Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

le news dal "Città di Milano"
milmxp
Messaggi: 1338
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda milmxp » gio 01 ago 2019, 07:44:36

easyMXP ha scritto:
MXP3000 ha scritto:
atlantis ha scritto:Londra e Parigi e altre capitale europee hanno ben più di un aeroporto, sinceramente non mi sembra che sia un fatto provincialista.


E invece e' puro provincialismo.
Londra e Parigi hanno un traffico enormemente superiore a quello di Milano. E' per quello che hanno piu' aeroporti. Gia' Francoforte e Amsterdam no e non hanno piu' aeroporti.

Londra e Parigi hanno più aeroporti da quando il traffico era quello che adesso ha Milano, e Amsterdam ha Rotterdam come Milano ha Bergamo.
La differenza l'ha fatta e continua a farla la presenza di un hub carrier che gonfia i numeri con i transiti e ha fatto crescere un aeroporto principale, Milano ha avuto Alitalia che non funziona nemmeno a Roma e gli aeroporti sono cresciuti a caso.

Secondo me la questione è che è ormai troppo tardi. E' assodato che LIN non chiuderà mai, quindi a mio avviso, ma è una sola opinione personale, sarebbe meglio discutere di come si può salvare il salvabile con quello che si ha, invece di immaginare scenari fantascientifici.

Avatar utente
wrth
Messaggi: 669
Iscritto il: sab 07 giu 2008, 12:56:19
Località: Castano Primo

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda wrth » gio 01 ago 2019, 07:49:57

I-Alex ha scritto:intanto che voi discute di cose lette e rilette da decenni sul Forum, a Linate si lavora al sogno irrealizzabile di molti

Almeno per qualche giorno ci si può illudere...

C-ALEX
Messaggi: 1046
Iscritto il: dom 20 set 2009, 18:55:55

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda C-ALEX » gio 01 ago 2019, 09:51:43

wrth ha scritto:
I-Alex ha scritto:intanto che voi discute divise lette e rilette da decenni sul Forum, a Linate si lavora al sogno irrealizzabile di molti

Almeno per qualche giorno ci si può illudere...


sognando di trovare una necropoli e un po di bombe della guerra....
... in modo che sia Alitalia a non chiedere l'apertura di Linate.

la realtà è che il 27 Ottobre tutto torna come prima o peggio

jetblue
Messaggi: 593
Iscritto il: gio 10 apr 2008, 17:34:22

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda jetblue » gio 01 ago 2019, 09:59:07

Oltre al fattore hub carrier, se guardiamo altre città Europee che hanno un solo aeroporto con pax > 20 milioni (e con aeroporti secondari limitrofi decisamente marginali), tra di esse cito Barcellona, Vienna, Copenaghen, Francoforte, Amsterdam, Madrid, Zurigo, Dublino, Lisbona e Düsseldorf, la caratteristica comune di tutti questi scali è che sono da sempre gli scali di riferimenti di tali città, sono piuttosto limitrofi, generalmente nella prima periferia, hanno infrastrutture di volo tali da accogliere voli LR da sempre e sono al centro dei sistemi di trasporto stradale e ferroviario/metropolitano delle aree di riferimento.
Altri 3 scali quali Monaco, Atene e Oslo, che invece sono più recenti e più distanti dai centri città, sono cresciuti perché si è normato il sistema (essenzialmente si è chiuso per legge il vecchio aeroporto).

Ove abbiamo più scali, tipo Londra, Parigi, Mosca e Istanbul, abbiamo anche città con aree metropolitane importanti e concentrate.

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 12256
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano Linate

Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda malpensante » gio 01 ago 2019, 13:33:07

Linate è stato costruito in una zona dove sarebbe stata impossibile un’espansione, data la presenza dell’Idroscalo. La pista è corta, unica, il sedime limitato. E nemmeno tanti decenni fa c’era continuamente nebbia.

Avrebbero divuto farlo a est dell’Idroscalo e collegarlo alla ferrovia Milano-Treviglio.

Milano non è Barcellona o Copenhagen, che intorno non hanno altre città. Somiglia piuttosto alla Ruhr, che però non ha nessuna città chiaramente leader.

Malpensa attualmente ha una capacità non molto superiore ai 110 mila pax al giorno, che adesso sta sfruttando. Linate direi 40mila e Bergamo potrà arrivare a 60mila dopo i lavori.

Un aeroporto unico, con ambizioni da hub, dovrebbe avere almeno 4 piste adesso, per la crescita ci vorrebbe ancora di più. Dovrebbe essere ben collegato a tutta la catchment area con autostrade e ferrovie, insomma un fantaeroporto. Già le due piste di Malpensa non sono adeguatamente distanziate per consentire atterraggi paralleli indipendenti e poi con arrivi da nord sarebbe un incubo.

Attualmente chiudere Linate non porta alcun vantaggio, perché chi ne detiene i due terzi degli slot non metterebbe mai voli intercontinentali a Malpensa, nonostante in questi mesi abbia una rete di feed non indifferente. La chiusura di Linate satura soltanto la capacità, cosa che per tre mesi è un salutare esercizio, ma nel medio-lungo periodo sarebbe solo un limite alla crescita.

Quando nel 1998 si voleva chiudere Linate, MIL aveva 20 milioni di passeggeri e quest’anno saranno quasi 50, quasi interamente point-to-point. Linate pesa relativamente poco e buona parte del traffico (Roma e Napoli) si perderebbe nello spostamento.
And Malpensa is going to be our Hub

kco
Messaggi: 4344
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda kco » gio 01 ago 2019, 13:50:05

malpensante ha scritto:Linate è stato costruito in una zona dove sarebbe stata impossibile un’espansione, data la presenza dell’Idroscalo. La pista è corta, unica, il sedime limitato. E nemmeno tanti decenni fa c’era continuamente nebbia.

Avrebbero divuto farlo a est dell’Idroscalo e collegarlo alla ferrovia Milano-Treviglio.

Milano non è Barcellona o Copenhagen, che intorno non hanno altre città. Somiglia piuttosto alla Ruhr, che però non ha nessuna città chiaramente leader.

Malpensa attualmente ha una capacità non molto superiore ai 110 mila pax al giorno, che adesso sta sfruttando. Linate direi 40mila e Bergamo potrà arrivare a 60mila dopo i lavori.

Un aeroporto unico, con ambizioni da hub, dovrebbe avere almeno 4 piste adesso, per la crescita ci vorrebbe ancora di più. Dovrebbe essere ben collegato a tutta la catchment area con autostrade e ferrovie, insomma un fantaeroporto. Già le due piste di Malpensa non sono adeguatamente distanziate per consentire atterraggi paralleli indipendenti e poi con arrivi da nord sarebbe un incubo.

Attualmente chiudere Linate non porta alcun vantaggio, perché chi ne detiene i due terzi degli slot non metterebbe mai voli intercontinentali a Malpensa, nonostante in questi mesi abbia una rete di feed non indifferente. La chiusura di Linate satura soltanto la capacità, cosa che per tre mesi è un salutare esercizio, ma nel medio-lungo periodo sarebbe solo un limite alla crescita.

Quando nel 1998 si voleva chiudere Linate, MIL aveva 20 milioni di passeggeri e quest’anno saranno quasi 50, quasi interamente point-to-point. Linate pesa relativamente poco e buona parte del traffico (Roma e Napoli) si perderebbe nello spostamento.
Se si chiudesse Linate e si facesse terza pista e terminal interpista a Malpensa ci starebbe il traffico di Linate e ci sarebbe margine per crescere.
Ma questa è fata aviazione, il bridge è il preludio per andare nella direzione opposta e pompare Linate per non dover fare ne la terza pista ne un nuovo terminal a mxp.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

Avatar utente
D960
Messaggi: 805
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda D960 » gio 01 ago 2019, 14:00:14

easyMXP ha scritto:
Cioè secondo te BGY è l'aeroporto di Bergamo città?
Quindi MXP quello di Busto Arsizio, e allora di cosa stiamo parlando??

Se ti calmi un attimo e attivi il modulo "logica", che mi sembra in stand-by, realizzi che MXP e BGY sono gli aeroporti non di Milano e Bergamo, ma di un'area densamente urbanizzata, incidentalmente una della 4 più ricche d'Europa, che ha 7-8 milioni di abitanti ed è una delle aree con più visitatori incoming d'Italia e di Europa, combinando business e turismo.

Il problema non è BGY, ma è sempre stato LIN. Tolto quello, MXP e BGY possono convivere tranquillamente.


A proposito di ciò, non so se accada anche altrove ma da poche settimane gli aeroporti della Sardegna riportano la dicitura ''Milano Bergamo'' e non più Bergamo nei display informativi.
BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-MXP-MUC-OLB-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

Mauz®
Messaggi: 1915
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda Mauz® » gio 01 ago 2019, 16:01:37

atlantis ha scritto:
Mauz[emoji2400] ha scritto:Vabbè... Sarà scemo il resto del mondo allora, o speciali noi con le nostre mille scuse per tenere aperti 3 aeroporti che tutti sommati non ne fanno UNO di prim'ordine. Che vi devo dire...

Condannati al provincialismo. E pure contenti di esserlo...

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk


Londra e Parigi e altre capitale europee hanno ben più di un aeroporto, sinceramente non mi sembra che sia un fatto provincialista.
Come ho detto già parecchi post fa, noi non siamo Londra o Parigi.

In ogni caso quando avremo un hub da almeno 60 milioni di pax potremo ragionare su altri aeroporti, se vogliamo proprio paragonarci a loro...

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

Mauz®
Messaggi: 1915
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda Mauz® » gio 01 ago 2019, 16:03:52

MXP3000 ha scritto:
atlantis ha scritto:Londra e Parigi e altre capitale europee hanno ben più di un aeroporto, sinceramente non mi sembra che sia un fatto provincialista.


E invece e' puro provincialismo.
Londra e Parigi hanno un traffico enormemente superiore a quello di Milano. E' per quello che hanno piu' aeroporti. Gia' Francoforte e Amsterdam no e non hanno piu' aeroporti.
Ma neanche Madrid o Zurigo. A Berlino il piano sarebbe proprio quello di chiudere tutto e averne UNO. Monaco ne ha uno, Varsavia, Praga, Dublino, Lisbona, Vienna ecc...

Solo noi abbiamo necessità speciali a quanto pare... Noi e Bruxelles forse...

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

Mauz®
Messaggi: 1915
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda Mauz® » gio 01 ago 2019, 16:09:33

easyMXP ha scritto:
MXP3000 ha scritto:
atlantis ha scritto:Londra e Parigi e altre capitale europee hanno ben più di un aeroporto, sinceramente non mi sembra che sia un fatto provincialista.


E invece e' puro provincialismo.
Londra e Parigi hanno un traffico enormemente superiore a quello di Milano. E' per quello che hanno piu' aeroporti. Gia' Francoforte e Amsterdam no e non hanno piu' aeroporti.

Londra e Parigi hanno più aeroporti da quando il traffico era quello che adesso ha Milano, e Amsterdam ha Rotterdam come Milano ha Bergamo.
La differenza l'ha fatta e continua a farla la presenza di un hub carrier che gonfia i numeri con i transiti e ha fatto crescere un aeroporto principale, Milano ha avuto Alitalia che non funziona nemmeno a Roma e gli aeroporti sono cresciuti a caso.
Londra e Parigi generano un traffico pari a quello dell'Italia intera! Sono città su un altra scala rispetto a Milano.

E l'aeroporto di Rotterdam fa 1.7 milioni di passeggeri, non più di 10 milioni (come Bergamo) o 7/8 milioni (come Linate).

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

Mauz®
Messaggi: 1915
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda Mauz® » gio 01 ago 2019, 16:11:19

milmxp ha scritto:
easyMXP ha scritto:
MXP3000 ha scritto:
E invece e' puro provincialismo.
Londra e Parigi hanno un traffico enormemente superiore a quello di Milano. E' per quello che hanno piu' aeroporti. Gia' Francoforte e Amsterdam no e non hanno piu' aeroporti.

Londra e Parigi hanno più aeroporti da quando il traffico era quello che adesso ha Milano, e Amsterdam ha Rotterdam come Milano ha Bergamo.
La differenza l'ha fatta e continua a farla la presenza di un hub carrier che gonfia i numeri con i transiti e ha fatto crescere un aeroporto principale, Milano ha avuto Alitalia che non funziona nemmeno a Roma e gli aeroporti sono cresciuti a caso.

Secondo me la questione è che è ormai troppo tardi. E' assodato che LIN non chiuderà mai, quindi a mio avviso, ma è una sola opinione personale, sarebbe meglio discutere di come si può salvare il salvabile con quello che si ha, invece di immaginare scenari fantascientifici.
Un ragionamento come quello che tu auspichi presuppone che almeno SI AMMETTA il problema.

Ma qui c'è gente che dice l'opposto. Che LIN e BGY non sono un problema ma sono necessari!

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

Mauz®
Messaggi: 1915
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda Mauz® » gio 01 ago 2019, 16:13:13

jetblue ha scritto:Oltre al fattore hub carrier, se guardiamo altre città Europee che hanno un solo aeroporto con pax > 20 milioni (e con aeroporti secondari limitrofi decisamente marginali), tra di esse cito Barcellona, Vienna, Copenaghen, Francoforte, Amsterdam, Madrid, Zurigo, Dublino, Lisbona e Düsseldorf, la caratteristica comune di tutti questi scali è che sono da sempre gli scali di riferimenti di tali città, sono piuttosto limitrofi, generalmente nella prima periferia, hanno infrastrutture di volo tali da accogliere voli LR da sempre e sono al centro dei sistemi di trasporto stradale e ferroviario/metropolitano delle aree di riferimento.
Altri 3 scali quali Monaco, Atene e Oslo, che invece sono più recenti e più distanti dai centri città, sono cresciuti perché si è normato il sistema (essenzialmente si è chiuso per legge il vecchio aeroporto).

Ove abbiamo più scali, tipo Londra, Parigi, Mosca e Istanbul, abbiamo anche città con aree metropolitane importanti e concentrate.
La differenza la fanno le proporzioni. Le città che tu citi hanno hub importanti e poi degli aeroporti secondari che ospitano un infinitesimo del traffico. Non hanno il terzo e l'ottavo aeroporto italiano li accanto.

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

jetblue
Messaggi: 593
Iscritto il: gio 10 apr 2008, 17:34:22

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda jetblue » gio 01 ago 2019, 16:54:29

Mauz® ha scritto:
La differenza la fanno le proporzioni. Le città che tu citi hanno hub importanti e poi degli aeroporti secondari che ospitano un infinitesimo del traffico. Non hanno il terzo e l'ottavo aeroporto italiano.

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk


In verità tutte e 4 le città hanno sia il primo, che secondo aeroporto per grandezza della nazione di riferimento.

Londra: LHR (80,100,311) e LGW (46,081,327) rispettivamente 1 e 2 scalo UK. Terzo scalo è MAN (28,254,970)

Parigi: CDG (72,229,723) e ORY (33,120,685) rispettivamente 1 e 2 scalo in Francia. Terzo scalo è NCE (13,850,561)

Mosca: SVO (45,348,150) e DME (29,403,704) rispettivamente 1 e 2 scalo in Russia. Terzo scalo VKO (21,478,486)

Istanbul: IST (67,981,446) e SAW (34,133,617) rispettivamente 1 e 2 scalo in Turchia. terzo scalo ESB (15,845,878)

Mauz®
Messaggi: 1915
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda Mauz® » gio 01 ago 2019, 17:32:14

Ma del mio " non siamo mica Parigi o Londra " cos'è che non avete capito, di grazia? Dai, avanti il prossimo che mi cita queste due.

Ovviamente il concetto si estende anche a Mosca, Istanbul, Tokyo, Pechino, New York e simili. Realtà gigantesche su ben altra scala rispetto a Milano.

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

I-GABE
Messaggi: 1065
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda I-GABE » gio 01 ago 2019, 18:48:32

Mauz, a me sembra che abbiamo capito benissimo. Evidentemente molti di noi non condividono il tuo pensiero, vorrà dire che tutti noi ci sbagliamo e tu hai ragione. Oppure che tu continui sulle tue posizioni interpretando come vuoi quello che scrivono gli altri, un po’ come le US3 nei confronti di Emirates, Qatar e& co!


Sent from my iPhone using Tapatalk

minsk
Messaggi: 346
Iscritto il: gio 14 mag 2009, 15:12:20
Località: LIMC-UMMS

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda minsk » gio 01 ago 2019, 18:52:17

Mauz® ha scritto:Ma del mio " non siamo mica Parigi o Londra " cos'è che non avete capito, di grazia? Dai, avanti il prossimo che mi cita queste due.

Ovviamente il concetto si estende anche a Mosca, Istanbul, Tokyo, Pechino, New York e simili. Realtà gigantesche su ben altra scala rispetto a Milano.

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk


Io sono stato il primo a dirtelo e te lo ripeto. Ma vedo che ti ostini a capire quello che ti viene detto. Se Parigi non avesse AF o l'avesse nelle condizioni di AZ vedresti CDG in una posizione diversa da quella attuale. Ti feci l'esempio di AMS. Adesso te ne faccio un'altro.
DXB nel 1998 quano MXP era hub AZ fece 9,7 mln nel 2002 quasi 16 nel 2010 47 e oggi è il terzo al mondo con 88 milioni perché è cresciuto insieme ad una compagnia e non perché fa 5 o 15 milioni di abitanti. A Milano non avevamo una compagnia fino ad un anno fa e oggi tolto dai piedi il problema US3 e se veramente QR investira massicciamente in IG, senza che il governo metta il bastone tra le ruote, perché noi dobbiamo combattere anche con FCO, allora vedremo crescere MXP oltre le gia note aspettative, senza che LIN e tantomeno BGY possano recare danno. Poi BGY come qualcuno ha detto va avanti grazie alle low fare altrimenti sarebbe a far compagnia a Montichiari.

Avatar utente
hal
Site Admin
Messaggi: 8103
Iscritto il: gio 04 ott 2007, 21:13:47
Località: MXP

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda hal » gio 01 ago 2019, 19:06:00

Ragazzi, cerchiamo di non andare TROPPO fuori tema. Capisco che l'argomento si presti a facili divagazioni, ma qui si monitorizza l'andamento del "BRIDGE".
Il maggior nemico della conoscenza non è l’ignoranza,
è la presunzione della conoscenza.


Stephen Hawking

easyMXP
Messaggi: 4116
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda easyMXP » gio 01 ago 2019, 19:14:57

Mauz® ha scritto:Ma del mio " non siamo mica Parigi o Londra " cos'è che non avete capito, di grazia? Dai, avanti il prossimo che mi cita queste due.

Ovviamente il concetto si estende anche a Mosca, Istanbul, Tokyo, Pechino, New York e simili. Realtà gigantesche su ben altra scala rispetto a Milano.

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk

A me sembra evidente che tu non capisci o non vuoi capire buona parte dei discorsi che stiamo facendo. Leggi le prime due righe e parti per la tangente.
Sicuramente almeno per me il problema sarà mio che non mi spiego e quindi inutile ridirtelo, ma se tutti, ma proprio tutti, i frequentatori del forum intervenuti, non proprio noti per essere fan di LIN, non sono d'accordo con te, non ti viene il sospetto che quantomeno il mondo non sia in bianco e nero ma con tutta la scala cromatica?
Giusto un esempio: ti ostini a dire che siamo p***a perché non riconosciamo che LIN e BGY sono eccessivi, ma la maggior parte ti ha detto che BGY non è un problema, non LIN, che comunque adesso è un problema molto minore di 20 anni fa.

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1232
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda mattaus313 » gio 01 ago 2019, 19:29:50

Mauz comunque prendo spunto dalle foto di I-Alex, dato che stanno sfasciando Linate potresti approfittarne per andare a manifestare affinché non venga ricostruito (anzi affinché venga raso al suolo tutto). Sicuramente di supporto morale dovresti trovare a volontà qui :green:
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

atlantis
Messaggi: 16
Iscritto il: ven 26 lug 2019, 01:57:17

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda atlantis » gio 01 ago 2019, 21:40:48


easyMXP
Messaggi: 4116
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda easyMXP » gio 01 ago 2019, 22:14:00

Tre possibili soluzioni:
- controlli serrati di polizia e vigili
- parcheggio gratuito a 2-3 km dal terminal, per aspettare la chiamata di chi è in arrivo
- prima ora gratuita nei parcheggi del terminal

atlantis
Messaggi: 16
Iscritto il: ven 26 lug 2019, 01:57:17

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda atlantis » gio 01 ago 2019, 22:28:54

Fare un parcheggio gratuito a Vizzola, appena a dx del rotondone?

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1232
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda mattaus313 » gio 01 ago 2019, 22:32:30

easyMXP ha scritto:- prima ora gratuita nei parcheggi del terminal


Soluzione migliore, oppure aggiungerei la quattro: 2€/h la prima ora nei parcheggi del terminal salvo "consumazione" all'interno del terminal.

Tradotto vai a prendere il figlio che torna da Ibiza, puoi aspettarlo comodamente all'interno del terminal al prezzo di un caffè. Se poi quando arriva, magari con l'amico, ti scrocca da bere, dentro l'aeroporto son volati già ben più di 2€. Dovrebbe fare due calcoli SEA se è più incentivante consumare in questo senso o col parcheggio gratuito. Ma la direzione da prendere senz'altro è quella.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 12256
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano Linate

Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda malpensante » gio 01 ago 2019, 22:47:39

I bar non sono gestiti da SEA, i parcheggi sì.
Basta che qualcuno con le “buone” maniere convinca chi si ferma sulle corsie di decelerazione che in futuro è meglio non pensarci neanche.

Immagine
And Malpensa is going to be our Hub

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1232
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda mattaus313 » gio 01 ago 2019, 23:14:59

I Bar non son gestiti da SEA ma SEA dall'attività commerciale fiorente mi sembra che qualcosa guadagni.
Le multe dovrebbero essere scontate in qualsiasi paese civile, se sono così frequenti gli episodi di sosta selvaggia e cosi poco multati penso che la """"tolleranza""""" (lo dico con tante virgolette) sia dettata dal fatto che non ci sia un'idea chiara del come evitarla. E qui ci si ricollega all'idea del parcheggio (economico, gratuito, "gratuito se" tant'è vedrà SEA la soluzione migliore) per coloro che aspettano.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"


Torna a “NOVITA'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 39 ospiti