Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

le news dal "Città di Milano"
easyMXP
Messaggi: 4241
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda easyMXP » ven 30 ago 2019, 16:22:05

maclover ha scritto:
malpensante ha scritto:Sembra che sfugga la nozione che il servizio bus viene svolto in base a una CONCESSIONE e che il concessionario fa come gli pare. Sarebbe piuttosto il caso di liberalizzare.


Per sviluppare un servizio basato su NCC, non serve alcuna concessione, solo la volontà di cambiare lo status quo.

No.
Un NCC organizzato con corse sistematiche da fermate fisse a orario fisso che raccolgono utenti singoli diventa un servizio di linea, e quindi è vietato senza concessione.
Un NCC che a richiesta metta insieme corse diverse su un unico mezzo diventa un transfer collettivo, e anche in questo caso serve una licenza diversa.

Maurizio79
Messaggi: 12
Iscritto il: ven 30 ago 2019, 08:08:59

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda Maurizio79 » ven 30 ago 2019, 16:50:24

Buongiorno a tutti, vi leggo da molti mesi e oggi lascio il mio contributo.

Domenica 4/8, volo KLM per Amsterdam delle 10.50.
Check-in in 20/25 minuti, rallentato perché sono stati fatti passare avanti passeggeri che avevano il volo per Parigi che stava chiudendo il check-in.
Controlli passati velocemente, imbarco con bus altrettanto veloce e puntuale. Poi a pochi minuti dal decollo il comandante informa che a causa di un passeggero che aveva fatto check-in ma non era sull'aereo dovevano scaricare la sua valigia. Io avevo 1h55m di margine per il mio volo per Tokyo. Orario previsto per la partenza ore 12.00 causa traffico. Per fortuna siamo riusciti a partire prima delle 12.00, qualche passeggero ha però perso la coincidenza purtroppo.
Quindi direi che tutto è andato bene. Le colpe non sono di MXP.

Ritorno domenica 25/8 da Amsterdam ore 17.00.
Volo puntuale, anzi in anticipo visto che siamo finiti oltre il Po (non so come caricare foto di Flightradar).
Attesa di quasi 10 minuti per il finger (ad Amsterdam da Tokyo attesi più di 10 minuti prima di sbarcare, quindi non è solo MXP :yeah:), passaggio alla toilette, bagaglio ricevuto alle 19.10. Dogana passata in un secondo.
Non posso che ritenermi soddisfatto!

PS. Nota di colore. AL ritorno ad AMS al controllo bagaglio a mano, dopo il passaggio ai raggi X hanno passato al setaccio il mio zaino...motivo? Era sospetto un magnete da frigorifero a forma di Sushi. Gli addetti ai controlli penso stiano ancora ridendo!

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 25839
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda I-Alex » ven 30 ago 2019, 17:46:30

Per Torino ogni ora c’è anche Flixbus che effettua la Zurigo - Torino via Lugano - Busto Arsizio - Malpensa - A4... molto economico.

Airport Handling ora dovrebbe essere 70% gruppo Dnata e 30% Sea, da info di prima mano pare che tutti siano sotto organico e spesso i dipendenti base Linate in difficoltà con le dimensioni di Malpensa.

Come detto sopra, fattori e le esperienze sono molteplici e assai variegate
Malpensa airport user

kco
Messaggi: 4637
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda kco » ven 30 ago 2019, 17:58:18

I-Alex ha scritto:Per Torino ogni ora c’è anche Flixbus che effettua la Zurigo - Torino via Lugano - Busto Arsizio - Malpensa - A4... molto economico.

Airport Handling ora dovrebbe essere 70% gruppo Dnata e 30% Sea, da info di prima mano pare che tutti siano sotto organico e spesso i dipendenti base Linate in difficoltà con le dimensioni di Malpensa.

Come detto sopra, fattori e le esperienze sono molteplici e assai variegate
Ogni ora? Sicuro?

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

Avatar utente
miguel
Messaggi: 1102
Iscritto il: mer 25 set 2013, 10:02:39
Località: Brianza

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda miguel » ven 30 ago 2019, 18:08:55

Vedo da app 3 corse per il T2 ed una per il T1ImmagineImmagine

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 25839
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda I-Alex » ven 30 ago 2019, 19:19:48

Chiedo venia, quando ho guardato per dei parenti al mattino ho visto i bus ogni ora e credevo fosse così tutto il giorno, in effetti sono 4 corse per senso.

Esperienza odierna da Malpensa T2:

- 22 minuti totali tra coda al check in per imbarco valigia e coda controllo sicurezza, anche qui dipende dall'orario ma quanto meno in partenza il servizio non è cambiato in questi mesi frenetici, vedremo al rientro con la valigia

PS: al T2 sono presenti 10 x-ray nornali e ben 3 di nuova generazione con le triple postazioni di immissione valige.
In pratica da un metal detector per le persone ci sono 3+3 postazioni per il controllo bagaglio, questa volta però facevano tirare fuori liquidi e tablet, la volta precedente no.
Malpensa airport user

easyMXP
Messaggi: 4241
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda easyMXP » ven 30 ago 2019, 20:35:10

Alex ti piace vincere facile, al T2 c'è solo U2, per forza che con il Bridge non è cambiato nulla!

Avatar utente
maclover
Messaggi: 141
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda maclover » ven 30 ago 2019, 22:10:09

easyMXP ha scritto:Tu stesso, però, cadi nel qualunquismo attaccando Trenitalia anche quando sai che la colpa è di RFI. E' colpa tua un errore di un altro in un'azienda che non è nemmeno la tua, anche se sotto la stessa controllante?

Perdonami ma è una affermazione aberrante.

In qualsiasi azienda B2C, indipendentemente dalla industry nella quale opera, ci sono due aspetti che oggi vengono considerati fondamentali.

A) own the relationship
Hai mai comprato da Amazon? Se c’è un disservizio dovuto al corriere (SDA, UPS o chicchessia), Amazon non scarica mai la colpa sul corriere e neppure ti chiede di chiamare tu direttamente: lo fanno loro per te per cercare di mitigare il più possibile il disagio e si adoperano per qualsiasi soluzione alternativa che possa rimediare a un errore non loro.
Eppure, con il modo di ragionare che leggo qui, se il disservizio tecnicamente non dipende da Amazon, dovrebbero semplicemente sbattersene i cog... e scaricare su altri il problema.
Però Bezos crede nella relazione con il cliente e quindi non si straccia le vesti o fa spallucce.

Questo ha fatto diventare Amazon Amazon.

Nel nostro caso, è l’aeroporto ad avere la relazione con il cliente e SEA dovrebbe fare in modo che il cliente sia soddisfatto. “È colpa dell’handler e non ci posso fare nulla” è una risposta che fa davvero pena.

B) reset the internal clock
Contrattempi purtroppo succedono sempre, ma è il modo in cui vi si pone rimedio che fa la differenza.
Se sei al ristorante, sbagliano la comanda e il tuo piatto non arriva nei tempi corretti, se proattivamente si presenta il calmiere a scusarsi ancora prima che tu lo debba chiamare per lamentarti, e magari ti offre uno stuzzichino nell’attesa, hai una percezione ben diversa che non stare a fissare il tavolo vuoto per un’ora.

Stare due ore al nastro bagagli senza sapere se stai aspettando inutilmente (perché magari il bagaglio proprio non è stato imbarcato) è snervante. E lo è ancora di più restare senza uno straccio di informazione.
Ci vorrebbe molto a mandare un addetto che si scusa, offre informazioni e magari regala un buono da usare per una prossima visita all’aeroporto? No

Alla fine, anche se dovrebbero essere la base, è solo questione di mentalità e di saper essere customer oriented

Avatar utente
maclover
Messaggi: 141
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda maclover » ven 30 ago 2019, 22:12:46

I-GABE ha scritto:
maclover ha scritto:
KittyHawk ha scritto:Se è vero che è l'aeroporto a...


È tutto vero perché ogni aeroporto è un monopolio de facto.
Questa condizione però non deve essere la scusante per offrire servizi scarsi perché tanto l’utente è obbligato a tornare.

Se a SIN ragionassero con la stessa logica, Changi potrebbe essere l’opposto di quello che è perché tanto o atterri lì o atterri lì.


Il paragone con Changi mi sembra un po' ad cazzum. SIN vive di transiti ancor piu' che di traffico PtP, e' ovvio che debba rendersi attrattivo e desiderabile come snodo...


E perché mai è ovvio che SI. debba rendersi attrattivo e desiderabile, mentre per MXP non deve essere così ovvio?

Avatar utente
maclover
Messaggi: 141
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda maclover » ven 30 ago 2019, 22:19:33

easyMXP ha scritto:No
Un NCC organizzato con corse sistematiche da fermate fisse a orario fisso che raccolgono utenti singoli diventa un servizio di linea, e quindi è vietato senza concessione.
Un NCC che a richiesta metta insieme corse diverse su un unico mezzo diventa un transfer collettivo, e anche in questo caso serve una licenza diversa.


Con i No sempre e comunque non si va da nessuna parte mentre invece il mondo continua ad evolvere.

I pax cinesi (e sono tanti!) già si sono organizzati per i fatti loro con minibus fai-da-te
Ripeto: trovare una soluzione è solo questione di volontà e di rompere lo status quo dove probabilmente ci sono altri interessi in gioco.

kco
Messaggi: 4637
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda kco » ven 30 ago 2019, 23:52:06

maclover ha scritto:
easyMXP ha scritto:No
Un NCC organizzato con corse sistematiche da fermate fisse a orario fisso che raccolgono utenti singoli diventa un servizio di linea, e quindi è vietato senza concessione.
Un NCC che a richiesta metta insieme corse diverse su un unico mezzo diventa un transfer collettivo, e anche in questo caso serve una licenza diversa.


Con i No sempre e comunque non si va da nessuna parte mentre invece il mondo continua ad evolvere.

I pax cinesi (e sono tanti!) già si sono organizzati per i fatti loro con minibus fai-da-te
Ripeto: trovare una soluzione è solo questione di volontà e di rompere lo status quo dove probabilmente ci sono altri interessi in gioco.
Si ma non si può addossare a sea una responsabilità del genere. Se i trasporti su terra sono anni luce da essere liberalizzati in italia non è colpa di Sea e parla uno che di solito non ci va giù tenero.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

Avatar utente
miguel
Messaggi: 1102
Iscritto il: mer 25 set 2013, 10:02:39
Località: Brianza

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda miguel » sab 31 ago 2019, 05:34:31

maclover ha scritto:
malpensante ha scritto:Da chiarire che SEA non ha alcuna responsabilità sull’operato degli handler, perché non ne controlla nessuno. Se questi lavorano in modo insoddisfacente è colpa loro e delle linee aeree loro clienti che si accontentano, magari perché pagano un po’ meno.

Balle.
Il gestore dell’aeroporto ha il dovere di controllare che il servizio venga erogato secondo determinati standard e può quindi mettere in atto quanto nelle proprie facoltà perché ciò avvenga.

Quanto a Torino, se il collegamento con Malpensa non è all’altezza sarebbe il caso che se ne interessasse anche Torino stessa, ma come scrivi TRN ne beneficia e il cane si morde la coda. Non mi pare che il servizio di bus sia liberalizzato e non è sotto la responsabilità di SEA.

E di nuovo balle.
L’obiettivo di chi gestisce l’aeroporto è renderlo attrattivo per i pax e, se non puoi ovviamente costruire una ferrovia, puoi creare le condizioni affinché vi sia un collegamento decente.

Tornando alla riconsegna dei bagagli, mi sembra chiaro che gli handler si sono preparati in maniera insufficiente al “bridge”.

E SEA dovrebbe intervenire al riguardo, anche se la situazione non è certo nuova, tutt’al più solo amplificata dal bridge.


Da sito ENAC

Passeggeri

L’Ente è Organismo responsabile della corretta applicazione dei Regolamenti comunitari in materia di Diritti del Passeggero e ha il potere di irrogare sanzioni amministrative nei confronti dei soggetti inadempienti. Per garantire il rispetto degli standard qualitativi e dei diritti del Passeggero, l’ENAC cura la definizione e la verifica dei parametri di qualità dei servizi aeroportuali e di trasporto aereo. Qualità e tutela dei servizi sono garantite anche attraverso lo svolgimento di attività di certificazione, di formazione e di riqualificazione professionale del personale.
Trasporto Aereo

Nell’ambito delle attività legate agli aspetti economici del trasporto aereo, rientra tra le competenze dell’ENAC l’istruttoria per l’affidamento in concessione delle strutture/beni del demanio aeroportuale e dei servizi aeroportuali che viene effettuata sulla base della valutazione del livello di affidabilità, efficienza e competitività dei soggetti economici e imprenditoriali coinvolti. L’ENAC provvede, inoltre, alla regolazione tariffaria, alla predisposizione degli accordi di traffico, al rilascio delle licenze di esercizio per i vettori aerei, alla verifica delle condizioni che possano giustificare l’istituzione di oneri di servizio pubblico su specifici collegamenti, all’attuazione del decreto legislativo relativo al libero accesso al mercato dei servizi a terra (handling) negli scali italiani. Rilevante l’attività relativa all’esame delle problematiche economiche del trasporto aereo a livello internazionale.

l’ENAC gestisce l’affidamento dei beni del demanio aeroportuale.

Avatar utente
miguel
Messaggi: 1102
Iscritto il: mer 25 set 2013, 10:02:39
Località: Brianza

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda miguel » sab 31 ago 2019, 05:40:21

maclover ha scritto:
Mia moglie, che pur non ama volare, per andare in Vietnam la scorsa settimana ha preferito fare doppio scalo TRN-FRA=BKK-HAN e lo stesso farà al ritorno SGN-SIN-FRA-TRN pur di evitare MXP dove avrebbe potuto fare un solo stop a SIN/BKK in entrambe le direzioni.

A conti fatti, time-wise, il saldo sarebbe stato negativo decidendo di partire/arrivare da/per MXP senza neppure considerare eventuali (ma non troppo remoti) intoppi che a MXP possono dilatare i tempi in maniera significativa per chi ha come destinazione TRN


Hai mai valutato l'opzione di Emirates Treno + volo ?

esempio

Immagine

minsk
Messaggi: 418
Iscritto il: gio 14 mag 2009, 15:12:20
Località: LIMC-UMMS

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda minsk » sab 31 ago 2019, 08:55:03

miguel ha scritto:
maclover ha scritto:
Mia moglie, che pur non ama volare, per andare in Vietnam la scorsa settimana ha preferito fare doppio scalo TRN-FRA=BKK-HAN e lo stesso farà al ritorno SGN-SIN-FRA-TRN pur di evitare MXP dove avrebbe potuto fare un solo stop a SIN/BKK in entrambe le direzioni.

A conti fatti, time-wise, il saldo sarebbe stato negativo decidendo di partire/arrivare da/per MXP senza neppure considerare eventuali (ma non troppo remoti) intoppi che a MXP possono dilatare i tempi in maniera significativa per chi ha come destinazione TRN


A pensare male si fa peccato ma qualche volta si indovina.

A me sembra che tua moglie abbia preferito partire dal mega hubbe di Caselle perche vicino casa e non perche' MXP sia un disastro come vuoi farci credere, una persona che non e' propensa a prendere l'aereo, non scegliera' mai di fare 3 voli con due scali, contro 2 voli e uno scalo, dovesse transitare anche da ISL. Il disguido dei bagagli puo succedere, e ti e'stato spiegato da altri forumisti che SEA non ha responsabilita'!!
Queste cose possono capitare ovunque, ma a MXP purtroppo vengono sempre evidenziate ed ingigantite, soprattutto dai pax come te che non potendo avere nella propria citta' un apt intercontinentale rosicano in casa del vicino.
Tu stai imputando a SEA anche la perdita del bus per Torino. Ma come puoi pensare una cosa simile?? Io quando acquisto un volo con due biglietti separati so a priori il rischio che corro e non cerchero mai di dare colpa a qualcuno se dovessi perdere il secondo (denari compresi). Tu avresti potuto tranquillamente perdere il bus anche con bagaglio a mano se il tuo volo avesse fatto ritardo. A quel punto la colpa tu l'avresti data, non ad AI (che peraltro potrebbe non essere la causa) ma a MXP che ha avuto la sfortuna di essere la destinazione finale del tuo volo.
Non se ne puo piu di sentire queste futili lamentele.
Se reputi MXP un disastro anche per il problema dei bus parti dal hubbe di Caselle e risolvi il problema. L'unica differenza che da Caselle per arrivare in Vietnam ci impieghi 2 giorni, ma pazienza almeno non hai perso due ore alla riconsegna bagagli. :duro:

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 12897
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda malpensante » sab 31 ago 2019, 09:08:30

maclover ha scritto:A) own the relationship
Hai mai comprato da Amazon? Se c’è un disservizio dovuto al corriere (SDA, UPS o chicchessia), Amazon non scarica mai la colpa sul corriere e neppure ti chiede di chiamare tu direttamente: lo fanno loro per te per cercare di mitigare il più possibile il disagio e si adoperano per qualsiasi soluzione alternativa che possa rimediare a un errore non loro.
Eppure, con il modo di ragionare che leggo qui, se il disservizio tecnicamente non dipende da Amazon, dovrebbero semplicemente sbattersene i cog... e scaricare su altri il problema.
Però Bezos crede nella relazione con il cliente e quindi non si straccia le vesti o fa spallucce.

Questo ha fatto diventare Amazon Amazon.

Nel nostro caso, è l’aeroporto ad avere la relazione con il cliente e SEA dovrebbe fare in modo che il cliente sia soddisfatto. “È colpa dell’handler e non ci posso fare nulla” è una risposta che fa davvero pena.

C’è una serie di errori, innanzitutto la relazione non è fra aeroporto e passeggero, ma fra LA LINEA AEREA e il passeggero, che appunto è dalla linea aerea che compra il biglietto ed è proprio la linea aerea che stipula il contratto con l’handler.

Inutile fare paragoni con Amazon, che si è scelta il modello di business ottimale. Quello dell’aeroporto è un servizio REGOLATO e la concessionaria deve sottostare alle regole, non le crea. In particolare la UE ha preteso che l’attività di handling fosse liberalizzata, ENAC ha permesso una liberalizzazione alla ca..o di cane e questi sono i risultati. Va anche notato che ENAC fa dietrofront quando le fa comodo, ad esempio ha successivamente introdotto (arbitrariamente) un limite di tre handler a Fiumicino Hub Naturale della Nazione, per migliorare la qualità del servizio.

Quando l’attività di handling era gestita da SEA, la stessa SEA poteva essere ritenuta responsabile dei risultati. Non a caso Alitalia gestisce in proprio l’handling a FCO, come è pressoché necessario nel proprio hub. Altrettanto SEA non è responsabile se ci sono code al controllo passaporti, quello che ha potuto fare è introdurre varchi elettronici (pagandoli) per ovviare alle inguaribili carenze di personale assegnato dalla Polizia di Stato.

Non credo che ci voglia la sfera di cristallo per immaginare che in futuro Air Italy potrebbe avere un handler diverso da quella Dnata che appartiene ai concorrenti di Dubai.

Il tutto ricordando che:
1) si tratta di una situazione eccezionale, Linate riaprirà a fine ottobre
2) è il momento di maggior picco dell’anno E il traffico è cresciuto costantemente a ritmi elevati negli ultimi anni.

Sarebbe meno ingeneroso constatare che quello che è diretta responsabilità di SEA ha funzionato bene, anzi molto meglio di un anno fa:
1) le code ai controlli di sicurezza sono accettabili
2) le code ai check-in sono accettabili, pur con il limite che tutti i banchi che ci si poteva far stare sono stati messi, non c’è spazio ulteriore disponibile
3) i bagagli PARTONO regolarmente

Anche i treni funzionano decentemente, perché Trenord,che pure è una società strutturalmente sorda e piena di problemi propri ha collaborato adeguatamente.

Poteva essere il Festival del Parcheggio Abusivo e invece questi sono spariti. Dipende dall’interlocutore nella relazione. Chiaro che gli handler hanno deciso che non fosse possibile/valesse la pena affrontare un picco di attività di soli tre mesi, irripetibile. Saranno le compagnie aeree, prima ancora di SEA, a fare i conti con loro, ma in un aeroporto a yield medio-basso fanno soprattutto i conti con il conto da pagare, salvo eccezioni.
Et exspecto resurrectionem mortuorum

kco
Messaggi: 4637
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda kco » sab 31 ago 2019, 09:14:18

Partito il 26 per Bud tornato il 30 con A321 da 240 posti. Andata LF 90% ritorno pieno a tappo. Andata senza problemi di sorta, posteggiati all' A6, imbarco con due scale e camminata giù dalla torretta del finger. Ritorno abbiamo dovuto aspettare 10 minuti la scaletta ma lì ho visto chiaramente quale fosse la dinamica. Hanno provato ad avvicinare una scala ma non riuscivano a far scorrere i parapetti che colmano la distanza fra l'aereo e la scala. Sembravano molto disorientati. Allora hanno preso l'altra scala e se ne sono fatti portare una terza per dietro. Le scale erano siglate Milano Malpensa ma il personale sembrava non averle mai viste di quel tipo. Tempo che hanno sistemato tutto sono passati 10 min e non avevano ancora attaccato quella dietro. Quelle scale sono lentine a muoversi e devo dire che il personale a terra ci ha provato a spostare il tutto più velocemente possibile ma comunque 10 minuti li siamo rimasti. Bagagli ritirati 25 minuti dopo l'arrivo ma c'era anche un Roma e un Cagliari al nastro che hanno atteso 40 min. La quantità di gente che passa per il salone arrivi a quell' ora è impressionante da creare una coda per riuscire ad uscire!

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

Avatar utente
maclover
Messaggi: 141
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda maclover » sab 31 ago 2019, 09:47:27

kco ha scritto:Si ma non si può addossare a sea una responsabilità del genere. Se i trasporti su terra sono anni luce da essere liberalizzati in italia non è colpa di Sea e parla uno che di solito non ci va giù tenero.


L’outlet di Serravalle ha servizi navetta non solo dalla stazione di Arquata, ma anche da Milano (quindi un’altra regione)
Avrà quindi dovuto far ottenere una concessione all’operatore, fintanto subsidizzandone i costi pur di garantire il servizio.
Sono certo che nel momento in cui la qualità del servizio erogato non dovesse essere all’altezza, non portando più centinaia di turisti - soprattutto asiatici - a spendere decine di migliaia di € nei negozi che McArtuthur affitta a caro prezzo, chi eroga il servizio verrebbe defenestrato e rimpiazzato.

Trovo impossibile che SEA non possa fare nulla, ma proprio nulla al riguardo ma semplicemente fare spallucce.

Avatar utente
maclover
Messaggi: 141
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda maclover » sab 31 ago 2019, 09:50:41

miguel ha scritto:l’ENAC gestisce l’affidamento dei beni del demanio aeroportuale.


E di nuovo “chi ci mette la faccia” quindi l’aeroporto, quindi SEA non può fare nulla di nulla perché tanto il disservizio non è creato direttamente e poco frega se il proprio cliente ne subisce il disagio?

Avatar utente
maclover
Messaggi: 141
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda maclover » sab 31 ago 2019, 09:52:58

miguel ha scritto:Hai mai valutato l'opzione di Emirates Treno + volo ?


Provato una volta con CX quando offriva il servizio (fino a 3 anni fa?) de è stato uno sbattimento mica da ridere....

Avatar utente
belumosi
Messaggi: 2783
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda belumosi » sab 31 ago 2019, 10:22:43

@maclover

Ci sarebbe anche il volo VN CDG-HAN in CS con AF, con comode coincidenze su TRN.

Avatar utente
maclover
Messaggi: 141
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda maclover » sab 31 ago 2019, 10:27:26

minsk ha scritto:
maclover ha scritto:
Mia moglie, che pur non ama volare, per andare in Vietnam la scorsa settimana ha preferito fare doppio scalo TRN-FRA=BKK-HAN e lo stesso farà al ritorno SGN-SIN-FRA-TRN pur di evitare MXP dove avrebbe potuto fare un solo stop a SIN/BKK in entrambe le direzioni.


A pensare male si fa peccato ma qualche volta si indovina.
[…]
Se reputi MXP un disastro anche per il problema dei bus parti dal hubbe di Caselle e risolvi il problema. L'unica differenza che da Caselle per arrivare in Vietnam ci impieghi 2 giorni, ma pazienza almeno non hai perso due ore alla riconsegna bagagli. :duro:


E questa volta non hai indovinato, ma a fare l’ultra spesso si ragiona in maniera irrazionale e si rischia di straboccare nel fare illazioni.
L’opzione più veloce e con singolo scalo sarebbe stata con SQ con volo in partenza alle 13 e arrivò a HAN 17 ore e 40 minuti dopo. Per prendere quel volo, serve il bus che lascia Torino alle 9: tempo totale di viaggio 22 ore.
Ritorno sempre con SQ SGN-SIN-MXP per un totale di 16h complice una connessione molto stretta (45’) ma tecnicamente fattibile a Changi.
Ora di arrivo a MXP, 6:10 e (si spera!) bus delle 8 con arrivo a Torino due ore dopo. Tempo totale di viaggio poco più di 18:30h.

Con la soluzione scelta, in partenza da TRN, arrivo a HAN dopo 18:10. Normalmente mia moglie esce di casa (col taxi) un’ora e mezza prima dei voli quindi tempo totale 19:40 contro 22.
Il SGN-TRN è dato a 18 ore e 20 minuti e solitamente (sempre col taxi) entro un’ora si è a casa.
Tempo totale 19h30m

All’andata il risparmio di tempo è netto, al ritorno c’è poca differenza ma con il vantaggio di non essere vincolato a un bus all’ora.

Sul resto non rispondo neppure perché non sono appassionato di calcio e quindi non tollero il tifo da stadio. Da torinese però dico che Caselle potrebbero chiuderlo domani mattina se ci fosse un collegamento decente con MXP

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 12897
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda malpensante » sab 31 ago 2019, 10:29:17

Chi è il proprietario unico di TRN? F2i.
Chi comanda a Malpensa, pur avendo solo una minoranza delle azioni?
Et exspecto resurrectionem mortuorum

kco
Messaggi: 4637
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda kco » sab 31 ago 2019, 10:30:40

maclover ha scritto:
kco ha scritto:Si ma non si può addossare a sea una responsabilità del genere. Se i trasporti su terra sono anni luce da essere liberalizzati in italia non è colpa di Sea e parla uno che di solito non ci va giù tenero.


L’outlet di Serravalle ha servizi navetta non solo dalla stazione di Arquata, ma anche da Milano (quindi un’altra regione)
Avrà quindi dovuto far ottenere una concessione all’operatore, fintanto subsidizzandone i costi pur di garantire il servizio.
Sono certo che nel momento in cui la qualità del servizio erogato non dovesse essere all’altezza, non portando più centinaia di turisti - soprattutto asiatici - a spendere decine di migliaia di € nei negozi che McArtuthur affitta a caro prezzo, chi eroga il servizio verrebbe defenestrato e rimpiazzato.

Trovo impossibile che SEA non possa fare nulla, ma proprio nulla al riguardo ma semplicemente fare spallucce.
E cosa ti fa credere che regione Piemonte potrebbe dare una concessione del genere a sea?

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

Avatar utente
miguel
Messaggi: 1102
Iscritto il: mer 25 set 2013, 10:02:39
Località: Brianza

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda miguel » sab 31 ago 2019, 10:38:48

maclover ha scritto:
miguel ha scritto:l’ENAC gestisce l’affidamento dei beni del demanio aeroportuale.


E di nuovo “chi ci mette la faccia” quindi l’aeroporto, quindi SEA non può fare nulla di nulla perché tanto il disservizio non è creato direttamente e poco frega se il proprio cliente ne subisce il disagio?


Chiamalo mani legate chiamalo come vuoi comunque sì
Per lavoro hai mai avuto a che fare con società statali italiane ?

Avatar utente
maclover
Messaggi: 141
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Bridge LIN-MXP, trasloco e monitoraggio dei tre mesi

Messaggio da leggereda maclover » sab 31 ago 2019, 10:45:27

malpensante ha scritto:C’è una serie di errori, innanzitutto la relazione non è fra aeroporto e passeggero, ma fra LA LINEA AEREA e il passeggero, che appunto è dalla linea aerea che compra il biglietto ed è proprio la linea aerea che stipula il contratto con l’handler.


Chiedi a 100 pax chi è l’handler per favore e vediamo cosa ti rispondono.
Nel momento in cui scendi dall’aereo, sei in aeroporto e qualsiasi percezione è relativa all’aeroporto.
Esattamente come al check-in (pur se gestito da personale non della compagnia) nella testa del pax sta già parlando con LA LINEA AEREA.

E se arrivi a HKG (magari non in questi giorni) e trovi controlli di sicurezza che fai in 30”, bagaglio già ai nastri nei 15’ trascorsi tra l,attacco al jetbridge e il tuo arrivo, e poi un treno ogni 10’ per la città, anche tu malpensante penseresti “wow che figata di aeroporto} e non
wow che bravo l’ufficio immigrazione di HKG
wow che forte l’handler
wow MTR che mette il treno ogni 10 minuti

A fare il gioco dello scaricabarile in Italia siamo maestri, ma oggi vediamo dove questa forma mentis ci abbia portato


Torna a “NOVITA'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 45 ospiti