Destinazioni intercontinentali Air Italy

le news su Air Italy
Regole del forum
In questa sezione si dovranno trattare esclusivamente tutti gli argomenti inerenti la nuova AIRITALY dopo la presentazione del piano industriale avvenuta il 19 Febbraio 2018
rogerwilco
Messaggi: 359
Iscritto il: mer 19 set 2018, 15:36:42

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda rogerwilco » mar 05 mar 2019, 12:48:59

Air Italy in summer 2019 season plans to increase capacity on Milan Malpensa – Dakar service, where the airline scheduled Airbus A330-200 service for this route. The A330-200 will be operating this route 4 times a week from 01APR19, replacing Boeing 737 MAX 8 aircraft.
IG883 MXP1825 – 2230DSS 332 x247
IG884 DSS0015 – 0755MXP 332 x135

Da Malpensa-info non mi ricordo se era già stato postato.
Non vorrei sbagliarmi ma mi sembra che inizialmente, con l'entrata del 330, la rotta dovesse passare da 4xw a 3xw...

Avatar utente
EK412
Messaggi: 2222
Iscritto il: ven 15 feb 2008, 14:55:30
Località: Londra, Regno Unito

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda EK412 » mar 05 mar 2019, 13:30:49

Non mi sembra - se non ricordo male era caricata 5xw con 7M8, poi ridotta a 4xw con A330.

rogerwilco
Messaggi: 359
Iscritto il: mer 19 set 2018, 15:36:42

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda rogerwilco » mar 05 mar 2019, 13:59:45

Non mi sembra - se non ricordo male era caricata 5xw con 7M8, poi ridotta a 4xw con A330.
Vero. Ho fatto confusione io. Chiedo scusa..

Mauz
Messaggi: 2245
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda Mauz » gio 07 mar 2019, 01:26:35

Io sta cosa che AV e piloti non debbano soggiornare in hotel aeroportuali e la compagnia debba pure stare ad ascoltarli la trovo assurda.

In qualsiasi altro posto di lavoro soggiorni dove ti manda l'azienda; al massimo puoi scegliere tra 2/3 alberghi simili. E se fuori non c'è niente, pazienza. Mangerai al ristorante dell'hotel o metterai a nota spese un taxi verso un ristorante negli immediati dintorni.

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

stecatalano80
Messaggi: 1
Iscritto il: dom 10 giu 2018, 11:15:47

Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda stecatalano80 » gio 07 mar 2019, 08:33:54


belumosi
Messaggi: 2983
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda belumosi » gio 07 mar 2019, 08:53:28

La vita dei naviganti per quasi 20 gg ogni mese si svolge fra i vari alberghi delle destinazioni coperte dalla propria azienda, capisci bene che passare 20 gg al mese in aereo/ aeroporto senza possibilità di poter uscire dall’hotel a qualsiasi ora ( considera il fuso orario) e trovarsi comodamente in una zona che abbia almeno un minimo di scelta fra ristorazione, farmacia e anche un minimo di vita sociale alla lunga diventa alienante e deprimente. Anche solo una passeggiata in mezzo alla gente spesso aiuta a creare una situazione psico fisica serena e sana. Non è solo questione di casta capricciosa o pretenziosa, qui si parla di altro.
Quello che scrivi potrebbe essere condivisibile se IG fosse un'azienda che fa utili, ma lo è molto meno se pensiamo alle ingenti perdite sostenute dei soci per mandare avanti la baracca.
Tieni presente che la compagnia è tecnicamente fallita da vari anni e solo l'orgoglio (e i soldi) di KAK e ora anche dei qatarioti l'hanno tenuta in piedi fino ad ora.
Se io fossi uno dei soci e leggessi una lettera come quella sopra, sarei fortemente tentato di mollare tutto. Anzi, regalerei pro-quota le azioni a tutti i dipendenti. Che avrebbero finalmente la possibilità di conoscere il mondo reale e non quello di Fantasilandia. Scoprire che 2+2 non fa 5 o 6 come è stato finora grazie alle varie ricapitalizzazioni, sarebbe un bagno di salute.

Avatar utente
EK412
Messaggi: 2222
Iscritto il: ven 15 feb 2008, 14:55:30
Località: Londra, Regno Unito

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda EK412 » gio 07 mar 2019, 09:05:49

+1

I-GABE
Messaggi: 1585
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda I-GABE » gio 07 mar 2019, 09:55:30

+1 a Belumosi


Sent from my iPhone using Tapatalk

I-GABE
Messaggi: 1585
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda I-GABE » gio 07 mar 2019, 11:28:50

La vita dei naviganti per quasi 20 gg ogni mese si svolge fra i vari alberghi delle destinazioni coperte dalla propria azienda, capisci bene che passare 20 gg al mese in aereo/ aeroporto senza possibilità di poter uscire dall’hotel a qualsiasi ora ( considera il fuso orario) e trovarsi comodamente in una zona che abbia almeno un minimo di scelta fra ristorazione, farmacia e anche un minimo di vita sociale alla lunga diventa alienante e deprimente. Anche solo una passeggiata in mezzo alla gente spesso aiuta a creare una situazione psico fisica serena e sana. Non è solo questione di casta capricciosa o pretenziosa, qui si parla di altro.
Quello che scrivi potrebbe essere condivisibile se IG fosse un'azienda che fa utili, ma lo è molto meno se pensiamo alle ingenti perdite sostenute dei soci per mandare avanti la baracca.
Tieni presente che la compagnia è tecnicamente fallita da vari anni e solo l'orgoglio (e i soldi) di KAK e ora anche dei qatarioti l'hanno tenuta in piedi fino ad ora.
Se io fossi uno dei soci e leggessi una lettera come quella sopra, sarei fortemente tentato di mollare tutto. Anzi, regalerei pro-quota le azioni a tutti i dipendenti. Che avrebbero finalmente la possibilità di conoscere il mondo reale e non quello di Fantasilandia. Scoprire che 2+2 non fa 5 o 6 come è stato finora grazie alle varie ricapitalizzazioni, sarebbe un bagno di salute.
E allora? Come si risolve tutta questa Storia. Chi ha investito un sacco di soldi avrà avuto delle garanzie. O no? Aka è abbastanza anziano, vorrà cedere il 51 a qualcun altro della UE? Esempio Lufthansa?
Ho come la vaga impressione che tu abbia quotato il messaggio sbagliato, per ben due volte.

Se invece ti riferivi alla questione naviganti: fatto salvo che sono riconoscente a tutto il personale di volo che mi scarrozza nei cieli mediamente 80 volte all'anno (molto meno di C-Alex, ma un buon numero), sarebbe ora che - in Italia in generale e nel settore aviazione nello specifico - ci si rendesse conto che le aziende vanno avanti solo se riescono a non fare perdite. E che, spesso, avere un lavoro di proprio gradimento (o averlo in generale) puo' costare sacrifici. Sono il primo a volere che il personale degli aerei su cui volo sia riposato, soprattutto per questioni di sicurezza, ma se gli hotel non sono esattamente 5 stelle e in centro mi pare ci sia poco da lamentarsi. Fatto salvo un livello minimo (che mi sembra di capire sia peraltro contrattualizzato), tutto il resto sono fregnacce.
Peraltro, l'hotel vicino all'aeroporto consente a chi vuole riposarsi di farlo senza dover magari passare un'ora in taxi, il contrario no.

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1773
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda mattaus313 » gio 07 mar 2019, 11:34:04

Quello che scrivi potrebbe essere condivisibile se IG fosse un'azienda che fa utili, ma lo è molto meno se pensiamo alle ingenti perdite sostenute dei soci per mandare avanti la baracca.
Si, però sta storiella di imputare sempre le perdite all'organico è vecchia e nemmeno sempre vera. Forse i soci avrebbero potuto fare meglio i conti in fase di redazione del piano industriale non solo valutando meglio le rotte intercontinentali da aprire, ma anche tenere conto del fatto che, per esempio, un 737 MAX rispetto a un (verosimilmente sottoutilizzato e già disponibile) A320 ha canoni di leasing di ben altro ordine di grandezza che forse con la diversa marginalità si sarebbero potute attenuare perdite e pagare migliori hotel ai dipendenti.

Poi per carità, i sindacati spesso non agiscono a tutela dei lavoratori e qui la voglia di lasciare tutto viene soltanto vedendo gli errori presenti nella lettera (EWR, centra qualcosa EWR nei piani di IG? e poi dai, i puntini cosi... come fosse un commento Facebook in quel contesto mi paiono eccessivi).

E' vero che in una fase di difficoltà i dipendenti dovrebbero venire incontro all'azienda e su questo sono d'accordo, però li dentro penso che non sia esattamente il primo problema da affrontare.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

KittyHawk
Messaggi: 5046
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda KittyHawk » gio 07 mar 2019, 13:11:49

Si, però sta storiella di imputare sempre le perdite all'organico è vecchia e nemmeno sempre vera. Forse i soci avrebbero potuto fare meglio i conti in fase di redazione del piano industriale non solo valutando meglio le rotte intercontinentali da aprire, ma anche tenere conto del fatto che, per esempio, un 737 MAX rispetto a un (verosimilmente sottoutilizzato e già disponibile) A320 ha canoni di leasing di ben altro ordine di grandezza che forse con la diversa marginalità si sarebbero potute attenuare perdite e pagare migliori hotel ai dipendenti.
Sfortunatamente, a differenza delle automobili, devi essere abilitato per poter operare o manutenere un determinato aeromobile. E le abilitazioni costano tempo e denaro. Per questa ragione si cerca di standardizzare la flotta su poche tipologie di velivoli. Molto tempo fa mi era capitato di leggere che la dimensione minima di una sub-flotta di velivoli fosse 20 esemplari, affinché fosse ragionevole mantenere in organico velivoli diversi con caratteristiche similari (es. 737 e A320)

RAV38
Messaggi: 858
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda RAV38 » gio 07 mar 2019, 13:17:39

Non so se questo sia lo thread giusto, ma questo discorso di varie difficoltà che sembra attraversare IG ci riconduce a quello che a mio avviso è il punto ( e forse il pericolo) centrale e di cui si è già parlato: le supposte riluttanze dell' Aga Khan a continuare a mettere altri soldi nella Compagnia e ancor più nella prospettiva di una ricapitalizzazione. In proposito Brandoni, più sopra, ha buttato là una ipotesi, anche se in funzione meramente dialettica, che potrebbe essere teoricamente non assurda. Supponiamo che LH sia , anche per sua volontà, definitivamente fuori dai giochi di AZ, e che, a sua volta, L'Aga Khan, si chiami fuori dall'avventura di IG e volesse cedere la sua quota azionaria ad altri, ovviamente nell'Europa comunitaria. Aggiungiamo ancora che QR dovesse veramente uscire da OW, come nuovamente minacciato da Al Baker, e dovesse accasarsi in una nuova alleanza (anche a dispetto dei suoi investimenti in gruppi OW), non sarebbe immaginabile che LH fosse interessata a rilevare il 51% di IG e farne veramente il castigamatti di AZ ( e per connessione di DL) ? Sempre in linea di fantasia, non sarebbe tale soluzione a vantaggio definitivo di IG e quindi di Malpensa?

I-GABE
Messaggi: 1585
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda I-GABE » gio 07 mar 2019, 13:22:02

Si, però sta storiella di imputare sempre le perdite all'organico è vecchia e nemmeno sempre vera. Forse i soci avrebbero potuto fare meglio i conti in fase di redazione del piano industriale non solo valutando meglio le rotte intercontinentali da aprire, ma anche tenere conto del fatto che, per esempio, un 737 MAX rispetto a un (verosimilmente sottoutilizzato e già disponibile) A320 ha canoni di leasing di ben altro ordine di grandezza che forse con la diversa marginalità si sarebbero potute attenuare perdite e pagare migliori hotel ai dipendenti.
A me pare che, a parte il caso specifico dell'hotel 2 stelle, per il resto si trattasse di geremiadi sulla posizione dell'hotel. Il che, sinceramente, e' in accettabile. Una questione - sacrosanta - e' il riposo, etc... un'altra e' volere l'hotel a 5 stelle a Manhattan invece che a Long Island.
Scusa, ma francamente non ci sto. Il personale deve riposarsi e poi tornare a fare il proprio lavoro, non vedere le soste come momento di svago retribuito. Nel caso specifico di New York, poi, che senso ha andare a scegliere l'hotel a 1h di taxi (traffico permettendo) dal JFK?!
Quando viaggio (e viaggio tanto, credimi), tutti i miei spostamenti sono funzionali al lavoro, non al fatto di voler stare dove piace a me e fare il turista.

Tutto questo a maggior ragione quando si tratta di aziende in difficolta' come IG, o come AZ!

Fine OT (parziale) da parte mia.

rommix
Messaggi: 1021
Iscritto il: mar 08 apr 2008, 11:28:59

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda rommix » gio 07 mar 2019, 13:38:53

Non so se questo sia lo thread giusto, ma questo discorso di varie difficoltà che sembra attraversare IG ci riconduce a quello che a mio avviso è il punto ( e forse il pericolo) centrale e di cui si è già parlato: le supposte riluttanze dell' Aga Khan a continuare a mettere altri soldi nella Compagnia e ancor più nella prospettiva di una ricapitalizzazione. In proposito Brandoni, più sopra, ha buttato là una ipotesi, anche se in funzione meramente dialettica, che potrebbe essere teoricamente non assurda. Supponiamo che LH sia , anche per sua volontà, definitivamente fuori dai giochi di AZ, e che, a sua volta, L'Aga Khan, si chiami fuori dall'avventura di IG e volesse cedere la sua quota azionaria ad altri, ovviamente nell'Europa comunitaria. Aggiungiamo ancora che QR dovesse veramente uscire da OW, come nuovamente minacciato da Al Baker, e dovesse accasarsi in una nuova alleanza (anche a dispetto dei suoi investimenti in gruppi OW), non sarebbe immaginabile che LH fosse interessata a rilevare il 51% di IG e farne veramente il castigamatti di AZ ( e per connessione di DL) ? Sempre in linea di fantasia, non sarebbe tale soluzione a vantaggio definitivo di IG e quindi di Malpensa?
L'unica major europea che potrebbe avere una minima possibilità / interesse ad entrare in IG è IAG

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1773
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda mattaus313 » gio 07 mar 2019, 13:57:37


A me pare che, a parte il caso specifico dell'hotel 2 stelle, per il resto si trattasse di geremiadi sulla posizione dell'hotel. Il che, sinceramente, e' in accettabile. Una questione - sacrosanta - e' il riposo, etc... un'altra e' volere l'hotel a 5 stelle a Manhattan invece che a Long Island.
Scusa, ma francamente non ci sto. Il personale deve riposarsi e poi tornare a fare il proprio lavoro, non vedere le soste come momento di svago retribuito. Nel caso specifico di New York, poi, che senso ha andare a scegliere l'hotel a 1h di taxi (traffico permettendo) dal JFK?!
Quando viaggio (e viaggio tanto, credimi), tutti i miei spostamenti sono funzionali al lavoro, non al fatto di voler stare dove piace a me e fare il turista.
Certo, infatti trovo giusto che gli hotel rispettino determinati standard contrattuali e siano funzionali al lavoro svolto in primis e poi se possibile (ma è aspetto secondario) di gradimento per i dipendenti. Non trovo giusto, invece, imputare le perdite di Air Italy alla scelta dell'hotel/tempi di trasferimento (o almeno, sono certo che questa non sia la prima causa)
Sfortunatamente, a differenza delle automobili, devi essere abilitato per poter operare o manutenere un determinato aeromobile. E le abilitazioni costano tempo e denaro. Per questa ragione si cerca di standardizzare la flotta su poche tipologie di velivoli. Molto tempo fa mi era capitato di leggere che la dimensione minima di una sub-flotta di velivoli fosse 20 esemplari, affinché fosse ragionevole mantenere in organico velivoli diversi con caratteristiche similari (es. 737 e A320)
Dai, siamo seri, avevano una decina di 737 da mandare comunque al macero. Avrebbero dovuto sopportare costi maggiori sicuramente nel breve periodo*, ma forse una volta dismessi avrebbero avuto in flotta NB con un BH cost equiparabile e un canone di leasing su per giù della metà, e soprattutto che (ma questo era di più difficile previsione) non avrebbe comportato intoppi nel piano strategico visto il rallentamento delle consegne. Attenzione, con questo non voglio assolutamente dire che chi ha fatto il piano industriale sia uno sprovveduto anzi, sicuramente l'Italia per i progetti ambizioni non è certo il terreno più fertile, proprio per questo serve estrema prudenza.

*sempre se gli amici di Doha sarebbero stati disponibili a cederli, of course.
L'unica major europea che potrebbe avere una minima possibilità / interesse ad entrare in IG è IAG
E se non "arriva" non appena risolti i problemi legati alla Brexit temo fortemente addio sogni di gloria. SPEREM grande come una casa...
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

Avatar utente
EK412
Messaggi: 2222
Iscritto il: ven 15 feb 2008, 14:55:30
Località: Londra, Regno Unito

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda EK412 » gio 07 mar 2019, 14:35:10

L'unica major europea che potrebbe avere una minima possibilità / interesse ad entrare in IG è IAG
IAG penso abbia altri caxxi a cui pensare in questo momento (e.g. Brexit) e, onestamente, faccio fatica ad immaginare una qualsivoglia societa' quotata in borsa che abbia voglia di quote azionarie in una realta' "messed-up" (perdite monstre, governo contro o quasi, zero brand value, zero vantaggi competitivi) come la IG di oggi, 2019.

rommix
Messaggi: 1021
Iscritto il: mar 08 apr 2008, 11:28:59

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda rommix » gio 07 mar 2019, 15:00:16

L'unica major europea che potrebbe avere una minima possibilità / interesse ad entrare in IG è IAG
IAG penso abbia altri caxxi a cui pensare in questo momento (e.g. Brexit) e, onestamente, faccio fatica ad immaginare una qualsivoglia societa' quotata in borsa che abbia voglia di quote azionarie in una realta' "messed-up" (perdite monstre, governo contro o quasi, zero brand value, zero vantaggi competitivi) come la IG di oggi, 2019.
daccordissimo....era per rimarcare che l unica compagnia che potrebbe farci un pensierino ovviamente con QR che inietta capitali a loro......LH nemmeno potrebbe pensarci...

I-GABE
Messaggi: 1585
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda I-GABE » gio 07 mar 2019, 15:09:09

Certo, infatti trovo giusto che gli hotel rispettino determinati standard contrattuali e siano funzionali al lavoro svolto in primis e poi se possibile (ma è aspetto secondario) di gradimento per i dipendenti. Non trovo giusto, invece, imputare le perdite di Air Italy alla scelta dell'hotel/tempi di trasferimento (o almeno, sono certo che questa non sia la prima causa)
Non mi pare che belumosi abbia detto che le perdite di IG siano da imputare ai costi dell'hotel. Tantopiu' che e' uno dei piu' critici nei confronti dell'operato del management.
Cio' non toglie che l'atteggiamento dei sindacati, soprattutto nel contesto di perdite corrente, sia francamente vomitevole.

BAlorMXP
Messaggi: 1725
Iscritto il: dom 14 ott 2007, 12:59:55
Località: MILANO

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda BAlorMXP » gio 07 mar 2019, 15:42:42

Cosa impedisce a Qatar airways di comprarsi anche l'altro 51% di AirItaly? In fondo siamo nella globalizzazione. Che c'entra l' Europa?
Brandoni, qui si tratta di legislazione europea: un’azienda situa in Comunità Economica Europea non può essere di proprietà oltre il 49% di un soggetto extraCEE.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1773
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda mattaus313 » gio 07 mar 2019, 15:53:08


Non mi pare che belumosi abbia detto che le perdite di IG siano da imputare ai costi dell'hotel. Tantopiu' che e' uno dei piu' critici nei confronti dell'operato del management.
Cio' non toglie che l'atteggiamento dei sindacati, soprattutto nel contesto di perdite corrente, sia francamente vomitevole.
E' vero, probabilmente ho interpretato male e voluto precisare la questione (purtroppo sento spesso cose vanno male=i lavoratori costano troppo) anche se l'aspetto centrale non era quello.
Forse proprio perché non c'è nessun nesso è giusto che l'azienda rispetti le condizioni contrattuali e gli standard e allo stesso tempo i dipendenti non esigano il Plaza di New York.
Sui sindacati sfondi una porta aperta, con Air Italy sicuramente si stanno divertendo ma il disastro Alitalia penso sia una prova abbastanza evidente dei danni che se vogliono possono fare.

Chiedo scusa se mi sono espresso male prima.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

I-GABE
Messaggi: 1585
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda I-GABE » gio 07 mar 2019, 16:55:38

In questo vecchio articolo di Sardiniapost.it del 2018 si parla di 30.000.000 di € di riserva di Alisarda per futuri aumenti di capitale.
Per cui i soldi ce l'hanno.
Mi sa che non hai capito... QR i 30 milioni li ha gia' messi, ma anziche' confluire direttamente nel capitale sono stati messi a riserva. Cio' che potra' essere fatto e' il loro passaggio da riserva a capitale sociale in caso di futuri aumenti.
E comunque il problema non e' che QR non abbia soldi (ma ti pare?!!) ma il fatto che ogni ulteriore apporto che li faccia salire al di sopra del 49% (come ad esempio un aumento di capitale in cui non ci siano altri apporti provenienti da soggetti europei) sarebbe una violazione delle normative europee.

Il problema non e' la disponibilita' di capitale da parte di QR, quanto quella dell'Aga Khan (e della sua intenzione a mettere soldi o meno). Giusto per capirci, sai che l'Aga Khan non e' qatariota, vero?

mae82va
Messaggi: 162
Iscritto il: sab 05 dic 2009, 21:01:06

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda mae82va » gio 07 mar 2019, 17:20:35

Si, però sta storiella di imputare sempre le perdite all'organico è vecchia e nemmeno sempre vera. Forse i soci avrebbero potuto fare meglio i conti in fase di redazione del piano industriale non solo valutando meglio le rotte intercontinentali da aprire, ma anche tenere conto del fatto che, per esempio, un 737 MAX rispetto a un (verosimilmente sottoutilizzato e già disponibile) A320 ha canoni di leasing di ben altro ordine di grandezza che forse con la diversa marginalità si sarebbero potute attenuare perdite e pagare migliori hotel ai dipendenti.
A me pare che, a parte il caso specifico dell'hotel 2 stelle, per il resto si trattasse di geremiadi sulla posizione dell'hotel. Il che, sinceramente, e' in accettabile. Una questione - sacrosanta - e' il riposo, etc... un'altra e' volere l'hotel a 5 stelle a Manhattan invece che a Long Island.
Scusa, ma francamente non ci sto. Il personale deve riposarsi e poi tornare a fare il proprio lavoro, non vedere le soste come momento di svago retribuito. Nel caso specifico di New York, poi, che senso ha andare a scegliere l'hotel a 1h di taxi (traffico permettendo) dal JFK?!
Quando viaggio (e viaggio tanto, credimi), tutti i miei spostamenti sono funzionali al lavoro, non al fatto di voler stare dove piace a me e fare il turista.

Tutto questo a maggior ragione quando si tratta di aziende in difficolta' come IG, o come AZ!

Fine OT (parziale) da parte mia.
Hai ragione da vendere... ma se segui sui social piloti “famosi” di AF e LH vedrai bene che vita fanno nei giorni rest... roba da hotel e ristoranti stellati ovunque...hotel centralissimi e spiagge da sogno... chiaro che quando dai questi privilegi, quando chi non li ha batte i piedi....

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26299
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda I-Alex » gio 07 mar 2019, 18:42:52

Cosa impedisce a Qatar airways di comprarsi anche l'altro 51% di AirItaly? In fondo siamo nella globalizzazione. Che c'entra l' Europa?
Nessuno lo impedisce realmwnte salvo voler perdere tutti i diritti di traffico italiani e non poter effettuare senza autorizzazioni bilaterali voli infra Ue e domestici.




Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
Malpensa airport user

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26299
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda I-Alex » gio 07 mar 2019, 18:44:53

In questo vecchio articolo di Sardiniapost.it del 2018 si parla di 30.000.000 di € di riserva di Alisarda per futuri aumenti di capitale.
Per cui i soldi ce l'hanno.




L’investimento di Qatar Airways per diventare azionista al 49% di Meridiana Fly ammonta a 39,2 milioni di euro. È quanto emerge dai documenti depositati in Camera di Commercio negli scorsi mesi, quando è stata creata Aqa Holding, la società che controlla il 100% di Meridiana Fly, costituita proprio per permettere l’ingresso della compagnia qatariota nel capitale di Meridiana. Il riassetto di Meridiana, ribattezzata Air Italy, si è concluso lo scorso agosto quando Qatar Airways ha sottoscritto l’aumento in denaro da 39,2 milioni di Aqa holding, successivo a quello da 40,75 milioni sostenuto da Alisarda (società controllata dall’Aga Khan) attraverso il conferimento dell’intera partecipazione di Meridiana Fly.

Il conferimento della compagnia sarda, valutata 80 milioni di euro attraverso una apposita perizia, oltre ai 40,75 milioni a titolo di capitale sociale ha permesso di appostare nel patrimonio netto una riserva da 30 milioni “in conto futuro aumento capitale sociale” che Alisarda potrà utilizzare in caso di nuove ricapitalizzazioni entro il 28 marzo del 2022. In occasione della presentazione del piano di espansione di Meridiana, il presidente Francesco Violante ha definito ieri l’investimento iniziale di Qatar Airways poco significativo
Alisarda ovvero Aga Khan in Aqa holding ovvero Air italy ne ha messi almeno il triplo, oggi ormai tutti evaporati

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
Malpensa airport user

canadian#affairs
Messaggi: 1215
Iscritto il: dom 30 nov 2008, 11:25:20

Re: Destinazioni intercontinentali Air Italy

Messaggio da leggereda canadian#affairs » gio 07 mar 2019, 19:44:02

Lettera incontro Iliakis.
Risposta dall'azienda ai sindacati (sempre ieri).
Immagine

Insomma leggendo gli allegati tuoi e - ad integrazione - la risposta interna dell'azienda ai sindacati, sembra di capire che entro il 16 sarà approvato il nuovo piano industriale. E entro quella data si capirà pure quale sarà l'impegno futuro di Air Italy in Gallura. Dimitrov qualche settimana fa aveva incontrato il MIT e si era preso tempo qualche settimana per verificare quello che avrebbero potuto fare in Sardegna alla luce dell'esito della CT.


Torna a “AIR ITALY”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti