Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

le news su Alitalia
Regole del forum
Luogo dove analizzare la situazione ed il percorso di Alitalia visto dal sistema aeroportuale Lombardo.
grandemilano
Messaggi: 1361
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda grandemilano » lun 23 mar 2020, 13:21:49

Roma, 23 mar. - (Adnkronos) - "In questo momento Alitalia ha introiti di un decimo rispetto a quelli che aveva prima. E' evidente che il perimetro della newco sarà proporzionato alla capacità di fatturare di oggi. Non aggiungo altro perché mi sembra corretto interloquire prima con le parti sociali". Lo spiega in una intervista a 'Repubblica il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Toninelli, ricordando che sia stata prevista "la costituzione di una newco a partecipazione pubblica che possa in questo momento garantire un perimetro aziendale limitato alle attuali attività. Alitalia potrà garantire i servizi che oggi sta fornendo ed essere pronta a conquistare fette di mercato". "A novembre un'Alitalia in difficoltà si confrontava con giganti, oggi ripartire con una newco a controllo pubblico potrà darci un vantaggio quando il mercato riaprirà" conclude.
Mi sembra una decisione saggia. Ed è quello che ipotizzavo io pochi giorni fa. Una alitalia dellle dimensioni di qualche settimana fa non la vedremo più.
Concordo anche sul secondo punto del ministro. La futura alitalia pubblica ha il vantaggio di non scontrarsi con i giganti europei e le low cost. Anzi, secondo me, la politica riprenderà pure in mano il dossier Malpensa

Avatar utente
D960
Messaggi: 1342
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda D960 » lun 23 mar 2020, 13:44:44

Anzi, secondo me, la politica riprenderà pure in mano il dossier Malpensa
Non vedranno proprio l'ora :green:
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

easyMXP
Messaggi: 4539
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda easyMXP » lun 23 mar 2020, 13:50:52

Roma, 23 mar. - (Adnkronos) - "In questo momento Alitalia ha introiti di un decimo rispetto a quelli che aveva prima. E' evidente che il perimetro della newco sarà proporzionato alla capacità di fatturare di oggi. Non aggiungo altro perché mi sembra corretto interloquire prima con le parti sociali". Lo spiega in una intervista a 'Repubblica il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Toninelli, ricordando che sia stata prevista "la costituzione di una newco a partecipazione pubblica che possa in questo momento garantire un perimetro aziendale limitato alle attuali attività. Alitalia potrà garantire i servizi che oggi sta fornendo ed essere pronta a conquistare fette di mercato". "A novembre un'Alitalia in difficoltà si confrontava con giganti, oggi ripartire con una newco a controllo pubblico potrà darci un vantaggio quando il mercato riaprirà" conclude.
Mi sembra una decisione saggia. Ed è quello che ipotizzavo io pochi giorni fa. Una alitalia dellle dimensioni di qualche settimana fa non la vedremo più.
Concordo anche sul secondo punto del ministro. La futura alitalia pubblica ha il vantaggio di non scontrarsi con i giganti europei e le low cost. Anzi, secondo me, la politica riprenderà pure in mano il dossier Malpensa
L'avevo scritto giorni fa, questa è un'occasione d'oro di sistemare AZ tagliando tutto quello che c'è da tagliare senza che il governo possa essere incolpato dall'opposizione. Un'occasione che non c'è mai stata prima.
Le parole di Patuanelli sembrano indicare che l'intenzione è quella, tagliare, partite da un nucleo molto più piccolo sostenibile, e da lì ricrescere.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1342
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda D960 » lun 23 mar 2020, 13:56:20

Sta a vedere che con quel referendum l'hanno imbroccata bene anche nella sfiga.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1803
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda mattaus313 » lun 23 mar 2020, 14:07:16

L'avevo scritto giorni fa, questa è un'occasione d'oro di sistemare AZ tagliando tutto quello che c'è da tagliare senza che il governo possa essere incolpato dall'opposizione. Un'occasione che non c'è mai stata prima.
Le parole di Patuanelli sembrano indicare che l'intenzione è quella, tagliare, partite da un nucleo molto più piccolo sostenibile, e da lì ricrescere.
Dimentichi che in Parlamento c'è la temibile, preparatissima, competentissima, superlativa, unica, inimitabile On. Senatrice Giulia Lupo. Che forse si è guadagnata un posto nel CDA.

