Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

le news su Alitalia
Regole del forum
Luogo dove analizzare la situazione ed il percorso di Alitalia visto dal sistema aeroportuale Lombardo.
Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26529
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda I-Alex » lun 04 gen 2021, 18:47:15

@mattaus313

È la tua opinione, credo che tutti gli altri o quasi la pensino diversamente. A mio parere avere hub a Milano, chiuso Linate, funzionerebbe molto meglio che a Roma, ceteris paribus. Poi ci sarebbe molto, ma molto altro da fare, ma sarebbe un buon passo avanti nella direzione giusta.
pensa che quegli imbecilli di KLM ci avrebbero persino fatto un super hub coi contro fiocchi se Linate fosse stato chiuso... Per fortuna noi abbiamo Alitalia e Linate, altro che farci la chemio, siamo già alla quarta eutanasia ma tant'è Immagine
Malpensa airport user

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1807
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda mattaus313 » lun 04 gen 2021, 18:58:20

Per me può anche chiudere domani, non c'è nessun problema. Basta che il costo di eventuali sussidi annui erogati ad occupati diretti più indotto non superi l'ammontare delle perdite generate dalla stessa Alitalia nell'esercizio, altrimenti oltre al danno pure la beffa. Per non parlare degli aspetti macroeconomici, che alla politica che muove i fili interessano molto più delle vacche sacre romane.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

milmxp
Messaggi: 1723
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda milmxp » lun 04 gen 2021, 19:32:45

Per me può anche chiudere domani, non c'è nessun problema. Basta che il costo di eventuali sussidi annui erogati ad occupati diretti più indotto non superi l'ammontare delle perdite generate dalla stessa Alitalia nell'esercizio, altrimenti oltre al danno pure la beffa. Per non parlare degli aspetti macroeconomici, che alla politica che muove i fili interessano molto più delle vacche sacre romane.
Se fosse come dici tu, a quest'ora ci troveremmo due Hub di cui uno, MXP, al pari di un Monaco.
Ma non noti che ti contraddici da solo?

Avatar utente
D960
Messaggi: 1361
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda D960 » lun 04 gen 2021, 20:10:52

A monte di tutti gli atti di onanismo mentali che una persona può farsi, il punto è uno solo, ovvero se a SEA e alla Lombardia, nonché alla politica nazionale, interessi avere o meno un hub carrier, quindi l'appoggio che ne consegue. Tutto il resto, è noia.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

Mattia
Messaggi: 2399
Iscritto il: sab 29 dic 2007, 14:35:09

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda Mattia » lun 04 gen 2021, 20:12:00

Anche la medicina potrebbe tentare di curare i malati di tumore con metodi alternativi come il bicarbonato di sodio, la Coca Cola Light o gli impacchi di ortiche, invece guarda te che idioti si ostinano sulla chemio. Questo dimostra la visione limitata che hanno i medici. Mica il fatto che hanno studiato e certe cose evidentemente non hanno alcun senso evidente (non solo logico) per la propria materia di riferimento.
Ti rendo noto ci sono altre cure oltre alla chemio per i tumori, spesso anche più proficue

Avatar utente
AMMINISTRAZIONE
Site Admin
Messaggi: 228
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 10:53:37

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda AMMINISTRAZIONE » mar 05 gen 2021, 07:15:57

Si invitano gli utenti a rimanere in argomento Alitalia senza inopportuni paragoni alle persone malate o alle cure per tumori, la delicatezza di quest'ultimi possono urtare la sensibilità di qualcuno e riteniamo il paragone decisamente fuori luogo.

Grazie
for info, mailto: aeroportilombardi @ virgilio.it (senza spazi)
ImmagineImmagineImmagine

easyMXP
Messaggi: 4577
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda easyMXP » mar 05 gen 2021, 09:20:49

E giustamente, siccome siamo tutti stanchi di buttare soldi in Alitalia, facciamogli fare hub dove non c'è al momento alcuna ragione ne pratica ne tanto meno teorica, secondo la quale questa potrebbe perdere di meno.
Chiuderla proprio no, eh?
No, perché deve finire alla sua amata LH, con hub a FCO, ovviamente.

spanna
Messaggi: 3283
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda spanna » mar 05 gen 2021, 09:22:11

Per me può anche chiudere domani, non c'è nessun problema. Basta che il costo di eventuali sussidi annui erogati ad occupati diretti più indotto non superi l'ammontare delle perdite generate dalla stessa Alitalia nell'esercizio, altrimenti oltre al danno pure la beffa. Per non parlare degli aspetti macroeconomici, che alla politica che muove i fili interessano molto più delle vacche sacre romane.
se calcoli che alitalia perde oltre mezzo miliardo all'anno e che il costo a bilancio dei suoi dipendenti e' circa lo stesso, capisci da solo che il costo di lasciarli a casa e' molto inferiore rispetto alle perdite.
Poi il tuo argomento non avrebbe senso neanche se le perdite fossero molto piu' piccole. Se avesse senso, lo stato dovrebbe immediatamente comprare tutte le attivita' in perdita per farle continuare a lavorare in perdita, perche' allo stato costa di piu' chiuderle che mantenerle in perdita. Capisci che questa cosa non ha senso, giusto?
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...One...

Avatar utente
Tropicalista
Messaggi: 299
Iscritto il: lun 11 mar 2019, 21:46:46
Località: Lomellina

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda Tropicalista » mar 05 gen 2021, 10:47:21

Comunque, Linate rimane, Alitalia idem, e Malpensa non è un hub carrier, e sopratutto non c'è nessuna compagnia che attualmente ha intenzione di insediarsi.
Per le rotte domestiche (parlo per me) e anche le europee fino a max 2h di viaggio, io non cercherò mai le major, perchè per un paio d'ore posso benissimo spendere la metà o un terzo del biglietto e risparmiare. Perchè pagare di più? per avere spremuta d'arancia e bicchieri di cristallo?
ma chissenefrega.
Meglio spendere poco.
Per un MXP-NAP,MXP-FCO/CIA, o che ne so... MXP-PMO, ma va benissimo un easyjet o ryanair, e vince chi mi da il prezzo minore...
(e credo che come me, la pensano 3/4 degli utenti...)

milmxp
Messaggi: 1723
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda milmxp » mar 05 gen 2021, 11:54:14

Comunque, Linate rimane, Alitalia idem, e Malpensa non è un hub carrier, e sopratutto non c'è nessuna compagnia che attualmente ha intenzione di insediarsi.
Per le rotte domestiche (parlo per me) e anche le europee fino a max 2h di viaggio, io non cercherò mai le major, perchè per un paio d'ore posso benissimo spendere la metà o un terzo del biglietto e risparmiare. Perchè pagare di più? per avere spremuta d'arancia e bicchieri di cristallo?
ma chissenefrega.
Meglio spendere poco.
Per un MXP-NAP,MXP-FCO/CIA, o che ne so... MXP-PMO, ma va benissimo un easyjet o ryanair, e vince chi mi da il prezzo minore...
(e credo che come me, la pensano 3/4 degli utenti...)
Se intendi che non voli necessariamente con le major ti do ragione; se invece dici che non cerchi le major a prescindere, il discorso non è del tutto vero. Io ho fatto un viaggio con Iberia e, per volare alle stesse condizioni, avrei speso di più con easyJet. Con Ryanair c'era la questione del bagaglio piccolo e, alle stesse condizioni con cui ho volato con Iberia, avrei speso sostanzialmente uguale.
Che poi ormai non ci sia differenza viaggiare con le une o con le altre, almeno in Europa, son d'accordo. Ma siamo OT.

Avatar utente
Tropicalista
Messaggi: 299
Iscritto il: lun 11 mar 2019, 21:46:46
Località: Lomellina

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda Tropicalista » mar 05 gen 2021, 11:56:54

Comunque, Linate rimane, Alitalia idem, e Malpensa non è un hub carrier, e sopratutto non c'è nessuna compagnia che attualmente ha intenzione di insediarsi.
Per le rotte domestiche (parlo per me) e anche le europee fino a max 2h di viaggio, io non cercherò mai le major, perchè per un paio d'ore posso benissimo spendere la metà o un terzo del biglietto e risparmiare. Perchè pagare di più? per avere spremuta d'arancia e bicchieri di cristallo?
ma chissenefrega.
Meglio spendere poco.
Per un MXP-NAP,MXP-FCO/CIA, o che ne so... MXP-PMO, ma va benissimo un easyjet o ryanair, e vince chi mi da il prezzo minore...
(e credo che come me, la pensano 3/4 degli utenti...)
Se intendi che non voli necessariamente con le major ti do ragione; se invece dici che non cerchi le major a prescindere il discorso non è vero. Io ho fatto un viaggio con Iberia e, per volare alle stesse condizioni, avrei speso di più con easyJet.
Che poi ormai non ci sia differenza viaggiare con le une o con le altre, almeno in Europa, son d'accordo. Ma siamo OT.
Personalmente cerco sempre il prezzo minore, e sempre l'ho trovato tra le low cost.
Credo che sia lo stesso ragionamento della stra grande maggioranza dei passeggeri, anche per questo Alitalia fa fatica.. ma farebbe fatica a linate, come a Ciampino, Bergamo ecc ecc... perchè la concorrenza è spietata

milmxp
Messaggi: 1723
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda milmxp » mar 05 gen 2021, 11:59:21

Comunque, Linate rimane, Alitalia idem, e Malpensa non è un hub carrier, e sopratutto non c'è nessuna compagnia che attualmente ha intenzione di insediarsi.
Per le rotte domestiche (parlo per me) e anche le europee fino a max 2h di viaggio, io non cercherò mai le major, perchè per un paio d'ore posso benissimo spendere la metà o un terzo del biglietto e risparmiare. Perchè pagare di più? per avere spremuta d'arancia e bicchieri di cristallo?
ma chissenefrega.
Meglio spendere poco.
Per un MXP-NAP,MXP-FCO/CIA, o che ne so... MXP-PMO, ma va benissimo un easyjet o ryanair, e vince chi mi da il prezzo minore...
(e credo che come me, la pensano 3/4 degli utenti...)
Se intendi che non voli necessariamente con le major ti do ragione; se invece dici che non cerchi le major a prescindere il discorso non è vero. Io ho fatto un viaggio con Iberia e, per volare alle stesse condizioni, avrei speso di più con easyJet.
Che poi ormai non ci sia differenza viaggiare con le une o con le altre, almeno in Europa, son d'accordo. Ma siamo OT.
Personalmente cerco sempre il prezzo minore, e sempre l'ho trovato tra le low cost.
Credo che sia lo stesso ragionamento della stra grande maggioranza dei passeggeri, anche per questo Alitalia fa fatica.. ma farebbe fatica a linate, come a Ciampino, Bergamo ecc ecc... perchè la concorrenza è spietata
Sì. C'era lo stesso problema anche ai tempi dell'hub a MXP, dove per volare con AZ dovevi venderti un organo. O le coincidenze costavano meno via FCO (caso strano) che via MXP.
Poi il problema di AZ è che a Linate è molto limitata come prodotto, ossia come destinazioni offerte.
Ricordo un aneddoto di un mio amico, certo è un caso che non fa statistica, ma direi che rende bene l'idea.
Sabato mattina. Ore 7.00. Linate-Frankfurt.
AZ: 6 pax.
LH: 150 pax (non so se fossero 150 oppure me l'ha detto come per dire c'erano un sacco di passeggeri, comunque era bello pienotto).
Perché?
Perché da Linate con AZ puoi andare solo a Francoforte: c'erano infatti il mio amico e i suoi colleghi che andavano per un'urgenza e le altre persone penso che o andavano a farsi il weekend (svago/lavoro) o rientravano con il volo del sabato mattina dopo il venerdì passato a Milano.
Con quel volo di LH invece puoi andare nella provincia tedesca, nel nord Europa, in Russia, in Nord America. Per dire.
E lo stesso vale per tutti gli altri operatori (BA, AF, KL, IB con le rispettive destinazioni).
AZ offre mero ptp e deve accontentarsi di quel traffico. La cosa è peggiorata poi quando AZ ha litigato con AF-KL e ha tolto tutti i code share.
Che poi sia spendente non lo metto in dubbio, ma ne vale la pena quando il 75% del bacino di traffico cerca il volo ptp che costa meno e prende le low cost che poi macinano soldi a palate?
AZ non fa quello che fa una normale compagnia aerea, ossia connettere il suo Paese da tante origini e con quante più destinazioni possibili, perché lo fanno gli altri (low cost sull'Europeo e major sull'intercontinentale).
Ultima modifica di milmxp il mar 05 gen 2021, 12:19:58, modificato 3 volte in totale.

gabbozzo
Messaggi: 371
Iscritto il: mer 10 ott 2018, 19:12:34

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda gabbozzo » mar 05 gen 2021, 12:12:06

[...]
Verosimilmente i passeggeri di FCO, NAP e parte di SUF e BRI potrebbero optare per il treno, chi dista più di due ore e trenta (ovvero fuori dal bacino d'utenza secondo SEA, non secondo me) potrebbe andare altrove come anche il bridge ha adeguatamente dimostrato. Questo vuol dire che uno di Brescia potrebbe preferire Verona e uno di Parma potrebbe preferire Bologna. E non importa quante persone sia ma quanto queste persone pagano, e parliamo di realtà dove di certo clientela potenzialmente altospendente non manca. Pochi? Tanti? Sicuramente più di quanto sia la mole di ricavi che Alitalia può permettersi di perdere, cioè zero.
[...]
Alitalia per com'è ahimè Linate ad oggi dovrebbe mirare non tanto a farlo chiudere quanto a ridurlo in misura tale da intercettare quel poco di domanda che "paga". Ma sacrificare il contesto dove potenzialmente Alitalia perde di meno in favore di uno dove tra le FSC ci sono stati più morti che feriti scusa ma no.
Concordo.
Se Linate chiude gli 8 milioni di pax storici, come si diceva in altri post, verosimilmente finiranno in maggior parte a MXP, un'altra parte a BGY (dove potrebbero attivare voli anche le FSC), una quota si converte alla ferrovia (verso Roma e Napoli principalmente ma non escluderei altro più a sud o in adriatica) ed altri voleranno da BLQ e VRN (penso agli utenti bresciani, mantovani ed emiliani). Sarebbe interessante fare dei ragionamenti con dei numeri.
Certo è che per AZ a MXP vorrebbe dire perdita secca di una quota di clienti e mediamente più altospendenti che quelli di MXP e BGY.
Bisogna domandarsi se, chiuso Linate, ci sarebbe una FSC a Malpensa oppure no. La risposta potrebbe essere sì soltanto se la medesima linea aerea facesse voli intercontinentali, perché nei voli point-to-point una FSC è perdente e a Milano sono più che presenti tutte le low cost.

Tutto rimanda alla decisione politica se avere o no una linea aerea che faccia hub a Milano. La mia sensazione, che tende alla certezza, è che la politica non voglia avere concorrenti al sempre fallimentare hub Alitalia a Roma, perché i dipendenti romani di Alitalia sono vacche sacre.
Concordo 2.
Senza hub carrier a Malpensa la chiusura di Linate è sostanzialmente un favore alle ferrovie ..che potrebbe essere anche lecito visto che per lo meno hanno i bilanci a posto e fanno servizio pubblico per davvero. ;-)
Fare hub a Malpensa per AZ sarebbe credo l'unica via per provare a sopravvivere e recupere gli utenti (e magari le perdite) causate dall'abbandono di Linate. Ovviamente avviare un hub è cosa ben complessa ed onerosa (vedi le analisi che si facevano qui sul forum riguardo AirItaly) ed aggiunge ulteriore rischio all'operazione che è ben distante dalla certezza di successo.

Poi ripeto: concordo in pieno sul fatto che quest'anno c'era l'occasione storica di tentare qualcosa di diverso. Tanto non avevano nulla da perdere, ma non ritengo sia così automatico il successo dell"'operazione Malpensa".
L'alternativa era trasformarsi in low cost ed aprire un po' di basi in giro per l'Italia come fa Wizzair e far trovare il terreno occupato al momento della ripresa.. anche questo piano tutt'altro che di successo garantito.

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 13723
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda malpensante » mar 05 gen 2021, 12:25:29

Personalmente cerco sempre il prezzo minore, e sempre l'ho trovato tra le low cost.
Io non cerco necessariamente il prezzo minore*, comunque l'anno scorso volevo andare a Dublino e ho comprato un biglietto con Aer Lingus, che costava meno di Ryanair.
Volo cancellato, soldi restituiti dopo qualche mese, peraltro.


* Non mi passa nemmeno per l'anticamera del cervello di aspettare mezz'ora il Malpensa Express per Cadorna a tarda sera, quello per Centrale non lo prendo neanche in considerazione, così come il taxi Malpensa-Milano e a pesare è il costo del parcheggio a MXP. Se sommandolo al costo del biglietto non arrivo a molta differenza da un volo da Linate scelgo Linate, naturalmente a parità di scali e orari.

easyJet è sempre la mia ultima scelta, perché al T2 non ci sono lounge. Con chiunque altro al T1, a Linate e a BGY si entra in lounge con la Priority Pass.

romaneeconti
Messaggi: 2203
Iscritto il: sab 12 set 2015, 00:14:48

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda romaneeconti » mar 05 gen 2021, 12:45:24

Io normalmente volo parecchio ogni anno, mediamente un centinaio di volte e mai (un paio di volte con U2 negli ultimi dieci anni) ho preso le LC. Naturalmente la scelta dipende dagli itinerari nel mio caso, una decina di IC all'anno, poco nazionale (anche perche' fino a Napoli utilizzo l'AV) e molto sulle grandi citta' europee (Parigi in primis e molto su MUC e FRA e Scandinavia). Non e' vero che i prezzi sono sempre a vantaggio delle LC, non certo sulle grandi citta' europee. U2 su CDG e' sempre e dico sempre piu' cara di AF a meno che non si scelga di rientrare a Mxp con l'ultimo operativo della sera intorno alle 23.30 oppure il primo volo alle 6.30 del mattino quando gli operativi sempre assai ballerini lo prevedono. Non menziono neanche poi i vantaggi derivanti dai programmi FF (specie con LH) per l"elasticita'" concessa ai pax sul bagaglio a bordo invece che in stiva (quando volo in business molte volte grazie agli upgrade dell'ultimo minuto al gate o in lounge e non parliamo poi delle riprotezioni.... Nel mio caso e per le mie esigenze proprio non ho interesse a utilizzare le LC. Anche su Budapest che e' l'ultimo volo che ho fatto quest'estate ho volato con OS via VIE benissimo a tariffa di 20 euro superiore a W6 con l'operativo che neanche si puo' paragonare...
Ultima modifica di romaneeconti il mar 05 gen 2021, 13:18:47, modificato 1 volta in totale.

gabbozzo
Messaggi: 371
Iscritto il: mer 10 ott 2018, 19:12:34

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda gabbozzo » mar 05 gen 2021, 13:15:33

Le low cost e le full service si rivolgono a target di utenza diversa e solo parzialmente sovrapposti. Non a caso entrambi i segmenti continuano ad esistere e sembra abbiano trovato un certo equilibrio (facendo finta di essere nel 2019 ancora).
Quindi dire che siccome uno usa di solito le low cost allora le full service sono morte (o viceversa) mi pare sbagliato poiché non è un'analisi ampia ma basata sulle proprie abitudini e le proprie preferenze.
(per disturbare i fan delle full service :mrgreen: io dico che ho fatto il 90% dei miei voli con easy ad esempio! :cool: )
Attenzione a non scordare che oltre alle tariffe le imprese hanno dei costi, quindi il paragone complessivo poi va fatto anche tenendo conto di quello.

romaneeconti
Messaggi: 2203
Iscritto il: sab 12 set 2015, 00:14:48

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda romaneeconti » mar 05 gen 2021, 13:21:20

Quoto Gabbozzo.

Avatar utente
Tropicalista
Messaggi: 299
Iscritto il: lun 11 mar 2019, 21:46:46
Località: Lomellina

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda Tropicalista » mar 05 gen 2021, 13:26:57

Assolutamente, infatti mi sono esposto in prima persona, dando le mie scelte, e le mie motivazioni (da Scrooge) e devo dire che mi piace questo piccolo OT sulle esperienze, anche perchè posso conoscere situazioni, esperienze e procedure a me sconosciute.
Mi piacerebbe (magari in un altro thread) sapere la percentuale dei frequent flyer e degli occasionali, e delle scelte che fanno... potrebbe dare un'idea più precisa della situazione.

RAV38
Messaggi: 897
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda RAV38 » mar 05 gen 2021, 13:40:40

A proposito del cosiddetto piano industriale presentato dalla nuova dirigenza di Alitalia ATI, che dovrebbe essere all'esame del Parlamento,( quest'ultimo in una fase di estrema incertezza sulla sua sopravvivenza), stranamente dopo l'articolo di Berberi, quì ampiamente commentato, ho notato una fioritura di altri articoli ( Stefanato ma anche altri che ora non ricordo) inusualmente critici e pessimistici sia sulle prospettive di successo del rilancio della compagnia sia recriminando sui tanti miliardi di sovvenzioni dello Stato elargiti inutilmente ad AZ, compresi i tre stabiliti ora per il cosiddetto rilancio. Ripeto, strano che dopo un periodo non breve di relativo silenzio della stampa, a parte le periodiche "veline" pubblicate da qualche giornale ben noto, ci sia ora un certo sopprassalto di critiche e di valutazioni realistiche (e direi impietose) della situazione e delle prospettive di una Alitalia statalizzata.

romaneeconti
Messaggi: 2203
Iscritto il: sab 12 set 2015, 00:14:48

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda romaneeconti » mar 05 gen 2021, 13:45:26

E' verissimo cio' che dite Tropicalista e Gabbozzo, proprio per questo anche nel marasma cui andra' incontro l'aviazione al termine della pandemia, entrambe le opzioni per volare resteranno in essere. Proprio in ragione ai costi di gestione diversi delle due realta'come faceva notare Gabbozzo, temo che le difficolta' maggiori di sopravvivenza le avranno le major ancorche' "sussidiate" dai rispettivi governi e molto meno le LC che oggettivamente sono piu' performanti e solide (intendo con soldi e patrimoni propri) rispetto alle major.

romaneeconti
Messaggi: 2203
Iscritto il: sab 12 set 2015, 00:14:48

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda romaneeconti » mar 05 gen 2021, 13:51:09

A proposito del cosiddetto piano industriale presentato dalla nuova dirigenza di Alitalia ATI, che dovrebbe essere all'esame del Parlamento,( quest'ultimo in una fase di estrema incertezza sulla sua sopravvivenza), stranamente dopo l'articolo di Berberi, quì ampiamente commentato, ho notato una fioritura di altri articoli ( Stefanato ma anche altri che ora non ricordo) inusualmente critici e pessimistici sia sulle prospettive di successo del rilancio della compagnia sia recriminando sui tanti miliardi di sovvenzioni dello Stato elargiti inutilmente ad AZ, compresi i tre stabiliti ora per il cosiddetto rilancio. Ripeto, strano che dopo un periodo non breve di relativo silenzio della stampa, a parte le periodiche "veline" pubblicate da qualche giornale ben noto, ci sia ora un certo sopprassalto di critiche e di valutazioni realistiche (e direi impietose) della situazione e delle prospettive di una Alitalia statalizzata.
Eh... magari anche questi giornalisti si stanno accorgendo di essere toccati anche loro nel portafoglio come tutti gli altri contribuenti italiani... :think:

belumosi
Messaggi: 3039
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda belumosi » mar 05 gen 2021, 15:48:31

Nel tempo ho maturato l'opinione che AZ non sia una compagnia aerea, ma un piccolo ministero travestito da compagnia aerea.
E i ministeri stanno a Roma.
I pseudo-piani industriali farciti con amenità assortite, servono solo a nascondere questa realtà e a far sopravvivere il circo mediatico che deve giustificarne l'esistenza attraverso vagoni di soldi pubblici.
Per onestà va comunque detto che difficilmente cambierebbe granchè spostando l'hub a Milano: i dati postati a suo tempo da Malpensante (che ora non ho sottomano) riportavano un revenue leggermente superiore a Roma, controbilanciato da una minor stagionalità milanese. Come pure è senz'altro vero che a Milano la penetrazione delle LC, notevolmente più alta che a a Roma, sarebbe uno svantaggio.
In sostanza i numeri certificano un certo equilibrio, per cui anche se studi più approfonditi dovessero dimostrare che MXP sarebbe il luogo migliore come hub, difficilmente il vantaggio su FCO sarebbe tale da risultare determinante.
Ma visto quanto scritto sopra, stiamo parlando del sesso degli angeli.
In ogni caso mancherebbero sempre i 10-20 MLD necessari per fare di AZ un hub carrier globale, unica prospettiva che garantirebbe le economie di scala e il network sufficienti a compensare i costi di un full carrier. E se, per pura ipotesi, lo stato italiano decidesse di investire una somma simile, arriverebbe lo stop da Bruxelles in un nanosecondo.
In altre parole, la situazione rimarrà quella nota, ovviamente rivista al ribasso nel suo complesso a causa del virus.

easyMXP
Messaggi: 4577
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda easyMXP » mar 05 gen 2021, 15:54:07

ho visto l'articolo pubblicato su un altro sito, ma finalmente uno che ha il coraggio di dire le cose come stanno!!!!
https://www.ilgiornale.it/news/economia ... 13978.html

Grande Stefanato, sempre il più sul pezzo, dopo @Malpensante, ovviamente... :mrgreen:
A me sembra un articolo sterile. Dice che i piani sono sempre falliti, fa intendere che questo probabilmente andrà a finire nello stesso modo, ma non dice minimamente quali erano e sono gli elementi comuni di tutti i piani che li fanno fallire regolarmente.
Con tutto l'anestetico del caso, era persino più chiaro l'articolo di Berberi.

Avatar utente
D960
Messaggi: 1361
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda D960 » mar 05 gen 2021, 16:40:56

In sostanza i numeri certificano un certo equilibrio, per cui anche se studi più approfonditi dovessero dimostrare che MXP sarebbe il luogo migliore come hub, difficilmente il vantaggio su FCO sarebbe tale da risultare determinante.
Volevi dire: ''Se gli studi dovessero dimostrare che a Milano non ci sono più ministeri di Roma'' :mrgreen: .
Se poi tre volte in più il cargo di FCO, la stagionalità meno marcata e la densità di popolazione che gravita attorno non sono parametri sufficienti per giustificare dal punto di vista economico la fattibilità di un hub, quali sono gli altri ? Per quanto riguarda l'alta penetrazione dei voli low cost, il nodo del corto e del medio raggio a mio avviso si risolverebbe apprendendo ciò che Iberia insegna, ovvero servizio da low cost ma con classe business in rotte selezionate. Tant'è che livrea a parte, volare con Iberia Mainline o Express è di fatto la stessa esperienza con il plus che IB Express offre coincidenze a Madrid.
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter

RAV38
Messaggi: 897
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Nuntio vobis gaudium magnum, habemus piano

Messaggio da leggereda RAV38 » mar 05 gen 2021, 16:57:48

Anche se credo che questi articoli critici lasceranno il tempo che trovano, è comunque interessante che qualcuno, sulla stampa, cominci ad alzare la testa.


Torna a “ALITALIA VISTA DAL SISTEMA LOMBARDO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti