Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

le news su Alitalia
Regole del forum
Luogo dove analizzare la situazione ed il percorso di Alitalia visto dal sistema aeroportuale Lombardo.
Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26317
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda I-Alex » dom 26 apr 2020, 09:47:06

Se AZ sarà più piccola e con meno aerei è evidente che su Linate ci saranno molti slot da riempire soprattutto ora che la Linate Fiumicino veniva operata in sovrannumero di frequenze e con aerei piccoli solo per non perdere gli slot.
Malpensa airport user

Avatar utente
wrth
Messaggi: 761
Iscritto il: sab 07 giu 2008, 12:56:19
Località: Castano Primo

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda wrth » dom 26 apr 2020, 10:44:26

Il piano industriale è noto da diversi anni:
Primo anno perdita,
secondo pareggio,
terzo utili,
Che tradotto:
primo anno perdita,
secondo anche,
terzo, se ci sarà, perdita con probabile bad e newco...

jetblue
Messaggi: 695
Iscritto il: gio 10 apr 2008, 17:34:22

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda jetblue » dom 26 apr 2020, 10:54:30

Non è questione di sensazioni o altro. AZ ha una montagna di slots a Linate che difficilmente riuscirà a usare. Se AZ inizia una partnership con LH è naturale che gli slot in eccesso all’operativita di AZ saranno utilizzati dal partner. È un ragionamento di logica. Soprattutto quando il partner, LH, è da sempre un sostenitore di LIN.

spanna
Messaggi: 3229
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Effetti Covid19: Linate e Malpensa T1 chiusi

Messaggio da leggereda spanna » dom 26 apr 2020, 10:58:52

... delle quasi 90 macchine almeno 25-30 saranno destinate a Milano, soprattutto Linate.
Tieni conto che solo per occupare gli slot di Linate AZ impegnava l'anno scorso 35 macchine su un totale di 118, quindi con 25-30 macchine non riesci nemmeno a difendere gli slot su LIN, figuriamoci crescere a MXP. E se non difendi gli slot di LIN l'ingresso dei nuovi competitor abbasserebbe ulteriormente gli yield ed aumenterebbe ulteriormente le perdite. Con 90 macchine totali per me AZ dovrebbe concentrare tutto su FCO e lasciare a Milano solo i feed da LIN, MXP e BGY, puntando il più possibile sull'effetto hub.
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

rommel
Messaggi: 19
Iscritto il: dom 03 mar 2013, 10:28:40

Re: Effetti Covid19: Linate e Malpensa T1 chiusi

Messaggio da leggereda rommel » dom 26 apr 2020, 11:11:43

Considerando che Alitalia ridurrà la flotta a 90 o forse ancora meno aerei e che l'hub sarà senza dubbio a FCO la domanda da farsi è di quanto diminuirà la sua presenza sul mercato milanese (MXP+LIN) non di quanto potrebbe aumentarla. E' probabile la chiusura/riduzione di diverse rotte da LIN, per quanto riguarda MXP penso verrà mantenuto il volo per FCO in ottica di federaggio e p2p essendo l'unica compagnia rimasta sulla rotta. Per quanto riguarda il mantenimento della JFK e NRT è tutto da verificare.
Io penso che la NRT sia già fuori gioco da adesso. Era rimasta per le Olimpiadi e mi sembra difficile che la tengano in ballo ancora un anno ( ammesso che riparta), avendo il volo da FCO o , forse , ANA.

spanna
Messaggi: 3229
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda spanna » dom 26 apr 2020, 11:14:35

Non è questione di sensazioni o altro. AZ ha una montagna di slots a Linate che difficilmente riuscirà a usare. Se AZ inizia una partnership con LH è naturale che gli slot in eccesso all’operativita di AZ saranno utilizzati dal partner. È un ragionamento di logica. Soprattutto quando il partner, LH, è da sempre un sostenitore di LIN.
C'è un grosso problema dietro questa strategia che non viene ricordato. AZ ha già provato con AFKLM a regalare gli slot di LIN e sai che c'è? Ad un certo punto si è accorta che regalare gli slot agli alleati non le portava nessun vantaggio economico, tanto che se li è dovuti riprendere. Adesso qualcuno mi dovrebbe spiegare perché regalare gli slot ad AFKLM non porta nessun vantaggio economico, mentre regalarli ad LH ne porta molti. Tanto più che LH ha molti più hub da feederare di AFKLM. Poi per carità, magari AZ ci proverà lo stesso, tanto perdere per perdere cosa cambia?, ma se non avrà vantaggi economici finirà come con AFKLM, che se li dovrà riprendere e comincerà a litigarci. Tutto a spese nostre, ovviamente, questa è l'unica cosa che non cambierà mai.
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

grandemilano
Messaggi: 1266
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Effetti Covid19: Linate e Malpensa T1 chiusi

Messaggio da leggereda grandemilano » dom 26 apr 2020, 11:59:55

... delle quasi 90 macchine almeno 25-30 saranno destinate a Milano, soprattutto Linate.
Tieni conto che solo per occupare gli slot di Linate AZ impegnava l'anno scorso 35 macchine su un totale di 118, quindi con 25-30 macchine non riesci nemmeno a difendere gli slot su LIN, figuriamoci crescere a MXP. E se non difendi gli slot di LIN l'ingresso dei nuovi competitor abbasserebbe ulteriormente gli yield ed aumenterebbe ulteriormente le perdite. Con 90 macchine totali per me AZ dovrebbe concentrare tutto su FCO e lasciare a Milano solo i feed da LIN, MXP e BGY, puntando il più possibile sull'effetto hub.
Sì ok. Però questo è il ragionamento che farebbe una compagnia privata che deve fare utili. Non una compagnia pubblica che, stando alle parole del ministro, avrà vocazione di compagnia di bandiera a supporto del Paese.
Quindi mi aspetto che su Milano rimarrà tutt'altro che solo i voli feeder su FCO. 35-40 macchine continueranno a servire Milano e il cross country (anche questo non va dimenticato per una compagnia di bandiera). E la restante 50ina sarà al servizio di FCO.

gabbozzo
Messaggi: 342
Iscritto il: mer 10 ott 2018, 19:12:34

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda gabbozzo » dom 26 apr 2020, 12:54:01

Riguardo alla possibilità di affittare gli slot di LIN a compagnie terze, prima di perdersi in voli pindarici con alleanze e sotterfugi vari, occorre tenere conto del vantaggio che queste otterrebbero dal trasferimento su LIN, vantaggio che deve necessariamente essere maggiore del costo di affitto slot.
Quindi una compagnia europea che oggi vola su MXP perché dovrebbe aumentare i suoi costi (affitto slot a LIN) per continuare a volare a Milano? A mio avviso potrebbe essere interessata se gli serve per diversificare l'offerta rispetto alla concorrenza se ad esempio altre compagnie operano su MXP o BGY dalla stessa città di origine, oppure se ha talmente tanti voli al giorno da poter dividere l'offerta su due scali a Milano.
Purtroppo il fatto che MXP oggi si riescano a fare pochi transiti e la massiccia presenze delle low cost potrebbe indurre a spostamenti. Però, ecco, tutto va ben pesato: non vedo come automatico il "se c'è un buco a LIN ci vado subito".

Riguardo ad LH con tutti i SE ed i MA di eventuali accordi, ecc, ecc..considerando anche che le alleanza contano sempre meno, queste le frequenze del gruppo LH su MIL nel giorno feriale medio:
LH MXP-MUC 6
LH MXP-FRA 6
LH LIN-FRA 5 o 6
LX MXP-ZRH 4
SN MXP-BRU 2 (fuori ondata a BRU)
SN LIN-BRU 3
OS MXP-VIE 6
EW MXP-STR 2
EW MXP-CGN 2
EW MXP-DUS 4
EW MXP-HAM 2

jetblue
Messaggi: 695
Iscritto il: gio 10 apr 2008, 17:34:22

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda jetblue » dom 26 apr 2020, 14:38:57

Una AZ alleata a LH lo sarà in caso di futuro acquisto da parte di LH stessa. Ergo gli slot si presteranno a LH a prezzo simbolico.

KL63
Messaggi: 2714
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda KL63 » dom 26 apr 2020, 14:56:50

A mio avviso, non è certo che, dato che LH è messa malissimo anche lei, tanto che pare voglia disfarsi di SN, che LH acquisterà AZ.
Per cui se AZ dovesse affittare i suoi slot ad LH dovrebbe farlo a prezzi di mercato.
Premesso questo, per il traffico aereo che ci sarà per i prossimi due anni, è probabile che Linate rimarrà chiuso per un po', per cui il problema verrà rimandato.
Ultima modifica di KL63 il dom 26 apr 2020, 16:04:15, modificato 1 volta in totale.

hkg
Messaggi: 738
Iscritto il: dom 22 ago 2010, 18:44:21

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda hkg » dom 26 apr 2020, 15:11:23

ora e nei prossimi anni i 3 aeroporti saranno tanti per Milano.
se si svuota Malpensa per riempire linate, non saranno certo le Major a beneficiarne ma probabilmente le Low cost che si radicheranno ancora di più su MXP e BGY, inoltre,non è da escludersi che le LCC potrebbero iniziare una certa e seria fidelizzazione di passeggeri alle compagnie extra europee, soprattutto le asiatiche e le MO.
credo che verso il Nord e Sud America si volerà di meno e poco per qualche anno, Africa quasi nulla,in proporzione molto più verso Est ed estremo oriente.
E' tempo che il Governo, e dove può la Regione intervengano seriamente.
anche perchè alitalia non se la guarderà nessuno per un po di tempo, se non non l'avrebbero statalizzata. Il Governo lo sa già.
MXP,CTA,LIN,CGD,VIE,AHO,CAG,OLB,KBP,TLL,LED,SVO,JFK,MBA,BKK,HKT,DPS,BLQ,SIN,TUN,BGY,LXR, PMV,DXB,TPE,HKG,KBV,AMM,UTH,LPQ,CNX,BWN,LBU,KCH,MYY,MNL,CRK,DOH,VLC,CGN,BCN,BUD,PRG,AUH,CGK,JOG,KUL,TXL,LIS,STR,KIX,NRT,IST,HAM,CPH,KIV,PEK,SVQ,MCT,CPT,MJT,AGP,JKH,OPO,LXS,SKG,MAD, KWI,JIK,ATH

spanna
Messaggi: 3229
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Effetti Covid19: Linate e Malpensa T1 chiusi

Messaggio da leggereda spanna » dom 26 apr 2020, 16:16:48

... delle quasi 90 macchine almeno 25-30 saranno destinate a Milano, soprattutto Linate.
Tieni conto che solo per occupare gli slot di Linate AZ impegnava l'anno scorso 35 macchine su un totale di 118, quindi con 25-30 macchine non riesci nemmeno a difendere gli slot su LIN, figuriamoci crescere a MXP. E se non difendi gli slot di LIN l'ingresso dei nuovi competitor abbasserebbe ulteriormente gli yield ed aumenterebbe ulteriormente le perdite. Con 90 macchine totali per me AZ dovrebbe concentrare tutto su FCO e lasciare a Milano solo i feed da LIN, MXP e BGY, puntando il più possibile sull'effetto hub.
Sì ok. Però questo è il ragionamento che farebbe una compagnia privata che deve fare utili. Non una compagnia pubblica che, stando alle parole del ministro, avrà vocazione di compagnia di bandiera a supporto del Paese.
Quindi mi aspetto che su Milano rimarrà tutt'altro che solo i voli feeder su FCO. 35-40 macchine continueranno a servire Milano e il cross country (anche questo non va dimenticato per una compagnia di bandiera). E la restante 50ina sarà al servizio di FCO.
Diciamo che fintantoché c'è il coronavirus si può anche fare come dici tu, ma al liberi tutti devi guadagnare perché gli aiuti di stato non saranno più permessi.
Nel frattempo è con grande piacere che rilevo queste dichiarazioni del capo di confindustria :
https://www.affaritaliani.it/notiziario ... 50420.html
. Milano, 26 apr. (Adnkronos) - "Con i soldi che abbiamo pagato negli ultimi anni per Alitalia, per una compagnia che è ancora tuttora in crisi, compravamo pre-crisi cinque compagnie aeree: Air France, Klm, Lufthansa, Norwegian Air e Finnair. Non credo che il modello sia questo il modello" di intervento dello Stato nell'economia. Lo ha detto Carlo Bonomi, presidente designato di Confindustria, ospite di Mezz'ora in più su Rai3.
È la prima volta in assoluto che il capo di confindustria si mette di traverso in modo così netto ai soldi buttati in alitalia. La politica non può più far finta di niente adesso. Questi spostano parecchi voti.
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

RAV38
Messaggi: 858
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda RAV38 » dom 26 apr 2020, 18:04:49

Fa certo piacere sentire il Presidente di Confindustria parlare esplicitamente sul bubbone Alitalia. Ma non ci si illuda. Dalla nazionalizzazione non si torna indietro.

Avatar utente
Tropicalista
Messaggi: 278
Iscritto il: lun 11 mar 2019, 21:46:46
Località: Lomellina

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda Tropicalista » lun 27 apr 2020, 14:11:40

ma comunque ad oggi la riapertura di linate è sempre fissata a Giugno? (mi interessa sapere normativamente)

BAlorMXP
Messaggi: 1725
Iscritto il: dom 14 ott 2007, 12:59:55
Località: MILANO

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda BAlorMXP » lun 27 apr 2020, 14:49:08

ma comunque ad oggi la riapertura di linate è sempre fissata a Giugno? (mi interessa sapere normativamente)
Ad oggi la riapertura di Linate è un'incognita

belumosi
Messaggi: 2987
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda belumosi » lun 27 apr 2020, 15:12:17

ma comunque ad oggi la riapertura di linate è sempre fissata a Giugno? (mi interessa sapere normativamente)
Al momento dovrebbe far testo il decreto interministeriale 153/2020, che impone la chiusura degli scali secondari fino al 3 Maggio.
Darei per certo un decreto di proroga.

http://www.mit.gov.it/sites/default/fil ... 4-2020.pdf

Avatar utente
carloz
Messaggi: 184
Iscritto il: gio 14 feb 2008, 09:41:25
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda carloz » lun 27 apr 2020, 16:20:31

Al momento dovrebbe far testo il decreto interministeriale 153/2020, che impone la chiusura degli scali secondari fino al 3 Maggio.
Darei per certo un decreto di proroga.

http://www.mit.gov.it/sites/default/fil ... 4-2020.pdf
A margine di questo decreto c'è stata anche la comunicazione di SEA dove si dichiarava che la riapertura sia dei Terminal di MXP sia di LIN, sarebbe avvenuta gradualmente ed in stretta correlazione all'incremento del traffico. Mi chiedo a questo punto se, a prescindere da eventuali/probabili proroghe, il giorno in cui la chiusura d'ufficio degli scali verrà meno, SEA avrà facoltà di mantenere chiuso uno scalo in base al proprio tornaconto, o se viceversa sarà costretta ad aprire sia LIN sia MXP. In altre parole: SEA ha autonomia per poter decidere di tenere chiuso uno degli scali che ha in gestione?
Grazie.

belumosi
Messaggi: 2987
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda belumosi » lun 27 apr 2020, 16:27:55

Al momento dovrebbe far testo il decreto interministeriale 153/2020, che impone la chiusura degli scali secondari fino al 3 Maggio.
Darei per certo un decreto di proroga.

http://www.mit.gov.it/sites/default/fil ... 4-2020.pdf
A margine di questo decreto c'è stata anche la comunicazione di SEA dove si dichiarava che la riapertura sia dei Terminal di MXP sia di LIN, sarebbe avvenuta gradualmente ed in stretta correlazione all'incremento del traffico. Mi chiedo a questo punto se, a prescindere da eventuali/probabili proroghe, il giorno in cui la chiusura d'ufficio degli scali verrà meno, SEA avrà facoltà di mantenere chiuso uno scalo in base al proprio tornaconto, o se viceversa sarà costretta ad aprire sia LIN sia MXP. In altre parole: SEA ha autonomia per poter decidere di tenere chiuso uno degli scali che ha in gestione?
Grazie.
No, SEA non può tenere chiuso LIN come scelta commerciale.
Diverso ad esempio è tenere chiuso uno dei terminal di MXP, perchè non pregiudica l'utilizzo dello scalo.

Avatar utente
carloz
Messaggi: 184
Iscritto il: gio 14 feb 2008, 09:41:25
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda carloz » lun 27 apr 2020, 16:50:38

No, SEA non può tenere chiuso LIN come scelta commerciale.
Diverso ad esempio è tenere chiuso uno dei terminal di MXP, perchè non pregiudica l'utilizzo dello scalo.
Come immaginavo, grazie mille.

KittyHawk
Messaggi: 5051
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda KittyHawk » lun 27 apr 2020, 18:31:14

Linate (o un altro scalo non importa) viene fatto riaprire e, per mille motivi facilmente intuibili, funzionerà a ritmo ridotto con ricavi notevolmente contratti. Dato che le tariffe aeroportuali massime non vengono decise dal gestore, fino a che punto SEA o qualsiasi altra società di gestione può ridurre il livello di servizio per non incorrere in perdite spaventose?

mxp ernesto
Messaggi: 261
Iscritto il: ven 14 mar 2008, 13:36:31
Località: pavia

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda mxp ernesto » lun 27 apr 2020, 22:51:02

Per restare sul tema del titolo, ovvero se Alitalia sia o meno determinante per il nord Italia, tutto dipende dall'evoluzione della situazione Covid e quali conseguenze ci saranno nel modo di viaggiare.
Intanto si riparte da zero con la coperta ancor più larga dello stato che si fa padrone indiscusso.
La concorrenza si trova in condizioni pesantemente negative al punto di dover chiedere aiuto allo stato e/o a finanziatori.
In questo contesto sarebbe utile trovare un'accordo per soddisfare le esigenze di trasporto di tutte le aree del paese.
Anche perché se il sostegno è dello stato cioè di tutti non vedo perché i contributi/tasse del nord debbano servire solo le ragioni di mobilità del centro sud.
Infine, ma qui è solo una riflessione tecnica, ammesso e concesso che venga trovato un vaccino efficace per Covid, e che nel frattempo vengano ripristinati dei collegamenti intercontinentali, quanto tempo debba servire tra controlli (sanitari e non), rispetto delle distanze ed organizzazione dei flussi negli aeroporti ed aerei, per fare una tratta intercontinentale transitando da altro hub; questo per significare che in tal caso il collegamento diretto diventerebbe comunque molto più veloce e meno snervante. ( A tutto svantaggio dei transiti offerti da Linate).

BAlorMXP
Messaggi: 1725
Iscritto il: dom 14 ott 2007, 12:59:55
Località: MILANO

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda BAlorMXP » mar 28 apr 2020, 11:25:49

In verità questa situazione così incerta e intricata ha permesso di irritare ulteriormente un nervo scoperto di Milano a livello aeroportuale: senza investimenti esteri (FR e U2) non si vola da nessuna parte e se queste dovessero rivedere pesantemente gli investimenti si ritornerebbe presto ad un pre-1997. La questione non stupisce visto il penoso teatrino che ha caratterizzato il settore negli ultimi 20 anni. Considerando che avevo 12 anni quando si aprì MXP ormai mi sento di non nutrire molte speranze di rivedere una Malpensa a livelli Gen-20 per parecchi anni. La questione è tutta da rivedere a livello politico: o si privatizza SEA o non ne verremo più fuori.

Avatar utente
Tropicalista
Messaggi: 278
Iscritto il: lun 11 mar 2019, 21:46:46
Località: Lomellina

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda Tropicalista » mar 28 apr 2020, 11:42:45

Ma cè qualche possibilità che sea venga privatizzata?

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13469
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda malpensante » mar 28 apr 2020, 11:44:05

Privatizzare SEA vuol dire venderla a F2i, che a mio parere ha dimostrato scarsa competenza e ancor meno lungimiranza nei suoi investimenti. Questi sono stati perlopiù mirati a soccorrere le finanze di Enti locali politicamente amici (vedi l'acquisto di TRS, quello di AHO) attingendo alle disponibilità pressoché infinite della Cassa Depositi e Prestiti.

Anche i dirigenti scelti, facendo eccezione per Brunini, non mi sembrano affatto brillanti e sempre riconducibili alle succitate amicizie politiche. Quel che è peggio l'impostazione esclusivamente finanziaria, senza alcuna preoccupazione per lo sviluppo degli aeroporti, qualcosa che mi ricorda l'infausta gestione di easyJet da parte di Carolyn McCall.

La disgrazia di SEA fu il sabotaggio della quotazione in Borsa operato appunto da F2i, con la vile collaborazione di Caprotti, che mi auguro bruci all'inferno per l'eternità.

Se SEA verrà privatizzata cedendola a F2i, qualcosa che potrebbe succedere presto se la crisi Covid-19 rendesse necessario un aumento di capitale e non ho dubbi che l'attuale inquilino di Palazzo Marino coglierebbe la palla al balzo, per gli aeroporti lombardi sarebbe passare dalla padella alla brace.

BAlorMXP
Messaggi: 1725
Iscritto il: dom 14 ott 2007, 12:59:55
Località: MILANO

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda BAlorMXP » mar 28 apr 2020, 12:08:39

Privatizzare SEA vuol dire venderla a F2i, che a mio parere ha dimostrato scarsa competenza e ancor meno lungimiranza nei suoi investimenti. Questi sono stati perlopiù mirati a soccorrere le finanze di Enti locali politicamente amici (vedi l'acquisto di TRS, quello di AHO) attingendo alle disponibilità pressoché infinite della Cassa Depositi e Prestiti.

Anche i dirigenti scelti, facendo eccezione per Brunini, non mi sembrano affatto brillanti e sempre riconducibili alle succitate amicizie politiche. Quel che è peggio l'impostazione esclusivamente finanziaria, senza alcuna preoccupazione per lo sviluppo degli aeroporti, qualcosa che mi ricorda l'infausta gestione di easyJet da parte di Carolyn McCall.

La disgrazia di SEA fu il sabotaggio della quotazione in Borsa operato appunto da F2i, con la vile collaborazione di Caprotti, che mi auguro bruci all'inferno per l'eternità.

Se SEA verrà privatizzata cedendola a F2i, qualcosa che potrebbe succedere presto se la crisi Covid-19 rendesse necessario un aumento di capitale e non ho dubbi che l'attuale inquilino di Palazzo Marino coglierebbe la palla al balzo, per gli aeroporti lombardi sarebbe passare dalla padella alla brace.
No hope. Solo detonare linate e la pista


Torna a “ALITALIA VISTA DAL SISTEMA LOMBARDO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti