Scenari MXP post IG

le news dal "Città di Milano"
Avatar utente
maclover
Messaggi: 206
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda maclover » mer 19 feb 2020, 12:25:06

kco ha scritto:Il mio punto è che se hai poco dividerlo su tre scali non è furbo...
su questo condivido al 100% e più volte l'ho scritto.
Pensare che LIN venga chiuso è utopico, ma negare che LIN sia il prima problema allo sviluppo di MXP (e delle compagnie che decidano di operarci sia con velleità di hub carrier che non) è mettere la testa sotto la sabbia
Ultima modifica di maclover il mer 19 feb 2020, 12:27:20, modificato 1 volta in totale.

paolom
Messaggi: 40
Iscritto il: mer 04 apr 2018, 13:45:53

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda paolom » mer 19 feb 2020, 12:26:50

maclover ha scritto:
paolom ha scritto: Capisco e in parte condivido il ragionamento, ma non esageriamo.
Conosco Atlanta per averci vissuto e non per sentito dire.
L'area metropolitana fa 6 milioni di abitanti ed è il centro economico del quadrante Sud-Est degli USA.
era appunto messo tra virgolette il "minuscolo" per essere provocatorio.
sebbene la greater ATL possa fare 6,5M di residenti, è dietro ad, ad esempio, a quella di Boston (anche come GDP)

eppure,
ATL è un hub e BOS non è hub (se non secondario di DL)
ATL fa 110M di pax e BOS non arriva neppure a 45M

il mio concetto è che ragionare come qualcuno che "la catchment area MXP è 15M persone, ha un GDP etc etc" QUINDI deve essere HUB, non ha senso.
Infatti condivido abbastanza il concetto.
Più in generale credo che le condizioni perché un'area possa ospitare un hub siano 3.

- Un traffico PTP discreto (non necessariamente quello di Londra) tale da giustificare un numero molto significativo di destinazioni
- Una compagnia pronta ad investire
- Un sistema aeroportuale che non disperda il traffico

A Milano c'è solo la prima delle 3 condizioni

L'alternativa è trovare qualcuno con tanti miliardi da buttare e allora si può costruire un Hub anche in mezzo al deserto o in Gallura.

Avatar utente
maclover
Messaggi: 206
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda maclover » mer 19 feb 2020, 12:50:24

paolom ha scritto: Più in generale credo che le condizioni perché un'area possa ospitare un hub siano 3.

- Un traffico PTP discreto (non necessariamente quello di Londra) tale da giustificare un numero molto significativo di destinazioni
- Una compagnia pronta ad investire
- Un sistema aeroportuale che non disperda il traffico

A Milano c'è solo la prima delle 3 condizioni

L'alternativa è trovare qualcuno con tanti miliardi da buttare e allora si può costruire un Hub anche in mezzo al deserto o in Gallura.
manca la condizione "madre", ovvero la politica.
Tutti gli hub europei sono nati innanzitutto per politica, espressa prima attraverso il campione nazionale e poi nel "fare sistema".

In Italia questa volontà politica ci fu all'apertura di MXP2000 ma poi tutto andò a catafascio per le note vicissitudini, in cui Milano per prima remò contro.

Ora i risultati sono sotto gli occhi di tutti. E non c'è modo di poter recuperare una situazione che si è deciso distruggere con le proprie mani.

Quindi, l'unico "scenario MXP post IG" è continuare a vivacchiare, raggranellando magari qualche punto di crescita con l'artificiosa domanda creata dalle LCC e aspettare che qualche cataclisma mutui profondamente lo scenario attuale, nel quale ogni velleità di crescita o espansione solida e sul lungo periodo è fuori dalle opzioni sul tavolo

Avatar utente
maclover
Messaggi: 206
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda maclover » mer 19 feb 2020, 12:57:33

I-GABE ha scritto:Mi trovo a malincuore ad essere sostanzialmente d'accordo con maclover (sono ironico ovviamente)
ironico su "essere d'accordo", ovviamente, non su "a malincuore" :lol:

I-GABE
Messaggi: 2355
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda I-GABE » mer 19 feb 2020, 13:26:07

Hallenius ha scritto:
I-GABE ha scritto:Secondo: che piaccia o no, il nord Italia (ma il paese in generale) sconta una frammentazione di popolazione che nella maggior parte degli altri paesi Europei non c'e'.
Dove questa frammentazione è presente i pianificatori si sono impegnati a posizionare gli aeroporti sulle vie di comunicazione principali favorendo i feed via terra usufruendo di servizi ferroviari e autostradali non strettamente dedicati.
Vero, purtroppo "pianificazione" e "Italia" vanno raramente d'accordo nella stessa frase.

Avatar utente
belumosi
Messaggi: 3490
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda belumosi » mer 19 feb 2020, 13:39:27

paolom ha scritto:
belumosi ha scritto:Abbiate pazienza, ma io non ci arrivo. Supponiamo pure di chiudere LIN e che tutti i pax vadano a MXP. Vorrei che qualcuno mi spiegasse in dettaglio, quali compagnie farebbero federaggio a MXP, da quali scali e verso quali compagnie che fanno LR.
Stante la situazione attuale, ipotizzando uno spostamento 1 a 1 da LIN a MXP, sarebbe Alitalia (in futuro potrebbe essere sostituita o affiancata da altri soggetti) nella condizione di fornire feed, interline e codeshare a chiunque su un'ampia rete SH. Questo renderebbe sostenibili più voli LH anche da destinazioni che non hanno un PTP sufficiente per giustificare un volo diretto con Milano. Permetterebbe inoltre di aumentare frequenze e capacità sulle rotte esistenti.

Inoltre la concentrazione di traffico su un unico aeroporto renderebbe possibile l'apertura di nuovi collegamenti SH anche su rotte più sottili da parte di compagnie IATA che oggi, vista la frammentazione del traffico, sono in mano esclusivamente alle low-cost.
EK412 ha scritto:Realisticamente la sola possibilita' di offrire interline renderebbe piu' sostenibili le rotte LR esistenti e ne renderebbe sostenibili altre. Solita solfa.
AZ ha il suo hub a FCO da alimentare in tutti i modi possibili. A MXP resterebbe solo un federaggio residuale. Che tra l'altro sarebbe limitato, oltre che ai voli AZ, alle compagnie partner o al massimo "neutre". Escludendo tutto quello che le farebbe concorrenza.
Ma con ogni probabilità chiudendo LIN, AZ non verrebbe a MXP per un'altra ragione: le tariffe dei concorrenti FR e U2 sul nazionale (alle quali dovrebbe adeguarsi), sono sensibilmente più basse di quelle che sta ottenendo ora a LIN (Malpensante le aveva postate tempo fa). Per cui non avrebbe motivo di restare a Milano a quelle condizioni, se non in modo molto limitato.
I conti di IG sono sicuramente stati influenzati anche dalle forti perdite sui feed nazionali.
E dubito che AZ, parimenti dotata di una struttura "pesante", sarebbe disposta a replicare quanto fatto dall'ex aspirante hub carrier di MXP, senza nemmeno avere un network proprio degno di questo nome da alimentare.
Per cui pensare a voli ptp verso il Sud, con briciole di CS e interline a MXP, per AZ non avrebbe oggettivamente senso sul piano economico. E comunque credo che l'apporto a livello strategico sarebbe limitato.
Per quanto riguarda invece la creazione di un nuovo hub carrier, una cosa alla quale non si è portati a pensare, è che uno dei principali ostacoli presenti MXP è... il suo successo.
Nonostante alcuni post facciano pensare che i collegamenti da MXP siano gli stessi di Cuneo, la realtà ci pone di fronte ad un network molto completo sia sul nazionale che sull'europeo e tutto sommato buono anche sul LR. Per cui un aspirante hub carrier dovrebbe misurarsi con una feroce concorrenza ovunque decida di muoversi e tutto questo non potrebbe che avere costi siderali. Aggiungiamo pure che con ogni probabilità con l'arrivo del 321XLR arriveranno rotte sul Nord America troppo sottili per gli attuali WB. Tipo Boston, Chicago o Washington. Alzando ulteriormente l'asticella per il temerario che volesse provarci. E coprendo un altro pezzetto del network previsto da IG.
Riassumendo: se AZ a MXP a federare in massa terzi non ci andrà mai per le ragioni esposte sopra e se creare dal nulla un hub carrier richiederebbe svariati miliardi senza nessuna garanzia di successo, a cosa servirebbe chiudere LIN? Ad affossare i conti di SEA?
A quel punto al gestore converrebbe probabilmente sovvenzionare qualche volo LR pur di mantenere aperto l'aeroporto cittadino.

Avatar utente
NoSync
Messaggi: 82
Iscritto il: ven 16 mag 2014, 11:24:27
Località: Milan

Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda NoSync » mer 19 feb 2020, 14:39:27

I-GABE ha scritto:Secondo: che piaccia o no, il nord Italia (ma il paese in generale) sconta una frammentazione di popolazione che nella maggior parte degli altri paesi Europei non c'e'. Parigi e Londra di fatto "sono" UK e Francia rispettivamente, come concentrazione di turismo ed economia. In Spagna hai il dualismo Madrid/Barcellona, ma non hai grossi altri centri primari. In Italia hai (e avrai sempre) una distribuzione che porta forzatamente a non raggiungere masse critiche in alcun posto. Milano e' cresciuta significativamente negli ultimi anni, ma il gap rimane.
Vero, però in Germania è lo stesso (se non di più) ma l’hub carrier insediato presso il centro finanziario c’è, anche grazie ad ottime connessioni.

I-GABE
Messaggi: 2355
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda I-GABE » mer 19 feb 2020, 14:48:16

Il lontano 4/10/2011 avevo fatto (e forse postato qui, non ricordo) uno schizzo di Linate Maxi a fini puramente provocatori...
LIN per essere decente.jpg
Alla fine MXP e' stato costruito (anche giustamente) dove si poteva con le risorse a disposizione, e con le tecnologie del tempo (ad esempio c'era un vantaggio in caso di nebbia nell'essere dov'e', piuttosto che nella bassa). Ad anni dal progetto e dalla prima apertura siamo ancora pero' qua a discutere di treni con frequenza e durata decente, attraversamenti di Milano e quant'altro.

Fine OT da parte mia comunque :fischio:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

I-GABE
Messaggi: 2355
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda I-GABE » mer 19 feb 2020, 14:50:21

NoSync ha scritto:
I-GABE ha scritto:Secondo: che piaccia o no, il nord Italia (ma il paese in generale) sconta una frammentazione di popolazione che nella maggior parte degli altri paesi Europei non c'e'. Parigi e Londra di fatto "sono" UK e Francia rispettivamente, come concentrazione di turismo ed economia. In Spagna hai il dualismo Madrid/Barcellona, ma non hai grossi altri centri primari. In Italia hai (e avrai sempre) una distribuzione che porta forzatamente a non raggiungere masse critiche in alcun posto. Milano e' cresciuta significativamente negli ultimi anni, ma il gap rimane.
Vero, però in Germania è lo stesso (se non di più) ma l’hub carrier insediato presso il centro finanziario c’è, anche grazie ad ottime connessioni.
Ci sono le connessioni e, soprattutto, non potevi avere Berlino! Non credo proprio che FRA (ma anche MUC) sarebbero quello che sono ora se la storia fosse stata diversa e Berlino fosse rimasta capitale.

Avatar utente
maclover
Messaggi: 206
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda maclover » mer 19 feb 2020, 15:01:47

belumosi ha scritto:Abbiate pazienza, ma io non ci arrivo. Supponiamo pure di chiudere LIN e che tutti i pax vadano a MXP. Vorrei che qualcuno mi spiegasse in dettaglio, quali compagnie farebbero federaggio a MXP, da quali scali e verso quali compagnie che fanno LR.
Oggi questa domanda non ha risposta, ma ciò non vuol dire che gli effetti non potrebbero essere benefici nell'immediato per certi versi e propedeutici per il futuro

effetti immediati:
- non ci sarebbe un trasferimento 1:1, il bridge l'ha già dimostrato, ma permetterebbe di razionalizzare l'offerta rendendo la destinazione MIL più attrattiva.
Esempio banale, se oggi certe destinazioni fanno *anche* parecchio leisure da LIN (perché LIN è più comodo etc etc), domani lo stesso pax valuterebbe sullo medesimo piano anche altre destinazioni poiché, in ogni caso, il punto di origine sarebbe lo stesso
- per le compagnie sarebbe inutile raddoppiare i voli, garantendo sicuramente più efficienza e (forse) maggiori frequenze
- seppure sappiamo che teoricamente le tariffe sono le stesse, a MXP non sarebbe più necessario fare sconti, andando anche a calmierare il gap tra LCC e legacy
- automaticamente, siccome molte major IC hanno già accordi di interline, potrebbero da subito beneficiare da subito di un bacino maggiore. Ad es. CX i pax originanti da CTA li manda via FCO oppure via FRA. Con un ipotetico "tutti a MXP", il CX 233/234 potrebbe contare probabilmente su qualche transito in più. Lo stesso SQ per NAP: tutti solo via FCO

effetti sul lungo:
- innanzitutto tutti gli investimenti di SEA sarebbero concentrati in un singolo aeroporto
- la destinazione MIL sarebbe unica e di più facile programmazione per qualsiasi nuovo soggetto volesse valutare l'apertura di una rotta
- "dimenticato" l'insuccesso di LHI e IG, chi volesse riprovare a fare di MXP il proprio hub, avrebbe certamente un problema in meno

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 15608
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda malpensante » mer 19 feb 2020, 15:19:24

Ma come insegnano Dallas Love Field e il vecchio apt di Bangkok, ogni chiusura o limitazione di un aeroporto, se non è accompagnata dalla distruzione della pista, è sempre reversibile.

Avatar utente
maclover
Messaggi: 206
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda maclover » mer 19 feb 2020, 15:34:08

malpensante ha scritto:Ma come insegnano Dallas Love Field e il vecchio apt di Bangkok, ogni chiusura o limitazione di un aeroporto, se non è accompagnata dalla distruzione della pista, è sempre reversibile.
ma siccome serve contestualizzare, sono due realtà da 90M+ di pax/anno.
Su 2 aeroporti, si dividono il doppio del traffico che il sistema MIL splitta su 3.

Se MXP fosse ai livelli di BKK o DFW, con 60/70M di pax e un hub carrier, non saremmo neppure qui a discutere di "scenari di MXP" dopo che l'ultimo principe azzurro è scappato

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 15608
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda malpensante » mer 19 feb 2020, 15:37:47

Appunto, chi avesse l’ardire, come KLM, di fare l’hub carrier a Malpensa, non potrebbe fidarsi di promesse di chiusura di Linate, né della chiusura stessa, in quanto reversibile.

jetblue
Messaggi: 787
Iscritto il: gio 10 apr 2008, 17:34:22

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda jetblue » mer 19 feb 2020, 15:44:58

Bangkok è un caso a se.

Caso simile all'Italia con un vettore nazionale Thai che non è un modello di efficienza gestionale, fin in da subito nel primo anno di attività del 2007 è risultato essere sotto dimensionato tanto da dover riaprire il vecchio scalo per decongestionare il nuovo.
Infatti nel 2008 i 2 scali di Bangkok avevano in totale 43 milioni di pax (38m BKK e 5m DMK) e nel 2019 abbiamo avuto 103 milioni di pax (63m BKK e 40m DMK). Traffico più che raddoppiato in un decennio.

Avatar utente
Tropicalista
Messaggi: 373
Iscritto il: lun 11 mar 2019, 21:46:46
Località: Lomellina

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda Tropicalista » mer 19 feb 2020, 15:49:29

pero cè da dire una cosa,è cosi indispensabile esere hub? in quanto spesso si fa il paragone con Roma, Roma è Hub di AZ, che non naviga in buone acque, se AZ chiude baracca e burattini (con burattinai annessi) che rimane di FCO? secondo me alla lunga ben poco.

L'aviazione è in continua mutazione, serve saper guardare avanti, MXP è di proprietà pubblica e i politici sono sempre miopi e occupati a cercare voti, non sono manager infrastrutturali o aeronavali.
Ora, si vuole veramente far crescere MXP? serve che un'azienda privata (o un'imprenditore) la acquisti e oltre a pensare al fatturato e ai dividendi a scadenza breve collabori con la politica per migliorare le infrastrutture esterne all'aerostazione mentre internamente si creano agevolazioni alle compagnie aeree e terreno fertile per espansioni.
Ad oggi tutto questo non cè, e Malpensa andrà avanti a navigare a vista come è sempre stato dal 2007 ad oggi.

Un punto forte è il cargo a MXP, secondo me bisogna puntare forte su questo, visto che in italia non cè (ancora) una forte concorrenza e nemmeno in europa del sud... se ci si impegna si può diventare forti in questo segmento (oppure possiamo perdere anche quel poco che si è fatto fino a qui).

Avatar utente
belumosi
Messaggi: 3490
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda belumosi » mer 19 feb 2020, 16:42:07

maclover ha scritto:
belumosi ha scritto:Abbiate pazienza, ma io non ci arrivo. Supponiamo pure di chiudere LIN e che tutti i pax vadano a MXP. Vorrei che qualcuno mi spiegasse in dettaglio, quali compagnie farebbero federaggio a MXP, da quali scali e verso quali compagnie che fanno LR.
Oggi questa domanda non ha risposta, ma ciò non vuol dire che gli effetti non potrebbero essere benefici nell'immediato per certi versi e propedeutici per il futuro

effetti immediati:
- non ci sarebbe un trasferimento 1:1, il bridge l'ha già dimostrato, ma permetterebbe di razionalizzare l'offerta rendendo la destinazione MIL più attrattiva.
Esempio banale, se oggi certe destinazioni fanno *anche* parecchio leisure da LIN (perché LIN è più comodo etc etc), domani lo stesso pax valuterebbe sullo medesimo piano anche altre destinazioni poiché, in ogni caso, il punto di origine sarebbe lo stesso
- per le compagnie sarebbe inutile raddoppiare i voli, garantendo sicuramente più efficienza e (forse) maggiori frequenze
- seppure sappiamo che teoricamente le tariffe sono le stesse, a MXP non sarebbe più necessario fare sconti, andando anche a calmierare il gap tra LCC e legacy
- automaticamente, siccome molte major IC hanno già accordi di interline, potrebbero da subito beneficiare da subito di un bacino maggiore. Ad es. CX i pax originanti da CTA li manda via FCO oppure via FRA. Con un ipotetico "tutti a MXP", il CX 233/234 potrebbe contare probabilmente su qualche transito in più. Lo stesso SQ per NAP: tutti solo via FCO

effetti sul lungo:
- innanzitutto tutti gli investimenti di SEA sarebbero concentrati in un singolo aeroporto
- la destinazione MIL sarebbe unica e di più facile programmazione per qualsiasi nuovo soggetto volesse valutare l'apertura di una rotta
- "dimenticato" l'insuccesso di LHI e IG, chi volesse riprovare a fare di MXP il proprio hub, avrebbe certamente un problema in meno
Per le connessioni tramite AZ, ho espresso i miei dubbi nel post precedente.
Le altre motivazioni in verità non mi sembrano sufficienti per una scelta così drastica.
Tra l'altro andrebbero messi nel conto anche gli svantaggi della chiusura di LIN.
La connettività di Milano risulterebbe peggiorata in tutti quei casi in cui è giocoforza necessario passare da un hub. E' il caso degli scali minori europei che spesso vedono nella combinazione MIL-HUB-aeroporto minore l'unica possibilità di fare AR in giornata.
Anche tutte quelle destinazioni LR che ragionevolmente non saranno mai operabili direttamente da MXP, ma lo sono dagli hub nordeuropei, uscirebbero svantaggiate dalla chiusura di LIN.
Vedo difficile anche una concentrazione a MXP degli aspiratori UE. Sarebbe molto più logico pensare ad un forte presidio a BGY per servire al meglio Milano-est e la Lombardia orientale.
Inoltre bisognerebbe investire a MXP un bel gruzzoletto (100-150 M€) solo per ricreare la capacità persa a LIN.
Mi sembra tanta la roba che verrebbe buttata solo per avere una generica ottimizzazione.
Il discorso cambierebbe nel caso si presentasse davvero qualcuno con soldi e competenze per creare un vero hub carrier.
Però in quel caso, al posto dello stato italiano chiederei una bella fidejussione di almeno 5Mld€ a garanzia di un investimento minimo di pari importo da effettuarsi entro 5 anni.
E offrirei in cambio la chiusura immediata di LIN per almeno 20 anni e il miglioramento delle infrastrutture interne ed esterne a MXP per supportare la compagnia.
Inoltre lo stato italiano, a propria volta, dovrebbe garantire con una fidejussione di almeno un paio di Mld€ che le promesse sarebbero onorate.
Infine aggiungo che le fidejussioni dovrebbero essere rilasciate da banche di paesi terzi in modo da non poter essere soggette a indebite pressioni dalle parti.
Però siamo sinceri: quante possibilità ci sono che avvenga una cosa del genere?

Mauz
Messaggi: 2648
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda Mauz » mer 19 feb 2020, 18:26:16

I-GABE ha scritto:
Mauz[emoji2400] ha scritto:
mattaus313 ha scritto:Prova ne è che non basta un aeroporto bello, grande e ben collegato alla città per portare un hub carrier. Barcellona ha tantissimo traffico leisure, inadatto per alimentare un hub in UE (Giggino se ci sei ti prego segnatelo), nonostante serva una regione discretamente benestante il centro finanziario in Spagna è a Madrid (caratteristica che meglio si accosta ad una città con hub) ed è inoltre sfavorevole geograficamente parlando sulle rotte per il nord America, verosimilmente le più remunerative anche da quelle parti. Se IB ad esempio avesse messo hub a BCN si sarebbe replicata una situazione analoga a quella Italiana con AZ a FCO e traffico milanese che gradisce gli hub europei degli altri.
Un aeroporto bello, vicino e col traffico tutto concentrato può non bastare, ma di sicuro ci va più vicino rispetto a 3 aeroporti nel raggio di 100km che tutti insieme fanno qualcosa più di Gatwick: il SECONDO aeroporto di Londra.

O circa la metà di Heathrow (anzi il 61%, se no poi Malpensante mi riprende sui numeri).

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stai confrontando mele e pere.
Primo: il traffico O/D di Londra non e' minimamente paragonabile a quello di Milano e comunque i vari aeroporti londinesi di fatto servono catchment areas diverse e non del tutto sovrapponibili. Anche con un LHR non limitato, se tu chiudessi LGW, STN e LTN (LCY e' un discorso a parte) non avresti un travaso 1:1 su LHR.
Secondo: che piaccia o no, il nord Italia (ma il paese in generale) sconta una frammentazione di popolazione che nella maggior parte degli altri paesi Europei non c'e'. Parigi e Londra di fatto "sono" UK e Francia rispettivamente, come concentrazione di turismo ed economia. In Spagna hai il dualismo Madrid/Barcellona, ma non hai grossi altri centri primari. In Italia hai (e avrai sempre) una distribuzione che porta forzatamente a non raggiungere masse critiche in alcun posto. Milano e' cresciuta significativamente negli ultimi anni, ma il gap rimane.
La popolazione del nord Italia è frammentata, ma per dare un aeroporto vicino a casa a chi vive a Palazzolo sull'Oglio, di fatto è il bacino di utenza milanese che si frammenta su scali.

Io dico CHISSENEFOTTE se l'abitabre di Palazzolo sull'Oglio deve farsi qualche km in più per andare in aeroporto. È andato a vivere in c*** al mondo e se ne ciuccia sia gli aspetti negativi che quelli positivi. Così come l'imprenditore che va ad appollaiare la sua azienda a Fara Gera d'Adda.

La prima funzione del sistema aeroportuale MILANESE deve essere quella di dare un servizio all'area MILANESE e DOPO quella di andare a raccattare qua e là dai bacini attigui.

Qui invece ci preoccupiamo prima di servire gli altri e POI noi.

Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1807
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda mattaus313 » mer 19 feb 2020, 18:31:43

Mauz però sono discorsi diversi. Più aeroporti garantiscono un servizio migliore, un solo aeroporto aumenta le già poche possibilità che un hub carrier si insedi. Non è esattamente la stessa cosa, e gli interessi dei singoli attori non coincidono.

Al cittadino conviene avere più aeroporti, magari gestiti da società diverse tra loro, magari in concorrenza. Ad un ipotetico hub carrier conviene il monopolio così da avere più potere contrattuale nonché più facilità di poter applicare il premium price necessario a rendere sostenibile il volo feed.

La soluzione corretta dipende da quale prospettiva la si guarda.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

Mauz
Messaggi: 2648
Iscritto il: gio 10 lug 2008, 18:41:39
Località: Milano

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda Mauz » mer 19 feb 2020, 18:45:53

mattaus313 ha scritto:Mauz però sono discorsi diversi. Più aeroporti garantiscono un servizio migliore, un solo aeroporto aumenta le già poche possibilità che un hub carrier si insedi. Non è esattamente la stessa cosa, e gli interessi dei singoli attori non coincidono.

Al cittadino conviene avere più aeroporti, magari gestiti da società diverse tra loro, magari in concorrenza. Ad un ipotetico hub carrier conviene il monopolio così da avere più potere contrattuale nonché più facilità di poter applicare il premium price necessario a rendere sostenibile il volo feed.

La soluzione corretta dipende da quale prospettiva la si guarda.
Un servizio migliore? Frequenze scarse nel breve raggio se vuoi partire e tornare dillo stesso aeroporto, obbligo di scalo se devi andare praticamente ovunque nel mondo e collegamenti terrestri scarsi poiché nessuno dei 3 aeroporti ha sufficiente massa critica per andare oltre i collegamenti più ovvii sarebbe "un servizio migliore"?

Un servizio migliore é avere quanti più collegamenti possibili sia in termini di frequenza che di capillarità tutti concentrati in un solo punto. E dei collegamenti via terra più frequenti e capillari verso tutto il territorio grazie a una massa critica infinitamente maggiore.

E se in qualche punto sperduto della provincia lombarda rimane qualcuno a cui non va bene, cambi casa o sposti la fabbrichetta vicino all'aeroporto.

Basta sentirci diversi dal resto del mondo. Le nostre esigenze non sono diverse da quelle degli altri.



Non ci possiamo permettere un volo per Los Angeles o per Boston e abbiamo il coraggio di parlare di un "servizio migliore"...


Inviato dal mio JSN-L21 utilizzando Tapatalk
Stiamo monitorando attentamente la situazione. (Claudia)

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1807
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda mattaus313 » mer 19 feb 2020, 18:52:15

Uhm ma a me non sembra che il sistema MIL abbia pochi collegamenti. Anche confrontato con il tuo amato BCN si potrebbe fare di meglio, ma non mi sembra siamo così indietro.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

Avatar utente
mattaus313
Messaggi: 1807
Iscritto il: sab 29 set 2018, 15:51:39

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda mattaus313 » mer 19 feb 2020, 20:31:58

I-GABE ha scritto:Il lontano 4/10/2011 avevo fatto (e forse postato qui, non ricordo) uno schizzo di Linate Maxi a fini puramente provocatori...
*SPOILER ALERT: CONTIENE UNPOPULAR OPINION*

Ormai direi che è più provocatorio - decisamente fantaaviazione - credere che si possa insediare un hub carrier a Malpensa.

O ci si rassegna quindi al P2P "prendete e apritene tutti" o un ampliamento di LIN (molto più modesto di quello da te postato), personalmente, non lo ritengo cosi tanto "provocatorio". Se si vuole un (mini) hub carrier.
"Because you needed a lot of capital in an airline, you needed to be where the financial markets were, and obviously that's New York"

kco
Messaggi: 4756
Iscritto il: sab 05 gen 2008, 09:01:18

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda kco » mer 19 feb 2020, 20:33:52

@belumosi non possiamo certo avere la riprova ma io credo che se Linate fosse stato chiuso tempo addietro la storia con klm, lhi, air Italy il gruppo volare avrebbero avuto una evoluzione ben differente. Senza contare che gli investimenti che hai citato per espandere Malpensa sarebbero una frazione di quanto già speso per fare il T1 e le varie opere di collegamento.

Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

Avatar utente
belumosi
Messaggi: 3490
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda belumosi » mer 19 feb 2020, 23:23:11

kco ha scritto:@belumosi non possiamo certo avere la riprova ma io credo che se Linate fosse stato chiuso tempo addietro la storia con klm, lhi, air Italy il gruppo volare avrebbero avuto una evoluzione ben differente. Senza contare che gli investimenti che hai citato per espandere Malpensa sarebbero una frazione di quanto già speso per fare il T1 e le varie opere di collegamento.
Ti darei risposte diverse a seconda dei periodi storici e delle singole compagnie.
Per quanto riguarda IG, vale quanto scritto prima. Spostare AZ a MXP (o farla fuggire del tutto), non avrebbe risolto il problema di fondo: l'obbligo per IG di volare sistematicamente sottocosto sul nazionale a causa di FR e U2.
Per quanto riguarda LHI, credo sarebbe ora di prendere atto che noi italiani siamo stati gli utili idioti dei giochi di potere tedeschi. Che non hanno MAI pensato di fare un hub LR a MXP. Farà male leggerlo, ma è la verità. Lo so per certo, non è una mia opinione. Per cui lo status di LIN in quel contesto è stato ininfluente.
Al contrario ai tempi di KLM, chiudere LIN avrebbe probabilmente fatto la differenza.
Sono andato a spulciare le vecchie pagine di Wikipedia con i network di LIN e MXP di Giugno 2007. E' piuttosto evidente che la concorrenza nei confronti di AZ/KL, per qualità, quantità e tipologia (LC quasi nullo), era ben inferiore a quella odierna. Specie sul nazionale.
E la possibilità di fare il grande salto e diventare uno tra i principali hub europei, era concreta e a portata di mano. Guardando i network degli scali milanesi e pensando a come è andata a finire, mi sale una certa incaxxatura anche adesso. Ma purtroppo la storia non torna mai indietro.

https://en.wikipedia.org/w/index.php?ti ... 3#Airlines

https://en.wikipedia.org/w/index.php?ti ... stinations

Va detto che la crescente saturazione dei mercati vista negli ultimi anni, è un fenomeno globale e risponde alla costante ottimizzazione di ogni contesto aziendale.
Non credo che sia un caso che negli ultimi decenni siano nati appena 4 hub carrier con ambizioni globali (TK e le M3) e che in tutti i casi sia stato necessario riversare nelle compagnie cifre spropositate prima di vederle raggiungere una (almeno apparente) sostenibilità economica.

Avatar utente
Clipper_Mandarin
Messaggi: 387
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 11:53:06

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda Clipper_Mandarin » mer 19 feb 2020, 23:51:04

Mauz® ha scritto:Il problema del sistema aeroportuale milanese è che per risolverlo serve la volontà del governo, non basta quella di SEA.

Il problema di SEA è che manco ci prova. Le va bene così

Detto questo, se mai un giorno il Comune e quindi SEA, si convincessero a chiudere Linate, se mai riuscissero a pressare il governo fino a convincerlo ad appoggiare la chiusura di Linate, rimarrebbero da convincere i milanesi.
Ma è proprio necessario dover convincere i milanesi?
Dei 27 e passa milioni di passeggeri di Malpensa, una buona parte (la maggior parte?) arriva da Milano e dintorni ma io non ho mai visto nessuno in aeroporto disperarsi perchè ha dovuto affrontare il viaggio fino a Malpensa ... ... e parlo del T1, non del T2 dove magari il "sacrificio" può essere compensato dal costo di Easyjet.
Prendo due/tre volte l'anno voli IC e sono sempre pieni o quasi pieni: perchè questi passeggeri hanno preferito affrontare il viaggio fino a Malpensa invece di prendersi un "comoda" connessione in Europa da Linate? Tra le tante offerte ce ne sarà stata una con un prezzo paragonabile o inferiore?
Ce ne sono molti (l'ho fatto anch'io qualche volta) che prendono un volo IC con transito via paesi del Golfo ma ... ... ... transito per transito, non valeva allora più la pena partire da Linate e passare per MUC, FRA, AMS, ecc. ecc.?
Nel 1998, quando si è stato ad un passo di chiudere Linate (tranne la "navetta"), non ho visto manifestazioni o flash mob in difesa dell'idroscalo, solo qualche politico "folle" che voleva stendersi sulla pista :green:
In realtà le proteste ci sono state ma tutte esterne a Milano (parlamentari, sindaci del sud, ecc.).
Io credo che i milanesi vadano dove c'è il loro aereo che parte: se parte da Linate vanno a Linate, se non c'è più a Linate vanno a Malpensa ... ... senza farsi troppe menate!!!
Malpensa potrebbe essere più veloce da raggiungere? Sicuramente è tutto migliorabile e qui di margini ce ne sarebbero; però leggevo sul sito dell' "Aeroporto perfetto" (ovviamente Monaco di Baviera!!!) che in treno ci si mette 40 minuti per arrivare in città ed in taxi 45: sono tempistiche molto diverse di quelle di Milano Malpensa?
Ciao,
Massimo

Avatar utente
D960
Messaggi: 1670
Iscritto il: mer 17 ago 2016, 10:53:17

Re: Scenari MXP post IG

Messaggio da leggereda D960 » gio 20 feb 2020, 00:28:18

Clipper_Mandarin ha scritto:però leggevo sul sito dell' "Aeroporto perfetto" (ovviamente Monaco di Baviera!!!) che in treno ci si mette 40 minuti per arrivare in città ed in taxi 45: sono tempistiche molto diverse di quelle di Milano Malpensa?
:clapp: :clapp: :clapp: :clapp: :clapp:

Non parliamo dell'ora di punta poi
AHO-BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-LIN-MXP-MUC-OLB-PMF-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

A Milén si va a Linate per i nazionali, a Bergamo per gli internazionali e a Malpensa per gli intercontinentali e i charter


Torna a “NOVITA'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 7 ospiti