Il piano Lufthansa per ITA

le news dei vettori con Coa italiano
Regole del forum
In questa sezione si dovranno trattare gli argomenti che riguardano i vettori con COA italiano
Avatar utente
maclover
Messaggi: 864
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda maclover » mar 06 giu 2023, 13:37:10

malpensante ha scritto: mar 06 giu 2023, 13:27:17 È sempre stato chiaro che il sogno proibito di Lufthansa era... Linate.
Ora quel sogno finalmente diventa realtà.

Molto probabilmente mi sbaglio, ma a differenza di molti non credo che gli equilibri dell’aviazione europea si giochino al fondo di viale Forlanini, anche se comprendo sia uno scenario molto gradito ai milanesi che si immaginano centro dell’universo mondo.

canadian#affairs
Messaggi: 1458
Iscritto il: dom 30 nov 2008, 11:25:20

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda canadian#affairs » mar 06 giu 2023, 18:10:17

EDIT Messaggi doppi
Ultima modifica di canadian#affairs il mar 06 giu 2023, 18:13:17, modificato 1 volta in totale.

canadian#affairs
Messaggi: 1458
Iscritto il: dom 30 nov 2008, 11:25:20

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda canadian#affairs » mar 06 giu 2023, 18:10:32

.
Ultima modifica di canadian#affairs il mar 06 giu 2023, 18:12:46, modificato 1 volta in totale.

canadian#affairs
Messaggi: 1458
Iscritto il: dom 30 nov 2008, 11:25:20

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda canadian#affairs » mar 06 giu 2023, 18:10:39

Qualche articolo nuovo su ITA-LH.


Ita, Lazzerini: Pronti per Lufthansa, strategia e struttura solide
Risultati superiori al budget e rapporti sindacali stabili

GIU 6, 2023 Ita

Istanbul, 6 giu. (askanews) – Ita Airwyas si appresta ad entrare nel gruppo Luftansa con un impianto industriale solido e strategie ben consolidate. Ne è convinto Fabio Lazzerini Ad e General manager della compagnia, intervistato da askanews nel corso del 79esimo Iata Agm in corso ad Istanbul.
“Questo è un momento oggettivamente storico della compagnia – commenta Lazzerini – siamo partiti nel maggio 2020 nel pieno della pandemia con un documento di sei pagine nel quale descrivevo all’allora governo cosa andava fatto per rilanciare la compagnia. Il cda si è riunito per la prima volta nel novembre 2020, il piano industriale è stato presentato al parlamento nel dicembre 2020. Poi la negoziazione con la Commissione Ue che ha ci ha dato il via libera il 15 luglio 2021. Abbiamo iniziato a volare il 15 ottobre 2021 in mezzo alla Pandemia e allo scoppio della guerra in Ucraina con l’aumento dei prezzi del carburante. Quest’anno – dice Lazzerini – chiuderemo il semestre con ricavi superiori del 6% rispetto al budget, il primo trimestre ha chiuso con una cassa superiore del 18% rispetto al budget e il 14% sopra budget di Ebitda. E’ una compagnia che abbiamo instradato con risultati direi decisamente migliori delle aspettative e adesso stiamo chiudendo quel percorso iniziato tre anni fa inserendo la compagnia in un gruppo forte che gli darà un futuro”.
In particolare, sottolinea Lazzerini “l’accordo ha vari pezzi ma la cosa importante è che Lufthansa ha deciso questo investimento sulla base del piano industriale di Ita, rivisto nel cda di gennaio 2023 sulla base delle nuove condizioni di mercato. Un busisness plan che prevede di crescere nella flotta e nei collegamenti soprattutto di lungo raggio. Non vogliamo fare la guerra alle low cost, Ita nasce per servire il mercato premium, il mercato corporate, il mercato leisure premium. Questo è quello che dobbiamo fare riallacciando i collegamenti con destinazioni di lungo raggio. Il nostro obiettivo – spiega ancora l’ad di Ita Airways – è sempre stato questo, servire Fiumicino rendendolo un hub eccellente e gestire Linate in maniera sempre più efficiente. Sullo scalo milanese stiamo crescendo del 40% rispetto allo scorso anno con meno aerei rispetto a quelli che aveva Alitalia. Questa è la filosofia che Lufthansa ha sposato”.
Nel contesto della strategia di crescita si inserisce anche la scelta di Airbus come fornitore di aeromobili. Una scelta che, commenta Lazzerini, “sta già dando i suoi frutti. Quest’anno chiuderemo con circa il 50% di aeromobili di nuova generazione, il che vuol dire un consumo medio di carburante del 27-30% inferiore rispetto agli aerei che restituiamo. Quindi sostenibilità ambientale ed economica con un servizio migliore ai passeggeri. E un’interoperabilità che genera migliore efficienza. Siamo l’unica compagnia importante europea che ha la certificazione per il cosiddetto mix fit flight, cioè i nostri piloti potranno comandare dall’A320 fino all’A350 tra breve-medio raggio e lungo raggio e viceversa”.
Secondo Lazzerini, quindi, si tratta di un bilancio molto positivo: “In poco più di 18 mesi – ribadisce – abbiamo risultati superiori al budget, inseriamo la compagnia in un gruppo nel quale possiamo avere benefici dal punto di vista dei ricavi, del network ma, sopratutto, dal punto di vista dell’innovazione, dell’efficienza e delle sinergie. Due compagnie assolutamente complementari. Abbiamo completamente riconfigurato la vecchia Alitalia: dall’handling, alla manutenzione, entrambi in outsourcing, ai sistemi che ora sono solo in cloud. E anche un approccio diverso al cliente che ora ha una valutazione 3-4 superiore alla media europea. Abbiamo riconfigurato le business class dei nuovi aerei rendendole più grandi coerentemente con la nostra strategia e i risulati ci stanno premiando. Negli ultimi mesi il load factor business sul lungo raggio è stato attorno al 95-97%. Scelte strutturali che adesso sono un beneficio per il futuro dell’azienda”.
Infine il capitolo sindacale, un punto spesso dolente nella gestione della vecchia Alitalia: “La situazione – dice Lazzerini – è decisamente buona. Abbiamo rinnovato il contratto di lavoro a gennaio. Trattandosi di una start up tre anni fa eravamo partiti con condizioni contrattuali decisamente aggressive per poter destinare risorse allo sviluppo della compagnia. Abbiamo poi riconosciuto con le organizzazioni sindacali che questa fase è passata e abbiamo rivisto le condizioni contrattuali avvicinandole alla media del mercato. Siamo ancora sotto la media ma abbiamo voluto premiare i nostri dipendenti che ci hanno dato fiducia. In questo momento l’azienda è totalmente stabile sul fronte dei rapporti sindacali”.

https://askanews.it/2023/06/06/ita-lazz ... ra-solide/


ITA-Lufthansa: Moody's promuove
Ci sono "solide motivazioni strategiche per l'acquisizione della partecipazione di minoranza"


Il matrimonio celebrato di recente fra il vettore aereo di bandiera ITA Airways ed il Gruppo tedesco dell'aviazione Lufthansa piace all'agenzia internazionale di analisi finanziaria Moody's, che ha valutato l'operazione con rating Ba-1 con outlook stabile. Un assist in attesa del via libera da parte di Bruxelles, che dovrà pronunciarsi sulla procedura di privatizzazione, con la possibilità che l'aerolinea low-cost Ryanair tenti di ostacolare le nozze.

Ryanair ha già segnalato ai giudici europei gli aiuti per 6 miliardi di Euro concessi dallo Stato tedesco a Lufthansa durante la pandemia (tutti già restituiti, peraltro). Tuttavia per l'agenzia Moody's su ITA-Lufthansa ci sono "solide motivazioni strategiche per l'acquisizione della partecipazione di minoranza in ITA". "A conti fatti ITA avrà quasi un miliardo di Euro di liquidità, calcolando anche i 400 milioni di Euro versati dal Mef a dicembre 2022".

In attesa che venga convocata l'assemblea per definire il nuovo consiglio di amministrazione di ITA, che come anticipato da AVIONEWS dovrebbe vedere l'ingresso del responsabile strategie di Lufthansa, Joerg Eberhart, i cui rapporti si stanno cementando, con incontri ad Istanbul tra il presidente di ITA Antonino Turicchi e l'amministratore delegato di Lufthansa Carsten Spohr.

https://www.avionews.it/item/1251732-it ... muove.html


New Italian Revenue Stream Opens For Lufthansa Technik
James Pozzi June 05, 2023

Lufthansa has said that its acquisition of a minority stake in Italian flag carrier ITA will present “attractive opportunities” for Lufthansa Technik.

Management added that Lufthansa Technik would be ITA’s preferred vendor for its full portfolio of MRO services.

One reason for this is that ITA did not inherit most of Alitalia’s maintenance business in order to ensure what the European Commission termed “economic discontinuity” between the two airlines and, as a result, not leave ITA liable to repay any of Alitalia’s illegal state aid.

What impact this has on the business of Alitalia Maintenance, which was acquired by Italian MRO provider Atitech in 2022, remains to be seen.

Lufthansa will pay €350 million ($374 million) for a 41% stake in ITA, and has agreed to a mechanism whereby it may acquire the Italian airline in full in the “medium term.”

Certainly, ITA’s all-Airbus fleet of 66 aircraft puts it squarely within Lufthansa Technik’s capability list, while further opportunities for maintenance should accrue as ITA builds toward Lufthansa’s goal of 94 aircraft by 2027.

This should make Lufthansa Technik an even more attractive target for potential investors. This week Reuters reported, citing sources, that bidders for a minority stake in the MRO company had narrowed to private equity firms Advent International and Bain Capital.

The newswire also reported that the partial sale process would enter its second phase in mid-June.

In 2021, a consortium led by Bain Capital Private Equity agreed to pay Rolls-Royce roughly $2 billion for 100% of Spanish engine component manufacturer ITP. Bain also owns Virgin Australia, and is now considering an IPO for the Australian carrier.

Another private firm, Apollo Global Management, is investing up to $1 billion in Air France-KLM via the airline’s aftermarket operations.

Earlier this year the airline group entered exclusive negotiations with Apollo for the latter to invest €500 million into a dedicated operating affiliate of Air France that owns spare components.

This financing would be non-dilutive, structured through a quasi-equity financing instrument, similar to the one raised by Air France on a pool of spare engines in July 2022.

In that transaction, Apollo-managed funds subscribed to €500 million of perpetual bonds issued by an ad hoc operating affiliate of Air France-KLM that owns spare engines.

https://aviationweek.com/mro/services-s ... sa-technik


Ita-Lufthansa alla firma. Ora le carte a Bruxelles per il via libera
di Angela Zoppo

Orario di pubblicazione: 06/06/2023 15:19
Ultimo aggiornamento: 06/06/2023 15:53

Finalizzato il contratto, che in precedenza era bloccato dalla richiesta di fidejussioni per 100 milioni di euro da parte dei tedeschi a garanzie di eventuali cause. Vertice Meloni-Scholz a Roma l’8 giugno

Arriva oggi alla firma, dopo oltre un mese di attesa, il contratto che consegna a Lufthansa il 41% di Ita. La finalizzazione contrattuale non è una formalità: è l’atto che apre l’iter della procedura autorizzativa da parte della Commissione europea. Le carte, infatti, andranno trasmesse subito alla DG Comp, l’Antitrust Ue. Solo dopo il semaforo verde europeo, Lufthansa potrà versare i 325 milioni di aumento di capitale, intestarsi la quota di minoranza di Ita, e nominare amministratore delegato e un membro del board a cinque.

Il documento alla firma del direttore generale del Tesoro, Riccardo Barbieri, precede di due giorni la visita a Roma del cancelliere tedesco Olaf Scholz, che sarà ricevuto dalla presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, alle 12.30 di giovedì 8 giugno a Palazzo Chigi. L’incontro al vertice consacrerà le nozze italo-tedesche. Meloni e Scholz ne avevano parlato già al G7 in Giappone, il 19 maggio scorso.

La maxi-fidejussione
Giova ricordare il perché il contratto non sia stato firmato prima. Fonti vicine al dossier hanno spiegato a MF-Milano Finanza che non era ancora stato raggiunto l’accordo sulle garanzie richieste da Lufthansa per tutelarsi da eventuali cause successive all’acquisto del 41% di Ita, garanzie che avrebbero un controvalore vicino ai 100 milioni di euro. Il 25 maggio, giorno dell’incontro tra il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, e l’amministratore delegato di Lufthansa, Carsten Spohr, l’accordo non era ancora stato raggiunto.


https://www.milanofinanza.it/news/ita-l ... 1557285898


Accordo tra i piloti di Ita e di Lufthansa, stretta cooperazione

05-06-2023 | 18:35

ROMA (awp/ats/ans) - I piloti di Ita Airways e di Lufthansa - gruppo tedesco che controlla anche Swiss - sono accordati per una più stretta cooperazione e per coordinare le loro politiche di contrattazione collettiva in un incontro tra le associazioni professionali che li rappresentano, Anpac (Associazione nazionale professionale aviazione civile) e Vc (Vereinigung Cockpit) che si è svolto a Roma. Lo comunica una nota congiunta di Anpac e Vc.

Il presidente di Vc, Stefan Herth e il presidente dell'Anpac, Riccardo Canestrari, hanno accolto con favore la fusione di Ita e il gruppo Lufthansa sottolineando la necessità di salvaguardare gli interessi dei dipendenti in entrambe le parti. E hanno chiarito che non ci saranno una competizione al ribasso all'interno del gruppo.

"Abbiamo risposto agli ultimi sviluppi nel gruppo Lufthansa stabilendo uno stretto coordinamento e solidarietà italo-tedeschi", dichiara Herth. "La fusione tra Lufthansa e Ita Airways è stata accolta con favore sin dal inizio da Anpac", ha dichiarato Canestrari. "L'incontro di oggi con i nostri colleghi - ha aggiunto - è un tappa importante nel percorso già esistente tra le nostre associazioni a livello internazionale. Esso crea le basi per uno scambio e coordinamento permanente tra i rappresentanti di Ita Airways e Lufthansa".

https://it.marketscreener.com/quotazion ... -44042097/

grandemilano
Messaggi: 2313
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda grandemilano » mar 06 giu 2023, 21:21:25

Praticamente Lazzerini dice che questo piano industriale è il loro, e LH ha deciso di appoggiarlo. E forse non era nelle idee di LH, che forse aveva un piano diverso.
Direi che non ci sono più dubbi sul fatto che alla fine LH si è piegata ai desideri della politica italiana. E questo di solito non è di buon auspicio.
Soprattutto mi chiedo: ma a LH chi gliel'ha fatto a fare?

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 18908
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda malpensante » mar 06 giu 2023, 22:18:48

Perché chi ha il 100% poi fa quello che gli pare.

KL63
Messaggi: 3336
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda KL63 » mar 06 giu 2023, 22:32:35

malpensante ha scritto:Perché chi ha il 100% poi fa quello che gli pare.
Non proprio, avendo sempre lo Stato italiano il potere di regolazione delle infrastrutture aeroportuali.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
maclover
Messaggi: 864
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda maclover » mer 07 giu 2023, 22:29:46

KL63 ha scritto: mar 06 giu 2023, 22:32:35
malpensante ha scritto:Perché chi ha il 100% poi fa quello che gli pare.
Non proprio, avendo sempre lo Stato italiano il potere di regolazione delle infrastrutture aeroportuali.

Questo però credo sia vero per qualsiasi vettore in qualsiasi paese del mondo

Avatar utente
maclover
Messaggi: 864
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda maclover » mer 07 giu 2023, 22:36:47

Nel frattempo

ITA Airways e Turkish Airlines lanciano un nuovo accordo di Codeshare

[…]Grazie a questa partnership di codeshare, i codici di volo di ITA Airways saranno applicati sui voli di Turkish Airlines tra Roma e Istanbul; allo stesso tempo Turkish Airlines collocherà i suoi codici su 9 destinazioni di ITA Airways in Italia partendo da Roma, tra cui Brindisi, Bari, Catania, Firenze, Genova, Palermo, Lamezia Terme, Torino e Trieste.[…]

https://www.ita-airways.com/content/dam ... eshare.pdf

KL63
Messaggi: 3336
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda KL63 » mer 07 giu 2023, 22:52:33

maclover ha scritto:
KL63 ha scritto: mar 06 giu 2023, 22:32:35
malpensante ha scritto:Perché chi ha il 100% poi fa quello che gli pare.
Non proprio, avendo sempre lo Stato italiano il potere di regolazione delle infrastrutture aeroportuali.

Questo però credo sia vero per qualsiasi vettore in qualsiasi paese del mondo
Purtroppo l'Italia non è un paese normale. Se quello che ho letto oggi altrove fosse vero si spiegherebbero tanta cose strane, e tanti cambi repentini di atteggiamento.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
maclover
Messaggi: 864
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda maclover » mer 07 giu 2023, 23:18:36

KL63 ha scritto: mer 07 giu 2023, 22:52:33
maclover ha scritto:
KL63 ha scritto: mar 06 giu 2023, 22:32:35
malpensante ha scritto:Perché chi ha il 100% poi fa quello che gli pare.
Non proprio, avendo sempre lo Stato italiano il potere di regolazione delle infrastrutture aeroportuali.

Questo però credo sia vero per qualsiasi vettore in qualsiasi paese del mondo

Purtroppo l'Italia non è un paese normale. Se quello che ho letto oggi altrove fosse vero si spiegherebbero tanta cose strane, e tanti cambi repentini di atteggiamento

Sono sincero: non ho capito a cosa tu ti stia riferendo

KL63
Messaggi: 3336
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda KL63 » mer 07 giu 2023, 23:32:57

Promesse su di una nuova regolamentazione di Linate che avrebbero convinto LH ad accettare il piano di ITA.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk




Avatar utente
cesare.caldi
Messaggi: 8059
Iscritto il: lun 15 ott 2007, 22:55:42

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda cesare.caldi » mer 07 giu 2023, 23:37:58

KL63 ha scritto: mer 07 giu 2023, 23:32:57 Promesse su di una nuova regolamentazione di Linate che avrebbero convinto LH ad accettare il piano di ITA.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
Speriamo che queste promesse non vengano mantenute e che siano state fatte solo per invogliare LH ad accettare l'offerta e firmare

Avatar utente
belumosi
Messaggi: 4268
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda belumosi » gio 08 giu 2023, 00:18:21

maclover ha scritto: mer 07 giu 2023, 23:18:36Sono sincero: non ho capito a cosa tu ti stia riferendo
Pare che all'ultima riunione segreta dell'AMDM (Associazione mondiale per la distruzione di Malpensa), abbiano deciso che per assestare un colpo definitivo all'odiato scalo brughierese, cercheranno di far aprire a ITA voli LR in quantità dal principale scalo mondiale, ovviamente intendo Linate.

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 18908
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda malpensante » gio 08 giu 2023, 06:26:32

belumosi ha scritto: gio 08 giu 2023, 00:18:21Pare che all'ultima riunione segreta dell'AMDM (Associazione mondiale per la distruzione di Malpensa), abbiano deciso che per assestare un colpo definitivo all'odiato scalo brughierese, cercheranno di far aprire a ITA voli LR in quantità dal principale scalo mondiale, ovviamente intendo Linate.
Domanda: secondo te il giornalista del Sole 24 Ore, che io stesso ho spernacchiato (mea culpa) perché ha scritto dello spostamento del volo per JFK a Linate:

a) è completamente fesso perché non sa del decreto Linate oppure
b) era stato imboccato da qualcuno molto in alto in AZ*, che sta brigando per cambiare il decreto?

*spoiler: il cognome inizia con Laz

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 18908
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda malpensante » gio 08 giu 2023, 06:39:39

N.B. un 321XLR non parte da LIN a MTOW, ma la Compagnie usa un 321 normale, nemmeno LR e un 321XLR non avrebbe bisogno di partire a MTOW.

Avatar utente
maclover
Messaggi: 864
Iscritto il: sab 27 set 2008, 02:31:47

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda maclover » gio 08 giu 2023, 07:42:40

KL63 ha scritto: mer 07 giu 2023, 23:32:57 Promesse su di una nuova regolamentazione di Linate che avrebbero convinto LH ad accettare il piano di ITA.

Ah, me lo ero perso.
Mi giri il link?

cesare.caldi ha scritto: mer 07 giu 2023, 23:37:58
Speriamo che queste promesse non vengano mantenute e che siano state fatte solo per invogliare LH ad accettare l'offerta e firmare
Io invece credo che questa volta LH se lo sia fatto mettere nero su bianco.
Già ai tempi di LHI era stata convinta ad iniziare le operazioni in Italia con la promessa che sarebbe stato “toccato” Linate.

jetblue
Messaggi: 1158
Iscritto il: gio 10 apr 2008, 17:34:22

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda jetblue » gio 08 giu 2023, 07:48:14

La domanda da farsi è a che pro aprire voli LR da LIN verso gli USA quando poi al 100% i vettori USA chiederanno la reciprocità quando ITA nella JV può tranquillamente “lucrare” sul MXP-EWR di UA?
Anzi verso gli USA da MXP potrebbero sfruttare la JV per fare operare da UA nella Summer magari 2 daily su EWR, più daily ORD e IAD e magari 5 Weekly su SFO.

Così ITA avrebbe una ottima copertura diretta da Milano in cost e profit sharing con UA sugli USA a cui aggiungere le opzioni via altri hub LH.

Ale330
Messaggi: 393
Iscritto il: dom 02 ott 2016, 14:00:59

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda Ale330 » gio 08 giu 2023, 07:57:36

jetblue ha scritto: gio 08 giu 2023, 07:48:14 La domanda da farsi è a che pro aprire voli LR da LIN verso gli USA quando poi al 100% i vettori USA chiederanno la reciprocità quando ITA nella JV può tranquillamente “lucrare” sul MXP-EWR di UA?
Anzi verso gli USA da MXP potrebbero sfruttare la JV per fare operare da UA nella Summer magari 2 daily su EWR, più daily ORD e IAD e magari 5 Weekly su SFO.

Così ITA avrebbe una ottima copertura diretta da Milano in cost e profit sharing con UA sugli USA a cui aggiungere le opzioni via altri hub LH.
Ma appunto. È quasi infattibile sia operativamente che per vie burocratiche. Il LR da Linate è un sogno bagnato tanto quanto un Hub Carrier con 300 aeroplani a Malpensa

KL63
Messaggi: 3336
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda KL63 » gio 08 giu 2023, 08:40:00

belumosi ha scritto:
maclover ha scritto: mer 07 giu 2023, 23:18:36Sono sincero: non ho capito a cosa tu ti stia riferendo
Pare che all'ultima riunione segreta dell'AMDM (Associazione mondiale per la distruzione di Malpensa), abbiano deciso che per assestare un colpo definitivo all'odiato scalo brughierese, cercheranno di far aprire a ITA voli LR in quantità dal principale scalo mondiale, ovviamente intendo Linate.
maclover ha scritto:
KL63 ha scritto: mer 07 giu 2023, 23:32:57 Promesse su di una nuova regolamentazione di Linate che avrebbero convinto LH ad accettare il piano di ITA.

Ah, me lo ero perso.
Mi giri il link?

cesare.caldi ha scritto: mer 07 giu 2023, 23:37:58
Speriamo che queste promesse non vengano mantenute e che siano state fatte solo per invogliare LH ad accettare l'offerta e firmare
Io invece credo che questa volta LH se lo sia fatto mettere nero su bianco.
Già ai tempi di LHI era stata convinta ad iniziare le operazioni in Italia con la promessa che sarebbe stato “toccato” Linate.
L'ho letto su di un altro forum d'aviazione non penso di poter postare link.
Per quanto riguarda la reciprocità che sarebbe uno spauracchio la concederanno, poi occorre vedere se gli altri avranno slot per poterla operare. Un plus di poter volare un LIN NYCity magari si di un aeromobile dotato di una configurazione quasi tutta Y+ e J, sarebbe un'attrazione fatale per tutti i milanesi imbruttiti, specie per quelli in ZTL. Il danno fatto sarebbe enorme. Poi occorre vedere se si può obbligare SEA a rivedere il layout del terminal perché così com'è ora non potrebbe accogliere decentemente il milanese imbruttito. Si parte con la grande mela ma poi si potrebbe volare in tanti altri paesi. Specie se ci si dotasse di A321 XLR. Ma soprattutto dato che nessuno potrebbe politicamente mai tornare a situazioni di regolamentazione precedenti sarebbe un danno irreversibile.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk


jetblue
Messaggi: 1158
Iscritto il: gio 10 apr 2008, 17:34:22

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda jetblue » gio 08 giu 2023, 09:27:19

KL63 ha scritto: gio 08 giu 2023, 08:40:00
Per quanto riguarda la reciprocità che sarebbe uno spauracchio la concederanno, poi occorre vedere se gli altri avranno slot per poterla operare.
Pensa che su AMS Jetblue per due stagioni IATA ha richiesto slots senza ottenerli, poi è intervenuto il DoT Americano sull'omologo Olandese e miracolosamente 2 coppie sono subito comparse....

Avatar utente
belumosi
Messaggi: 4268
Iscritto il: mer 24 giu 2009, 01:11:11

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda belumosi » gio 08 giu 2023, 09:28:15

malpensante ha scritto: gio 08 giu 2023, 06:39:39 N.B. un 321XLR non parte da LIN a MTOW, ma la Compagnie usa un 321 normale, nemmeno LR e un 321XLR non avrebbe bisogno di partire a MTOW.
Oltre a quanto scritto da Jetblue, aggiungo che il 321XLR al peso massimo di 101t, in un aeroporto al livello del mare, a 29°C, richiede 3 km di pista. Per ridurre la lunghezza della pista intorno ai 2.5 km, è necessario abbassare il peso a circa 95t. Se abbiamo 38°C invece di 29, il peso cala di qualche altra tonnellata, idem in caso di pista contaminata.
Ci sarebbe poi da discutere sull'opportunità di decollare sistematicamente 50m prima della fine della pista. Non mi sembra una prassi molto tranquillizzante.
Il problema è che Airbus ha voluto mantenere sul 321 la sua aletta stretta per rimanere entro i 36m della cat.C, ma questo ha comportato prestazioni in decollo modeste e ancora peggiori sulle versioni con MTOW aumentato. Probabilmente un'ala nuova da 50m farebbe miracoli, ed in Airbus ci stanno pensando insieme ad una versione ulteriormente allungata dell'aereo (A322).
Per quanto riguarda il 321 de La Compagnie, è abbastanza ovvio che la configurazione di posti così poco densa e l'assenza di cargo, sia stata determinante per guadagnare autonomia rispetto a quella nominale dichiarata (6.500 km).
Se l'idea di ITA fosse quella di un volo full J, forse le dimensioni di LIN sarebbero sufficienti, ma oltre a NY non vedo proprio dove potrebbero volare. E dovrebbe comunque sopportare i costi di una sub-flotta dedicata.
Senza dimenticare che la mezzora risparmiata nel non andare a MXP, la si perde in volo a causa della minor velocità rispetto ai vari WB.
Comunque la si voglia girare, impostare un operativo LR da LIN con dei 321 è un'impresa borderline, dove i problemi superano senza paragone i possibili vantaggi.
Se l'ossessione di volare LR da LIN fosse assoluta, allora sarebbe necessario abolire anche il limite dei NB. Un 350 da LIN può tranquillamente volare a NY pieno di pax e probabilmente anche con un po' di cargo. Ma a quel punto si aprirebbe un vaso di pandora e tutte le grandi compagnie extra UE farebbero carte false per volare all'Idroscalo, replicando la concorrenza iniziale di MXP in un aeroporto assolutamente inadatto. E alla fine dubito che ITA ne avrebbe reali vantaggi.

https://www.airbus.com/sites/g/files/jl ... 1_0523.pdf

Sezione 3-3-2 pag. 4

gabbozzo
Messaggi: 727
Iscritto il: mer 10 ott 2018, 19:12:34

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda gabbozzo » gio 08 giu 2023, 09:29:12

jetblue ha scritto: gio 08 giu 2023, 07:48:14 La domanda da farsi è a che pro aprire voli LR da LIN verso gli USA quando poi al 100% i vettori USA chiederanno la reciprocità quando ITA nella JV può tranquillamente “lucrare” sul MXP-EWR di UA?
Anzi verso gli USA da MXP potrebbero sfruttare la JV per fare operare da UA nella Summer magari 2 daily su EWR, più daily ORD e IAD e magari 5 Weekly su SFO.

Così ITA avrebbe una ottima copertura diretta da Milano in cost e profit sharing con UA sugli USA a cui aggiungere le opzioni via altri hub LH.
Credo anche io così!
Ponevo la stessa questione in altro topic sui voli verso l'Asia che hanno tanta domanda a Milano. Che JV ci sono lato est? E' replicabile un discorso simile?

Nonostante una ipotetica buona volontà di aggiungere voli di lungo da Milano resta comunque il problema della sostenibilità di questi voli aggiuntivi a MXP dove non c'è possibilità di prosecuzione.

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 18908
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda malpensante » gio 08 giu 2023, 09:33:54

jetblue ha scritto:La domanda da farsi è a che pro aprire voli LR da LIN verso gli USA quando poi al 100% i vettori USA chiederanno la reciprocità quando ITA nella JV può tranquillamente “lucrare” sul MXP-EWR di UA?
Perché la bella idea non è di Lufthansa.

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 18908
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Il piano Lufthansa per ITA

Messaggio da leggereda malpensante » gio 08 giu 2023, 09:37:33

belumosi ha scritto:Per quanto riguarda il 321 de La Compagnie, è abbastanza ovvio che la configurazione di posti così poco densa e l'assenza di cargo, sia stata determinante per guadagnare autonomia rispetto a quella nominale dichiarata (6.500 km).
La Compagnie porta anche cargo, mi dicono.


Torna a “COMPAGNIE ITALIANE”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Ahrefs [Bot] e 4 ospiti