AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

le news su Alitalia
Regole del forum
Luogo dove analizzare la situazione ed il percorso di Alitalia visto dal sistema aeroportuale Lombardo.
Avatar utente
D960
Messaggi: 1419
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda D960 » gio 08 ott 2020, 10:42:17

malpensante ha scritto: gio 08 ott 2020, 09:43:17 Vestager è incapace di idee meno prosaiche, come le "convergenze parallele" di Aldo Moro e, da brava Danese, resta inchiavardata all' "Essere o non essere" del locale principe Amleto.

Essere o non essere la stessa compagnia aerea di prima? Questo non è il dilemma. Alitalia in ogni sua forma non sarà più la stessa e sempre sarà la stessa compagnia aerea fallimentare.

Vestager sta lasciando il guinzaglio troppo lungo, concedendo al Governo italiano di gabbare le regole europee per l'ennesima volta, salvo mettere in scena la solita pantomima non credibile. Il suo dovere sarebbe far rispettare le regole, non mettersi le fette di salame sugli occhi per non vedere.

A me pare invece che per ovvi motivi non vogliano essere additati gli artefici della chiusura di Alitalia. Come biasimarli, d'altronde creerebbe attriti con il governo italiano a livello internazionale in altre politiche e aumenterebbe l'avversione contro l'Unione Europea e perché no, Germania e Olanda da tradizione. Di fatto concedono ad AZ di fare ciò che vogliono perché sanno che si autoestinguerà da sola senza che loro rimettano un centesimo, tanto i soldi sono degli italiani ed è ''cosa loro''. I nuovi intercontinentali aperti sono stati progressivamente chiusi prima del COVID, come Seoul e Santiago del Chile, quelli per il Medio Oriente in epoca CAI, da quando hanno abbandonato l'hub di MXP persino l'est Europa. Hanno più voli nazionali che internazionali e gli aerei sono sempre meno, sebbene il futuro radioso promesso. Ad ogni giro di boa l'azienda viene potata come network anche se il numero dei dipendenti rimarrà lo stesso e si pone il problema degli slot a Linate quando il COVID sarà finito perché se affittano c'è il rischio che si ritrovino la concorrenza nell'Idroscalo. Impossibile che la situazione non imploda prima o poi come nel 2008.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

KL63
Messaggi: 2795
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda KL63 » gio 08 ott 2020, 10:52:44

Se anche creassero la discontinuità richiesta, aranno costretti a chiedere al governo di ridurre gli slot di Linate, non hanno alternative. Solo che dovranno farselo approvare dalla UE dato che il genio Lupi ha inserito il numero di slot nel decreto. E voglio vedere cosa ne penserà la UE.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1807
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda mattaus313 » gio 08 ott 2020, 11:13:17

Però le cose sembrerebbero essere che o cambia completamente o che ripaga gli aiuti.
Non faccio fatica a credere che, dal momento che di fatto deve pagarli allo stesso soggetto che ha messo il capitale...
...troverà un qualche artificio contabile per far risultare il pagamento fatto. Anzi, probabilmente risulteranno pagati dalla badco. Naturalmente fa ridere che pagante e pagato siano la stessa persona, ma si sa come funziona.

E forse anche qui faranno finta di nulla, perché tanto la situazione è nota...

Inviato dal mio ONEPLUS A6013 utilizzando Tapatalk

"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13961
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda malpensante » gio 08 ott 2020, 11:16:35

Alitalia, il commissario Leogrande critica i ritardi del Governo: «La Newco è urgente»
Se non viene costituita rapidamente la nuova società pubblica c’è un problema di continuità aziendale. Cassa ridotta a 260 milioni, inclusi 200 milioni per indennizzi Covid

di Gianni Dragoni
7 ottobre 2020

La farsa della Newco Alitalia, annunciata dal governo ma non costituita, ha preso la scena nell’audizione del commissario della compagnia, Giuseppe Leogrande, alle commissioni riunite Trasporti e Attività produttive della Camera. Il commissario ha sottolineato i ritardi del Governo per la mancata costituzione della nuova società pubblica e i problemi di continuità aziendale di Alitalia nella difficile situazione economico-finanziaria.

Non c’è il decreto per la Newco

Leogrande ha ricordato che aveva segnalato l’opportunità di costituire una Newco già a fine aprile. Il decreto Rilancio in maggio ha previsto una dotazione di 3 miliardi per la Newco, ma il decreto interministeriale che deve costituirla non è stato approvato dal governo. «Ad oggi non mi risulta ancora questo decreto» per la Newco Alitalia, ha detto Leogrande. «Lo aspettiamo tutti a minuti, però è evidente che l’urgenza e l’emergenzialità che avevamo a maggio ce l’abbiamo ancora. Il quadro di riferimento del mercato rende ancora urgente» la Newco. «L’appello che faccio è di dare corso il prima possibile alle previsioni contenute nel decreto legge Rilancio, per assicurare continuità aziendale. Faccio un sollecito perché il percorso di trasferimento alla Newco si realizzi il più rapidamente possibile», ha detto il commissario Alitalia.

Cassa quasi azzerata senza i 200 milioni del fondo Covid

Leogrande ha detto che «la società al 30 settembre aveva in cassa 260 milioni di euro. In questa somma c’è il contributo per 199,45 milioni che abbiamo ricevuto come compensazione per i danni subìti dal Covid, si è trascinato un po’ troppo nel tempo davanti alla Commissione Ue per avere l’autorizzazione. Questo ha creato qualche tensione finanziaria in agosto e settembre».

Chiesti altri 150 milioni di indennizzi

La compagnia - ha detto il commissario - ha già chiesto anche gli altri 150 milioni di indennizzi pubblici previsti per il 2020 (complessivi 350 milioni per Alitalia) per i danni da Covid, «con istanza presentata lunedì» 5 ottobre. «Sollecito una pronta notifica alla Commissione» europea. «Ci sarà bisogno di ottenere anche questa erogazione prima che si sviluppi l’operazione della Newco».

Contrazione dei ricavi di 2,2 miliardi in 9 mesi

Alitalia ha subìto una forte contrazione del traffico e del fatturato. Il direttore generale, Giancarlo Zeni, ha detto che «nei primi nove mesi di quest’anno c’è stata una riduzione di ricavi di 2,2 miliardi e un arretramento di casa di 285 milioni, grazie al sostegno degli interventi Covid, i 199,5 milioni di indennizzo sono stati accreditati il 23 settembre». Zeni ha detto che da quando c’è la pandemia «molte altre compagnie anche più grandi di Alitalia hanno avuto risultati economici peggiori». Il dg ha mostrato rapidamente alcuni grafici ai deputati, i dati erano illeggibili per chi seguiva in videoconferenza l’audizione.

Lo stop ai voli da Malpensa

Diversi parlamentari hanno criticato lo stop dei voli da Malpensa, dal 1° ottobre Alitalia non fa più i voli residui, che avevano destinazione Roma. «A Malpensa avevamo perdite molto significative rispetto a Linate, su cui c’è più domanda. La perdita per ogni passeggero a Linate è del 40% inferiore a Malpensa».

I rimborsi

Sui biglietti venduti e non utilizzati per la cancellazione dei voli Leogrande ha detto che Alitalia ha «rimborsato fino al 30 settembre oltre 265 milioni in biglietti venduti». Ci sono ancora «molte domande di rimborso», il commissario non ha detto a quanto ammontino. «Abbiamo avuto su questo un procedimento dell’Antitrust che si è concluso senza provvedimenti nei confronti della compagnia».

«Alitalia naviga a vista»

Il deputato Giorgio Mulé (Forza Italia) ha chiesto: quanto può andare avanti Alitalia? «Dipende da questa ulteriore richiesta di 150 milioni di indennizzi Covid», ha risposto Leogrande. «C’è urgenza di avere una controparte affidabile a cui affidare le proprie prospettive di sviluppo. L’amministrazione straordinaria, basata su un programma di cessione che scade al 23 marzo 2021, prorogato per legge al 23 settembre, è una società che naviga a vista».

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13961
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda malpensante » gio 08 ott 2020, 11:17:33

La gallina dalle uova d'oro
malpensante ha scritto: gio 08 ott 2020, 11:16:35
Lo stop ai voli da Malpensa

Diversi parlamentari hanno criticato lo stop dei voli da Malpensa, dal 1° ottobre Alitalia non fa più i voli residui, che avevano destinazione Roma. «A Malpensa avevamo perdite molto significative rispetto a Linate, su cui c’è più domanda. La perdita per ogni passeggero a Linate è del 40% inferiore a Malpensa».

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13961
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda malpensante » gio 08 ott 2020, 11:23:26

Se Alitalia perde a Linate il 40% meno che a Malpensa, suggerisco una ricetta per risparmiare anche il 60% di perdita che resta: andarsene da Milano, mantenendo solo i voli Linate-Roma.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1419
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda D960 » gio 08 ott 2020, 11:37:47

Posto che ormai è risaputo che Alitalia non sa affrontare la concorrenza se non con sterili piagnistei, come facciano a perdere il 60% lo sanno solo loro. Per di più in un periodo in cui i vettori a Malpensa manco volavano a pieno regime e ora probabilmente vanno in pareggio anche solo con il cargo. In quel 40% di Linate sono compresi anche i dipendenti in trasferta da Roma per effettuare l'handling? :mrgreen:

E poi: 40-60% de che? Rispetto a cosa? Pere? Mele? Crauti? Seadas? Boooh
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

KittyHawk
Messaggi: 5351
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda KittyHawk » gio 08 ott 2020, 13:28:49

malpensante ha scritto: gio 08 ott 2020, 11:23:26 Se Alitalia perde a Linate il 40% meno che a Malpensa, suggerisco una ricetta per risparmiare anche il 60% di perdita che resta: andarsene da Milano, mantenendo solo i voli Linate-Roma.
Guadagno è un lemma cancellato dal dizionario italiano in uso alla dirigenza Alitalia.

milmxp
Messaggi: 1771
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda milmxp » gio 08 ott 2020, 13:54:05

malpensante ha scritto: gio 08 ott 2020, 11:17:33 La gallina dalle uova d'oro
malpensante ha scritto: gio 08 ott 2020, 11:16:35
Lo stop ai voli da Malpensa

Diversi parlamentari hanno criticato lo stop dei voli da Malpensa, dal 1° ottobre Alitalia non fa più i voli residui, che avevano destinazione Roma. «A Malpensa avevamo perdite molto significative rispetto a Linate, su cui c’è più domanda. La perdita per ogni passeggero a Linate è del 40% inferiore a Malpensa».
A Malpensa però hanno volato durante il lockdown e fino a fine luglio (e per un periodo con obbligo di posti alternati). Ad agosto e settembre gli italiani si sono mossi di più. Se tanto mi dà tanto...

grandemilano
Messaggi: 1475
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda grandemilano » gio 08 ott 2020, 15:51:21

malpensante ha scritto: gio 08 ott 2020, 11:23:26 Se Alitalia perde a Linate il 40% meno che a Malpensa, suggerisco una ricetta per risparmiare anche il 60% di perdita che resta: andarsene da Milano, mantenendo solo i voli Linate-Roma.
Dire che su Malpensa perde il 60 % in più che a Linate vuol dire tutto e niente. A parte che sarebbe interessante sapere anche la perdita di Fiumicino.
E poi: 60 % rispetto a che cifra? Perche se perde 60 % rispetto a 100 euro sono 160 euro di perdita. Se invece su Malpensa perdono il 60 % in più rispetto a una cifra di 10 euro, vuol dire che perdono 16 euro a passeggero. Che sarebbero una perdita gestibilissima.

easyMXP
Messaggi: 4629
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda easyMXP » gio 08 ott 2020, 16:09:31

Ma bisogna fare un caso di tutto?
Gli hanno chiesto il motivo dell'abbandono di MXP, la risposta è che i voli andavano peggio che a LIN.
I voli perdono a LIN? C'è qualcuno che guadagna in questo momento? I voli li fanno tutti per perdere meno che a tenere fermi gli aerei, ma le aziende sono tutte in perdita quindi i voli stessi sono in perdita, perché sui voli residui si scaricano i costi indiretti del tenere ferma buona parte dell'attività. A meno di voler prendere i ricavi di adesso e i cask di un anno fa, qualche rotta in utile ci sarà pure ma nella maggior parte dei casi perdono meno che a tenere fermo aereo e personale, ma perdono.

KittyHawk
Messaggi: 5351
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda KittyHawk » gio 08 ott 2020, 16:20:40

Per chi fosse interessato è disponibile l'audizione di Leogrande e Zeni di ieri alla Camera dei Deputati. Grande snocciolatura di cifre e informazioni varie su AZ.
http://webtv.camera.it/evento/16844

Avatar utente
D960
Messaggi: 1419
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda D960 » gio 08 ott 2020, 16:34:22

KittyHawk ha scritto: gio 08 ott 2020, 16:20:40 Per chi fosse interessato è disponibile l'audizione di Leogrande e Zeni di ieri alla Camera dei Deputati. Grande snocciolatura di cifre e informazioni varie su AZ.
http://webtv.camera.it/evento/16844
Mai che l'audio fosse decente
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

spanna
Messaggi: 3338
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda spanna » gio 08 ott 2020, 18:09:34

secondo dagospia caio vuole dimettersi dalla presidenza di alitalia, a cui peraltro non e' stato ancora ufficialmente nominato.
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...One...

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13961
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda malpensante » gio 08 ott 2020, 18:37:08

Chiedevo sabato ad un’amica mia e sua che gli fosse passato per la testa di accettare una fregatura come la presidenza di AZ. Cimoli si è beccato qualche anno di galera, per aver fatto quello che voleva il
Governo.

spanna
Messaggi: 3338
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda spanna » ven 09 ott 2020, 08:07:28

L’attesa per l’Alitalia di Stato sembra finita. Il via libera al decreto sulla Newco, secondo fonti ministeriali, è stato dato ieri in tarda serata dopo un estenuante e per certi verso paradossale braccio di ferro sulle nomine. La soluzione trovata, visto lo scontro durissimo tra 5Stelle, Pd e Italia Viva, ricalca in pieno il famoso manuale Cencelli. Schema che, proprio per soddisfare tutti gli appetiti dei partiti, non faceva altro che moltiplicare le poltrone nelle società pubbliche allo scopo di non scontentare nessuno. Così, seguendo un sentiero ben conosciuto ai tempi della prima Repubblica, i posti nel board della compagnia tricolore sono passati magicamente da 7 a 9, mettendo fine d’incanto ai veti incrociati e ad una tensione che aveva raggiunto livelli di guardia.

Tant’è che sempre ieri si era diffusa la voce, riportata da Dagospia, che il presidente designato Francesco Caio, stanco del tira e molla, avesse addirittura intenzione di abbandonare il campo. Dimissioni, ed è questo il punto davvero paradossale, tecnicamente impossibili visto che Caio, come l’ad Fabio Lazzerini, sono stati solo designati su Facebook da Palazzo Chigi, senza nessun provvedimento formalmente valido. Ora, salvo sorprese, insieme al decreto arriverà anche il bollino ufficiale sugli incarichi di vertice. Se Caio, un tecnico molto valido, è considerato vicino al premier, essendo stato scelto proprio da Giuseppe Conte, Lazzerini viene invece stimato da ambienti Pd. Quanto al resto del cda, ci sarà un esponente indicato da Italia Viva, mentre le altre poltrone saranno divise tra pentastellati e democrat. Una partita che sarà comunque aperta fino all’ultimo istante, visto che a Palazzo Chigi si stanno esaminando a fondo le eventuali incompatibilità.


A SCELTA
Dopo le polemiche dei giorni scorsi e il pressing del sindacato, sarebbe stato proprio Palazzo Chigi a sciogliere il nodo, moltiplicando i posti pur di chiudere il dossier, anzi il caso Alitalia che, come noto, si trascina da 4 mesi e 9 giorni, da quando cioè a giugno il ministro dello Sviluppo, Stefano Patuanelli, annunciò l’imminente costituzione della nuova società. Da allora il vettore tricolore, complice la gravissima crisi innescata dalla pandemia, non ha fatto altro che perdere quota, continuando a bruciare oltre 2 milioni di euro al mese. Il taglio delle rotte interne e internazionali, la chiusura di Malpensa e la rinuncia a rilanciare il settore cargo hanno ulteriormente indebolito la compagnia che ha in cassa poco più di 260 milioni e ha già speso per far fronte alla crisi oltre un miliardo dei vari prestiti-ponte statali. 
I ritardi della politica hanno aggravato il tutto e non sarà facile per Caio e Lazzerini, una volta approvato il decreto, risalire la china. «Penso che ormai ci siamo», ha detto l’ad parlando ll’EY Capri Digital Summit “A New Brave World”. «Aspettiamo - ha aggiunto - solo che ci diano le chiavi e poi partiamo». Ma il decollo non sarà rapido. 

LE TAPPE
Va infatti messo a punto il piano industriale che prevede, a grandi linee, circa 90-100 aerei a regime e 6.300-6.500 dipendenti, con la creazione di società ad hoc per il settore volo, terra e manutenzione sul modello di Air Portugal. Ci vorranno comunque altri 30 giorni per andare in Parlamento e presentare la strategia di sviluppo. Poi bisognerà informare ufficialmente la Commissione Ue per avere l’ok finale.
Insomma, sempre che non ci siano altri intoppi, i primi aerei con la livrea della nuova Alitalia voleranno solo nel prossimo anno. «Alcune cose si possono fare adesso - dice Lazzerini, riferendosi alla flotta - perché per la prima volta nella storia non siamo in un mercato espansivo e possiamo trattare con i produttori». Quindi si punterà sul lungo raggio e nuove alleanze. Lufthansa e Delta sono pronte a darsi battaglia, mentre verrà sviluppata l’integrazione con le Ferrovie dello Stato
https://www.ilmessaggero.it/economia/ne ... 11868.html
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...One...

romaneeconti
Messaggi: 2218
Iscritto il: sab 12 set 2015, 00:14:48

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda romaneeconti » ven 09 ott 2020, 09:25:32

davvero un cancro inestirpabile. Il covid miete vittime e fallimenti imprenditoriali da un lato, mentre dall'altro assistiamo inermi a ogni tipo di escamotage per tenere in piedi Alitalia. E la gente continua a votare e credere nella politica. Avanti cosi' di bene in meglio. Evviva.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1419
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda D960 » ven 09 ott 2020, 10:03:10

spanna ha scritto: ven 09 ott 2020, 08:07:28 Così, seguendo un sentiero ben conosciuto ai tempi della prima Repubblica, i posti nel board della compagnia tricolore sono passati magicamente da 7 a 9, mettendo fine d’incanto ai veti incrociati e ad una tensione che aveva raggiunto livelli di guardia.
:whistle: Aggiungi un posto a tavola
che c’è un amico in più
se sposti un po’ la seggiola
stai comodo anche tu :whistle:
spanna ha scritto: ven 09 ott 2020, 08:07:28 Tant’è che sempre ieri si era diffusa la voce, riportata da Dagospia, che il presidente designato Francesco Caio, stanco del tira e molla, avesse addirittura intenzione di abbandonare il campo. Dimissioni, ed è questo il punto davvero paradossale, tecnicamente impossibili visto che Caio, come l’ad Fabio Lazzerini, sono stati solo designati su Facebook da Palazzo Chigi, senza nessun provvedimento formalmente valido. Ora, salvo sorprese, insieme al decreto arriverà anche il bollino ufficiale sugli incarichi di vertice. Se Caio, un tecnico molto valido, è considerato vicino al premier, essendo stato scelto proprio da Giuseppe Conte, Lazzerini viene invece stimato da ambienti Pd. Quanto al resto del cda, ci sarà un esponente indicato da Italia Viva, mentre le altre poltrone saranno divise tra pentastellati e democrat. Una partita che sarà comunque aperta fino all’ultimo istante, visto che a Palazzo Chigi si stanno esaminando a fondo le eventuali incompatibilità.
''Fuggi sciocco'', cit.

spanna ha scritto: ven 09 ott 2020, 08:07:28 Il taglio delle rotte interne e internazionali, la chiusura di Malpensa e la rinuncia a rilanciare il settore cargo hanno ulteriormente indebolito la compagnia che ha in cassa poco più di 260 milioni e ha già speso per far fronte alla crisi oltre un miliardo dei vari prestiti-ponte statali.
Indebolimento? L'operatività del nazionale è pari all'81% come detto in audizione due giorni fa. Per Malpensa sono statiechiuse Tokyo, ormai non più in joint venture ma pur sempre in Sky Team e Roma FCO, roba di poco conto, anzi ci sarebbe da festeggiare dato che le perdite su Milano MXP erano del 60%, quindi il problema non si pone, giusto? Ma poi la New York JFK non era la gallina dalle uova d'oro, la rotta dove guadagnavano fior di milioni? Altro che la Caracas.

spanna ha scritto: ven 09 ott 2020, 08:07:28 I ritardi della politica hanno aggravato il tutto e non sarà facile per Caio e Lazzerini, una volta approvato il decreto, risalire la china. «Penso che ormai ci siamo», ha detto l’ad parlando ll’EY Capri Digital Summit “A New Brave World”. «Aspettiamo - ha aggiunto - solo che ci diano le chiavi e poi partiamo». Ma il decollo non sarà rapido.
Ritardi anche per colpa vostra dato che bisognava decidere le nomine, insomma quisquilie.
spanna ha scritto: ven 09 ott 2020, 08:07:28 LE TAPPE
Va infatti messo a punto il piano industriale che prevede, a grandi linee, circa 90-100 aerei a regime e 6.300-6.500 dipendenti, con la creazione di società ad hoc per il settore volo, terra e manutenzione sul modello di Air Portugal. Ci vorranno comunque altri 30 giorni per andare in Parlamento e presentare la strategia di sviluppo. Poi bisognerà informare ufficialmente la Commissione Ue per avere l’ok finale.
Non mi pare Air Portugal sia l'unica ad aver la suddetta suddivisione.
spanna ha scritto: ven 09 ott 2020, 08:07:28 Insomma, sempre che non ci siano altri intoppi, i primi aerei con la livrea della nuova Alitalia voleranno solo nel prossimo anno.
Meno male, mi stavo già allarmando. Le divise devono essere rifornite ai dipendenti ogni due anni, direi che ci siamo quindi. Mi raccomando, che si mantenga anche l'Air One vecchio con il sito web ancora presente, è così amarcord.
spanna ha scritto: ven 09 ott 2020, 08:07:28 «Alcune cose si possono fare adesso - dice Lazzerini, riferendosi alla flotta - perché per la prima volta nella storia non siamo in un mercato espansivo e possiamo trattare con i produttori».
Ricapitolando: Pechino chiusa, Santiago Del Chile chiusa, Seoul chiusa, Johannesburg e Delhi erano in odore di santità. Direi che c'è ben poco da espandere. In ogni caso se dovessero ricevere gli aerei nuovi si lamenterebbero che i prezzi dei leasing troppo alti e via di nuovo al solito refrain.

spanna ha scritto: ven 09 ott 2020, 08:07:28 Lufthansa e Delta sono pronte a darsi battaglia, mentre verrà sviluppata l’integrazione con le Ferrovie dello Stato
Delta talmente interessata che aveva piazzato un Boston 2xd con proprio metallo nel picco della Summer 2020, una generosità che commuoverebbe persino Madre Teresa di Calcutta. Lufthansa di Roma se ne fa ben poco e manco l'hanno capito.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

KittyHawk
Messaggi: 5351
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda KittyHawk » ven 09 ott 2020, 10:10:31

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, e che era stato anticipato dal Fatto Quotidiano, questi sono i nomi del CdA:

Francesco Caio, Presidente
Fabio Maria Lazzerini, Amministratore delegato
Alessandra Fratini (legale specializzata nel Diritto comunitario)
Cristina Girelli (già in Alitalia ora in Air Italy, l’ex Meridiana finita in liquidazione lo scorso febbraio)
Simonetta Giordani (ex Autostrade)
Lelio Fornabaio (commercialista)
Silvio Martuccelli (avvocato e docente di Diritto civile alla Luiss)
Frances Ouseley (ex numero uno di easyJet Italia)
Angelo Piazza (ex magistrato del Tar)

Nomi confermati al Corriere da due fonti ministeriali.

grandemilano
Messaggi: 1475
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda grandemilano » ven 09 ott 2020, 10:53:10

KittyHawk ha scritto: ven 09 ott 2020, 10:10:31 Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, e che era stato anticipato dal Fatto Quotidiano, questi sono i nomi del CdA:

Francesco Caio, Presidente
Fabio Maria Lazzerini, Amministratore delegato
Alessandra Fratini (legale specializzata nel Diritto comunitario)
Cristina Girelli (già in Alitalia ora in Air Italy, l’ex Meridiana finita in liquidazione lo scorso febbraio)
Simonetta Giordani (ex Autostrade)
Lelio Fornabaio (commercialista)
Silvio Martuccelli (avvocato e docente di Diritto civile alla Luiss)
Frances Ouseley (ex numero uno di easyJet Italia)
Angelo Piazza (ex magistrato del Tar)

Nomi confermati al Corriere da due fonti ministeriali.
C'è il commercialista, l'avvocato, il magistrato. Manca solo la mia vicina casalinga.
Poi magari ci rimettiamo Schisano così arrivano a 11. E possono pure giocare a calcio

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13961
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda malpensante » ven 09 ott 2020, 11:45:15

Solo non si vedono i due liocorni.

KittyHawk
Messaggi: 5351
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda KittyHawk » ven 09 ott 2020, 12:05:17

Leggendo i vari curricula, cosa hanno fatto e cosa stanno facendo, si scoprono cose interessanti.

Avatar utente
cesare.caldi
Messaggi: 6025
Iscritto il: lun 15 ott 2007, 22:55:42

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda cesare.caldi » ven 09 ott 2020, 15:58:20

KittyHawk ha scritto: ven 09 ott 2020, 12:05:17 Leggendo i vari curricula, cosa hanno fatto e cosa stanno facendo, si scoprono cose interessanti.
Ad esempio?

belumosi
Messaggi: 3113
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda belumosi » ven 09 ott 2020, 17:35:18

malpensante ha scritto: ven 09 ott 2020, 11:45:15 Solo non si vedono i due liocorni.
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

KittyHawk
Messaggi: 5351
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: AZ ennesimo cambio della guardia 29 Giugno 2020

Messaggio da leggereda KittyHawk » ven 09 ott 2020, 17:41:31

cesare.caldi ha scritto: ven 09 ott 2020, 15:58:20
KittyHawk ha scritto: ven 09 ott 2020, 12:05:17 Leggendo i vari curricula, cosa hanno fatto e cosa stanno facendo, si scoprono cose interessanti.
Ad esempio?
Alessandra Fratini: esperta nella legislazione europea sulla concorrenza, compresi i regolamenti sulla competizione nei pubblici servizi e gli aiuti di Stato, ha affrontato casi davanti alla Commissione europea e alle Corti europee.

Cristina Girelli: esperienza nelle amministrazioni straordinarie.

Simonetta Giordani: diciamo lobbista che facciamo prima; è stata anche Sottosegretario di Stato con delega al turismo e presidente del Comitato per la Remunerazione e le Nomine del Gruppo Ferrovie dello Stato.

Lelio Fornabaio: fermiamoci al momento attuale: Presidente del Collegio Sindacale e Sindaco di Atlantia S.p.A., ADR Mobility S.r.l. del Gruppo Atlantia, Italferr S.p.A., Mercitalia Rail S.r.l. e Busitalia Campania S.p.A. del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Revisore dei Conti della Scuola dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Conferenza Episcopale Italiana (CEI) (solo per citare alcuni degli incarichi che copre).

Silvio Martuccelli: professore universitario, ha insegnato Diritto privato europeo e su nomina della Banca d’Italia, è stato componente del Comitato di Sorveglianza di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio in Amministrazione Straordinaria e di Prisma S.G.R. in Amministrazione Straordinaria; interessante, almeno dal titolo, un suo scritto in Riv. dir. comm., 1, 2017: "Mala gestio e responsabilità".

Frances Ouseley: non credo abbia bisogno di presentazioni.

Angelo Piazza: un ex magistrato del Tar può sempre tornare utile per muoversi.

Insomma a prima vista si preparano per una nuova amministrazione straordinaria, contenziosi vari e aiutini politici. Aspettiamo e vediamo.

Non so se Lelio Fornabaio sia parente di Francesco Fornabaio (R.I.P.), che ho avuto occasione di veder volare diversi anni fa, apprezzandolo tantissimo.
Per chi non avesse mai visto Francesco Fornabaio in azione:
https://youtu.be/MIyW5g-Lwnk


Torna a “ALITALIA VISTA DAL SISTEMA LOMBARDO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti