vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

le news dei vettori con Coa italiano
Regole del forum
In questa sezione si dovranno trattare gli argomenti che riguardano i vettori con COA italiano
KL63
Messaggi: 3033
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda KL63 » dom 18 set 2022, 18:35:30

Per fare sinergie crociere-viaggio aereo, se proprio vuoi controllare tutto, al limite comperi BluPanorama o qualche piccola compagnia e la fai crescere. Capisco forse di più l'interesse di LH, ma per MSC proprio non credo a questa motivazione. Investire in ITA 800.000 solo per il capitale, più tutti gli investimenti necessari per sostenerla prima e farla crescere poi, portarsi a casa tutta una serie di personale estremamente sindacalizzato, l'obbligo di fare base a Roma perché deve essere così per decisione Divina, magari visto il tipo di business va anche meglio di Milano, ne vale la pena?
Anche se ho milioni a palate.

RAV38
Messaggi: 1071
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42
Località: Roma-Milano

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda RAV38 » dom 18 set 2022, 20:29:00

Le sinergie immaginate da MSC sono probabilmente sopratutto con LH la quale, a sua volta, è più interessata al mercato aereo italiano, a costo di sobbarcarsi il carrozzone ITA

KittyHawk
Messaggi: 5923
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda KittyHawk » dom 18 set 2022, 22:18:42

KL63 ha scritto: dom 18 set 2022, 18:35:30 Per fare sinergie crociere-viaggio aereo, se proprio vuoi controllare tutto, al limite comperi BluPanorama o qualche piccola compagnia e la fai crescere. Capisco forse di più l'interesse di LH, ma per MSC proprio non credo a questa motivazione. Investire in ITA 800.000 solo per il capitale, più tutti gli investimenti necessari per sostenerla prima e farla crescere poi, portarsi a casa tutta una serie di personale estremamente sindacalizzato, l'obbligo di fare base a Roma perché deve essere così per decisione Divina, magari visto il tipo di business va anche meglio di Milano, ne vale la pena?
Anche se ho milioni a palate.
BluPanorama non è Ita, che ha in dotazione tutta una serie di bilaterali che interessano chi fa crociere.
Non conosciamo il reale business plan di MSC+LH, ma quello addolcito per il MEF non deve essere stato di completo gradimento a Roma, che ha scelto Certares. Segno che Aponte e i tedeschi avevano/hanno intenzione di fare soldi, non di ingraziarsi qualche politico.

Avatar utente
I-Alex
Site Admin
Messaggi: 27640
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda I-Alex » dom 18 set 2022, 22:31:37

OT
malpensante ha scritto:
I-Alex ha scritto:Proprio oggi ho letto un articolo circa gli interessi e investimenti di Aponte e altri nel porto di Gioia Tauro dove da poco sono inziati i treni merci verso il Nord Italia e Bologna in particolare.

Questo per dire che interessi e potenza ha alle spalle il gruppo MSC
[OT] Il porto di Gioia Tauro esiste da decenni, la possibilità di mandare treni a nord senza problemi di sagoma invece c’è da pochi anni, a causa delle vicissitudini del raddoppio di una galleria a Ortona , che in realtà credo che non sia neanche stato finito, perché è in esercizio la seconda galleria, mentre di quella originale non sono stati ancora terminati i lavori di adeguamento sagoma e consolidamento (gli edifici sovrastanti, se non ricordo male, franavano).

I treni sottopassano gli Appennini nella galleria calabrese Santomarco, che in futuro dovrebbe essere raddoppiata. Lontano futuro, immagino. Comunque il traffico ferroviario da Gioia Tauro difficilmente potrà essere veramente importante per l’Italia e naturalmente ancor meno per un gruppo globale come MSC.
Esatto, il tunnel con la sagoma P68 è aperta dal Dicembre 2018 e ora si sta adeguando la vecchia galleria per usarla come raddoppio dei binari.
A Gioia Tauro RFI sta costruendo una nuova zona binari intermodale... Da qualche settimana nel porto è attivo il progetto delle dogane Fast Corridor: le merci extra UE in arrivo possono essere caricate su tir o treni prima dello sdoganamento perché sono localizzate dal sistema, per esempio alcuni treni vengono sdoganati a Bologna appena arrivano, in questo modo si elimina un collo di bottiglia al porto che richiedeva maggiori spazi doganali.
A breve ci sarà l'avvio anche a Malpensa Cargo City

Fine OT
Malpensa airport user

KittyHawk
Messaggi: 5923
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda KittyHawk » mar 20 set 2022, 07:56:08

Sul Corriere di oggi due trafiletti che possono dare spunto a qualche riflessione.
In uno si parla di Ita e della tempistica della privatizzazione, riportando dei virgolettati in cui i portavoci di Delta e AF/KLM escludono un investimento immediato nel capitale, rimandando il tutto ad almeno il medio periodo.
Nell'altro si scrive che MSC, secondo voci non confermate dagli interessati, sarebbe interessata ad acquistare i treni di Italo (in vendita secondo indiscrezioni di Bloomberg) per espandere i suoi investimenti nella logistica e nel trasporto passeggeri in Italia. Per l'operazione, ipotizzano fonti finanziarie, potrebbero essere necessari tra i 6 e 7 miliardi di euro.

I-GABE
Messaggi: 2345
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda I-GABE » mar 20 set 2022, 09:16:41

KittyHawk ha scritto: Nell'altro si scrive che MSC, secondo voci non confermate dagli interessati, sarebbe interessata ad acquistare i treni di Italo (in vendita secondo indiscrezioni di Bloomberg) per espandere i suoi investimenti nella logistica e nel trasporto passeggeri in Italia. Per l'operazione, ipotizzano fonti finanziarie, potrebbero essere necessari tra i 6 e 7 miliardi di euro.
Io avevo letto che uno dei soci (GIP) fosse interessato a vendere le proprie quote per c. €4 miliardi. La cosa dei “treni” mi giunge nuova… riesci a girarmi l’articolo se puoi?


Sent from my iPhone using Tapatalk
Ultima modifica di I-GABE il mar 20 set 2022, 09:16:41, modificato 1 volta in totale.

KittyHawk
Messaggi: 5923
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda KittyHawk » mar 20 set 2022, 09:50:06

Un po' più articolato che nella versione cartacea, ma che sostanzialmente riporta la stessa notizia:
I treni di Italo nel mirino di Msc: ipotesi cessione per 6,5 miliardi

I treni di Italo nel mirino di Msc: ipotesi cessione per 6,5 miliardi
Il colosso marittimo mondiale Msc starebbe guardando ai treni di Italo per espandere i suoi investimenti nella logistica e nel trasporto passeggeri verso i porti italiani in un accordo che potrebbe aggirarsi tra i 6 e i 7 miliardi di euro. È quanto apprende il Corriere della Sera da fonti finanziarie e industriali a conoscenza del dossier. Non è al momento chiaro se ci siano stati dei contatti ufficiali tra Msc e Global Infrastructure Partners, fondo infrastrutturale statunitense proprietario di Italo. Così come non sarebbe stata definita la quota da rilevare se tutta o la maggioranza. Si apprende che all’alta velocità ferroviaria la famiglia Aponte starebbe pensando dalla scorsa primavera.

L’azienda in vendita
I piani potenziali di Msc si incrociano con l’indiscrezione pubblicata dall’agenzia Bloomberg sulla possibilità per Global Infrastructure Partners di vendere la società di trasporto per 4 miliardi di euro, anche se la notizia è stata poi ridimensionata da ambienti interni a GIP. Le fonti finanziarie alzano l’asticella ad almeno 5 miliardi ai quali Msc potrebbe affiancare un «premio» del 25-30%, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Non è stato possibile raggiungere Msc per un commento.

Le strategie
Nei progetti di Msc l’inserimento di Italo nel proprio portafoglio si affiancherebbe alle mire su Ita Airways, la compagnia aerea tricolore che ha preso il posto di Alitalia nell’ottobre 2021. Ma la scelta del Mef di preferire l’offerta rivale di Certares a quella di Msc e Lufthansa ha fatto «deragliare», al momento, questo piano. Anche se le stesse fonti spiegano che Msc tiene ancora aperto il dossier Ita nella speranza che salti la trattativa dei rivali.

Il ruolo di Medway
L’acquisizione di Italo, stando alla ricostruzione delle fonti, potrebbe essere integrata in Medway Italia, azienda ferroviaria del gruppo Msc che ha ottenuto l’autorizzazione a muovere i convogli anche in Svizzera, Austria, Germania, Belgio e Olanda. In questo modo il colosso della logistica da un lato sfrutterebbe le sinergie per espandere la rete di Medway per il trasporto merci, dall’altro concretizzerebbe quella intermodalità treno-aereo-nave che vedrebbe i passeggeri imbarcare il bagaglio alla stazione ferroviaria in Italia e riceverlo, per esempio, a Miami a bordo di una delle navi di Msc Crociere o ai nastri di consegna dell’aeroporto di New York dopo un volo preceduto da un tragitto sui binari.

Il colosso italo-svizzero
La famiglia Aponte gestisce un portafoglio di società in Italia sempre più ampio: compagnie di navigazione cargo, società di traghetti, terminal portuali, agenzie marittime e turistiche, tour operator, società ferroviarie, poli tecnologici e di cybersecurity. Anche se i bilanci non sono pubblici si stimano per il colosso 30 miliardi di euro di ricavi annuali. Nei giorni scorsi Msc ha firmato anche un memorandum d’intesa con Ferrovie dello Stato per «verificare la possibilità e il reciproco interesse a realizzare un progetto di partnership commerciale e operativa finalizzato allo sviluppo del trasporto combinato marittimo», stando a una nota stampa. Attraverso Rete ferroviaria italiana il gruppo Fs gestisce i binari del Paese, gli stessi dove transitano i treni di Medway e di Italo.

L’acquisto nel 2018
Il fondo infrastrutturale statunitense Global Infrastructure Partners aveva acquistato Nuovo Trasporto Viaggiatori — la società che gestisce i treni di Italo — per circa 2,4 miliardi di euro nel 2018 (assieme a un debito di 1,2 miliardi). Stando alle fonti tra fine anno e inizio 2023 GIP potrebbe avviare l’iter per ricevere le manifestazioni di interesse da parte dei soggetti interessati. Tra questi ci sarebbero, oltre a Msc, altri fondi d’investimento come Jp Morgan Asset Management, Blackrock, Eqt Group.

I numeri
Italo ha chiuso il 2021 con 488 milioni di euro di ricavi e un risultato operativo positivo per 91 milioni e un utile netto di 104,4 milioni. Lo Stato italiano ha deciso di stanziare per i treni Italo — come compensazione per i danni subiti dal Covid e dalle restrizioni — 178 milioni che si aggiungono ai 145,6 milioni già assegnati per la prima fase della pandemia (marzo-giugno 2020). L’anno passato i treni Italo hanno trasportato 8,7 milioni di persone.
https://www.corriere.it/economia/aziende/22_settembre_20/i-treni-italo-mirino-msc-ipotesi-cessione-65-miliardi-997c6e4e-383d-11ed-bdf5-ef64ec3d22e6.shtml

I-GABE
Messaggi: 2345
Iscritto il: sab 23 mag 2009, 18:35:41
Località: London, UK

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda I-GABE » mar 20 set 2022, 10:17:05

Ok, quindi potrebbe essere in aggiunta a quanto riportavo sopra.
Causa jet lag avevo anche interpretato i “treni di Italo” in maniera un po’ troppo letterale! [emoji28]


Sent from my iPhone using Tapatalk

Avatar utente
CapHenry
Messaggi: 163
Iscritto il: dom 02 gen 2011, 11:47:48
Località: Milano

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda CapHenry » gio 22 set 2022, 10:48:56

I-ALEX scrive: "A breve ci sarà l'avvio anche a Malpensa Cargo City"

Se ti riferisci al FAST CORRODOR doganale che hai citato per Gioia Tauro, lo stesso funziona solo col treno, la Dogana si interfaccia col sistema informatico delle ferrovie e tiene sotto controllo il treno blocco con la merce in containers chiusi con sigillo doganale (si tratta di import nel caso di Gioia Tauro) allo stato estero, merce che non viene neppure cauzionata con T1, tuttavia la stessa cosa non potrà essere fatta per le merci aeree di Malpensa.
CapHenry

Avatar utente
I-Alex
Site Admin
Messaggi: 27640
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda I-Alex » gio 22 set 2022, 19:43:14

CapHenry ha scritto:I-ALEX scrive: "A breve ci sarà l'avvio anche a Malpensa Cargo City"

Se ti riferisci al FAST CORRODOR doganale che hai citato per Gioia Tauro, lo stesso funziona solo col treno, la Dogana si interfaccia col sistema informatico delle ferrovie e tiene sotto controllo il treno blocco con la merce in containers chiusi con sigillo doganale (si tratta di import nel caso di Gioia Tauro) allo stato estero, merce che non viene neppure cauzionata con T1, tuttavia la stessa cosa non potrà essere fatta per le merci aeree di Malpensa.
A me lo han detto direttamente dalla direzione doganale di Malpensa: ci sarà una geolocalizzazione con GPS delle merci sui Tir e ora con la reingegnerizzazione sulle bollette import è tutto più facile... per cui, vista la fonte un po' ci credo.
Vedremo nei prossimi mesi
Malpensa airport user

milmxp
Messaggi: 2244
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda milmxp » ven 23 set 2022, 15:05:59

https://thepointsguy.com/news/delta-new ... mmer-2023/
Intanto sembra che Delta abbia rilasciato la summer 2023 per l'Europa e inserirà dal 25 maggio un terzo volo (stagionale) FCO-JFK.
Non ci sono altre novità sull'Italia, se non il già annunciato ripristino FCO-DTW.
Così Delta dovrebbe avere 7 daily su FCO, di cui 1 con A359 (ATL), 4 con 333 (seconda ATL, due JFK e BOS), 1 con 332 (DTW) e 1 con 763 (terza JFK).
Non ho trovato fonte ufficiale, vediamo se più tardi riesco a trovarla.

KittyHawk
Messaggi: 5923
Iscritto il: mer 11 giu 2008, 23:29:09
Località: Milano

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda KittyHawk » sab 24 set 2022, 20:09:24

Ita Airways, apre la data room: entrano Certares e Delta Air Lines

Ita Airways ha aperto la sua data room — nel giorno del silenzio elettorale e per di più un sabato — alla cordata interessata a rilevare la maggioranza della società. Il fondo Usa di private equity Certares e la compagnia statunitense Delta Air Lines sono stati autorizzati ad accedere all’ambiente digitale — online dalle 11.15 del 24 settembre — contenente i documenti più sensibili della compagnia aerea. Lo apprende il Corriere della Sera da fonti ministeriali che segnalano anche il tentativo di accesso di Air France-Klm ma che per ora non sarebbe stato approvato per questioni documentali relative all’accordo di non divulgazione dei numeri.

La comunicazione
La mossa di Ita Airways arriva poche ore dopo la richiesta di Equita, advisor del Tesoro (che è azionista unico di Ita e regista dell’iter di privatizzazione): in una comunicazione inviata venerdì sera — ricostruiscono le fonti ministeriali — Equita avrebbe scritto ai vertici della compagnia aerea che il ministero dell’Economia segnala la necessità di aprire quanto prima la data room alla cordata guidata da Certares che il 31 agosto scorso ha vinto la sfida contro l’offerta di Msc-Lufthansa per l’avvio della trattativa in esclusiva finalizzata alla cessione del 50% più un’azione dell’aviolinea.

La comunicazione
Nella comunicazione di Equita non sarebbero state indicate ora e giorno di apertura e chiusura della data room, cosa che fa pensare che la «stanza» dovrebbe restare accessibile fino al 30 settembre, ultimo giorno del periodo di trattativa in esclusiva della durata di un mese dal 31 agosto, cioè il giorno dell’annuncio del Mef. È ipotizzabile a questo punto che il 28 settembre, giorno dell’«expert session» tra Certares e Ita (con delegati di Delta e Air France-Klm), il fondo Usa chieda la proroga della trattativa: proroga che potrebbe essere decisa dal prossimo governo. Non si può escludere però un’accelerazione nel mezzo della formazione del nuovo esecutivo con la firma di un preliminare di vendita blindato da penali.

La data room
La data room quindi apre quasi un mese dopo l’annuncio. All’interno Certares e Delta troveranno tutti i documenti di Ita aggiornati, a partire dal dossier più delicato, quello che indica per ciascuna rotta operata dall’aviolinea tricolore — nazionale, internazionale e intercontinentale — passeggeri, ricavi, costi, profitti/perdite, quota di passeggeri che volano direttamente e quelli che arrivano facendo uno scalo (il cosiddetto «feeder value»).

Delta aumenta i voli su Roma
L’apertura della data room di Ita avviene poche ore dopo l’annuncio di Delta Air Lines — che per il momento resta partner commerciale di Certares nell’operazione di privatizzazione —: la compagnia statunitense ha deciso di portare a 3 i voli giornalieri tra Roma Fiumicino e New York (JFK) a partire dal 25 maggio 2023, cioè nella stagione estiva. Nello stesso periodo Ita Airways — che di Delta è già partner commerciale — ne prevede ad oggi solo due. Una mossa, quella degli americani, che qualche addetto ai lavori indica come «contraddittoria» nei confronti di Ita dal momento che da un lato Delta si propone di supportare la crescita nel mercato Usa della compagnia tricolore e dall’altro rischia di drenare traffico prezioso proprio a Ita con l’introduzione di un altro collegamento (anche se stagionale).
https://www.corriere.it/economia/aziende/22_settembre_24/ita-airways-apre-data-room-entrano-certares-delta-air-lines-331a0b74-3c03-11ed-913c-575b558aca2f.shtml

milmxp
Messaggi: 2244
Iscritto il: sab 02 lug 2016, 18:51:50

Re: vendita ITA: il Mef sceglie cordata Certares #3

Messaggio da leggereda milmxp » sab 24 set 2022, 21:29:09

Delta si cautela come ha fatto quest'anno con la seconda JFK su MXP.
Nessuno le dà garanzia che la partita con ITA vada a buon fine.
Ben fatto.


Torna a “COMPAGNIE ITALIANE”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti