di euro al giorno e un altro perderne parecchie migliaia.

Sul corto-medio raggio AZ è comunque in buona compagnia, perché non è che i campioni tedeschi, francesi e olandesi possano vantare chissà quali risultati.


Penso che perdano più di qualche centinaio di euro al giorno. Se a fine anno arrivano a 300 milioni di perdite...

KittyHawk
Messaggi: 4614
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda KittyHawk » sab 03 gen 2015, 10:31:11

grandemilano ha scritto:
KittyHawk ha scritto:Sarebbe interessante sapere quali sono le rotte di corto e medio raggio che costituiscono il rimanente 18% del totale e che sono attive. E magari anche quanto perdono le altre, una per una. Perché un conto è perdere, poniamo, qualche centinaio di euro al giorno e un altro perderne parecchie migliaia.

Sul corto-medio raggio AZ è comunque in buona compagnia, perché non è che i campioni tedeschi, francesi e olandesi possano vantare chissà quali risultati.


Penso che perdano più di qualche centinaio di euro al giorno. Se a fine anno arrivano a 300 milioni di perdite...

L'82% in perdita mi ricorda il pollo di trilussiana memoria. Ossia un dato statistico che, formalmente corretto, non fornisce alcuna informazione utile. Mi spiego meglio. Se, ipotizziamo, dei voli in perdita il 10% perde complessivamente 1 milione di euro all'anno e un altro 10%, sempre complessivamente, perde 200 milioni di euro all'anno, mi sarà più facile capire quale potrà essere l'evoluzione del network AZ. Sempre che io riesca a sapere quali sono quei voli e che chi è a capo della compagnia aerea operi usando la testa e non qualcos'altro.

FlyCX
Messaggi: 4919
Iscritto il: gio 15 nov 2007, 15:57:33

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda FlyCX » dom 04 gen 2015, 00:04:55

Sono artifici contabili: i voli AZ perdono tutti e troppo.

Non basta tenerne pochi per salvare la baracca; il "right sizing" é una cura che non ha mai funzionato.
“È bastato che O’Leary prevedesse il fallimento della nostra compagnia, che, da quel momento, è aumentato il nostro fatturato” il soggetto non è Alitalia ma Lufthansa

KittyHawk
Messaggi: 4614
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Alitalia-Etihad: completata la fusione

Messaggio da leggereda KittyHawk » dom 04 gen 2015, 01:51:14

Non è questione di right sizing (tagliare per tagliare non serve a niente) ma di capire se ci sono attività che con piccoli correttivi possono produrre utili e quali sono, invece, quelle comunque irrecuperabili, per poter recuperare degli asset da utilizzare in altro modo, possibilmente con profitto. Questo approccio vale per tutte le attività, non solo per le linee aeree.


Torna a “ALITALIA VISTA DAL SISTEMA LOMBARDO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti