Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

le news su Alitalia
Regole del forum
Luogo dove analizzare la situazione ed il percorso di Alitalia visto dal sistema aeroportuale Lombardo.
KittyHawk
Messaggi: 4876
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda KittyHawk » sab 28 giu 2014, 00:36:14

Pensa cosa potrebbe accadere facendo cadere le barriere USA-UE sulle proprietà delle aziende.
Immagina questi 3 gruppi, dove le vecchie livree sopravvivano solo a livello di brand:
AA+BA+IB
DL+AF+KLM
UA+LH+OS+SX

Tre colossi in grado di spazzare ogni concorrenza. E non sarebbe difficile neppure preservarne la proprietà, perché basterebbe fare una legge europea e una americana che imponga che una percentuale maggioritaria delle azioni, diciamo congiuntamente i 2/3, sia sempre in mano a entità europee o statunitensi.

grandemilano
Messaggi: 1169
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda grandemilano » sab 28 giu 2014, 14:17:18

Intanto Alitalia sospende Roma Fiumicino-Toronto per un paio di mesi durante la winter.
A parte il fatto che secondo me dovrebbero sospendere pure le altre rotte, perchè tanto questi falliti è praticamente impossibile che arrivino fino a gennaio.
La cosa curiosa è che malpensa avrà il volo per Toronto, mentre Fiumicino no. E io che pensavo, nella mia ignoranza, che con l"hub" di fiumicino instradavano i passeggeri nazionali ed europei per poi indirizzarli verso Toronto (un po' come funzionano tutti gli "hub naturali" di questo mondo...). :fischio:
Eppoi AZ-EY vorrebbero aprire pure altre 7 destinazioni LR i prossimi 4 anni? Quando non sono neanche capaci di tenere in piedi quelle 7-8 che hanno...
Povera alitalia... :indeciso:

MUSICA
Messaggi: 3987
Iscritto il: mar 24 nov 2009, 14:34:11

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda MUSICA » dom 29 giu 2014, 17:44:33

sembra che Air Canada tenga tutto l'anno Montreal...o Toronto?

Ognimodo a FCO non potranno mai fare soldi perché al massimo possono convogliare traffico dal Sud il quale a Mxp farebbe comodo per "coprire" le mancanze stagionali mentre a FCO dove lo yeld è sempre basso non darebbero benefici di profitto.
E dal Nord difficilmente andrebbero a Sud per il Nord America. Pur di azzannare Mxp stiamo abbattendo tutto il sistema aereo del Paese.
Come se Lh un giorno decidesse che non servisse più FRA.

Solita storia: Garibaldi faceva meglio a fare altro. Non è cattiveria: alla fine si affossa sempre tutto per livellare contro la "naturale" tendenza del giro dei voli e dei soldi che li generano. Risultato? Che abbassiamo tutto e tutti e perdiamo. Tutto e Tutti. Con "qualcuno" che paga sempre con dei pseudo sussidi nel nome di una "qualche" inetica, immorale, ineducativa ed irresponsabile "solidarietà nazionale".

Guardate quante cose "naturalmente" nate tra Torino e Milano (Rai) e poi portate "altrove" dove generano perdite o necessitano di "sussidi" (per essere educati).

Secondo me EY non sta realizzando la "particolarità" italiana e ancor più la cultura del Roma e giù (si illudono di sistemare i sindacati e i politici?).
forse, ma facendo pagare a noi il debito. Quando poi avranno preso tutto quel che serve realizzando che ...non si può fare altro... lasceranno.

Ricordo: se non ci sono riusciti gli olandesi (e gli svizzeri, e i tedeschi, e...)...

Se devono creare posti di lavoro a Roma e al Sud li creino lavorando onestamente, che già ora avrebbero necessità di migliaia di posti di lavoro semplicemente sapendo lavorare nel turismo. Perché la verità è che non sono capaci e non sanno trattare i turisti (col gioco dello spennatore).

Ma la base principale doveva esser Malpensa e FCO una forte base turistica che assecondasse quel tipo di mercato. Ma i soldi farli "Su".

Come i tedeschi: Berlino la bellissima e storica città tedesca con tanti voli Germanwings mentre a FRA e Muc dove ci sono i soldi, gli altri voli, brutalmente: quelli che contano a stare in piedi.

Etihad se non ha altri scopi come ho già ventilato potrebbe scoprire l'ingestibilità "dell'affare" tra un poco di tempo.

KittyHawk
Messaggi: 4876
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda KittyHawk » lun 30 giu 2014, 08:36:09

La vera domanda che molti entusiasti della soluzione emiratina dovrebbero porsi è: "quali sono le vere intenzioni di Etihad per Alitalia, al di là delle dichiarazioni di facciata?"

Fossi Hogan - e non lo sono e pertanto mi posso permettere di immaginarmi scenari che non si realizzeranno mai - focalizzerei la mia attenzione su questi punti:
- tutto il traffico dall'Italia (e dall'Europa) verso le direttrici asiatiche Africa meridionale lo incanalo direttamente su Abu Dhabi, saltando FCO;
- il traffico italiano per le direttrici Nord-Ovest inizio a farlo passare sotto silenzio per la Germania, con Air Berlin, per poi svilupparlo completamente appena cadono i vincoli delle JV transatlantiche e con AF/KLM;
- l'Europa dell'Est l'appalto a Air Serbia, i cui costi saranno per un lungo periodo comunque inferiori a quelli di AZ (Fiat ha aperto una fabbrica in Serbia non per mancanza di spazio a Mirafiori);
- ad AZ rimarrebbero alcune rotte internazionali che si autosostentano dall'Italia, l'Africa settentrionale e (forse) il Sud America dall'Europa. Senza poter sperare in megaflotte o simili. Perché se veramente AZ dovesse diventare una compagnia a 5 stelle, come qualcuno vagheggia, i prezzi dei biglietti sarebbero tali da limitare notevolmente la potenziale clientela, dato che i costi aziendali sarebbero italiani e non asiatici (come lo sarebbe l'attenzione verso il cliente). Sempre che gli Emiri non continuino con lo shopping e comprino qualche altra compagnia che possa essere più utile di Alitalia per certi mercati, cosicché gli spazi di manovra si ridurrebbero ulteriormente.

Tra 3-5 anni sapremo quale sarà il vero destino di Alitalia, 'a mio modesto parere'.

robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda robix » lun 30 giu 2014, 15:13:22

Perché se veramente AZ dovesse diventare una compagnia a 5 stelle, come qualcuno vagheggia, i prezzi dei biglietti sarebbero tali da limitare notevolmente la potenziale clientela, dato che i costi aziendali sarebbero italiani e non asiatici (come lo sarebbe l'attenzione verso il cliente).
Neppure EY è 5 stelle (per quanto possano valere queste classifiche, peraltro) e dubito fortemente che lo sarà AZ; fa sempre parte del sogno romano: AZ unica compagnia Europea a 5 stelle e mezza Europa che viaggia via FCO anche se deve allungare la strada (già mi immagino, ad esempio, migliaia e migliaia di passeggeri che ogni anno faranno ZRH-FCO-JFK - utilizzando Etihad Regional per il ZRH-FCO - pur di volare AZ ...).

grandemilano
Messaggi: 1169
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda grandemilano » lun 30 giu 2014, 22:37:08

Alitalia: Lupi, Ue spenga i fari e non si faccia strumentalizzare'Stiamo rispettando le regole' (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma, 30 giu - La Ue puo' "spegnere i fari. L'Italia sta puntualmente rispettando tutte le regole che l'Europa ha stabilito". Cosi' il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, ai cronisti che lo incrociano al suo arrivo a palazzo Chigi per il Consiglio dei ministri, a proposito delle lettera che la Commissione europea ha inviato a Roma per chiedere chiarimenti sugli eventuali aiuti di Stato forniti tramite Poste Italiane e sull'alleanza con Etihad. Anzi, ha aggiunto Lupi, l'"Ue stia attenta a non farsi strumentalizzare da chi ha paura che finalmente, con questa grande alleanza, l'Italia possa fare un po' di concorrenza a British e Lufthansa, che hanno avuto in questi anni tanto di quello spazio...".

IlSole24ore

Con la liberalizzazione di Linate (se mai ci sarà) le altre compagnie europee avranno anocra più spazio di quanto ne hanno avuto finora.
E poi non ho capito come fa a fare concorrenza a BA e LH da un aeroporto (Fiumicino) che è logisticamente sbagliato. :indeciso:

MUSICA
Messaggi: 3987
Iscritto il: mar 24 nov 2009, 14:34:11

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda MUSICA » lun 30 giu 2014, 22:47:29

Qualcuno ricorda che in tempi "antecedenti" scrissi che ci sono altri obiettivi dietro questo giro? Ne citai alcuni (apparentemente improbabili) senza escluderne altri.

Le considerazioni degli amici di cui sopra sono ottime: come faremmo in pochi-ssimi anni a cambiare "tutto"? Testa italica e relativa attitudine al servizio, flessibilità, costi, competitività, capacità di coordinamento, fare soldi a FCO dove sappiamo tutti che non si fanno e...tanto altro? Sarebbe una magia applicabile a tutto il (non :green: ) sistema Paese da sempre "in vigore". Magari...

Logico, al "peuple" si racconta quel che si vuole...a noi magari un poco meno: l'amico Malpensante, Kytti e tanti altri scrivono da tempo riflessioni "logiche" ma che rimangono purtroppo confinate. Meglio 1 cosa sbagliata ribadita da 100 stupidi che 2 giuste dette da 5 persone che ci capiscono qualcosa... siamo maestri in questo... chiamasi emotività o malafede o irrazionalità o...furberia.
Quella furberia da furbetti che porta da nessuna parte... frega-frega-frega finchè qualcuno non capisce e: frega te-frega te- frega- te.

Insomma, a continuare a fregare il prossimo prima o poi si viene fregati...e noi continuiamo a non capirlo...ecco perché alla fine ci facciamo sempre colonizzare da tutti. Un tempo erano solo europei, oggi gli arabi.

D'altra parte, siamo l'unico Paes-ello al mondo che si fa invadere col supporto "attivo" delle proprie stesse forze armate...dove vogliamo andare? Come dire: siccome ci sono in giro tanti "poveri" ladri invitiamoli a casa e, anticipandoli, distribuiamo loro le nostre scorte di casa... anzi: gli chiediamo cosa gradiscano se non vogliono cotoletta di suino e patate e vino rosso. Anzi: vi offro il mio materasso: io dormo sul pavimento. E' così comodo :lol: :fischio: :applausi: !

esempio forte ma "concreto"... E noi dovremmo cambiare testa grazie ad EY? No: loro ci faranno fare quello che vogliono.
Non solo aviatoriamente.

robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda robix » mar 01 lug 2014, 09:43:13

E noi dovremmo cambiare testa grazie ad EY? No: loro ci faranno fare quello che vogliono.
Non solo aviatoriamente.
Il Paese Arabo più attivo nell'acquistare "pezzi d'Occidente" è il Qatar, che con il suo fondo sovrano spazia dal calcio al lusso: tempo fa vidi un interessante reportage al riguardo sulla TV francese, compreso il tentativo di "indagare" sul fondo sovrano, ovviamente rispedito al mittente (cioè non li hanno praticamente neppure fatti entrare nella sede a Doha). In paragone a quanto sta facendo il Qatar, l'acquisto di AZ da parte di EY sono peanuts (altra cosa sarebbe acquistare AF, BA o LH ...), anche se EY è la compagnia "ufficiale" degli UAE e quindi molto "politica" al pari di QR.

KittyHawk
Messaggi: 4876
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda KittyHawk » mer 02 lug 2014, 09:22:14

Lo so, lo so, a pensar male si fa peccato. E so anche che le leggi e decreti in materia sono stati emanati in tempi non sospetti.
E mi ricordo pure che non sono previste sanzioni, al momento, se non si rispettano leggi e decreti in materia e che i nobili scopi finali dei provvedimenti dovrebbero essere favorire i consumatori e ostacolare l'evasione fiscale.
Però ...

... chissà perché inizia a frullarmi in testa un collegamento tra le centinaia di milioni di debito che le banche dovrebbero magnanimamente condonare ad AZ, l'obbligo del POS per commercianti, artigiani e professionisti e il fatto che - guarda i casi della vita! :green: - tra i principali beneficiari di quest'obbligo ci sarebbero proprio gli istituti bancari.

Ma sicuramente questi sono cattivi pensieri, frutto dell'uggiosa giornata odierna, visto che non sono minimamente interessato dall'obbligo del POS.
Certo che se dovessero stabilire con grande celerità le sanzioni, poco prima dell'accordo con EY, ...

KL63
Messaggi: 2649
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda KL63 » mer 02 lug 2014, 09:40:45

Apro OT,
infatti, quello del POS, è solo un'ulteriore balzello ai danni dei piccoli per arricchire le banche.
In ogni caso io, che sono un piccolo professionista, non ho l'obbligo di avere il POS, bensì di accettare pagamenti con il POS, che è una cosa diversa.
Dato che sono anni che scrivo nell'incarico "pagamento con bonifico bancario" me ne frego del POS. I pagamenti che ricevo sono tutti tracciabili e fatturati. Poi ditemi se ad un architetto è mai capitato che bussino alla porta e chiedano una prestazione istantanea da pagare sul momento.
Non esiste nemmeno una prestazione professionale simile.
Chiuso OT.
In ogni caso la gabella a favore delle banche e dello stato, perché sul servizio si pagherà anche l'IVA, l'ha introdotta il genio della Bocconi, per pagarsi le prebende di senatore a vita, non il supino Letta ne Fonzie, quindi con AZ CAI non penso che c'azzecchi, come dice l'altro mantenuto (da noi). Le banche sono state ricompensate con la rivalutazione delle loro quote in Banca d'Italia

robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda robix » mer 02 lug 2014, 10:06:07

Le banche hanno ricevuto una enorme serie di favori in Europa ed in USA (ad iniziare dal fatto che molte di esse avrebbero dovuto fallire nel 2008 ma sono state tenute in piedi con soldi pubblici con la giustificazione che altrimenti saltava tutto il sistema economico occidentale: OK, ma allora dovevano nazionalizzare le banche, non regalare i soldi a banche private). Quindi il POS e le relative commissioni sono un micro-favore: se Intesa ed Unicredit dovranno accettare la (sostanziale) rinuncia ai propri crediti verso AZ al fine di chiudere con EY, ben altri saranno i favori per compensare tale rinuncia (ho letto sul Corriere qualche giorno fa che Intesa starebbe per lanciare una banca ... ad Abu Dhabi, che casuale coincidenza !)

KittyHawk
Messaggi: 4876
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda KittyHawk » mer 02 lug 2014, 10:45:13

Certi "scambi" non vengono mai fatti alla luce del sole. Quando va bene, le cose si riescono a ricostruire solo a distanza di tempo. Visto che qualcuno valuta l'impatto del POS in 5 MLD all'anno, e che le due prime banche in Italia sono Unicredit e Banca IntesaSanpaolo, immagino che i vertici bancari non siano dispiaciuti della cosa.

Le rivalutazioni in Banca d'Italia e salvataggi vari sono stati, in ultima analisi, un regalo dello Stato allo... Stato stesso, perché ha potuto incassare tasse sull'incremento di valore e ha dato spazio alle banche per comprare ulteriori titoli di Stato.

Che poi, "stranamente", venga data la possibilità ai principali attori coinvolti di aprire attività economiche nel Golfo, come l'apertura di una filiale Banca Intesa ad Abu Dhabi, è una coincidenza che avevo ipotizzato già parecchi mesi fa, in tempi non sospetti.

Comunque i miei erano pensieri in libertà.

KL63
Messaggi: 2649
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda KL63 » mer 02 lug 2014, 15:36:12

Apro OT,
Le banche sono state ricompensate con la rivalutazione delle loro quote in Banca d'Italia
Avete ragione tutti, nella mia frase sopra riportata manca un "anche".

Intanto piloti ed av sciopereranno il 20 perché al tavolo di oggi sono stati convocati solo i confederali.
In ogni caso non mi aspetterei niente di buono per Malpensa dall'eventuale fallimento di CAI, anzi forse la situazione Linate peggiorerebbe ancor più.
Non penso che nessuno avrebbe la lungimiranza di chiuderlo o ridurlo drasticamente

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 6978
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03
Località: between indav and farak

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda mxp98 » mer 02 lug 2014, 19:12:45

Sarebbe già un lusso se si riuscisse a tenerlo cosi com'é.
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26055
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda I-Alex » mer 02 lug 2014, 21:31:16

Scusate ma state prendendo una talpa pazzesca visto che.... La norma sui pos risale al 2012 governo Monti e non a questo Governo salva Alitalia.
Peraltro le 2 principali banche da voi citate, azioniste e creditrici di Az, lo propongono a installazione e noleggio gratuito :ciao:
Malpensa airport user

KL63
Messaggi: 2649
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda KL63 » mer 02 lug 2014, 22:50:00

Infatti è quello che ho scritto io, è stato il genio della Bocconi. Gratis magari e non tutte, e magari solo il primo anno, poi quando ce l'hai cambiano unilateralmente le condizioni, poi ci sono le commissioni. Poi bisogna vedere quali siano le spese di tenuta del c/c. La parola gratis accanto a banca non c'azzecca! :green:

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26055
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda I-Alex » gio 03 lug 2014, 17:19:57

Fidati... Ne so qualcosina :yeah:
Malpensa airport user

Avatar utente
M.C.205 Veltro
Messaggi: 185
Iscritto il: dom 06 ott 2013, 18:36:06

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda M.C.205 Veltro » sab 05 lug 2014, 00:25:55

Un amico artigiano che si sta interessando mi ha parlato, sì, di canone e noleggio gratuito, ma € 1,4 a transazione.
Prendetolo con il beneficio del dubbio, perchè non ho dati ufficiali. Chi più informato mi corregga.
Bisogna essere fatti col fil di ferro, per ammirare il creato e non sentire l'alito del creatore che ci accarezza la faccia. Simone Moro (alpinista).

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26055
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda I-Alex » sab 05 lug 2014, 12:58:30

Un amico artigiano che si sta interessando mi ha parlato, sì, di canone e noleggio gratuito, ma € 1,4 a transazione.
Prendetolo con il beneficio del dubbio, perchè non ho dati ufficiali. Chi più informato mi corregga.
ogni banca ha e fa le proprie condizioni
ne conosco alcune che oltre al canone gratuito fanno 0,55% / 0,60% a transazione senza alcun fisso sui bancomat (le carte di credito viaggiano da 1,10% a 1,25%)
Se vuoi altri dettagli, solo in privato :ciao:
Malpensa airport user

grandemilano
Messaggi: 1169
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda grandemilano » gio 10 lug 2014, 19:45:14

Alitalia-Cai ha chiuso il bilancio consolidato 2013 con una perdita netta raddoppiata a 568,6 milioni di euro e un patrimonio netto negativo per 27,17 milioni. Questo significa che le perdite del gruppo presieduto da Roberto Colaninno al 31 dicembre avevano mangiato il capitale e, nonostante l'iniezione di 300 milioni con il salvataggio di dicembre, con il quale lo Stato è tornato azionista di Alitalia (le Poste hanno versato 75 milioni), la società avrebbe dovuto portare i libri in tribunale. Oppure chiedere altri soldi ai soci.

I dati emergono dal progetto di bilancio 2013 di Alitalia, approvato dal consiglio di amministrazione il 13 giugno. Un documento tenuto riservato che Il Sole 24 Ore ha consultato. Le cifre del bilancio non sono state rese note dalla compagnia. Un fatto senza precedenti. Come senza precedenti è la perdita annuale di Alitalia-Cai. Superiore anche a quelle della gestione pubblica, che a fine 2008 ha passato la mano ai Capitani coraggiosi chiamati da Silvio Berlusconi e organizzati da Corrado Passera, ex a.d. di Intesa Sanpaolo, per respingere Air France-Klm. Adesso quasi tutti i soci italiani e le banche, con l'appoggio del governo e del Pd, vogliono dare Alitalia agli arabi di Etihad Airways.

Nei cinque anni di cavalcata dei Capitani coraggiosi, Alitalia-Cai ha totalizzato perdite per 1 miliardo e 526 milioni, compresi i 115 milioni di costi spesati nel bilancio 2008, per un mese. In cinque anni e un mese l'Alitalia dei privati ha perso in media 25 milioni al mese, più della vecchia Alitalia pubblica, che in media aveva perso 20,83 milioni al mese in vent'anni. Nel 2013 i ricavi sono diminuiti del 5,2% a 3.406 milioni. Nel 2007, ultimo anno della gestione pubblica prima del commissariamento (28 agosto 2008), il fatturato netto consolidato di Alitalia era stato di 4.487 milioni, come sottolinea una scheda su Cai fatta da R&S (Mediobanca). L'Alitalia di Colaninno, che ha assorbito anche l'ex Air One di Carlo Toto, ha perso un miliardo e 81 milioni di fatturato nel confronto con la compagnia pubblica. Se si considera anche Air One il fatturato perduto supera 1,7 miliardi.

Il costo del lavoro nel 2013 è diminuito di 46,9 milioni, a 681,7 milioni, per l'avvio di cassa integrazione e solidarietà. I dipendenti a fine anno erano 13.722, ma la forza media retribuita è stata inferiore, 11.241 persone (12.044 nel 2012). I debiti finanziari netti a fine anno ammontavano a 936 milioni, mentre i debiti totali lordi erano 2.129,4 milioni. In questa cifra sono compresi i debiti verso fornitori (653,7 milioni), biglietti prepagati (281,8 milioni), debiti «diversi» (83,2 milioni). I passeggeri di linea paganti sono diminuiti del 4,8% a 22,69 milioni (1,15 milioni in meno del 2012). La relazione al bilancio segnala tra le criticità un «peggioramento delle vendite» nell'ultimo trimestre 2013 e le nuove rotte (circa 300 voli la settimana) avviate a Fiumicino da vettori low cost.

I vertici di Alitalia non hanno chiesto altri soldi ai soci, nonostante il patrimonio netto consolidato negativo a fine 2013, perché la capogruppo Alitalia Spa dichiarava ancora un patrimonio netto positivo di 213 milioni. Ma questo dato non è realistico come il consolidato, incorpora anche una plusvalenza di 150 milioni che è solo sulla carta, ottenuta con il conferimento del Mille Miglia alla società Alitalia Loyalty, che è tutta di Alitalia. C'è il «concreto rischio di un peggioramento del risultato economico dell'esercizio 2014», affermano gli amministratori. La relazione dice che le perdite del primo trimestre 2014 superano un terzo del capitale sociale (che sulla carta è di 341 milioni), quindi oltre i 110 milioni. L'assemblea il 25 luglio sarà chiamata ad approvare un aumento di capitale di 200 milioni. La relazione aggiunge che «le risorse finanziarie ad oggi disponibili ed attese - in assenza di nuovi interventi di finanza straordinaria - non appaiono sufficienti a garantire il rispetto delle obbligazioni del gruppo in un prossimo futuro».
di Gianni Dragoni


Direi che ormai siamo agli sgoccioli. Penso che forse già settimana prossima porteranno i libri in tribunale.
Se sono veri i dati del Sole24ore, la situazione di alitalia è più che drammatrica: è tragica. Sono dati catastrofici di una società ormai fallita. Peggio: fallita e che non ha nessuna possibilità di salvezza, purtroppo.
Settimana prossima probabilmente saranno costretti a dichiarare il fallimeno.
Prima lo comunicheranno ai soci, poi ai lavoratori, e infine ad Adr (dove c'è il loro hub naturale). E immediatamente dopo porteranno i libri in tribunale.

Saluti da Malpensa :ciao:

KittyHawk
Messaggi: 4876
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda KittyHawk » gio 10 lug 2014, 20:08:22

Visto quello che è successo in tutti questi anni, è più facile che in Italia ritorni la monarchia che Alitalia venga fatta fallire.

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8210
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda hal » ven 11 lug 2014, 12:41:37

Da "Il Sole 24h"

Immagine
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda robix » ven 11 lug 2014, 13:50:23

Per le banche è stato un ottimo investimento quello in AZ ... (ed anche per Poste Italiane ...).
Ma lunedì è ancora prevista la firma dell'accordo tra AZ ed EY a Roma in occasione della visita di Hogan ?
Comunque appare evidente che la strategia FCO + LIN è stata un fallimento (e lo sarà ancora di più in futuro, con l'assalto delle low-cost a FCO) e chissà che magari EY ci ripensi ...

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 6978
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03
Località: between indav and farak

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda mxp98 » sab 12 lug 2014, 13:52:37

Ancora giochi
di prestigio
per Alitalia

Al Governo c’è chi spaccia i giochi di prestigio per miracoli. Perché solo un miracolo poteva convincere gli arabi che vogliono investire in Alitalia a rinunciare ai duemila licenziamenti previsti dal loro piano. Ieri invece è arrivata la lieta novella: i 2.251 esuberi si erano ridotti a 980. Bravi Governo, azienda e sindacati a far cambiare idea agli emiri? Macché! Duecentocinquanta avranno contratti di solidarietà, un migliaio sarà ricollocato in altre aziende – ma nessuno per ora sa dire quali – e i 980 avranno l’80 per cento dello stipendio assicurato per quattro anni. Il miracolo così si scopre essere un gioco di prestigio, e nemmeno dei migliori.

Il conto infatti alla fine non lo pagano né gli azionisti di Alitalia né gli acquirenti arabi, perché a metterci i soldi come al solito è Pantalone. O se preferite, tutti noi, con le nostre tasse. C’è da scommetterci che a Bruxelles non la prenderanno bene, perché soluzioni di questo tipo si vede da lontano che sono aiuti di Stato. Soprattutto se dovesse finire che i lavoratori fatti transitare in altre aziende arrivino in società pubbliche come le Poste Italiane. Nel sentiero stretto che divide l’accordo con Etihad dal fallimento di Alitalia, l’intera operazione è ormai delineata chiaramente per quello che è: una svendita. Alitalia continuerà a volare, ma il ministro dei Trasporti Lupi farebbe meglio a parlare meno di questa trattativa come di un grande successo, Dalle banche azioniste che ci rimetteranno centinaia di milioni ai lavoratori, che continueranno a scendere, sino all’aeroporto di Malpensa che sarà svuotato, la salvezza di Alitalia a questi prezzi ci farà tenere in alto la bandiera. Dietro il tricolore però resta davvero ben poco.
http://www.lanotiziagiornale.it/ancora- ... -alitalia/
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.

Andrea80
Messaggi: 270
Iscritto il: gio 14 giu 2012, 14:09:39

Re: Dal Golfo, Etihad in vista del traguardo col 49%.?

Messaggio da leggereda Andrea80 » sab 12 lug 2014, 15:41:26

Ormai mi viene da vomitare ogni volta che leggo la parola alitalia da qualche parte.... un vero schifo. ma nessun telegiornale che abbia il coraggio di leggere i numeri delle perdite che si sono avute fino ad oggi??? Quanti miliardi di soldi pubblici ci è costata negli ultimi 20 anni, quanto dovremo ancora pagare nei prossimi anni?

Uno schifo, tutto questo per cosa? 10000, 20000 voti politici? vale davvero la pena?


Torna a “ALITALIA VISTA DAL SISTEMA LOMBARDO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 27 ospiti