Il problema di Alitalia comunque ribadisco non sono i costi, ma i mancati ricavi. Si può limare ancora qualcosa è vero, ma non si mette una pezza ai 500 milioni di perdita. Se ha un CASK che è in linea con quello delle altre full service ma un RASK da LCC significa che devi portare anche il CASK a livello delle LCC per competere seriamente. Cosa naturalmente insostenibile già solo per il lungo raggio. Devono cambiare le carte in tavola per poter lavorare bene a Milano, dove il mercato ricco è più ampio di quello romano (è volutamente verbo essere) e c'è anche qualche piccola chance in più di raccattare qualche transito a yield un filo più alti. Se non si muovono su questo fronte non risolveranno mai il problema. E cosa che sicuramente accadrà, prepariamoci a ricapitalizzazioni nell'ordine del miliardo ogni due o se va bene tre anni.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

KL63
Messaggi: 2746
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda KL63 » lun 23 mar 2020, 14:48:16

Mi pare di aver capito che ci siano due anime nella maggioranza di governo, una PD più propensa a tagli ed interventi drastici e ridimensionanti, di cui Patuanelli è, che in questo caso portavoce, e che non avrebbe nemmeno messo ulteriori soldi pubblici a questa tornata, l'altra quella dei 5 stelle, di cui l'On. Lupo è rappresentante, che terrebbe Alitalia, almeno, così com'è con continue iniezioni di fondi pubblici e che è romanocentrica. Se vincerà la prima fazione le cose a livello anche di sistema aeroportuale potrebbero cambiare in meglio per Milano, se vincerà la seconda potranno solo peggiorare. Non dimentichiamo che, prima di questa crisi, stavano partorendo un riassetto generale del sistema dei trasporti aerei con il solo il fine di limitare le low cost e quindi di avvantaggiare Alitalia. La variabile sarà se saremo in grado di fare fronte all'esborso che richiederà l'Alitalia immaginata dai 5 stelle dopo questa crisi.

easyMXP
Messaggi: 4539
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda easyMXP » lun 23 mar 2020, 15:13:43

Mi pare di aver capito che ci siano due anime nella maggioranza di governo, una PD più propensa a tagli ed interventi drastici e ridimensionanti, di cui Patuanelli è, che in questo caso portavoce, e che non avrebbe nemmeno messo ulteriori soldi pubblici a questa tornata, l'altra quella dei 5 stelle, di cui l'On. Lupo è rappresentante, che terrebbe Alitalia, almeno, così com'è con continue iniezioni di fondi pubblici e che è romanocentrica. Se vincerà la prima fazione le cose a livello anche di sistema aeroportuale potrebbero cambiare in meglio per Milano, se vincerà la seconda potranno solo peggiorare. Non dimentichiamo che, prima di questa crisi, stavano partorendo un riassetto generale del sistema dei trasporti aerei con il solo il fine di limitare le low cost e quindi di avvantaggiare Alitalia. La variabile sarà se saremo in grado di fare fronte all'esborso che richiederà l'Alitalia immaginata dai 5 stelle dopo questa crisi.
Guarda che Patuanelli è 5 stelle, se ha detto quello è perché sono d'accordo. La Lupo parla per i suoi colleghi di AZ, ma alla Camera un voto in meno non fa differenza.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1342
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda D960 » lun 23 mar 2020, 15:29:56

http://www.askanews.it/economia/2020/03 ... 323_00224/

Roma, 23 mar. (askanews) – E’ terminato l’incontro in videoconferenza sul futuro di Alitalia cui hanno partecipato i ministri Stefano Patuanelli (Sviluppo economico), Nunzia Catalfo (Lavoro) e Paola De Micheli (Infrastrutture) e i rappresentanti sindacali. Secondo quanto si apprende è confermata l’ipotesi di una newco pubblica, per la cui costituzione serviranno alcuni mesi, che partirà con 25-30 aerei sui 110 in dotazione della compagnia aerea
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

KL63
Messaggi: 2746
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda KL63 » lun 23 mar 2020, 15:40:58

Mi pare di aver capito che ci siano due anime nella maggioranza di governo, una PD più propensa a tagli ed interventi drastici e ridimensionanti, di cui Patuanelli è, che in questo caso portavoce, e che non avrebbe nemmeno messo ulteriori soldi pubblici a questa tornata, l'altra quella dei 5 stelle, di cui l'On. Lupo è rappresentante, che terrebbe Alitalia, almeno, così com'è con continue iniezioni di fondi pubblici e che è romanocentrica. Se vincerà la prima fazione le cose a livello anche di sistema aeroportuale potrebbero cambiare in meglio per Milano, se vincerà la seconda potranno solo peggiorare. Non dimentichiamo che, prima di questa crisi, stavano partorendo un riassetto generale del sistema dei trasporti aerei con il solo il fine di limitare le low cost e quindi di avvantaggiare Alitalia. La variabile sarà se saremo in grado di fare fronte all'esborso che richiederà l'Alitalia immaginata dai 5 stelle dopo questa crisi.
Guarda che Patuanelli è 5 stelle, se ha detto quello è perché sono d'accordo. La Lupo parla per i suoi colleghi di AZ, ma alla Camera un voto in meno non fa differenza.
Ero convinto che fosse in quota PD.
In ogni caso la notizia postata dopo chiarisce il quadro.
Occorre vedere cosa diranno i sindacati.
Una compagnia così piccola certo non andrebbe da nessuna parte, terrà giusto quattro voli da FCO e basta, vedremo che fine farà il personale di terra ed in quale alleanza entrerà ed a questo punto che fine farà Linate.

grandemilano
Messaggi: 1361
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda grandemilano » lun 23 mar 2020, 16:34:40

25-30 macchine sono davvero poche, ancora meno di quello che ipotizzavo.
Verranno basate prevalentemente a Fiumicino o prevalentemente a Malpensa?

Avatar utente
cesare.caldi
Messaggi: 5861
Iscritto il: lun 15 ott 2007, 22:55:42

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda cesare.caldi » lun 23 mar 2020, 16:42:35

La nuova Alitalia (pubblica)? Ripartirà con 25-30 aerei, un quarto degli attuali
di Leonard Berberi

La nuova Alitalia a trazione statale dovrebbe ripartire con una trentina di aerei, un quarto di quelli attuali, un numero importante di esuberi (si stima almeno 7.500 dipendenti sui circa 11.500 odierni) da attenuare con gli ammortizzatori sociale e con la presenza dei rappresentanti dei lavoratori nel nuovo consiglio di amministrazione. Ma non c’è molto tempo perché la liquidità in cassa si sta esaurendo velocemente e i ricavi della compagnia sono un decimo di quelli in questo periodo. Dopo l’incontro tra il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e i sindacati inizia a delinearsi così un primo identikit di quello che sarà il vettore tricolore dopo la nazionalizzazione e quando l’emergenza sanitaria causata dal coronavirus sarà finita.

Lo snellimento
Ci potrebbe volere ancora un mese per la costituzione della newco pubblica che dovrà traghettare Alitalia verso il rilancio e la vendita in tempi migliori, ma il piano del governo è stato discusso con le parti sociali perché servirà anche il loro via libera per lo snellimento della compagnia. Snellimento che riguarderà anche colossi come il gruppo Lufthansa e Delta Air Lines che hanno già fatto sapere che a crisi da coronavirus terminata le aziende saranno «più piccole» dovendo affrontare un mercato che per almeno nove mesi registrerà una domanda scarsa. Secondo la Iata, la principale associazione internazionale di categoria, il trasporto aereo globale ha bisogno di almeno 200 miliardi di dollari di aiuti pubblici per non soccombere.

Il rilancio
Nell’incontro con i sindacati il ministro Patuanelli ha parlato di un’Alitalia che riparte con 25-30 aerei, quelli che secondo lui attualmente stanno volando operando collegamenti previsti e speciali per far rientrare i connazionali in Italia. Sarebbe anche l’unica alternativa al fallimento, secondo il ministro dello Sviluppo economico, anche se i sindacati hanno fatto sapere di non aver discusso di alcun piano industriale. Nell’incontro non si sarebbe nemmeno discusso della tipologia di flotta da mantenere, se tutta di breve e medio raggio (per voli nazionali ed europei) o anche qualcosa di lungo raggio (per le tratte intercontinentali). Secondo l’analisi del Corriere dei 113 aerei di Alitalia a inizio gennaio di quest’anno 72 erano in leasing, pari a poco meno del 64% della flotta complessiva. È una delle quote più alte tra i vettori tradizionali europei e comporta per l’azienda un esborso mensile di circa 19 milioni di euro.

Le criticità
Ma il perimetro aziendale dopo il coronavirus non convince tutti i sindacati. «Non può essere quello attuale di 25-30 aerei», spiega il segretario generale della Fit Cisl Salvatore Pellecchia. «Ci aspettavamo qualcosa di più, qualche informazione più dettagliata. Gli unici elementi certi sono la nazionalizzazione e il fatto che Alitalia sia strategica per Paese», attacca. «Non abbiamo potuto approfondire come nasce la newco, quale il perimetro, se dentro ci sono aviation, handling e manutenzione». Secondo il segretario un elemento positivo «è quello del coinvolgimento dei lavoratori nel board della newco». Anche alcuni analisti internazionali del trasporto aereo consultati dal Corriere non sembrano convinti del piano del Mise, ma vorrebbero avere più dettagli. Di certo, avvertono, il rischio è che poi Alitalia resti con poche decine di aerei anche nei prossimi 2-3 anni, perdendo la possibilità del rilancio.

Il confronto
Nell’intervista a Repubblica il ministro Patuanelli ha dichiarato che Alitalia ricava un decimo rispetto alla media del periodo, dati in linea con le prestazioni degli altri grandi vettori europei e in alcuni casi anche migliori, stando a un confronto che il Corriere ha potuto effettuare sulla base dei bilanci pubblici. Ma sia per Alitalia sia per gli altri vettori continentali la fetta più grossa degli introiti in questi giorni è quella dei biglietti acquistati per i voli di rimpatrio. Secondo Eurocontrol il vettore tricolore ha ridotto i movimenti aerei dell’81,3% nell’ultima settimana rispetto allo stesso periodo del 2019. Non è la peggiore dal momento che vettori come Austrian Airlines e Brussels Airlines hanno messo tutti gli aerei a terra e hanno deciso di operare solo voli di rimpatrio.

Corriere.it

KL63
Messaggi: 2746
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda KL63 » lun 23 mar 2020, 17:04:03

Come si fa a definire strategica una compagnia con 25/30 aerei?
Comunque ora aspettiamo la reazione dei sindacati e delle opposizioni.
Se andasse avanti potrebbero rinnovare la flotta di corto raggio comprando dei max nuovi a prezzi stracciati, tanto poi i soldi li mettiamo noi.

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1803
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda mattaus313 » lun 23 mar 2020, 17:13:37

Come fai a dire che non è strategica? Riporta gli italiani a casa e vola in perdita con sole, pioggia, vento e virus! Senza Alitalia come farebbero? Mica esistono charter e ACMI!
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

spanna
Messaggi: 3273
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda spanna » lun 23 mar 2020, 17:20:57

25-30 macchine sono davvero poche, ancora meno di quello che ipotizzavo.
Verranno basate prevalentemente a Fiumicino o prevalentemente a Malpensa?
Questa è perfidia allo stato puro :green:
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

KittyHawk
Messaggi: 5163
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda KittyHawk » lun 23 mar 2020, 17:39:37

Le macchine ipotizzate facilmente sono quelle di proprietà, forse anche qualcuna in meno. Ai lessor non resta che leccarsi le ferite con quello che gli verrà restituito e che farà fatica a trovare una nuova collocazione, visto lo scenario. E altrettanto facilmente le macchine previste sono quelle necessarie a operare le poche rotte in grado di generare un profitto.
Non credo invece a una flotta esclusivamente per il corto e medio raggio. Una manciata di velivoli a lungo raggio rimarrà, anche per collegare quelle destinazioni che non possono essere abbandonate per una questione di prestigio, New York in primis, o protette da bilaterali.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1342
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda D960 » lun 23 mar 2020, 17:48:44

Le macchine ipotizzate facilmente sono quelle di proprietà, forse anche qualcuna in meno. Ai lessor non resta che leccarsi le ferite con quello che gli verrà restituito e che farà fatica a trovare una nuova collocazione, visto lo scenario. E altrettanto facilmente le macchine previste sono quelle necessarie a operare le poche rotte in grado di generare un profitto.
Non credo invece a una flotta esclusivamente per il corto e medio raggio. Una manciata di velivoli a lungo raggio rimarrà, anche per collegare quelle destinazioni che non possono essere abbandonate per una questione di prestigio, New York in primis, o protette da bilaterali.
Una rasata allucinante in qualsiasi caso. In ogni caso mi aspetto al limite JFK, MIA, NRT/HND e qualcosa nel Sud America come GIG, EZE e GRU in grado comunque di reggersi con forte point-to-point e qualche transito.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

easyMXP
Messaggi: 4539
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda easyMXP » lun 23 mar 2020, 18:08:40

Le macchine ipotizzate facilmente sono quelle di proprietà, forse anche qualcuna in meno. Ai lessor non resta che leccarsi le ferite con quello che gli verrà restituito e che farà fatica a trovare una nuova collocazione, visto lo scenario. E altrettanto facilmente le macchine previste sono quelle necessarie a operare le poche rotte in grado di generare un profitto.
Non credo invece a una flotta esclusivamente per il corto e medio raggio. Una manciata di velivoli a lungo raggio rimarrà, anche per collegare quelle destinazioni che non possono essere abbandonate per una questione di prestigio, New York in primis, o protette da bilaterali.
Una rasata allucinante in qualsiasi caso. In ogni caso mi aspetto al limite JFK, MIA, NRT/HND e qualcosa nel Sud America come GIG, EZE e GRU in grado comunque di reggersi con forte point-to-point e qualche transito.
Finalmente fanno quello che non avevano mai potuto fare.
Reset totale.
Via tutti gli esuberi e gli aerei in leasing tranne gli indispensabili.
Ripartono dalle rotte sostenibili (USA, Tokyo, Brasile, feeder italiani e rotte europee principali) e poi si vedrà.
Una IG un po' più grossa, già con un piazzamento consolidato in Italia, con in mano i bilaterali che contano, e dentro una alleanza. Potrebbe funzionare, al contrario di IG.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1342
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda D960 » lun 23 mar 2020, 18:10:50

Ci sono ancora le questioni di Skyteam e della JV Atlantica da risolvere.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

Italian1993
Messaggi: 53
Iscritto il: gio 20 dic 2018, 10:08:43

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda Italian1993 » lun 23 mar 2020, 18:14:51

E se abbandonassero Milano? Assumendo una necessità romanocentrica, io imposterei così:
una 40 di macchine (partono a trattare coi sindacati da 25, così risulta che i sindacati sono riusciti a salvare quasi il doppio dei posti di lavoro secondo me) dovrebbero creare un discreto sistema hub per Roma, poco lungo raggio, Americano (New York e Miami annuali, magari 1 altra stagionale) + Tokio e, forse, 1 altra destinazione in Cina, che occuperebbe massimo 5-6 aerei (se non ricordo male a fine 2018 gli aerei di lungo raggio di proprietà di alitalia erano 7).
Poi medio raggio, rotte sugli hub dei futuri partner, rotte su Milano con molte meno frequenze, ma aerei più grandi per uniformare la flotta, e rotte europee con forte PTP (ex londra). Con gli aerei di medio raggio cercherei di fare anche qualche rotta Africana, che sarebbe funzionale alla futura integrazione nelle alleanze (di base sempre Lufthansa, con quella famosa partnership commerciale, anche senza quote)
Se rimanessero i circa 30 aerei di medio raggio di proprietà dell'attuale alitalia, potremmo considerare con loro chiuso il totoflotta.
Sarebbe una flotta vecchiotta ma interamente di proprietà, e con i tagli flotta che le altre compagnie europee faranno a breve, non sarà difficile uniformare la flotta inserendo aerei usati più recenti a costi sostenibili.

grandemilano
Messaggi: 1361
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda grandemilano » lun 23 mar 2020, 18:38:25

25-30 macchine sono davvero poche, ancora meno di quello che ipotizzavo.
Verranno basate prevalentemente a Fiumicino o prevalentemente a Malpensa?
Questa è perfidia allo stato puro :green:
Perchè?
Il personale AZ base Milano è sufficiente per gestire un mini hub a Malpensa con 25-30 macchine. Linate l'hanno chiuso, le low cost hanno sospeso tutto o quasi, le big europee non stanno feederando a tutto spiano da Milano. L'occasione è davvero ghiotta, più unica che rara. Per riconquistare il remunerativo mercato milanese partendo da zero senza concorrenza. Se davvero il governo vuole una AZ che i prossimi anni faccia ricavi e cresca di dimensione, deve muoversi in questa direzione.

grandemilano
Messaggi: 1361
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda grandemilano » lun 23 mar 2020, 18:40:55

E se abbandonassero Milano?
Non credo. La politica non lo permetterebbe mai.

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1803
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda mattaus313 » lun 23 mar 2020, 19:10:05

A nessuno frega niente di Alitalia o di quello che farà, importava mettere in cassaforte il più posti di lavoro possibile, altrimenti non avrebbero eletto un'assistente di volo sindacalista. Se in tre anni di AS arrivano alla nazionalizzazione discutendo ancora del "perimetro aziendale" senza avere idea di quello che potrebbe vagamente essere il futuro. Hanno salvato i posti e ora come ora, per un bel pò, sarà difficile privatizzare. Se a qualcuno fosse importato veramente qualcosa di Alitalia avrebbero avuto almeno la decenza di dire per cosa lavoravano nel breve, medio e lungo periodo.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

KL63
Messaggi: 2746
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda KL63 » lun 23 mar 2020, 19:56:50

Un Alitalia così piccola, a parte quello che scrivono e dicono relativamente alla sua strategicità, potrebbe essere non più determinante per il bacino occupazionale di Roma e decidere di spostarsi su Milano o, viceversa, potrebbe decidere di arroccarsi solo su Roma.
In entrambi i casi Linate diverrebbe un peso, nel primo caso non permetterebbe di alimentare i pochi voli lr rimanenti, nel secondo non ci sarebbero forze per presidiarlo, si perderebbero tutti gli slot a favore della concorrenza.
Per cui per Linate si possono ragionevolmente prevedere cambiamenti, se le cose andranno veramente così.

clabre
Messaggi: 175
Iscritto il: gio 19 lug 2018, 10:10:41

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda clabre » lun 23 mar 2020, 21:52:56

Se solo SEA avesse aspettato un anno a rifare la pista e i lavori...

My 2 cents:
- chi dice che AZ potrà avere gloriose sorti e accaparrarsi il mercato perché le lowcost e le altre compagnie hanno sospeso i voli: Signori, le lowcost hanno un tempo di reazione che è un millesimo di quello di AZ, non appena si potrà tornare a volare saranno le prime a pappare pure quel poco che AZ aveva! Quindi no, NON vedo spazi per accaparrarsi il mercato!
- il Governo dice che SI PARTE da 25-30 aerei. Mi immagino che la partenza sia: a) per la trattativa al rialzo che potrà arrivare fino a 35-40 aerei; b) per una fase iniziale, da cui la compagnia viene completamente rifondata, per poi (se sarà il caso) espandersi magari già tra pochi mesi.
- Non è escluso che la previsione sulla conservazione degli slot duri ancora a lungo, e allora ci sarà tutto il tempo di pensare a cosa fare a LIN

L'occasione è ghiotta, speriamo non la sprechino (troppo)

Avatar utente
cesare.caldi
Messaggi: 5861
Iscritto il: lun 15 ott 2007, 22:55:42

Re: Alitalia-Fs, tempi lunghi e idee poco chiare

Messaggio da leggereda cesare.caldi » lun 23 mar 2020, 22:09:03

Per riconquistare il remunerativo mercato milanese...
Bisogna vedere cosa rimarrà di Milano e della Lombardia a livello economico dopo questa crisi, purtroppo è presumibile che molte aziende chiuderanno e molte persone perderanno il lavoro, il remunerativo mercato milanese potrebbe ridimensionarsi parecchio o nella migliore delle ipotesi potrebbero volerci diversi anni per ritornare alle condizioni precrisi.


Torna a “ALITALIA VISTA DAL SISTEMA LOMBARDO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti