Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

le news su Alitalia
Regole del forum
Luogo dove analizzare la situazione ed il percorso di Alitalia visto dal sistema aeroportuale Lombardo.
RAV38
Messaggi: 858
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda RAV38 » mar 28 apr 2020, 13:10:54

Brunini dice che Alitalia non è determinante per il Nord Italia. Purtroppo lo è stato ma in senso negativo, sempre, sopratutto per Milano. La storia in materia è incontrovertibile. Ma il problema non è Alitalia; è la politica, in primo luogo romana ma anche milanese e lombarda. E non escludo una certa miopia degli ambienti economici e industriali lombardi. Privatizzare SEA? Sono d'accordo con Malpensante: Sarebbe molto rischioso e la performance di F2i come azionista di rilievo non mi sembra sia incoraggiante. I famigerati Benetton hanno investito cifre enormi a FCO trasformando lo scalo in uno dei migliori d'Europa, ma sarebbe imprudente pensare che ci siano altri investitori che facciano il bis di FCO a Malpensa.

grandemilano
Messaggi: 1266
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda grandemilano » mar 28 apr 2020, 13:27:09

In perfetto stile compagnia di bandiera, pare che dal 1 luglio ripartiamo i collegamenti tra Reggio Calabria e Roma e Milano.
Questo per chi credeva che la nuova AZ pubblica avrebbe concentrato le poche macchine su un solo scalo hub.
Penso che i prossimi mesi, di altre rotte simili ne vedremo molte

KL63
Messaggi: 2714
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda KL63 » mar 28 apr 2020, 15:13:29

In perfetto stile compagnia di bandiera, pare che dal 1 luglio ripartiamo i collegamenti tra Reggio Calabria e Roma e Milano.
Questo per chi credeva che la nuova AZ pubblica avrebbe concentrato le poche macchine su un solo scalo hub.
Penso che i prossimi mesi, di altre rotte simili ne vedremo molte
prevista rigorosamente dal city airport

Avatar utente
D960
Messaggi: 1285
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda D960 » mar 28 apr 2020, 15:31:38

I voli in pericolo sono quelli da Linate per destinazioni come Bruxelles, Ginevra, Lussemburgo dato che venivano operate con embraer 175 che andranno ad essere restituiti al lessor. Faccio notare che la divisione regional servirà esclusivamente come ad un contenitore per far confluire il corto e il medio raggio a livello contrattuale, ma di fatto rimarrebbero solo i 5 E90. Più che un hub carrier, mi pare che si vada sempre di più verso un modello low cost.

Per essere più precisi, le rotte operate con E75 sono: Stoccarda, Perugia, Napoli, Trieste, Madrid, Parigi Orly, Lamezia Terme*, Francoforte, Dusseldorf, Colonia, Brussels*.

*non solo da E75.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

spanna
Messaggi: 3229
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda spanna » mer 29 apr 2020, 11:24:41

2 newco
92 aerei di cui 20 LR e 12 regional
Nessun cambio di alleanza
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

gabbozzo
Messaggi: 342
Iscritto il: mer 10 ott 2018, 19:12:34

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda gabbozzo » mer 29 apr 2020, 11:35:44

fonte?

Avatar utente
D960
Messaggi: 1285
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda D960 » mer 29 apr 2020, 11:55:55

Audizione Leogrande alla Camera
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

spanna
Messaggi: 3229
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda spanna » mer 29 apr 2020, 13:07:29

Audizione Leogrande alla Camera
Esatto
Nel frattempo forza Italia è la prima forza politica ad aver fiutato il cambio di clima imposto da confindustria, e si schiera contro la privatizzazione :
https://www.cisiamo.info/politica/2020/ ... izzazione/
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

KL63
Messaggi: 2714
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda KL63 » mer 29 apr 2020, 13:20:38

Sono i primi speriamo che seguano anche gli altri, però, a questo giro, sono contro la nazionalizzazione non contro la privatizzazione. (bisogna poi vedere se solo perché sono all'opposizione o perché lo pensino veramente).
Però ormai i 500.000.000 di Euro sono già fumati, considerando che il primo D.P.C.M. che li elargiva è Legge dello stato.

grandemilano
Messaggi: 1266
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda grandemilano » mer 29 apr 2020, 13:23:40

Ora AZ quanti aerei di lungo raggio ha?
Con queste riduzioni, la sproporzione tra corto-medio raggio e LR è persino maggiore rispetto a prima?

belumosi
Messaggi: 2987
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda belumosi » mer 29 apr 2020, 13:42:30

Audizione Leogrande alla Camera
Esatto
Nel frattempo forza Italia è la prima forza politica ad aver fiutato il cambio di clima imposto da confindustria, e si schiera contro la privatizzazione :
https://www.cisiamo.info/politica/2020/ ... izzazione/
Al pari dei loro colleghi degli altri partiti, hanno la faccia come il cuxo.
Come se non sapessero che fu il loro capo il primo a boicottare una vera cessione di AZ ai francesi, favorendo una privatizzazione fittizia in capo a soggetti italiani e quindi politicamente controllabili.
Quanto all'audizione di oggi, se è vero che Leogrande è poco loquace, è altrettanto vero che è umiliante osservare la tracotanza dei parlamentari offesi dalle mancate risposte del commissario. Magari se avessero studiato un po' di più, avrebbero chiara la differenza tra la figura di un commissario e quella di un AD nel pieno dei poteri.
Fenomeni che si presentano a chiedere la riapertura dei voli verso REG (che è chiuso...) o a sostenere falsamente che Lamezia attualmente non è servito dai voli AZ.
Anche la domanda a Leogrande se fosse stato lui a suggerire la nazionalizzazione, è degna di nota. Come se Conte o Patuanelli fossero incapaci di concepire da soli quell'opzione.

Andando al sodo, è interessante notare il taglio di 6 WB (pari al 23%) rispetto alle attuali 26 macchine.
Covid permettendo, è evidente che oltre alle ormai defunte Santiago e Seul, dovranno saltare altre rotte LR. Una delle più papabili a questo punto potrebbe essere la MXP-NRT, la cui soppressione lascerebbe a Milano solo la NY. La quale a propria volta potrebbe essere sacrificata per mantenere un mini-hub LR a FCO, che altrimenti rischierebbe di diventare un micro-hub LR... Tanto la MXP-NY sarebbe coperta bene anche senza AZ.
Ultima modifica di belumosi il mer 29 apr 2020, 16:21:40, modificato 1 volta in totale.

spanna
Messaggi: 3229
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda spanna » mer 29 apr 2020, 14:19:15

Uuuuuuh anche Italia dei valori si dice contro alla nazionalizzazione
https://it.finance.yahoo.com/notizie/al ... 26540.html
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...COVID

belumosi
Messaggi: 2987
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda belumosi » mer 29 apr 2020, 14:30:37

Uuuuuuh anche Italia dei valori si dice contro alla nazionalizzazione
https://it.finance.yahoo.com/notizie/al ... 26540.html
Però magari evitiamo di farci prendere per il cuxo in questo modo credendo alle favole.
Chi ha salvato SAI con soldi pubblici quando dopo il famigerato referendum, emiratini e banche si sono sfilati?
Chi ha fatto stilare un bando per la presunta vendita di AZ con condizioni inaccettabili per essere certo che nessuno mettesse dei soldi sul piatto?
Mi pare che di nome facesse Matteo.
Che per inciso non ritengo migliore o peggiore di altri. E come tutti gli altri, vuole salvare AZ a qualsiasi costo. E come tutti gli altri, vuole che il controllo della compagnia rimanga in capo alla politica.
Per cui quando qualcuno se ne esce che non vuole la nazionalizzazione ma preferirebbe una soluzione di mercato, ci sta prendendo in giro. Oggi come ieri.

PS è Italia viva, non Italia dei valori.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1285
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda D960 » mer 29 apr 2020, 15:58:49

Andando al sodo, è interessante notare il taglio di 6 WB (pari al 23%) rispetto alle attuali 26 macchine.
Covid permettendo, è evidente che oltre alle ormai defunte Santiago e Seul, dovranno saltare altre rotte LR. Una delle più papabili a questo punto potrebbe essere la MXP-NRT, la cui soppressione lascerebbe a Milano solo la NY. La quale a propria volta potrebbe essere sacrificata per mantenere un mini-hub LR a FCO, che altrimenti rischierebbe di diventare un micro-hub LR... Tanto la MXP-NY sarebbe coperta bene anche senza AZ.
Delhi, magari Johannesburg che richiede rotazioni lunghe, forse anche Mexico City anche se questa è regolata dalla JV.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

belumosi
Messaggi: 2987
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda belumosi » mer 29 apr 2020, 16:22:44

Andando al sodo, è interessante notare il taglio di 6 WB (pari al 23%) rispetto alle attuali 26 macchine.
Covid permettendo, è evidente che oltre alle ormai defunte Santiago e Seul, dovranno saltare altre rotte LR. Una delle più papabili a questo punto potrebbe essere la MXP-NRT, la cui soppressione lascerebbe a Milano solo la NY. La quale a propria volta potrebbe essere sacrificata per mantenere un mini-hub LR a FCO, che altrimenti rischierebbe di diventare un micro-hub LR... Tanto la MXP-NY sarebbe coperta bene anche senza AZ.
Delhi, magari Johannesburg che richiede rotazioni lunghe, forse anche Mexico City anche se questa è regolata dalla JV.
Avrebbe senso.

KL63
Messaggi: 2714
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda KL63 » mer 29 apr 2020, 16:25:08

Certo che con 500.00.000 di euro avrebbero potuto, ad esempio, erogare 50.000 euro a fondo perduto a 10.000 ristoranti in Italia che ipotizzando 8 persone direttamente impiegate per ogni esercizio avrebbe voluto dire dare da mangiare ad 80.000 persone per due mesi e salvare tutto l'indotto e 10.000 esercizi che poi al posto di ulteriori perdite avrebbero prodotto utili e tasse. Sono scelte reiteratamente scellerate. E vero che ci sarebbero i costi sociali di 10.000 licenziamenti, ma così ne avremo molti di più. Solo io conosco una ristoratrice che a Milano dal 12 marzo a lasciato a casa 6 persone che avevano un contratto a termine in scadenza. Questa è la dimostrazione di come tutti i soldi buttati fino ad ora in questo carrozzone siano stati mal spesi, che abbiano impedito lo sviluppo di un'altra compagnia, magari privata, che sia sana, che non produca perdite costanti nel bilancio statale e che non distorca pesantemente sia la concorrenza che il libero mercato.

grandemilano
Messaggi: 1266
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda grandemilano » mer 29 apr 2020, 16:34:20

. Una delle più papabili a questo punto potrebbe essere la MXP-NRT, la cui soppressione lascerebbe a Milano solo la NY. La quale a propria volta potrebbe essere sacrificata per mantenere un mini-hub LR a FCO, che altrimenti rischierebbe di diventare un micro-hub LR... Tanto la MXP-NY sarebbe coperta bene anche senza AZ.
Questa è un'ipotesi ma potrebbe essere il contrario. Se le uniche due rotte LR da MXP sono in utile, perché chiuderle per mantenere rotte in perdita da FCO?
D'altro canto era emerso che le rotte LR in perdita da FCO fossero più delle 2 Seul è Santiago

belumosi
Messaggi: 2987
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda belumosi » mer 29 apr 2020, 17:18:39

. Una delle più papabili a questo punto potrebbe essere la MXP-NRT, la cui soppressione lascerebbe a Milano solo la NY. La quale a propria volta potrebbe essere sacrificata per mantenere un mini-hub LR a FCO, che altrimenti rischierebbe di diventare un micro-hub LR... Tanto la MXP-NY sarebbe coperta bene anche senza AZ.
Questa è un'ipotesi ma potrebbe essere il contrario. Se le uniche due rotte LR da MXP sono in utile, perché chiuderle per mantenere rotte in perdita da FCO?
D'altro canto era emerso che le rotte LR in perdita da FCO fossero più delle 2 Seul è Santiago
Il MXP-NRT era già in odore di chiusura con l'arrivo di ANA che volava su Haneda.
Pare che fosse stato mantenuto, a frequenze ridotte, in ottica olimpiadi.
Più solido il volo per NY, che tra l'altro dovrebbe essere molto più facile da gestire incrociando al JFK gli aerei provenienti da MXP e FCO. Se dovesse rimanere l'ultimo volo LR AZ a MXP, potrebbe essere mantenuto come bandiera, a prescindere dalla redditività.
Va anche detto che qualora AZ dovesse entrare in una JV (cosa probabile), ed avesse diritto ad una quota X di voli verso il Nord America, potrebbe essere necessario scegliere tra il MXP-NY e uno (o più) voli extra da FCO con un totale analogo di frequenze.
E data per certa la scelta di fare hub a FCO, concentrare a Roma i pochi WB potrebbe essere una scelta logica.
Giusto per evitare di passare per un fan di FCO ( :mrgreen: ), aggiungo che se fosse stato scelto come hub MXP (con LIN chiuso), il ragionamento sarebbe stato identico.

grandemilano
Messaggi: 1266
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda grandemilano » mer 29 apr 2020, 19:15:54


E data per certa la scelta di fare hub a FCO, concentrare a Roma i pochi WB potrebbe essere una scelta logica.
Giusto per evitare di passare per un fan di FCO ( :mrgreen: ), aggiungo che se fosse stato scelto come hub MXP (con LIN chiuso), il ragionamento sarebbe stato identico.
A parte che il nuovo managment non si è ancora insidiato, quindi non è detto che ci possa essere un cambio di strategia con spostamento delle operazioni su MXP, sfruttando la chiusura di LIN.
Però purtroppo i segnali non vanno in questa direzione, almeno per il momento.
Anche se io rimango sempre più convinto che prima di tagliare di nuovo la flotta e il network, bisogna provare a spostare l'hub a MXP. Magari non funzionava lo stesso, o magari invece sì.
Invece sembra che (come sempre) anzichè cambiare strategia si perseveri piuttosto in continui tagli, tagli e tagli di flotta e pure di network LR.
Scelte aziendali.

Mattia
Messaggi: 2372
Iscritto il: sab 29 dic 2007, 14:35:09

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda Mattia » mer 29 apr 2020, 23:33:04


E data per certa la scelta di fare hub a FCO, concentrare a Roma i pochi WB potrebbe essere una scelta logica.
Giusto per evitare di passare per un fan di FCO ( :mrgreen: ), aggiungo che se fosse stato scelto come hub MXP (con LIN chiuso), il ragionamento sarebbe stato identico.
A parte che il nuovo managment non si è ancora insidiato, quindi non è detto che ci possa essere un cambio di strategia con spostamento delle operazioni su MXP, sfruttando la chiusura di LIN.
Però purtroppo i segnali non vanno in questa direzione, almeno per il momento.
Anche se io rimango sempre più convinto che prima di tagliare di nuovo la flotta e il network, bisogna provare a spostare l'hub a MXP. Magari non funzionava lo stesso, o magari invece sì.
Invece sembra che (come sempre) anzichè cambiare strategia si perseveri piuttosto in continui tagli, tagli e tagli di flotta e pure di network LR.
Scelte aziendali.
AZ è romana, da da mangiare a moltissime famiglie a Roma direttamente o con l’indotto. La politica la tiene in vita, a Roma, per motivi ben noti. Le possibilità che faccia hub a Milano sono meno di zero. La scelte di AZ sono politiche, non aziendali

KL63
Messaggi: 2714
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda KL63 » gio 30 apr 2020, 08:56:15

Questa mattina altro vergognoso servizio a SKY TG24 a favore di Alitalia con intervista ad assistente di volo che dice che AZ serve per portare turisti, riportare in Italia gli emigrati in giro per il mondo ed italiani a divertirsi all'estero, oltre a riportare a casa le persone bloccate all'estero per il COVID e mascherine in Italia.
Proprio la mission con la quale fallire di nuovo.
Che schifo. Chissà se pagano per questi servizi.

Avatar utente
Tropicalista
Messaggi: 278
Iscritto il: lun 11 mar 2019, 21:46:46
Località: Lomellina

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda Tropicalista » gio 30 apr 2020, 09:19:53


E data per certa la scelta di fare hub a FCO, concentrare a Roma i pochi WB potrebbe essere una scelta logica.
Giusto per evitare di passare per un fan di FCO ( :mrgreen: ), aggiungo che se fosse stato scelto come hub MXP (con LIN chiuso), il ragionamento sarebbe stato identico.
A parte che il nuovo managment non si è ancora insidiato, quindi non è detto che ci possa essere un cambio di strategia con spostamento delle operazioni su MXP, sfruttando la chiusura di LIN.
Però purtroppo i segnali non vanno in questa direzione, almeno per il momento.
Anche se io rimango sempre più convinto che prima di tagliare di nuovo la flotta e il network, bisogna provare a spostare l'hub a MXP. Magari non funzionava lo stesso, o magari invece sì.
Invece sembra che (come sempre) anzichè cambiare strategia si perseveri piuttosto in continui tagli, tagli e tagli di flotta e pure di network LR.
Scelte aziendali.
AZ è romana, da da mangiare a moltissime famiglie a Roma direttamente o con l’indotto. La politica la tiene in vita, a Roma, per motivi ben noti. Le possibilità che faccia hub a Milano sono meno di zero. La scelte di AZ sono politiche, non aziendali
Parole sante Mattia... veramente non capisco come si possa andare avanti a illusioni di avere AZ a Milano.. onestamente, preferirei chiudere gli aeroporti milanesi che avere AZ (pensiero di molti anche qui nel forum fino a poco tempo fa). Anche perchè se AZ è mossa dallo stato a RM non crederete che se viene al nord cambi qualcosa... io andrei avanti per la nostra strada, ora piu in salita che mai!

Avatar utente
Tropicalista
Messaggi: 278
Iscritto il: lun 11 mar 2019, 21:46:46
Località: Lomellina

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda Tropicalista » gio 30 apr 2020, 09:21:14

Questa mattina altro vergognoso servizio a SKY TG24 a favore di Alitalia con intervista ad assistente di volo che dice che AZ serve per portare turisti, riportare in Italia gli emigrati in giro per il mondo ed italiani a divertirsi all'estero, oltre a riportare a casa le persone bloccate all'estero per il COVID e mascherine in Italia.
Proprio la mission con la quale fallire di nuovo.
Che schifo. Chissà se pagano per questi servizi.
lei è stipendiata da AZ, ovviamente ha convenienza a parlare bene dell'azienda che le da "il pane" da portare a casa.

easyMXP
Messaggi: 4475
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda easyMXP » gio 30 apr 2020, 11:31:01

Va bene parlare bene dell'azienda per cui si lavora, ma è possibile che mai, mai, dicano collegare le industrie italiane con il mondo, portare le nostre merci ovunque, fare dell'Italia un perno dei collegamenti in Europa, insomma robe così?
Sempre turisti e paisa', loro stessi non capiscono a cosa serva un "hub carrier" che voglia fare utili.

BAlorMXP
Messaggi: 1725
Iscritto il: dom 14 ott 2007, 12:59:55
Località: MILANO

Re: Brunini: Alitalia non determinante per Nord Italia

Messaggio da leggereda BAlorMXP » gio 30 apr 2020, 12:18:13


E data per certa la scelta di fare hub a FCO, concentrare a Roma i pochi WB potrebbe essere una scelta logica.
Giusto per evitare di passare per un fan di FCO ( :mrgreen: ), aggiungo che se fosse stato scelto come hub MXP (con LIN chiuso), il ragionamento sarebbe stato identico.
A parte che il nuovo managment non si è ancora insidiato, quindi non è detto che ci possa essere un cambio di strategia con spostamento delle operazioni su MXP, sfruttando la chiusura di LIN.
Però purtroppo i segnali non vanno in questa direzione, almeno per il momento.
Anche se io rimango sempre più convinto che prima di tagliare di nuovo la flotta e il network, bisogna provare a spostare l'hub a MXP. Magari non funzionava lo stesso, o magari invece sì.
Invece sembra che (come sempre) anzichè cambiare strategia si perseveri piuttosto in continui tagli, tagli e tagli di flotta e pure di network LR.
Scelte aziendali.
AZ è romana, da da mangiare a moltissime famiglie a Roma direttamente o con l’indotto. La politica la tiene in vita, a Roma, per motivi ben noti. Le possibilità che faccia hub a Milano sono meno di zero. La scelte di AZ sono politiche, non aziendali
Questa è la spiegazione del perché AZ è ancora in vita: è la prima azienda per occupazione del Lazio con il conseguente indotto e nella regione della capitale non ci si può permettere di essere fra i primi per disoccupazione. Ricordiamoci che Linate dal 1998 in poi è sempre stato il cavallo di t*** di Alitalia e della politica nazionale e conseguentemente locale. Sostengo che AZ ha e sempre commetterà il grande errore di pensare che far soccombere B (Milano) per alimentare A (Roma) non ha portato e porterà sempre di più gli HUB europei d'oltralpe ad essere la vera aspirapolvere del Nord. A livello italiano non c'è ne forza ne volontà di intraprendere modelli esteri seri come ad esempio quello spagnolo dove il disimpegno di IB da BCN ha visto dapprima la creazione di Clickair per poi essere inglobata in Vueling ecc. Noi abbiamo sempre visto disomogenei investimenti mirati più a un totale annientamento di chi tentasse di fare sistema a Malpensa. Fondamentalmente siamo provinciali.


Torna a “ALITALIA VISTA DAL SISTEMA LOMBARDO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 23 ospiti