Arriva il Decreto Linate

le news dal "Città di Milano"
Fabri88
Messaggi: 2263
Iscritto il: ven 23 apr 2010, 00:21:06
Località: Büsti Grandi (Busto Arsizio)

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda Fabri88 » gio 18 set 2014, 14:28:05

canadian#affairs ha scritto:se rimane 18 tanto meglio!

però Lupi deve spiegare come fa a parlare di "aumento di frequenze" senza un aumento di movimenti (ammesso che il decreto rimane effettivamente a 18mov)

Più corretto dire aumento delle destinazioni possibili non delle frequenze
Logico: il BB per quanto può essere aggirato ha comunque dei limiti.

Praticamente si va verso un LIN abilitato, nel limite dei 18 movimenti orari, ad illimitati voli di chiunque compagnia verso qualsiasi destinazione in Unione Europea.

skyrobbie
Messaggi: 2414
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 19:55:01
Località: Milano-Lugano

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda skyrobbie » gio 18 set 2014, 14:50:46

mi pare tutto una gran porcheria...... :incazzato:
in tutto il mondo si costruiscono e progettano aeroporti nuovi per far fronte alla prospettiva di un aumento costante del traffico aereo e in Italia invece si vuole intasare un aeroportino con molti limiti evidenti e palesi (piste, aerostazione, ecc.) quando c'è a disposizione una struttura sottoutilizzata, per la quale sono stati investiti milioni di eur (e se ne spenderanno ancora vedasi collegamento ferroviario tra T1 e T2) ma è lecito chiedersi per chi?... complimenti ancora una volta al sistema Italia che non si smentisce mai!!! :tilegno: :tilegno: :tilegno:

Fabri88
Messaggi: 2263
Iscritto il: ven 23 apr 2010, 00:21:06
Località: Büsti Grandi (Busto Arsizio)

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda Fabri88 » gio 18 set 2014, 15:37:57

Per chi? Semplice, per gli interessi politici. Che in Italia spesso e volentieri non combaciano con quelli economici.

Lupi passerà come quello che avrà salvato Alitalia (facendo quindi contenti i Romani) e liberalizzato Linate (facendo quindi contenti i Milanesi).

È da mo che vado dicendo che gli interessi di Roma e Milano sono spesso in antitesi con gli interessi del sistema paese. Roma e Milano non sono due grandi città, sono due città grandi.

Avatar utente
cesare.caldi
Messaggi: 6083
Iscritto il: lun 15 ott 2007, 22:55:42

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda cesare.caldi » gio 18 set 2014, 16:07:36

Lupi mente sapendo di mentire, il regolamento europeo in vigore non permette una liberalizzazione temporanea di Linate, una volta aperto non si torna piu' indietro. Quindi o non è a conoscenza di questa norma oppure ci prova a prendere in giro tutti, poi a Expo finito dirà che sono quei cattivoni dell' Europa che non ci fanno piu' tornare indietro...

L'ipotesi di liberalizzazione delle destinazioni UE a parità di movimenti, favorirebbe praticamente solo Alitalia che ha il 70% degli slot a LIN e li potrebbe giostrare come meglio crede, ma gli altri vettori europei credo farebbero subito ricorso. E per accontentali si finirebbe probabilmente a essere costretti ad aumentare i movimenti orari facendo entrare anche low cost come Ryanair e Vueling. Arriveremo nel giro di poco tempo a un Linate con oltre 10-11 milioni di pax che scoppia con code, ritardi, disservizi, terminal totalmente saturo. E al contrario avremo una MXP dove si è speso molto per il nuovo satellite C e il rifacimento del terminal per l'expo che arriverebbe forse a 15 milioni di pax (di cui oltre 6 di Easyjet dal T2), che per la struttura attuale vuol dire largamente sotto utilizzato.

spanna
Messaggi: 3345
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda spanna » gio 18 set 2014, 16:18:16

Continuo a leggere di conti fatti in assenza dell'oste. Il vino potrebbe costare mooolto caro ad alitalia. Perlomeno lo spero.
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...One...

skyrobbie
Messaggi: 2414
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 19:55:01
Località: Milano-Lugano

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda skyrobbie » gio 18 set 2014, 16:28:29

Fabri88 ha scritto:Per chi? Semplice, per gli interessi politici. Che in Italia spesso e volentieri non combaciano con quelli economici.

Lupi passerà come quello che avrà salvato Alitalia (facendo quindi contenti i Romani) e liberalizzato Linate (facendo quindi contenti i Milanesi).

Lupi è solo un Pinocchio della stessa razza di quei "geni" come Albertini e compagnia bella.... :incazzato:

Spero solo che al Linatino arrivino presto U2, FR, Vueling, ecc. in maniera da incasinare ulteriormente la situazione e rendere lo scalo saturo a livelli tali da renderlo ingestibile.... :contento

robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda robix » gio 18 set 2014, 16:58:26

Un LIN saturo oltre la sopportazione, con anche le low-cost, sarebbe "divertente" non solo perchè rovinerebbe i piani di AZ ma anche per quei milanesi tanto amanti di LIN che si troverebbero a dover affrontare disagi di ogni genere, compresa la scarsità dei tanto amati taxis, che per taluni milanesi pare siano l'unico mezzo di trasporto "pubblico" esistente.

skyrobbie
Messaggi: 2414
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 19:55:01
Località: Milano-Lugano

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda skyrobbie » gio 18 set 2014, 17:07:21

robix ha scritto:Un LIN saturo oltre la sopportazione, con anche le low-cost, sarebbe "divertente" non solo perchè rovinerebbe i piani di AZ ma anche per quei milanesi tanto amanti di LIN che si troverebbero a dover affrontare disagi di ogni genere, compresa la scarsità dei tanto amati taxis, che per taluni milanesi pare siano l'unico mezzo di trasporto "pubblico" esistente.
FR è arrivata anche a Fco, quindi perchè no su LIN! La concorrenza delle LC che già azzoppa le compagnie tradizionali sul corto/medio raggio, sarebbe una mazzata per AZ che si trova già a dover ridurre i voli lin-Fco non piu' remunerativi come un tempo e nello stesso tempo deve occupare gli slot con tratte europee (anche perchè di alternative non ce ne sono) ripetendo esperimenti già falliti nel passato recente ....

Avatar utente
malpensante
Messaggi: 14083
Iscritto il: mar 20 nov 2007, 18:05:14
Località: Milano

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda malpensante » gio 18 set 2014, 17:07:49

KL63 ha scritto:@Malpensante... che dice Tosi?
http://www.larena.it/stories/Home/86923 ... alle_case/

Avatar utente
cesare.caldi
Messaggi: 6083
Iscritto il: lun 15 ott 2007, 22:55:42

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda cesare.caldi » gio 18 set 2014, 17:50:16

FR è arrivata anche a Fco, quindi perchè no su LIN! La concorrenza delle LC che già azzoppa le compagnie tradizionali sul corto/medio raggio, sarebbe una mazzata per AZ che si trova già a dover ridurre i voli lin-Fco non piu' remunerativi come un tempo e nello stesso tempo deve occupare gli slot con tratte europee (anche perchè di alternative non ce ne sono) ripetendo esperimenti già falliti nel passato recente ....
Vi immaginate se arrivasse Ryanair sulla LIN-FCO? in concorrenza con Easyjet? e col treno? Alitalia che già vuole ridurre la rotta, la chiude subito seduta stante.

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26721
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda I-Alex » gio 18 set 2014, 18:08:48

Voler pompare linate anche solo per i 6 mesi di Expo è pura follia oltre che indice di demenza visto che abbiamo Malpensa T1 che non arriva al 40% di saturazione...

Ma vi ricordate un anno fa quando dicevano che Malpensa sarà l'aeroporto di Expo 2015?
Bugiardi e ridicoli
Malpensa airport user

Avatar utente
cesare.caldi
Messaggi: 6083
Iscritto il: lun 15 ott 2007, 22:55:42

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda cesare.caldi » gio 18 set 2014, 18:12:58

I-Alex ha scritto:Voler pompare linate anche solo per i 6 mesi di Expo è pura follia oltre che indice di demenza visto che abbiamo Malpensa T1 che non arriva al 40% di saturazione...
Il discorso dei soli 6 mesi dell' expo è impossibile il regolamento europeo una volta liberalizzato non permette che si ritorni indietro, ogni modifica fatta è da intendersi definitiva. Il bersani bis stesso esiste perchè era già in vigore prima dell'approvazione dell'regolamento europeo che impedisce qualsiasi distinzione o limitazione delle destinazioni servite all' interno della UE.

grandemilano
Messaggi: 1491
Iscritto il: mar 08 mar 2011, 20:11:31

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda grandemilano » gio 18 set 2014, 18:52:08

KL63 ha scritto:Non ci resta che l'IRESA!
IRESA ma non solo. Adesso Regione, comune, SEA, e tutti i lavoratori di SEA dovrebbero unirsi tutti insieme per trovare soluzioni che rechino il maggior danno possibile ad Alitalia. Non solo con l'IRESA.
Ad esempio, penso al tempo per i controlli in aeroporto. SEA e i lavoratori dovrebbero rallentare il più possibile i controlli causando pesanti ritardi e cancellazioni ai voli alitalia. E altre iniziative di questo genere che rechino il maggior danno possibile ad alitalia.
Poi voglio vedere come faranno a "riconquistare il mercato del nord Italia" :contento :contento :contento

Avatar utente
I-Alex
Moderatore
Messaggi: 26721
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 01:13:01
Località: near Malpensa

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda I-Alex » gio 18 set 2014, 19:07:08

Brugnoli: “Non scavate la terra sotto i piedi di Malpensa”
Il presidente dell'Unione degli Industriali della Provincia di Varese commenta la decisione del ministro Lupi di liberalizzare le rotte di Linate per il periodo di Expo. «Molti degli attuali guai dell’aeroporto di Malpensa provengono dalle deroghe concesse in passato
»

|

Giovanni Brugnoli presidente dell'Unione degli industriali della provincia di Varese, commenta la decisione del ministro Maurizio Lupi di liberalizzare le rotte di Linate per il periodo di Expo.

____________

«Il primo commento che viene da fare alla proposta del ministro Maurizio Lupi di liberalizzare le rotte di Linate durante il periodo di Expo è: speriamo. Speriamo che l’iniziativa sia veramente a tempo e non venga invece utilizzata come ulteriore grimaldello per scavare la terra sotto i piedi di Malpensa. Lo diciamo più per esperienza che per sfiducia nei confronti delle intenzioni del decreto che sta per essere varato. Sappiamo, infatti, benissimo che molti degli attuali guai dell’aeroporto di Malpensa provengono dalle deroghe concesse in passato a Linate e, più in generale, dalla mancanza del tanto invocato piano degli aeroporti italiani. Un’assenza che ha permesso ai limiti di non essere mai stati veramente tali e alle eccezioni di diventare, col passare degli anni, delle regole. Ciò non deve più accadere. Anche perché il risultato sarebbe solo quello di fare gli interessi di altri hub del continente che di questa mossa si avvantaggerebbero ai danni di Malpensa. Cosa già di per sé inspiegabile per i mesi dell’Expo e quanto più inaccettabile se avvenisse con una manovra a tempo nelle dichiarazioni, ma potenzialmente senza limiti nelle intenzioni. Soprattutto in quelle di una compagnia (non più di bandiera) che potrebbe vedere in questo arco temporale un’incudine per fare i propri interessi ad aeternum. In barba a qualsiasi politica di programmazione del trasporto aereo nazionale. Programmazione che non può essere decisa da una, pur importante, singola società».
«È ora di smetterla di pensare che Malpensa sia un problema di Varese, o al più, di Milano. Parliamo di un’infrastruttura in cui il Paese ha investito, senza programmarne uno sviluppo. Il rischio sempre più concreto è che si arrivi ad uno spreco di risorse pubbliche di tutti (quelle messe in campo fino ad oggi), scaricando gli effetti negativi della mancata crescita su un territorio preciso, questo sì, varesino e, in parte, milanese. Danneggiare, più o meno volutamente, Malpensa vuol dire danneggiare il Paese, passando dall’affossamento dell’intero indotto di un’economia locale».
«Facciamo bene i conti, dunque, e guardiamo al futuro delle scelte che vengono fatte oggi. Ma anche al presente. La liberalizzazione degli slot allo studio del governo, infatti, come dichiarato, riguarderà solo i voli europei. È un messaggio fin troppo chiaro ai viaggiatori di altri continenti che per arrivare a Milano dovranno fare scalo in qualche altro hub tedesco, francese o inglese, per poi atterrare a Linate, magari perfino come tappa fugace di giornata, senza benefici per i sistemi di accoglienza e il loro indotto.
E Malpensa? E l’aeroporto lombardo dalla vocazione intercontinentale? Perché alla proposta di liberalizzare gli slot per Linate, nessuno affianca quella di liberalizzare le rotte intercontinentali per Malpensa? Perché non sfruttare proprio l’Expo per fare dell’aeroporto della brughiera quello per cui è nato: la porta di Milano, della Lombardia e di tutto il Nord Italia sul mondo? È questa un’occasione più unica che rara. Un’occasione che non può essere sprecata. Che nessun altro Paese sprecherebbe, tanto più se dalla mancanza di decisioni si avvantaggiassero infrastrutture aeroportuali straniere. Bisogna agire adesso, non con annunci di rassicurazione sul futuro di Malpensa. Il futuro di questo aeroporto è ora, è Expo».
«Diventa inutile parlare di collegamenti, anche ferroviari, se non riempiamo aerei e piste di atterraggio e decollo. I treni, sia quelli locali che portano a Milano, sia quelli ad alta velocità per collegare Malpensa al resto d’Italia, sia quelli per il collegamento tra T1 e T2 rimarranno vuoti se non pensiamo a iniziative per portare a Malpensa la gente, o meglio per permettere a Malpensa di accogliere un degno flusso di passeggeri, nel pieno delle proprie potenzialità oggi altamente inespresse. Iniziative come quelle che si stanno pensando per Linate vanno bene, ma devono essere messe in campo, adesso, anche per Malpensa. Perché Linate sta all’Europa, come Malpensa sta al resto del mondo. Per questo è nata Malpensa 2000, per cos’altro? Pensiamo veramente di farci sfuggire l’occasione dell’evento mondiale per eccellenza? Se non si vuole agire subito, il dubbio è che non si agirà nemmeno nei prossimi anni».
«In barba, tra l’altro, a qualsiasi politica di recupero occupazionale. Il lavoro si crea con una capacità di decisione politica. Anche in questo caso non bisogna procrastinare con appelli ciò che si può fare oggi. Liberalizzare le rotte intercontinentali per Malpensa in occasione di Expo potrebbe portare nuovo lavoro e difendere anche quello che c’è già. Perché è bene che si sappia: Malpensa deve tornare a crescere non solo per creare nuovi posti di lavoro su un territorio stremato dalla crisi, ma anche per tutelare gli attuali livelli occupazionali che rischierebbero di diminuire ulteriormente se non si trovano immediate alternative alla situazione attuale e se non si interviene per il rilancio. Non domani. Adesso».

Da http://www3.varesenews.it/gallarate_mal ... 96261.html
Malpensa airport user

KL63
Messaggi: 2807
Iscritto il: lun 12 mag 2008, 22:52:29
Località: Milano

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda KL63 » gio 18 set 2014, 19:48:20

malpensante ha scritto:
KL63 ha scritto:@Malpensante... che dice Tosi?
http://www.larena.it/stories/Home/86923 ... alle_case/
bella, :green: però non basta, la lista è lunga!

RAV38
Messaggi: 940
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda RAV38 » gio 18 set 2014, 20:55:04

Bene l'outing di Brugnoli, ma non basta. Da un lato dovrebbe agire decisamente su Maroni (minaccia di una IRESA), dall'altro dovrebbe cercare di allargare la massa di pressione sul Governo, ad esempio inducendo l'associazione degli industriali di Novara( ma anche di Biella) ad unirsi in una forte azione a difesa di Malpensa. Parlo delle forze economiche e imprenditoriali maggiormente interessate al problema per ragioni geografiche.

MUSICA
Messaggi: 4032
Iscritto il: mar 24 nov 2009, 14:34:11

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda MUSICA » gio 18 set 2014, 23:12:19

ma possibile che nemmeno in SEA qualche "intelligentone" abbia fatto notare che in volo retto (linea d'aria per semplificare), Rho è a 18-19 kms da
Mxp, Linate simile, km più, km meno. Ma col dettaglio della città in mezzo :fischio:

Magari il nuovo superdirettore commerciale di SEA? Ormai invece di dover dire Buongiorno SEA Aeroporti di Milano dovremmo dire:
'nngiorno, SEEA aeroborti de MMMilanoo, aho".

No, scusate, non è offensivo ma realtà. Colonizzazione vergognosa di incapaci che guardano solo al loro stipendio. Nella più classica tradizione culturale che del Sud, ora imposta anche qui. Non facciamo i fessi: un tempo non era così. Ceto, difetti, ma un conto è uno su 10. Oggi siamo
a proporzioni invertite.
Tutto sempre, solo a favore di Alitalia o da Roma in giù. E i politici milanesi bevono. Se poi qualcuno azzarda che non è giusto viene tacciato di provincialismo, razzismo, discriminazione....sveglia !!!! Ti sparano, ti rubano e ti dicono di stare zitto se reclami ! Usciamo da questa sudditanza psicologica, culturale, demenziale che ci fa sempre accettare, subire, umiliare.
Non mi si dica che sia ancora colpa dell' ineffabile Berlusconi. Ormai abbiamo la prova che non fosse l'unico f.... I successori sono peggio.

Tutti acquattati al proprio orticello ed interesse. In modo palesemente vergognoso paludoso, intrinsecamente offensivo ed arrogante.

Tirate fuori gli attributi. Reclamate voi che dovreste tutelare Miano, Malpensa e...Noi.

MUSICA
Messaggi: 4032
Iscritto il: mar 24 nov 2009, 14:34:11

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda MUSICA » gio 18 set 2014, 23:25:59

Qualcuno abbia il coraggio di dire che un'ulteriore liberazione di Linate non serve a Milano.

Altro che migliore accessibilità: come dire che per allargare la mia famiglia presto la moglie ad un altro per fare figli...scusate l'esempio forte ma forse serve per attirare l'attenzione dato che ormai si è detto di tutto e ci si è abituati a tutto, relativizzando tutto. Senza avere più la capacità di dire bianco, nero, giusto, sbagliato. Senza troppi fumi. Ideologia e comodo ovunque condizionano cultura ed economia. Non è il contrario.

Probabilmente al CEO canguro le due dame con cui gira per la capitale hanno molta influenza anche emotiva nelle scelte. Tutto fa. Alla fine anche i vecchi "sistemi" servono sempre e comunque a contribuire al condizionamento decisionale...per quanto uno sia freddo, pragmatico
e anglo, alla fine qualcosa certi "argomenti" fanno.

Parlavo di cioccolatini (marca Godiva magari, cioè le dame) e pizze e mozzarella. Per chi avesse pensato male. Il buon cibo insomma... :ciao:

Avatar utente
mxp98
Moderatore
Messaggi: 7012
Iscritto il: sab 06 ott 2007, 14:23:03

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda mxp98 » gio 18 set 2014, 23:41:13

RAV38 ha scritto:Bene l'outing di Brugnoli, ma non basta. Da un lato dovrebbe agire decisamente su Maroni (minaccia di una IRESA), dall'altro dovrebbe cercare di allargare la massa di pressione sul Governo, ad esempio inducendo l'associazione degli industriali di Novara( ma anche di Biella) ad unirsi in una forte azione a difesa di Malpensa. Parlo delle forze economiche e imprenditoriali maggiormente interessate al problema per ragioni geografiche.
Una volta si tentò di fare sistema tra le Camere di Commercio di Milano, Varese, Como, Novara e Verbania, poi come al solito tutto si perse nel nulla.
Marco
Linate è comodo però Malpensa è utile
The engine is the heart of an airplane but the pilot is its soul.

spanna
Messaggi: 3345
Iscritto il: lun 07 set 2009, 17:18:41

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda spanna » ven 19 set 2014, 08:53:01

intanto la baccaro sul corriere riferisce che le compagnie straniere hanno scritto ad enac per protestare di non essere state coinvolte nel processo di formazione del nuovo decreto su linate come prevedono i regolamenti europei.
E' cominciata la battaglia di linate.
Countdown verso la dissoluzione della grande meretrice aerea: conteggio iniziato!
Ten... Nine... Eight... Seven...Six...Five...Four...Three...Two...One...

easyMXP
Messaggi: 4651
Iscritto il: mer 20 ago 2008, 16:00:52

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda easyMXP » ven 19 set 2014, 09:09:36

Ovvio...
stanno facendo un decreto scrivendo su tutti i giornali che lo chiede EY, che serve a AZ, che senza quello AZ non sa dove far volare gli aerei senza perdere soldi.
Il decreto lo stanno discutendo con AZ e EY, gli incontri sono solo tra SEA, Governo e AZ/EY.
Come pensino poi di dimostrare in sede UE che non si tratta di aiuto di stato, con abuso di posizione dominante e distorsione della concorrenza, non si sa.
Ma il ministro con le labbra siliconate probabilmente è talmente autoconvinto delle sue palle che non si pone nemmeno il problema.

robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda robix » ven 19 set 2014, 09:12:52

spanna ha scritto:intanto la baccaro sul corriere riferisce che le compagnie straniere hanno scritto ad enac per protestare di non essere state coinvolte nel processo di formazione del nuovo decreto su linate come prevedono i regolamenti europei.
E' cominciata la battaglia di linate.
Bene ! Ai milanesi potranno far bere quello che vogliono (magari persino che liberalizzare LIN aiuta a sviluppare MXP ...) ma con le compagnie europee devono stare attenti, perchè a Bruxelles mica stanno a sentire le ragioni di AZ: gli interessi che contano in Europa sono ben altri.

RAV38
Messaggi: 940
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 18:08:42

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda RAV38 » ven 19 set 2014, 12:27:11

Riassumiamo: pochi giorni fa Pisapia e Maroni hanno consegnato a Lupi una lettera (resa subito pubblica) firmata congiuntamente nella quale hanno dichiarato che Linate è saturo e che occorre, anche in vista di EXPO, potenziare Malpensa e non indebolirla. Modiano, da parte sua, ha espresso concetti identici dicendosi peraltro ancora preoccupato per le intenzioni del Governo di aprire ulteriormente Linate. Dopo di chè lo stesso Modiano si è recato a Palazzo Lombardia per un lungo colloquio con Maroni (il cui contenuto non è stato reso pubblico).
Sembrerebbe dunque che (a parole) vi sia un fronte comune SEA-Regione-Comune, contrario a una modifica del BB su Linate (in senso espansivo) che
inciderebbe negativamente sulle prospettive di Malpensa.
Tutto bene dunque dal lato Milano? Purtroppo non mi risulta che, al di la delle parole, vi sia un piano di reazione efficace per contrastare gli effetti del famigerato decreto, come sembra delinearsi dalle stesse parole di Lupi. Non basta lamentarsi e poi, a cose fatte, alzare le braccia e acconciarsi al fatto compiuto. Ci sono, come è stato già detto più volte in questo forum, due vie potenzialmente di sicura efficacia: uno è un possibile ricorso motivato a Bruxelles da parte delle Istituzioni milanesi e lombarde e l'altra (di competenza della Regione) una bella IRESA astutamente modulata. Circa quest'ultima, si obietta che politicamente (e quindi elettoralmente) sarebbe sgradita ai milanesi. Non credo. A Roma per Fiumicino la tassa regionale ha suscitato le proteste del vettori aerei, non della popolazione che, fra l'altro, ne ignora in grandissima pate l'esistenza. Ma la tassa permane. Ricordiamo, fra l'altro, che i diritti aeroportuali di FCO sono assai più alti di quelli di LIN e MXP.

robix
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 12:30:35

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda robix » ven 19 set 2014, 13:01:21

Il Comune di Milano non andrà mai contro il governo: un conto è firmare una lettera insieme alla Regione, un altro ostacolare il decreto Linate voluto da un governo di identico (o quasi) colore politico. L'unica speranza è la Regione, ma purtroppo credo che magari farà la voce grossa ma alla fine non farà nulla di concreto (anche perchè non è che i partiti che sono in maggioranza in Regione siano tutti pro MXP ...).
Basterà che AZ/EY aprano un paio di voli da MXP in occasione di Expo (si è già detto PVG ed una nuova frequenza per AUH) ed ecco che anche la Regione potrà dire che il decreto Linate non ostacola la crescita di MXP (magari con il tempo le altre compagnie chiudono o riducono alcuni voli su MXP, e dopo Expo la stessa AZ chiude PVG, ma l'importante nell'immediato è l'effetto annuncio: chi se ne frega di cosa succede tra mesi, quando oramai il decreto Linate sarà scolpito nella pietra ?)
SEA ovviamente segue i soggetti politici, per cui vale il discorso di cui sopra.
L'unica vera speranza è che un eventuale decreto porcata si trasformi in un boomerang per AZ (e che quindi EY cambi strategia, AZ di suo non la cambierà mai, altrimenti l'avrebbe già cambiata prima d'oggi).

skyrobbie
Messaggi: 2414
Iscritto il: sab 13 ott 2007, 19:55:01
Località: Milano-Lugano

Re: Arriva il Decreto Linate

Messaggio da leggereda skyrobbie » ven 19 set 2014, 13:51:03

se questo decreto avesse lo scopo di alimentare l'hub di fco avrebbe una sua logica, ma dato che è evidente che non è cosi' perchè prevede tagli dei voli sulla Lin-Roma per aprire tratte come Dusseldorf, Bilbao (???), ecc. ecc. la manovra nel complesso è veramente contorta ... Pare che alcune majors europee abbiano già caricato i fucili in tal senso e sono pronte a dare battaglia in sede comunitaria se il decreto dovesse concretizzarsi, in quanto AZ è l'unico vettore ad avere slot liberi da riallocare, mentre le altre compagnie a Lin sono già" a posto" e non hanno margini di manovra per aumentare frequenze e/o destinazioni (vedasi anche articolo CDS di oggi)....in questo caso se ne vedranno delle belle..... :lol:


Torna a “NOVITA'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 60 ospiti